Home
Newsletter Net Economy
Iscrizione al Tribunale di Lucca N° 783 del 30/5-3/6/2003
N° 11 del 30/10/2007
Sommario
Azienda e software
Banda larga
e-Commerce
Formazione e professioni
High Tech-attualità
Normativa
Web Marketing
Società dell'Informazione
Iniziative Istituzionali
Sicurezza Informatica
Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese
I Siti per Tutti
Appuntamenti
Biblioteca

Azienda e software

Business Key, la chiave USB per la firma digitale

Business Key è la chiave USB che permette di firmare digitalmente, scariare gratuitamente i propri documenti dal Registro delle Imprese, accedere ad Internet e di autenticarsi in modo sicuro sui siti di e-Government.

E' un prodotto innovativo, di facile e sicuro utilizzo. Non necessità di installazione e può essere inserita in qualsiasi PC, essendo già dotata, al proprio interno, dei software necessari perl'identificazione, quindi è utilizzabile anche in viaggio. Per maggiori informazioni: www.businesskey.it ,businesskey@infocamere.it


 

Banda larga

Wimax: avviata la procedura per l'assegnazione frequenze

È stata avviata il 15 ottobre 2007 dal ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, la procedura di assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze “WiMax” (Worldwide Interoperability for Microwave Access).

I diritti d'uso delle frequenze di gara hanno una durata di 15 anni a partire dalla data di rilascio, sono rinnovabili e non possono essere ceduti a terzi senza l'autorizzazione del Ministero delle Comunicazioni. La tecnologia WiMax è un sistema di radiocomunicazioni che consente di offrire all'utente servizi di accesso a larga banda alle reti, tramite collegamenti via radio fra una singola stazione base localizzata in una posizione fissa ed un numero di stazioni utente collegate a detta stazione base.

Essa permette di portare la banda larga anche dove è impossibile realizzare collegamenti Internet via cavo, consentendo di coprire vasti territori con una singola antenna, quindi con investimenti molto limitati. Uno strumento importantenella processo di superamento del digital divide.

La possibilità di collegamenti in banda larga, infatti, non è uniforme su tutto il territorio: in ampie zone del Paese, generalmente quelle a minore densità di popolazione, gli investimenti necessari per l'ammodernamento della rete non sono giustificati dal successivo ritorno economico.

Il WiMax non solo è in grado di coprire anche le aree più difficilmente raggiungibili mapermette anchedi realizzare connessioni alla rete ad alta velocità (fino a 74 Mbit/s) in un raggio di circa 50 chilometri.

I dettagli sul bando sono disponibili all'indirizzo:

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/wimax_bando/index.html

Fonte: www.governo.it


 

e-Commerce

L’IVA nel commercio elettronico

I tre articoli scritti da Carla Pappalardo per Fiscooggi.it rappresentano, in pratica,una interessante guida sul trattamento fiscale delle operazioni di vendita on line. Utile a tutti coloro che hanno intrapreso o intendono avviare un'attività di e-commerce,il documento è pubblicato integralmente da intertraders.eu all'indirizzo:

www.intertraders.eu/notizie/35/L-IVA-nel-commercio-elettronico.html


Siti di e-commerce: motivi di insuccesso e regole per il successo

Sono stati recentemente pubblicati i risultati di uno studio sull'attività dei principali siti di e-commerce che mettono in evidenza i principali motivi per i quali gli e-shopper interrompono una sessione di acquisti on line. Si tratta in realtà di una guida rapida e semplice che, se da un lato offre una classifica dei principali 10 motivi per cui un potenziale acquirente abbandona il proprio carrello e quindifornisce l'indicazione delle relative cose da evitare da parte di chi intende vendere on line, dall'altra indica le regole fondamentali per il successo di un sito di commercio elettronico.

