Home
Newsletter Net Economy
Iscrizione al Tribunale di Lucca N° 783 del 30/5-3/6/2003
N° 1 del 28/01/2009
Sommario
e-Commerce
e-Government
Normativa
Open Source
Premi e concorsi
Privacy
Software
Ultime dall'UE
Web Marketing
Iniziative Istituzionali
Studi, Rapporti, Analisi
Sicurezza Informatica
Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese
I Siti per Tutti
Biblioteca

e-Commerce

e-Commerce italiano: le nuove opportunità per le PMI

L'analisi di NETCOMM

Il commercio elettronico offre alle imprese opportunità di business sempre più ampie ed interessanti ed ha di fatto aperto un nuovo mondo soprattutto alle Piccole e Medie imprese offrendo loro la possibilità diraggiungere, grazie al superamento dei limiti geografici, una fetta di consumatori notevolmente più ampia.

E' sulla base di tale premessa, cherisultaimportante per un'impresa conoscere la situazione attuale dell'e-commerce in Italia e capire quali siano le nuove opportunità a disposizione delle aziende.

Ciò è possibile grazie all'interessante intervista a Roberto Lisca, Presidente di NETCOMM (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano) condotta e pubblicata da Pmi.it.

Nell'intervista troverete complete e dettagliate risposte alle seguenti questioni:

  • Qual'è lo lo stato dell'e-commerce nazionale in relazione agli aspetti quantitativi ma soprattutto qualitativi?
  • Quali sono le differenze ancora esistenti fra lo scenario italiano e quello internazionale?
  • In che modo un'impresa di piccole dimensionipuò trarre vantaggi dall'e-commerce?
  • Qual è la soglia minima di investimento per poter aprire un'attività di e-commerce efficiente?
  • Come può una Pmi con poche risorse da investire in pubblicità riuscire ad ottenere visibilità nelle affollate vetrine del Web?
  • In che modo è possibile mantenere il contatto con i propri clienti attraverso la Rete?
  • Quale sarà il prossimo step del commercio elettronico, da un punto di vista concettuale e tecnico?

Uno scenario ampio e completo, utile alle imprese per orientarsi nelle proprie scelte.

Leggi l'intervista cliccando qui


Pagamenti elettronici: come usarli

www.ilverovantaggio.com è un nuovo sito nato per informare cittadini e clienti sui vantaggi delle carte di pagamento rispetto al denaro contante, vale a dire comodità e miglior gestione della contabilità.

Ilsitomette on line, in un precorso interattivo,le informazioni ed i consigli per utilizzare il cosiddetto «denaro di plastica» in totale sicurezza.

L'iniziativa rientra nella campagna di informazione«Fai valere le tue carte» , promossa da PagoBancomat Visa, ed attualmente in corso sui principali quotidiani, radio e Tv nazionali (oltre che nei centri commerciali e agli sportelli delle banche italiane) per colmare il gap esistente nel nostro Paese fra la massiccia, crescente diffusione delle carte di credito e la situazione di arretratezza, rispetto al resto d'Europa, sul fronte dei pagamenti elettronici.

Oggi in Italia ci sono infatti oltre 67 milioni di carte bancarie - il 12% in più rispetto al 2006 e più del doppio rispetto al 1998 quando le «carte di plastica» erano 28 milioni - ma ogni italiano fa mediamente 21,6 operazioni con carte di pagamento l'anno, meno della metà della media europea, pari a 50,5.


 

e-Government

Carburante agricolo: il web sostituisce il libretto

Dal 1° gennaio scorso per gli agricoltori toscani è cambiata all'insegna dell'informatizzazione,la procedura per l'approvvigionamento annuale del carburante a prezzo agevolato per uso agricolo.

L'operazione di richiesta avviene infatti via Internet o tramite le organizzazioni associative di categoria o direttamente da parte degli agricoltori.

E' sufficiente registrarsi presso l'Anagrafe delle aziende agricole e richiedere la propria password personale d'accesso. Aziende agricole e distributori autorizzati potranno registrarsi al sistema e ottenere la password personale all'indirizzo telematico utentianagrafe@artea.toscana.it.
Per ottenere tutte le informazioni e chiarireogni eventuale dubbio in materia di carburanti agricoli, si potrà scrivere via e-mail a uma@artea.toscana.it , telefonare al numero 055-3241723 o infine visitare il forum di ARTEA all'indirizzo www.artea.toscana.it.

