Home
Newsletter Net Economy
Iscrizione al Tribunale di Lucca N° 783 del 30/5-3/6/2003
N° 1 del 27/01/2010
Sommario
e-Commerce
e-Government
Finanziamenti/Agevolazioni
Normativa
Premi e concorsi
Ultime dall'UE
Web Marketing
Iniziative Istituzionali
Studi, Rapporti, Analisi
Sicurezza Informatica
Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese
Appuntamenti

e-Commerce

E-Commerce ed e-Business: giornata di consulenze gratuite per le imprese della Toscana

La Camera di Commercio di Lucca e le altre Camere della Toscana offrono alle imprese la possibilità di usufruire di consulenze specialistiche gratuite su problematiche legali connesse alle attività di e-commerce ed e-business.

Le consulenze sono realizzate tramite incontri individuali con l'Avvocato Antonio Zama, esperto di diritto di Internet, grazie alla convenzione esistente fra Toscana Promozione e lo Studio Legale Lucchini Gattamorta e Associati - Bologna e possono riguardare, nello specifico, le seguenti tematiche: condizioni di vendita su Internet - contratto telematico – pagamenti on line – pubblicità su internet – Privacy – rispondenza di piattaforme di e-commerce alla disciplina vigente.

La prima giornata di incontri per l'anno 2010 è stata fissata per Venerdì 5 Febbraio presso la Sede di Toscana Promozione Villa Fabbricotti - Via Vittorio Emanuele II, 62/64 -I-50134 Firenze.

Si precisa che tali incontri individuali specialistici avranno la durata di circa 40 minuti.

Chi fosse interessato a prenotare un incontro con l'Avv. Zama può farlo inviando l'apposito modulo,debitamente compilato, direttamente a Toscana Promozione al numero di fax 055 4628025.

Per informazioni più dettagliate, le imprese interessate sono invitate a prendere contatto con i Referenti per le Imprese di Toscana Promozione (tel. 055 462801 - Fax 055 4628025) oppure con l'Eurosportello della Camera di Commercio di Lucca (Tel. 0583 976.625/.633 - e-mail: eurosportello@lu.camcom.it).


Le sei "S" per un buon sito di commercio elettronico

Ancora un pratico e accattivante articolo-intervento di Daniele Imperi- web designer, esperto di SEO e blogging- pubblicato su Aicel.it.

Da cliente che intende il commercio elettronico come un'opportunità per acquisti “migliori”, ovvero più convenienti rispetto a quelli effettuati nel commercio tradizionale, Imperi individua e presenta seipunti di forza che un sito di commercio elettronico deve avere per fare la differenza.

Punti di forza che si riassumono nella formula delle “Sei “S” - sicurezza, scelta, semplicità, sconti, servizio, supporto – spiegata in maniera coincisa ma efficace nell'articolo.

Leggi l'articolo cliccando qui.


 

e-Government

Tracciabilità dei rifiuti: a breve on line con il SISTRI

Con l'obiettivo di rendere trasparente il flusso dei rifiuti, il Ministero dell'Ambiente ha messo a punto il SISTRI, sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti.

Andranno dunque in soffitta il registro di carico e scarico e il formulario, così come verrà eliminato il Mud (Modello unico di dichiarazione). A tutti gli operatori sarà consegnata una chiavetta Usb contenente un programma di identificazione, carico e scarico, per la gestione dei rifiuti in tutte le fasi della filiera (produzione, trasporto, smaltimento). L'intero sistema, collegato in rete, consentirà di monitorare in tempo reale il percorso dei rifiuti speciali.

Il sistema di tracciabilità sarà operativo dalla prossima estate.

I soggetti obbligati sono stati divisi in due gruppi.

Del primo gruppo, tenuto ad effettuare l'iscrizione entro il prossimo 28 febbraio, fanno parte i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, incluse le imprese che effettuano il trasporto dei propri rifiuti pericolosi, con oltre 50 dipendenti; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti con oltre 50 dipendenti; i commercianti e gli intermediari di rifiuti; i consorzi per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti; le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali e quelle che effettuano il recupero o lo smaltimento dei rifiuti; i soggetti coinvolti nel trasporto intermodale dei rifiuti. Per questi operatori, l'operatività scatterà il 13 luglio.