Lo studio, presentato da Gabriele Russo di Netpublishing srl, è pubblicato da comunicati-stampa.net all'indirizzo: http://comunicati-stampa.net/com/cs-18319/Il_forte_decllino_delle-commerce_fatto_male


 

Formazione e professioni

Università di Pisa: al via il nuovo Master in tecnologie di Internet

Forte dei risultati conseguiti nelle scorse edizioni (il 94 % degli iscritti ha trovato lavoro entro un anno dal diploma), il Dipartimento di Ingegneria dell'informazione dell'Università di Pisa, in collaborazione con l'Istituto di Informatica e telematica del Cnr, organizza la quinta edizione del Master universitario di primo livello in tecnologie Internet.

Potranno accedere 30 laureati, destinati a diventare esperti delle tecnologie legate a Internet, alle reti informatiche e ai servizi web e a maturare una buona conoscenza degli aspetti giuridici e di sicurezza legati all'uso della Rete. L

L'attività didattica del Master durerà un anno e prevede due fasi formative: la prima, con lezioni ed esercitazioni in aula; la seconda, con un vero e proprio tirocinio nelle aziende sponsor del Master o al Cnr di Pisa. Le lezioni comprenderanno anche il corso “Cisco Ccna”, standardizzato a livello internazionale e considerato una delle più importanti opportunità formative nel settore delle reti informatiche

La domanda di ammissione deve essere inviata al Dipartimento di Ingegneria dell'informazione: elettronica, informatica, telecomunicazioni - Sezione informatica – via Diotisalvi, 2 56122 Pisa, entro l'8 novembre.

Per informazioni www.ing.unipi.it/master.it, tel. 050-2217692, email: master.it@ing.unipi.it.


 

High Tech-attualità

Come e peggio della mafia: così le imprese italiane vivono lo spamming

Spamming, virus, trojans: un danno da miliardi di euro per le imprese europee ed italiane

Sindrome da spamming: ne sono colpiti gli imprenditori italiani, che tutti i giorni subiscono un danno economico enorme per poter beneficiare delle e-mail. Un danno che è sia economico che psicologico.

Secondo un recente studio dell'Iit-Cnr, ogni giorno circolano 61 miliardi di messaggi pubblicitari non desiderati, pari al 90% di tutte le e-mail inviate, con la conseguenza, per i destinatari, di dover impiegare ore e ore per ripulire la casella di posta elettronica ed il rischio di avere il pc invaso da virus e trojan di ogni genere.

Tutto ciò si traduce con un reale calo di produttività: si calcola che ogni azienda, in un anno, sprechi almeno tre settimane lavorative per arginare i danni da spamming (25 minuti al giorno impiegati per pulire la casella di posta diventato più di otto ore in un mese e quasi cento l'anno) con una perdita, in termini economici, stimata in più di 2000 euro per ogni postazione che utilizza la mail.

Dannoche, come emerge dallo studio condotto da Meta Comunicazione attraverso interviste a 130 responsabili informatici di grandi aziende, viene vissuto come una sorta “pizzo” da pagare quotidianamente per poter beneficiare delle e-mail nell'ottica di una pratica – lo spamming, appunto – percepita addirittura come una“nuova mafia”.

Senza voler azzardare paragoni alquanto “impegnativi”, sicuramente bisogna riconoscere che quello dello spamming continua a rappresentare un grosso problema e un reale ostacolo all'attività e alla produttività delle aziende. Al tale danno bisogna poi aggiungere i costi dei software di cui le aziende devono dotarsi per proteggersi ed i possibili danni causati dai vari virus, trojan o dal phishing o, addirittura, dall'erronea cancellazione di e-mail “buone”.