La procedura di richiesta è semplice:

l'agricoltoresi collega al sito web ARTEA, si fa riconoscere con la sua parola personale d'accesso e riempie la dichiarazione unica aziendale; già a questo punto dell'operazione,il sistema informatico dell'agenzia regionale incrocia i dati delle banche dati cui è collegato, ed immediatamente dà risposta alla richiesta o segnala eventuali problemi. Unulteriore elemento di semplificazione introdotto con la nuova procedura è la riduzione delle categorie di classificazione per le assegnazioni quantitative (prima erano quasitrecento ora appenadiciotto).

Effettuata l'operazione, il richiedente può rifornirsi dei prodotto petroliferi agevolati nel limite del quantitativo massimo assegnato, presso i distributori autorizzatiche devono registrare direttamente nel sistema informativo dell'ARTEA i quantitativi consegnati nonchè gli estremi fiscali dei documenti di trasporto e di fatturazione


 

Normativa

Per Internet al bar è ancora necessaria la licenza della questura.

Anche per tutto il 2009 chi ha intenzione di aprire un pubblico esercizio e mettere a disposizione dei propri clienti la connessione a Internet dovrà richiedere specifica autorizzazione al questore.

Alla fine dell'anno è stato infatti prorogato il decreto Pisanu contro il terrorismo internazionale che prevede una serie di obblighi a carico dei proprietari dei locali che offrono ai clienti la possibilità di connettersi ad internet.
Il decreto prevede anche che venga tenuto un registro dei dati dei clienti che si connettono alla Rete i quali devono essere identificati tramite registrazione degli estremi della carta d'identità o del numero di cellulare.

E' inoltre obbligatorio custodire i log, cioè i dati sul traffico Internet affinché le forze dell'ordine possano consultarli in caso di necessità.


Nuove prescrizioni del Garante Privacy per i titolari del trattamento dei dati in relazione all’operato degli Amministratori di Sistema. Quattro mesi per mettersi in regola

Il Garante per la protezione dei dati personali ha ritenuto opportuno richiamare l'attenzione di enti, amministrazioni esocietà private sulla figura professionale dell' amministratore di sistema e ha deciso diadottare specifiche misure tecniche ed organizzativeper agevolare la verifica sulla sua attività da parte dei titolari delle banche dati e dei sistemi informatici.

Le ispezioni effettuate in questi anni dall'Autorità ed icasigravi verificatisi negli ultimi tempihannoinfatti evidenziato una scarsa consapevolezza, da parte di organizzazioni grandi e piccole, del ruolo svolto dagli amministratori di sistema ed una preoccupante sottovalutazione dei rischi che possono derivare dallo scarso controllo sulla loro attività.

Le misure e le cautele prescritte dal Garante dovranno essere attivate entro quattro mesi da parte di tutte le aziende private e da tutti i soggetti pubblici, compresi gli uffici giudiziari, le forze di polizia, i servizi di sicurezza.

Sia per i soggetti pubblici che privati sonoinvece esclusi i trattamenti di dati effettuati a fini amministrativo contabileche infatti comportano minori rischi per gli interessati.

Per maggiori dettagli sulle prescrizioni a carico dei titolari del trattamento rimandiamo al Comunicato Stampa dell'Autorità Garante


 

Open Source

Il dominio .Eu supera la soglia dei tre milioni

L'11 gennaio, a due anni e mezzo dal suo lancio, il dominio internet di primo livello ".eu" ha raggiunto la sua tre milionesima registrazione.

Il dominio ".eu" si piazza così al quarto posto fra i domini internet più diffusi a livello europeo e, con un sorprendente nono posto, consolida la propria posizione fra i primi dieci domini di primo livello al mondo, come .com, .net e .org .

Piccole e Medie imprese, multinazionali, ONG, soggetti pubblici ma anche singoli cittadini hanno scelto il dominio .eu per la loro presenza sul web.

"Questo risultato", ha affermato Viviane Reding, commissaria europea per la Società dell'informazione e i media "pochi mesi prima del terzo anniversario del dominio, mostra chiaramente che esso ha conquistato la fiducia del pubblico: un numero sempre maggiore di utenti di internet coglie così l'occasione di esprimere il proprio carattere europeo on line"

Il dominio di primo livello ".eu" è stato reso disponibile il 7dicembre2005 alle imprese titolari di diritti preesistenti e, a partire dall'inizio di aprile2006, la registrazione è stata aperta a tutti i residenti dell'Unione europea e alle organizzazioni aventi una sede legale nell'UE.