Successivamente all'adesione, saranno consegnati i dispositivi previsti: Usb ed eventuale “scatola nera”, black box, da installare sul veicolo.

Le stesse modalità interesseranno il secondo gruppo, che dovrà iscriversi al Sistri dal 13 febbraio al 30 marzo. A questo appartengono i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, compresi coloro che effettuano il trasporto dei propri rifiuti pericolosi, fino a 50 dipendenti; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti tra i 50 e gli 11 dipendenti. L'avvio del sistema è fissato per il 12 agosto; dopo tale data potranno aderire, volontariamente, le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi da attività artigianali, industriali e di trattamento rifiuti con meno di 10 dipendenti; le imprese che effettuano il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi; gli imprenditori agricoli che producono rifiuti non pericolosi; le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività diverse da quelle artigianali, industriali e di trattamento rifiuti.

Per qualsiasi informazione consultare il sito www.sistri.it e/o contattare il n. verde 800 050863 – attivo 24 ore su 24.


e-Government: l’Europa premia il portale delle Camere di Commercio

www.cameradicommercio.it, il portale delle Camere di Commercio italiane edito da Unioncamere e progettato e gestito da Retecamere, è stato votato Editor's Choice 2009 sul sito e-practice.eu, commissione di professionisti dell'eGov europeo.

La scheda del progetto è stata visitata 396 volte e votata da 344 membri della comunità da 35 paesi europei, con un ranking medio di 4.2/5.

L'attestato viene assegnato annualmente ai progetti più rilevanti nel panorama dell'egov europeo dallo staff editoriale composto da specialisti di settore del sito della Commissione europea, e-practice.eu.

Il sito e-practice.eu è un'iniziativa interattiva che coinvolge numerose e accreditate organizzazioni europee che vengono invitate a condividere le proprie esperienze e buone pratiche in materia di e-Government, eHealth ed eInclusion.

Retecamere ha presentato nel novembre 2009 alla comunità internazionale il progetto www.cameradicommercio.it, una vera e propria “porta di ingresso” al patrimonio informativo del Sistema Camerale.

Facile da consultare, grazie ad un approccio basato su web 2.0, consente all'utente di reperire un elevato numero di informazioni attraverso una struttura di correlazione semantica dei concetti.

Estremamente attento alle esigenze degli utenti, il portale fornisce attraverso un help desk un servizio di assistenza on line e, allo stesso tempo, eroga i propri servizi informativi anche via “mobile” sui dispositivi palmari.

Il portale www.cameradicommercio.it viene arricchito ogni mese da una media di 500 unità informative suddivise in diverse tipologie (news, eventi, studi e approfondimenti, adempimenti etc..) e nel corso del 2009 è stato premiato anche dagli utenti come dimostrano i 33 milioni di pagine viste durante l'anno da quasi un milione e mezzo di navigatori.


 

Finanziamenti/Agevolazioni

Progetti per il trasferimento tecnologico e per la creazione di nuove imprese hi-tech nelle aree sottoutilizzate

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha firmato un decreto che prevede uno stanziamento di 12,5 milioni di euro per finanziare progetti per il trasferimento tecnologico e per la creazione di nuove imprese hi-tech nelle aree sottoutilizzate.

Al bandopotranno partecipare cordate composte da Università, Centri di ricerca pubblici, associazioni imprenditoriali ed altre strutture no-profit attive nel settore della promozione dell'innovazione e della creazione di impresa hi-tech.

Per ciascun progetto selezionato saranno messe a disposizione risorse finanziarie nella misura massima del 50% delle spese ammissibili finalizzate alla realizzazione di attività di marketing, diffusione e dimostrazione delle tecnologie da trasferire alle PMI.

I progetti dovranno avere un importo complessivo compreso tra uno e due milioni di euro e una durata massima di 24 mesi.