Nuovo intervento del Garante contro lo spamming

Con alcuni recenti provvedimenti pubblicati nella newsletter del 30 agosto 2007, il Garante per la privacy ha ribadito che non si possono inviare e-mail e fax per pubblicizzare un prodotto o un servizio senza prima aver ottenuto il consenso del destinatario e che è necessario ottenerlo prima di effettuare qualunque uso dell'indirizzo di posta elettronica e del fax.
Il divieto è stato espresso in relazione a messaggi pubblicitari inviati via mail, insieme alla richiesta del consenso per il trattamento dei dati, per la promozione di libri presentati su un sito Internet.

Analogo divieto ha colpito anche l'invio di pubblicità non richiesta via fax ad aziende individuate tramite elenchi”categorici” (come le pagine gialle) secondo il principio per cui la presenza di dati personali in tali elenchi ha esclusivamente la finalità di promuovere i servizi dell'azienda stessa e non comporta l'accettazione all'utilizzo dei dati da parte di terzi per finalità di marketing.

La newsletter con l'intervento segnalato è disponibile all'indirizzo

http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1437010


 

Normativa

Il Giudice di Pace di Firenze dice sì al rimborso per sistema operativo preinstallato e non voluto

La sentenza emanata il 18 ottobre scorso dal giudice di Pace di Firenze, Dr. Alberto Lo Tufo, rappresenta sicuramente un'importante svolta nei rapporti fra consumatoried i colossi delle tecnologie informatiche.

Il giudice fiorentino, infatti, su azione promossa da un legale dell'Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori (ADUC), ha riconosciutoil diritto al rimborso del costo per la licenza d'uso di un sistema operativo preinstallato su un notebook, condannando tra l'altro l'azienda produttrice del notebook al rimborso delle spese legali sostenute dalla controparte.

Sorvolando tutti gli aspetti “nodali” del caso legati alla clausola contrattuale, il provvedimento, in sostanza, ferma restando l'auspicabilità della conoscenza, da parte dell'acquirente, del contratto di licenza d'uso prima di comprare un pc, mette in rilevo l'importanza della libertà di scelta del cliente sul contenuto del prodotto, estendendo di fatto il concetto di “libero mercato” anche e soprattutto ai consumatori.

La notizia è riportata nei dettaglida intertraders.eu. Link alla notizia.


 

Web Marketing

Tutti i segreti per creare un banner veramente efficace

Molti sono convinti che l'efficacia di un banner risieda nella grafica utilizzata.

In realtà ci sono aspetti ben più importanti, anzi fondamentali, che rendono un banner realmente valido, cioè in grado di attirare click e, soprattutto, di trasformare i click in business.

Quali sono questi elementi assolutamente non trascurabili?

Un utile orientamento in tal senso lo offreromaexplorer.it (uno dei 28 portali di lazioimprese.it) all'indirizzo:

http://www.romaexplorer.it/marketing/web-marketing/creazione_banner.htm


 

Società dell'Informazione

Studio sul futuro della società dell'informazione: bando di gara della Commissione europea

La DG Informazione della Commissione Europea ha lanciato un bando di gara per promuovere uno studio sul futuro della società dell'informazione e le varie strade possibili da esaminare in occasione delle discussioni future su reti informatiche e su Internet.

Lo stanziamento è di 300.000 Euro e possono partecipare alla gara le persone giuridiche di tutti gli Stati membri dell'UE e Paesi Terzi.

Il termine per la presentazione delle offerte è fissato per il: 19 novembre 2007.

Link
A questo linkè possibile recuperare la documentazione necessaria ed ottenere informazioni a riguardo.

Commissione europea, Direzione Generale della Società dell'informazione e dei media direzione C: Strategia di Lisbona e politiche relative alla società dell'informazione - Persona da contattare: Morten Kristiansen - Tel. (32-2) 299 24 98. Fax (32-2) 296 17 80 - email: Morten.Kristiansen@ec.europa.eu


 

Iniziative Istituzionali

e-Learning: la Toscana coinvolta nel programma finanziato dal CNIPA

e-Learning: la Toscana coinvolta programma finanziato dal CNIPA

Il CNIPA (Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione) ha varato uno specifico programma per la diffusione dell'e-Learning, ovvero della formazione a distanza,per formare e qualificare il personale attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie digitali.