La gestione del registro .eu è affidata a EURid, un organismo privato senza scopo di lucro.

Maggiori informazioni e dettagli sul dominio europeo sono disponibili nel Comunicato Stampa della Commissione.


 

Premi e concorsi

Ai nastri di partenza il Premio Web Italia

Sono aperte dal 12 gennaio le iscrizioni alla settima edizione del concorso Premio Web Italia, iniziativa indipendente nata per individuare e valorizzare l'operato di tutti coloro che che riescono a raggiungere l'eccellenza nel panorama italiano delle produzioni nel web.

Il premio viene assegnato ai migliori siti web della rete italiana per promuovere e sostenere il valore di nuove professioni nate con lo sviluppo dell'IT .

Sono ammessi al concorso Web agency, free lance, società Itc, Enti, Istituzioni che possono candidare i propri lavori scegliendo tra quattro categorie:

  • Top Awards: Sito web dell'Anno, Web Agency dell'anno, Professionista dell'anno.
  • Categorie Professionali: Animazione e Video, HomePage, Progettazione, Design Fotografia, Copy-Writing, Web Marketing.
  • Categorie Tipologiche: Blog, Siti Istituzionali, E-Commerce, Mobile site, Siti Personali, Social Network, W eb TV/Web Radio.
  • Categorie Settoriali: Arte, Educazione, Impresa, Informazione, e-Government Turismo, Tecnologia.

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo

Il Concorso è promosso da AssoWebItalia - associazione degli autori del web italiano.


 

Privacy

La Privacy si semplifica

Il Garante per la Privacy, con un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 9 dicembre 2008,ha approvato un prospetto riepilogativo di misure minime di sicurezza Privacy introducendo novità di immediata applicazione.

I beneficiari sono:

  1. amministrazioni pubbliche e società private che utilizzano dati personali non sensibili (nome, cognome, indirizzo, codice fiscale, numero di telefono) o che trattano come unici dati sensibili dei dipendenti quelli relativi allo stato di salute o all'adesione a organizzazioni sindacali;
  2. piccole e medie imprese, liberi professionisti o artigiani che trattano dati solo per fini amministrativi e contabili.

I suddetti beneficiari possono quindi applicare le misure minime di sicurezza prescritte dalla disciplina in materia di trattamenti realizzati con l'ausilio di strumenti elettronici (articolo 34 del Codice e regole da 1 a 26 dell'Allegato B) osservando le modalità semplificate individuate nel prospetto che sostituisce a tutti gli effetti, compresi quelli penali di cui all'art.169 del codice della privacy, l'allegato B del Codice.

Il provvedimento

Il portale Microsoft per le imprese, in un articolo dedicato all'argomento, sottolinea le principali novità per i trattamenti effettuati con strumenti elettronici e mette a disposizione un vademecum per aziende e pubbliche amministrazioni che può rappresentare una vera e propria bussola per orientarsi sui cambiamenti in tema di trattamento dei dati personali.

Il vademecum è disponibile alla pagina: http://www.microsoft.com/italy/pmi/gestioneimpresa/speciali/privacysemplificata/default.mspx


 

Software

Software as a Service (sAAs): aspetti giuridici e negoziali

Il SaaS, acronimo di Software as a Service, rappresenta una delle tipologie di servizio alla base del “cloud computing”, tendenza evolutiva dell'outsourcing, ovvero la pratica di affidare all'esterno la gestione delle funzioni non appartenenti al “core business” aziendale.

Il modello Saas prevede la fornitura di applicativi software, ospitati all'interno della infrastruttura dello stesso fornitore, ai quali il cliente accede mediante Internet.

Di questo nuovo modello, chesi sta sempre più diffondendo anche grazie all'accesso alla banda larga e ad una rete Internet più strutturata e robusta, ci parla l'Avvocato Stefano Bendandi nell'interessante articolo"Software as a Service (sAAs): aspetti giuridici e negoziali" pubblicato da Filodiritto.it, dove del Saas vengono esposte caratteristiche e vantaggi ma anche e soprattutto le implicazioni di natura legale con particolare riferimento agli aspetti negoziali, alla sicurezza informatica, alle problematiche della privacy e della proprietà intellettuale ed industriale.