Inoltre, con l'obiettivo di specializzare l'offerta dei servizi nell'innovazione e nel trasferimento tecnologico, i progetti dovranno essere focalizzati sulle seguenti dieci aree tecnologiche:

materiali avanzati, micro e nanotecnologie; tecnologie chimiche e separative; biotecnologie; tecnologie meccaniche e della produzione industriale; t ecnologie per l'automazione e sensoristica; tecnologie elettriche, elettroniche ed elettro-ottiche; tecnologie per l'informatica e le telecomunicazioni; tecnologie organizzativo-gestionali; tecnologie ambientali; tecnologie energetiche.

Le domande potranno essere presentate entro il novantesimo giorno dalla pubblicazione del Decreto sulla Gazzetta Ufficiale.

L'iniziativa è realizzata nell'ambito del Programma RIDITT-Rete Italiana per la Diffusione dell'Innovazione e il Trasferimento Tecnologico alle imprese, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito dall'IPI-

Maggiori informazioni possono essere reperite dal sito www.sviluppoeconomico.gov.it e www.ipi.it


Programma di sostegno alle politiche in materie di Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Pubblicato bando

Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea n. C/15 del 21/01/10, è stata pubblicata la call CIP-ICT PSP-2010-4 nell'ambito del Programma sostegno alla politica in materia di Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (Programma per la Competitività e l'Innovazione).

Il programma ICT PSP (ICT Policy Support Programme) è finalizzato a stimolare l'innovazione e la competitività mediante la diffusione di conoscenza e il migliore utilizzo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione da parte dei cittadini, dei governi e delle imprese.

L' invito a presentare proposte prevede una serie di strumenti per realizzare progetti in ICT PSP. Questi strumenti sono:

• Pilota Tipo A - si basa sulle iniziative degli Stati membri o paesi associati all' ICT PSP ;
• Pilota Tipo B - favorire l'utilizzo di innovativi servizi basati sulle TIC;
• Best Practice Networks (BPN) - promuovere l'adozione di standard per
Biblioteche digitali europee;
• Reti tematiche - fornire un forum per le parti interessate per lo scambio di esperienze.

Attività:

Il bando in questione interessa 6 settori principali:

- Ambiente e mobilità intelligente;

- Librerie digitali;

- ICT per la sanità e l'inclusione sociale;

- Fornitura di servizi online nelle città

- ICT per migliorare servizi per cittadini ed imprese

- Web multilinguistico.

Beneficiari:

L'invito a presentare proposte è aperto alle persone giuridiche stabilite negli Stati membri e Paesi associati ICT PSP:

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia,
Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta,
Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito

I paesi associati sono:
Croazia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Serbia, Turchia

Importo disponibile:
107 milioni di euro.

Scadenza: 01/06/2010

Modalità di partecipazione:

Le proposte possono essere presentate in una delle lingue ufficiali dell'Unione europea. Se la proposta non è in lingua inglese, una traduzione della proposta completa sarà di aiuto agli esperti di valutazione. Una traduzione in inglese deve essere inclusa nella parte B della proposta.

LINKS:

Bando GUUE

Testo integrale del bando e documentazione


 

Normativa

Class action in vigore in Italia: fine degli abusi nell'e-commerce?

Intertraders.eu pubblica un articolo sull’entrata in vigore dello strumento dell’azione collettiva risarcitoria, strumento utile in tutti i casi di pratiche commerciali scorrette, ma soprattutto nel settore e-commerce.

Finalmente, dall'1 gennaio 2010, è entrata in vigore in Italia la class action.

Inizialmente introdotta nella Legge Finanziaria per il 2008, in questi anni la sua entrata in vigore ha subito ben tre rinvii e una pesante "limatura" sostanziale da parte del Governo: dall'originario 30 giugno 2008, si è passati all'1 gennaio 2009, quindi al 30 giugno 2009 e infine all'1 gennaio 2010. Ultima e definitiva data.

La class action (o azione collettiva risarcitoria), lo ricordiamo, è un utile strumento di difesa processuale per i consumatori. In particolare per tutti coloro che in vista di inadempienze, abusi contrattuali, pratiche commerciali scorrette o comportamenti anticoncorrenziali da parte di soggetti commerciali, che hanno per oggetto importi di poco valore, il più delle volte preferiscono rinunciare alla tutela giudiziaria e soccombono di fronte alla condotta inadempiente o truffaldina di controparte.