Nell'ambito di tale programma sono stati ammessi al co-finanziamento, pari ad un totale di 2 milioni di Euro, dieci progetti di e-learning presentati dallaProvincia Autonoma di Trento e dalle Regioni Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo, Marche, Lazio, Campania e Sicilia.

La Toscana, firmataria insieme alle regioni Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, delle prime quattro convenzioni con il CNIPA, realizzerà il programma di formazione a distanza «FOREe-Gov», per una spesa di un milione di Euro, di cui 280 mila co-finanziati.

Anche per quanto riguarda il suo programma sull'e-Learning, il CNIPA ha adottato modalità finalizzate a razionalizzare e gli interventi pubblici prevedendo il proprio diritto al riuso dei progetti cofinanziati. Monitoraggio dei tempi esecutivi e valutazione dei contenutidei progetti, sono altri due elementi caratterizzanti l'intervento.

I progetti realizzati dalle amministrazioni pubbliche locali si sviluppano su cinque aree tematiche:

il management e l'utilizzazione dei sistemi informativi secondo modalità europee (EUCIP);

la gestione dei flussi documentali e le nuove modalità operative;

il project financing, (come realizzare progetti innovativi avvalendosi dei finanziamenatia per le PA)

sicurezza e privacy delle informazioni e dei dati nei sistemi informativi;

la gestione per l'acquisizione di beni e forniture di servizi, con particolare riferimento alle gestione dei bandi e delle gare per progetti di innovazione tecnologica.

L'iterdei progetti (documentazione e pratiche) sarà reso totalmente disponibile on line

tramite l'utilizzo, sia da parte del CNIPA che delle Amministrazioni firmatarie, della posta elettronica certificata e della firma digitale.

Fonte: i-dome


 

Sicurezza Informatica

Il Garante definisce le regole per la messa in sicurezza dei dati di traffico internet e telefonico e avvia una consultazione

Il Garante per la privacy, dando attuazione a quanto previsto dal Codice privacy e alle normative più recenti in materia di sicurezza, ha individuato le regole essenziali per la messa in sicurezza dei dati di traffico telefonico e Internet conservati a fini di accertamento e repressione dei reati ed ha avviato una consultazione pubblica sul tema.

In uno specifico documento il Garante indica, in maniera organica,le misure da rispettare per la conservazione dei dati a fini di giustizia da parte di gestori telefonici e fornitori di servizi di comunicazione elettronica, intendendo così rispondere alla necessità di assicurare una effettiva ed efficace protezione di dati personali riguardanti milioni di cittadini, sia a tutela della sfera privata di questi ultimi sia nell'interesse stesso di magistratura e forze di polizia.

Il documento, in particolare, prevede :

l'adozione di avanzati sistemi di autenticazione per gli incaricati che possono avere accesso ai dati; la conservazione separata dei dati tenuti per finalità di accertamento e repressione dei reati da quelli utilizzati per funzioni aziendali (fatturazione, marketing, statistiche); l' immediata cancellazione dei dati una volta decorso il tempo previsto di conservazione; il tracciamento di ogni accesso e operazione compiuta da parte degli incaricati; l' introduzione di sistemi di segnalazione di comportamenti anomali; controlli interni periodici sulla legittimità degli accessi ai dati da parte degli incaricati, sul rispetto delle regole e delle misure organizzative tecniche e di sicurezza prescritte dal Garante; sistemi di cifratura a protezione dei dati di traffico contro rischi di acquisizione indebita o fortuita.

Il documento e l' accesso alla consultazione sul sito www.garanteprivacy.it



 

Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese

Subfor: la banca dati della subfornitura

Subfor, banca dati delle imprese della subfornitura, è uno strumento on line che consente alle aziende di individuare rapidamente fornitori adatti alle proprie esigenze di produzione.