Per leggere l'articolo clicca qui


Software venduti in Rete: come riconoscere una memoria flash autentica da una falsa

Acquistando una memoria flash su Internet può nascere il legittimo dubbio se questa sia vera o falsa, anche se molti danno per scontata la genuinità di una memory card perché simile, per estetica e confezionamento, a quelle in vendita nei negozi specializzati

In realtà anche le memorie digitali sono entrate nel raggio d'azione dei contraffattori, ed il business sembra davvero redditizio perché la domanda sul web di questa tipologia di prodotto è molto alta e perché è diffusala convinzione che le schede di determinate marche vendute in Rete siano perfettamente identiche a quelle dei rivenditori ufficiali.

Ma allora, come è possibile non cadere in questo tipo di truffa? Come si può riconoscere una memoria flash autentica da una contraffatta?

Per saperne di più, segnaliamo l'articolo “ad hoc” pubblicato da Intertraders. Per leggerlo clicca qui


 

Ultime dall'UE

Programma di supporto alle politiche per l'ICT (ICT Policy Support Programme): approvazione e prossima pubblicazione di un bando

Il Programma comunitario di supporto alle Politiche per l'ICT (ICT Policy Support Programme o ICT PSP) , facente parte del Programma Quadro per la Competitività e l'innovazione 2007-2013, è finalizzato a stimolare l'innovazione e la competitività attraverso la più ampia diffusione ed il miglior utilizzo delle ICT da parte di cittadini, imprese ed autorità publiche

Il programma di lavoro ICT- PSP per il 2009, é stato approvato dal comitato per l'elaborazione dei programmi ed è possibile prenderne visione,nella versione “draft”, consultando il seguente link.

Si prevede che il programma verrà definitivamente approvato dalla Commissione europea entro la fine di gennaio.

E' stata inoltre annunciata lapubblicazione di un “invito a presentare proposte” in data 29 Gennaio p.v con scadenza il 2 Giugno 2009. Il bando sarà pubblicato sul sito della DG Information Society and Media


 

Web Marketing

Nuove regole per l'email marketing

Iab Italia, sezione italiana dell'International Advertising Bureau, ha annunciato la creazione di un decalogo di “Golden Rules” (regole d'oro) per favorire l'utilizzo dell' e-mail marketing nel rispetto dei diritti dei consumatori e, al momento stesso, per fornire agli operatori ed investitori che vogliono agire correttamente, l'indicazione di norme che intendono regolamentare questo particolare, delicato ambito della comunicazione “one-to-one”.

Le Golden Rules del codice rispondono infatti all'esigenza di tutelare gli operatori corretti e distinguerli da coloro che invece realizzano attività di spamming.

Le norme del decalogo prevedono l'adozione sia di best practices il cui utilizzo è ormai già consolidato nella realizzazione di campagne di e-mail marketing efficienti, sia di modalità applicative delle norme di legge esistenti che favoriscano l'efficacia delle comunicazioni commerciali.

Ilcodice di autodisciplina che compendia le Golden Rules si compone di due sezioni:

  • Norme generali di buona condotta: dove sono indicate le regole preliminari cui ogni operatore è invitato ad ispirarsi per la propria attività, una fra tutte la massima trasparenza nelle comunicazioni con i clienti.
  • Norme obbligatorie: comprendente le regole, tecniche ed organizzative, che è necessario adottare per esercitare nella maniera più correttale azioni di email marketing.

Il codice di autodisciplina con le Golden Rules è scaricabile dal sito Iab Italia, alla sezione“Approfondimenti”, in calce alla pagina http://www.iab.it/documenti/detail.aspx?TRS_ID=1673000&ID=3049


 

Iniziative Istituzionali

La Gazzetta Ufficiale è solo on line.

Dal primo gennaio la Gazzetta Ufficiale non è più in edicola ma sul web: per leggere i testi delle nuove leggi e gli annunci ufficiali della Repubblica italiana o conoscere i bandi di concorso indetti nel pubblico impiego, la consultazione della Gazzetta è adesso possibile gratuitamente solo tramite il sito http://www.gazzettaufficiale.it/, dove sono disponibili i testi pubblicati negli ultimi 60 giorni, mentre per quelli più vecchi è necessario sottoscrivere un abbonamento.

Dopo oltre cento anni di onorata carriera, il passaggio dalle edicole al web della Gazzetta (di diretta derivazione dalla Gazzetta Piemontese di metà Ottocento), è stato annunciato dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato a seguito dell'attuazione della manovra triennale sui conti approvata dal Parlamento la scorsa estate.

