Home
L’esperienza di “Impresa in Azione”presentata nell’ambito di "Fiera Didacta Italia”

Da destra: Livia Di Nardo di Junior Achievement Italia e Patrizia Costia della Fondazione ISI di Pisa

Nell'ambito di "Fiera Didacta Italia", manifestazione dedicata al mondo della scuola: dalle aziende che presenteranno i prodotti più all'avanguardia, ai  numerosi workshop, seminari tematici, momenti di confronto dentro e fuori la Fiera, la Regione Toscana ha organizzato il 27 settembre nel proprio spazio il seminario "L'alternanza Scuola Lavoro per essere imprenditore del tuo futuro". Si parlerà di tirocini formativi, di educazione all'imprenditorialità, e di apprendistato, temi che trovano sempre maggiore diffusione nelle scuole del nostro Paese  ed in Toscana in particolare. Proprio nella nostra regione, da molti anni, il Sistema delle Camere di Commercio è attivo in materia di Alternanza Scuola-Lavoro con il Programma "Impresa in Azione", che si inserisce come "buona pratica", riconosciuta dal MIUR, nel contesto più ampio delle metodologie attuative dell'Alternanza Scuola-Lavoro,  utilizzando il modello della "mini-impresa",  secondo il format di  Junior Achievement Italia, che applica le logiche esperenziali di "learning by doing."

 

Nel corso del seminario, il Sistema Camerale ha presentato l'esperienza acquisita con il Programma "Impresa in Azione", che, avviato molti anni fa dalla Camera di Commercio di Pisa, si è successivamente allargato, divenendo progetto regionale. E' intervenuta la Dott.ssa Patrizia Costia, di ISI, Fondazione della CCIAA di Pisa, capofila del progetto regionale, che ha portato la sua preziosa testimonianza sul significato di questa metodologia e della esperienza degli studenti e dei tutor scolastici che hanno partecipato al progetto. In particolare ha illustrato l'ultima edizione di "Impresa in Azione", conclusa nel maggio scorso e che ha visti coinvolti 31 Istituti scolastici, 76 gruppi classe in 7 province e l'adesione delle Camere di Commercio di Firenze, della Maremma e del Tirreno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia e Siena, edizione supportata dall'Ufficio Scolastico Regionale Toscana, da Junior Achievement Italia, da Unioncamere Toscana, con il prezioso sostegno di  Rotary International Distretto 2071 e con il patrocinio della Regione Toscana.

 

La Camera di Commercio di Firenze era presente a "Didacta Italia" con un proprio spazio seminariale all'interno del quale sono state presentate le numerose attività e progetti realizzati nell'ambito dell'Alternanza Scuola-Lavoro ed educazione all'imprenditorialità.

 

"Oggi più che mai il Paese guarda al futuro e noi abbiamo il dovere di preparare quel futuro per i nostri ragazzi - ha dichiarato Andrea Sereni, Presidente di Unioncamere Toscana - E' per questo che l'imprenditorialità diventa, ogni giorno di più, è una delle competenze chiave che la scuola ha bisogno di sviluppare e la collaborazione concreta tra mondo delle imprese e scuola porterà senz'altro ad un grande mutamento, consentendo nuove opportunità ma solo nella logica in cui ciò si tradurrà in partenariati di qualità e concretezza degli strumenti e delle modalità attuative. Progetti come Impresa in Azione infatti, dimostrano nella realtà che l'Alternanza è scuola a tutti gli effetti, favorendo una maggiore consapevolezza nei giovani circa le loro scelte future fornendo le competenze, anche trasversali,  necessarie per affrontare il mondo del lavoro".

 

"La Camera di Commercio di Pisa - ha commentato il Presidente Valter Tamburini - in questi anni ha operato convintamente per favorire l'incontro tra la scuola e il territorio e per valorizzare l'eccellenza del capitale umano focalizzandosi sui giovani e sulla loro formazione. Spesso infatti non vi è perfetta sintonia tra le esigenze dell'impresa e i programmi formativi e dunque mettere a contatto questi ambiti può agevolare sintesi virtuose che arricchiscono il territorio".

 

"Impresa in azione - osserva il Presidente della Camera di Commercio della Maremma e Tirreno Riccardo Breda - utilizza una formula efficace: i ragazzi ricevono una formazione specifica su come avviare un'impresa, poi sviluppano la loro creatività inventando un nuovo prodotto o servizio e infine apprendono nozioni di marketing per lanciarlo sul mercato: è un modo intelligente per orientare i giovani verso le scelte future. A Livorno e provincia Impresa in azione ha riscosso un particolare interesse e anche nell'ultima edizione i nostri gruppi di studenti-imprenditori hanno ottenuto un lusinghiero successo, con idee e prodotti davvero interessanti. E' un segnale importante che ci sono risorse giovani e creative in grado di dare un futuro alla nostra economia locale".

 

 "Per Junior Achievement individuare partenariati di qualità con Istituzioni che hanno in comune con noi l'obiettivo di sviluppare e accrescere le competenze dei giovani è essenziale. - ha dichiarato Eliana Baruffi, Presidente di Junior Achievement Italia. - In Toscana, grazie alla partnership con ISI Fondazione di partecipazione per l'Innovazione e lo Sviluppo Imprenditoriale, l'Ufficio Scolastico Regionale e Unioncamere Toscana siamo presenti capillarmente su tutto il territorio con le nostre iniziative didattiche ormai da 9 anni. Ci auspichiamo che anche il mondo privato possa essere protagonista dell'Alternanza Scuola-Lavoro aderendo al progetto di JA Italia, entrando a diretto contatto con il mondo della scuola per trasmettere i valori del business e dell'intraprendenza". 

 

Leggi intera Newsletter


E-mail:
Stampa