Realizzata dal Comitato Network subfornitura delle Unioni regionali delle Camere di Commercio, la banca dati è libera e gratuita ed è disponibile in tre modalità:

  • Banca dati imprese: consultazione dell'intera banca dati
  • Ricerca avanzata imprese: per cercare un'impresa in base alle caratteristiche di interesse
  • Ricerca anagrafica Imprese: per la ricerca di un'impresa in base alla sua denominazione

Come combattere la contraffazione

Un vademecum sui sistemi legali di protezione della proprietà intellettuale ed industriale. Disponbile all'indirizzo: http://www.itint.it/ice/cda/templates/protezione3_restyle.jsp#


 

I Siti per Tutti

Pratiche amministrative on line: un sito "guida"

www.praticheonline.it è il portale realizzato dai Giovani Imprenditori Assolombarda per aiutare le piccole imprese e tutti i cittadini a confrontarsi con la Pubblica Amministrazione senza alzarsi dalla scrivania.

Nella sezione principale "Pratiche evadibili online" sono raccolte tutte le pratiche burocratiche ed amministrative che possono essere evase completamente attraverso Internet.

Una continua attività di ricerca sugli enti nazionali e sui 100 principali comuni d'Italia permette al portale di essere sempre aggiornato.

Il sito è arricchito consezioni "di contorno" che non vogliono essere esaustive, ma comunque fornire un contributo al miglioramento della qualitàdel lavoro e della vita di imprese e cittadini


I prodotti di risparmio on line

Italia Risparmio è il primo portale ad offrire informazioni sugli innumerevoli prodotti di risparmio oggi presenti sul mercato italiano. Gli articoli pubblicati sul portale inrtendonofornire un' analisi attenta e il più possibileobiettiva sulle caratteristiche dei principali strumenti e prodotti di risparmio. www.italia-risparmio.it


Accesso agli incentivi per il risparmio e l’efficienza energetica: un sito ad hoc

Il sito http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/home.htm, predisposto dal Dipartimento Ambiente, Cambiamenti globali e sviluppo sostenibile dell'ENEA su mandato e in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha lo scopo di illustrare le modalità di accesso agli incentivi per il risparmio e l'efficienza energetica, a partire da quelli introdotti dalla legge Finanziaria 2007 al fine di sostenere gli interventi di razionalizzazione energetica nel settore civile, in quello industriale e nel terziario.

Il sito è in continuo aggiornamento e saranno inserite nuove pagine e nuovo materiale. Su sito è inoltre attivo il sistema che consente l'invio telematico della documentazione per fruire degli incentivi.


Contratti di locazione. Guida on line dell’Agenzia delle Entrate.

Una panoramica completa di informazioni concrete sui contratti di locazione, in particolare sui vantaggi della registrazione telematica, sulle agevolazioni fiscalie sugli adempimenti per rimediare a errori e dimenticanze: è questo il contenuto della Guida on line “Registrare il contratto di locazione: facile e conveniente”, a cura dell'Agenzia delle Entrate. Oltre a spiegare le modalità con cui si adempie al principale obbligo fiscale conseguente alla stipula, cioè la registrazione del contratto,la guida illustra i vantaggi e le agevolazioni fiscali derivanti dalla registrazione nonchéi vantaggi pratici derivanti dalla procedura telematica.