Chi ha acquistato in edicola l'ultimo numero della Gazzetta, farà bene a custodirlo gelosamente: tra un po' di tempo rappresenterà uno dei cimeli della Repubblica Italiana….


 

Studi, Rapporti, Analisi

I sistemi informatici B2B quali strumento di integrazione nella filiera di produzione

Internazionalizzazione e competitività attraverso le ICT. I vantaggi delle tecnologie informatiche nell'ambito dei processi interaziendali.

Mettiamo a disposizione, nel file allegato, l'interessante analisi, pubblicata dalla banca dati per l'internazionalizzazione Merlino a cura di Mondimpresa, riguardante le opportunità che le tecnologie informatiche applicate ai processi interaziendali possono offrire in termini di competitività e di crescita dell'impresa.

Ringraziamo Mondimpresa che ne ha gentilmente concesso la riproduzione in forma integrale.


Isolamento e distanza delle aree rurali: impatto delle tecnologie di informazione e comunicazione sullo sviluppo di tali aree

E' il titolo dell'interessante analisi sulla tematica dell'incidenza di Internet sullo sviluppo delle aree rurali realizzata alla luce degli aggiornatissimi (2008) dati dell'Osservatorio Banda Larga e pubblicata da ReteRurale .

Per leggerecollegati alla pagina dedicata


 

Sicurezza Informatica

Spam: il fenomeno impazza

200 miliardi di messaggi al giorno, pari al 90% di tutta la posta inviata in tutto il mondo: a tanto ammonta lo spam mondiale (intendendo per “spam” non solo l'invio non richiesto di e-mail pubblicitarie ma anche di messaggi infettanti), secondo quanto risulta dal rapporto annuale sulla sicurezza redatto da CISCO.

Tra i paesi generatori di spam, troviamo, al primo posto, gli Stati Uniti, seguiti da Turchia e Russia.

Molto spesso sono gli utenti a far proliferare la posta spazzatura, non solo perché c'è chi risponde a questi messaggi, ma anche perché gli utenti si infettano e diventano strumenti inconsapevoli di diffusione di virus, trojan e altra "sporcizia" digitale.

Un crimine informatico, questo, che rischia di affossare i vantaggi dell'e-mail, uno dei servizi più importanti e utili della Rete.
Più che l'individuazione degli spammer – i nomi di molti di loro sono noti grazie all'attività del Sito Spamhaus e altri siti simili - il problema più grande è l'applicazione della legge che risulta complicata e burocratica tanto da consentire il proliferare di un reato che solo apparentemente non nuoce a nessuno, ma che in realtà, se ben organizzato, riesce a dar luogo ad attacchi informatici in grado di mettere in ginocchio un'azienda o, in alcuni casi, un intero Paese.

E' il caso dell'Estonia, uno dei paesi più informatizzati del mondo dove, nel 2007, a causa di attacchi informatici partiti, sembra, da indirizzi IP situati in Russia, i principali siti Internet sono rimasti inaccessibili agli utenti con indirizzi fuori dal paese, dopo che migliaia e migliaia di collegamenti li avevano intasati rendendoli inutilizzabili.


 

Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese

Come crearsi una vetrina on line

Il sito Karameloo offre la possibilità, ai titolari di attività commerciali, di crearsi una vetrina gestibile come fosse un mini sito.

Con una semplice registrazione completamente gratuita è possibile creare un numero illimitato di vetrine e aggiungere Spazi News, Fotogallery, Virtual Tour, Schede. Il tutto aggiornabile in qualsiasi momento.

www.karameloo.com.


Il portale europeo per le PMI: una risorsa on line per il finanziamento delle PMI

Il Portale europeo per le PMI è uno strumentofinalizzato alla presentazione dei principali programmi europei di finanziamento rivolti alle piccole e medie imprese (PMI) e contiene informazioni sintetiche nonché gli indirizzi dei principali siti Web di ogni programma.

Il sito fornisce inoltre le informazioni di contatto della rete "Enterprise Europe Network" e dei punti di contatto nazionale per le PMI che offrono assistenza alle imprese e consulenza specializzata negli Stati membri.

L'indirizzo del portale: http://ec.europa.eu/enterprise/sme/fund_tools/fund_tools_theme_it.htm


 

I Siti per Tutti

Una rassegna di siti utili per la vita di tutti, o quasi...

Come accedere al gratuito patrocinio? Lo spiega, nel sito da lui stesso realizzato, l'Avv. Flaviano Boccassini per aiutare i cittadini italiani e stranieri con meno possibilità, informandoli su procedure e modalità di accesso. Il sito inoltre sviluppa ogni settimana un argomento giuridico di attualità e offre la possibilità di iscriversi ad una mailing list per essere informati periodicamente sulle novità in materia. http://www.gratuitopatrocinio.it

Il (litigioso) mondo del condominio. Come saperne di piu? Semplice! documentandosi in rete sul sito www.amministratoredicondominio.info. Realizzato da Umberto Testa, specialista del settore, il sito offre la possibilità diconsultare legislazione vigente e sentenze ma ancheporre domande e pareri.

Un software per spendere meglio. A tutti noi è sicuramente capitato, forse anche più di una volta,di aver speso più di quanto guadagnato. Spesso infatti, a causa di bollette, spese impreviste, utilizzo di carte, assegni e bancomat, il bilancio familiare rischia di sfuggire al controllo. Mario Muggianu, esperto informatico, ha sviluppato un software scaricabile gratuitamente sulla rete utile a "tenere le redini" delle finanze personali :www.mamus.org


 

Biblioteca

Piccole imprese fanno E-Business

Anche le piccole imprese devono oggi confrontarsi con trasformazioni legate alle nuove tecnologie, anche se con strategie e approcci diversi rispetto alle grandi imprese.

Nel libro “Piccole imprese fanno e-Business” sono stati indagati i percorsi di un gruppo di piccole imprese "pioniere" operanti prevalentemente in ambiti tradizionali della old economy che hanno voluto sfruttare le opportunità offerte dall'e-business.
Attraverso l'esame dei pericoli seguiti, la ricerca ha cercato di rintracciare modelli comuni di avvicinamento delle piccole imprese all'e-business e di capire se e quando tale scelta è risultata vincente e con quali costi, vincoli e risultati.

I casi sono stati scelti per offrire un panorama su diversi settori della manifattura e dei servizi, con riferimento sia al business to business sia al business to consumer, dedicando particolare attenzione alle microimprese, spesso trascurate dalle indagini economiche sull'Information and Communication Technology.

Il libro si rivolge agli imprenditori di piccole imprese intenzionati ad adottare le nuove tecnologie nello sviluppo di ulteriori canali commerciali, che possono attingere alle esperienze raccontate da chi ha già sperimentato strategie interessanti per le loro attività, ma anche alle imprese di tecnologie e servizi di e-business che vogliano migliorare la conoscenza dei loro potenziali clienti. Può inoltre costituire un valido aiuto per chi opera nella consulenza e nella formazione per la piccola impresa e naturalmente per tutti coloro che sono interessati all'approfondimento del fenomeno.

Il libro è stato finanziato dalla Camera di Commercio di Milano ed è in vendita in tutte le librerie d'Italia.

Indice

Autori


e-mail marketing: una manuale di riferimento per chi vuole approfondire strategie che funzionano

Un sistema commerciale che fa perno sull'e-mail può essere di valido e forte supporto alla vendita: per questo motivo aziende e professionisti che hanno successo sul web hanno una strategia di e-mail maketing per le proprie comunicazioni verso l'esterno.

Ma una buona campagna di e-mail marketing, per avere risultati soddisfacenti e duraturi nel tempo, non può essere improvvisata.

Il manuale “E-mail marketing che funziona!”nasce proprio per questo scopo. Prendendo per mano il lettore "neofita", lo guida passo dopo passo verso la creazione e l'attuazione di una strategia di mailing in grado di ottenere i risultati desiderati.

Gli argomenti trattati dalla guida sono tra i più vari e completi e sempre accompagnati da informazioni di natura pratica: si va dalla creazione del piano di email marketing all'attuazione della strategia individuata, passando per i suggerimenti dei migliori software e servizi da utilizzare a livello pratico.

L'autore del testo, il Dr. Stefano Cavicchio, ha sottolineato che “L'e-mail rappresenta non solo la killer application del web, ma il fenomeno trainante che sta coinvolgendo il web tradizionale e quello mobile dei telefoni intelligenti”. Oggi sono in molti ad aver compreso questo concetto, ma non sono in grado di dargli un'applicazione commerciale perché gli manca il know how con il quale partire. Questa guida nasce per porre un rimedio a questa mancanza”.

E' possibile acquistare il manuale “E-mail marketing che funziona!” sul portale Lulu.com, al seguente link

Fonte Presswire.it





Scarica PDF
Stampa