La guida è disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate


 

Appuntamenti

8° ICT Business Summit – Milano, giovedì 29 novembre 2007

L' 8° ICT Business summit è l'appuntamento annuale organizzato da Il Sole 24 Ore come momento di incontro, confronto e approfondimento tra gli operatori del settore ICT sui temi delle tecnologie applicate alle strategie e ai processi aziendali. Al fine di migliorare la produttività, acquisire competitività e creare innovazione, le imprese di tutti i settori e dimensioni orientano sempre di più le proprie scelte strategiche verso forme di riorganizzazione e razionalizzazione dei processi; in questo specifico contesto l'ICT rappresenta uno dei principali fattori abilitanti

La partecipazione al Summit è libera e gratuita fino ad esaurimento posti.
Destinatari: Responsabile sistemi informativi, Chief Information Officer, Amministratore delegato, Direttore Generale, Responsabile Business Development, IT Manager, IT Consultant.
Informazioni:
Per informazioni sui contenuti dell'evento, scrivere a: silvia.tonini@ilsole24ore.com
Per informazioni sulle modalità di sponsorizzazione, scrivere a: mirella.gottini@ilsole24ore.com

Link dell'evento: www.formazione.ilsole24ore.com


Convegno Lu.Be.C. Lucca, 15 e 16 novembre 2007

Le tecnologie multimediali per promuovere, valorizzare e diffondere immagini dei patrimoni delle città.

Il 15 e 16 novembre, al Real Collegio di Lucca, prende il via la terza edizione di Lu.Be.C.

Il convegno 2007, in linea con le proprie finalità istituzionali, affronta le tematiche della valorizzazione territoriale alla luce dell'evoluzione delle esperienze e opportunità, approfondendo i temi dell'innovazione, della programmazione concertata e dei finanziamenti.

L'edizione di quest'anno èarricchita quest'anno dalla Rassegna delle soluzioni ICT per i beni culturali e la promozione del territorio, che si svolge in contemporanea.

Lo scopo è offrire agli amministratori e funzionari delle istituzioni pubbliche e degli Enti Locali, oltre che agli operatori privati del settore, concreti strumenti di lavoro e opportunità di incontro con i protagonisti del settore.

Lu.Be.C Digital Technology è la prima rassegna europea dedicata agli operatori dell'ICMT - Information, Communication & Media Technology, applicata alla valorizzazione del patrimonio culturale per il marketing turistico - territoriale.

Si svolge nell'ambito e con il patrocinio del convegno nazionale Lu.Be.C. Lucca Beni Culturali.

Il percorso tematico di Lu.Be.C. Digital Technology è stato ideato da Promo P.A. Fondazione con il concorso di un Comitato Tecnico, come momento di aggregazione destinato a rispondere alle pressanti esigenze della società dell'informazione multimediale su questo tema.
Alla rassegna parteciperanno soggetti pubblici e privati coinvolti nel rapidissimo processo evolutivo innescatosi con la diffusione del Digital Life Style, e consapevoli della necessità di una profonda riforma nelle procedure tradizionali e di un aggiornamento continuo delle professionalità.
Tra i relatori, nella prima sessione "Quadro Istituzionale e processi di innovazione" sarà presente il coordinatore del P.O.R.E. (Progetto Opportunità Regioni d'Europa), prof. Paolo Zocchi, che interverrà sul tema della programmazione concertata per la riqualificazione del territorio.


 

Biblioteca

Codice dell'Informatica e di Internet

Il volume contiene, con aggiornamento al luglio 2007, non solotutta la disciplina comunitaria in materia, le principali codificazioni e testi unici di riferimento (Codice delle comunicazioni elettroniche, Codice del consumo, Codice dell'amministrazione digitale, Codice della privacy, Codice dei contratti pubblici, Disciplina del diritto d'autore e delle banche dati, Disciplina del commercio elettronico, Testo unico Bancario, Testo Unico Finanza), ma anche tutta la normazione nazionale primaria e secondaria in materia ed i relativi provvedimenti dell'Autorità per la concorrenza, dell'Autorità per le garanzie delle comunicazioni e dell'Autorità per la protezione dei dati personali, nonché del CNIPA, della Consob, della Banca d'Italia e dell'Agenzia delle Entrate e del Ministero delle Finanze. In libreria da Settembre 2007.

Edizioni Cierre, Autore: Francesco Buffa





Scarica PDF
Stampa