Facile intuire la risonanza e l'utilità per chi fa e-commerce e conclude transazioni caratterizzate da micropagamenti. Compravendite che in caso di inadempienza da parte del venditore professionale sfociano spesso in veri e propri abusi di fronte ai quali spesso i consumatori, per non mettere in discussione la convenienza di un acquisto via Internet, preferiscono rimanere a mani vuote o accontentarsi di un bene (si pensi ai tanti commercianti truffaldini che hanno vita facile su eBay) o di un servizio malfunzionante.

Purtroppo la class action recepita in Italia, come lamentano molte associazioni proconsumatore ed emerge dal testo definitivo in vigore, è stata ritoccata sia in partenza che in fase di gestazione al punto da renderla deludente. Se è vero infatti che il Governo ha voluto sostanzialmente evitare abusi nell'utilizzo di questo strumento di tutela da parte dei consumatori, il testo definitivo, a parere di alcune associazioni, conterrebbe disposizioni e modifiche frutto di evidenti pressioni da parte di Confindustria e quindi da parte di chi rappresenta in un contratto la parte sostanzialmente più forte: ovvero chi commercia beni e servizi al consumo. Su tutte si pensi ad es. alla non proponibilità dell'azione per gli illeciti compiuti precedentemente alla data di entrata in vigore della stessa.

Torneremo a parlare dell'azione collettiva risarcitoria in futuro, soprattutto per quel che concerne le iniziative giudiziarie riguardanti il commercio elettronico.

Al seguente link è possibile scaricare il testo definitivo che disciplina la class action all'art.140 bis del decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206 (Codice del Consumo).


Agenzia Entrate: chiarimento sulle novità riguardo disciplina IVA del luogo di prestazione dei servizi

L'Agenzia delle Entrate ha chiaritola portata delle novità sul luogo delle prestazioni di servizi, applicabili dal 1° gennaio 2010 a seguito delle modifiche introdotte dalla Direttiva n. 2008/8/CE del Consiglio, del 12 febbraio 2008.

L'Agenzia ha ricordato che il Consiglio dei Ministri in data 12 novembre 2009 ha proceduto all' esame preliminare del Decreto Legislativo concernente la “Attuazione delle direttive 2008/8/CE, 2008/9/CE e 2008/117/CE che modificano la direttiva 2006/112/CE per quanto riguarda il luogo delle prestazioni di servizi, il rimborso dell'imposta sul valore aggiunto ai soggetti passivi stabiliti in altro Stato membro, nonché il sistema comune dell'IVA per combattere la frode fiscale connessa alle operazioni intracomunitarie”.

Posto che alcune delle disposizioni contenute nella Direttiva Servizi risultano sufficientemente dettagliate e tali da consentirne la diretta applicazione almeno per ciò che riguarda le regole generali, nelle more dell'adozione del formale provvedimento di recepimento delle norme comunitarie nell'ordinamento interno, l'Agenzia intende fornire istruzioni operative di massima, sulla base delle norme contenute nella direttiva che appaiono oggettivamente suscettibili di immediata applicazione. Ciò allo scopo di evitare che si verifichino fenomeni di doppia tassazione o di detassazione in contrasto con i dettami dell'IVA e con un coerente funzionamento del mercato interno, che potrebbero emergere qualora dal 1° gennaio 2010 in Italia si continuassero ad applicare le previgenti norme.

In generale:

"a decorrere dal 1° gennaio 2010 le prestazioni di servizi cosiddette generiche, per le quali, cioè, non sono previste specifiche deroghe ai criteri di territorialità, rese a soggetti passivi (comunemente detti rapporti Business to Business o B2B) si considerano territorialmente rilevanti nel territorio dello Stato se rese a soggetti passivi stabiliti in Italia (c.d. criterio del luogo del committente previsto dall'articolo 44 della Direttiva IVA). ... Di contro, i servizi generici prestati a persone che non sono soggetti passivi o prestati a soggetti passivi per il proprio uso personale o per quello dei propri dipendenti (comunemente detti rapporti Business to Consumer o B2C), continuano ad essere assoggettati ad imposizione nel territorio dello Stato se forniti da soggetti passivi stabiliti in Italia (c.d. criterio del luogo del prestatore previsto dall'articolo 45 della Direttiva IVA)".

(Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa, Circolare 31 dicembre 2009, n.58/E: Disciplina IVA del luogo di prestazione dei servizi – Direttiva n. 2008/8/CE del Consiglio del 12 febbraio 2008).


 

Premi e concorsi

Al via l'ottava edizione di PWI 2010, concorso chepremia i migliori progetti web della rete italiana

Si alza il sipario sull'ottava edizione di PWI – Premio Web Italia 2010, pronta ad accogliere i talenti italiani del web per premiare e valorizzare la professionalità e l'eccellenza della rete italiana.

La nuova edizione si annuncia ricca di novità e sorprese, in particolare nuove categorie e nuovi premi.

Il concorso è rivolto a titolari/proprietari di un sito web, free lance, web agency, società Itc, professionisti che realizzano o gestiscono servizi web e giovani talenti del web design sotto i 24 anni.
Tutti concorrono per l'assegnazione del premio più ambito assegnato dalla Giuria Finale di PWI: il Premio Sito web dell'anno.

Oltre a questo e agli altri premi più noti, come il Premio Critico della Giuria e la Web Agency dell'anno, l'ottava edizione prevede nuovi riconoscimenti: il Premio alla Carriera Speciale Fuori Concorso, il Premio del Pubblico e la categoria Evento Speciale DeGustiWeb, riservata a progetti del settore alimentare, food and beverage.

Premio Web Italia è promosso da AssoWebItalia - associazione degli autori del web italiano.
Per informazioni e iscrizioni: Premiowebitalia.it


 

Ultime dall'UE

Commissione Europea: possibile navigare sul web scegliendo il proprio browser

D'ora in poi gli utenti Windows europei potranno navigare sul websenza più essere obbligati a utilizzare Internet Explorer (IE).

Lo ha annunciato la Commissione europea, che ha accettato l'impegno preso da Microsoft di permettere ai produttori di personal computer e ai loro utenti di disinstallare IE e sostituirlo con un altro browser di loro scelta.

Microsoft si è impegnata a fornire per cinque anni nell'Area economica europea, attraverso il meccanismo di update di Windows, una 'schermata di scelta' ('screen choice') che permetterà agli utenti di Windows XP, Vista e Windows 7 di scegliere quale browser vogliono installare al posto o in più rispetto a Internet Explorer. Anche i produttori di PC potranno installare browser di default di loro scelta al posto di IE. Se Microsoft non dovesse rispettare gli impegni presi, la Commissione europea può imporre una multa pari al massimo al 10% della cifra d'affari annuale del gigante informatico.

La finestra di scelta sarà disponibile a partire da metà marzo 2010. Loha precisato il commissario alla Concorrenza Neelie Kroes.

Microsoft inoltre, ha sottolineato la Kroes, "sarà tenuta a presentare tra sei mesi, e poi annualmente, un rapporto sull'implementazione di queste misure e obbligata ad apportarvi modifiche qualora necessario" per i prossimi 5 anni.

"Milioni di consumatori europei beneficieranno di questa decisione avendo così libertà di scelta su quale browser utilizzare. Questa scelta agirà anche come incentivo all'innovazione per le compagnie che producono browser" ha affermato il commissario Kroes.

Microsoft era stata infatti accusata di distorcere il mercato imponendo l'uso di IE sul 90% dei pc.

Il meccanismo della 'schermata' sarà semplice: in avvio si visualizzera la finestra 'Seleziona il tuo browser in cui l'utente troverà in ordine casuale le icone dei 12 browser più utilizzati in Europa (tra cui come Opera, Firefox, Safari o Chrome). L'utente potrà cliccare sulle icone per ottenere maggiori informazioni e basterà un altro clic per installare il browser scelto per navigare su internet.

Microsoft ha poi assicurato, anche se informalmente, di aprire alcuni dei propri prodotti all'interoperabilità,rendendo pubblici parte dei codici sorgenti alla base di Windows, Windows Server, Office, Exchange e SharePoint.


 

Web Marketing

Passaparola su Internet: mai sottovalutarlo. Il caso del Gambero Rosso

La reputazione è importantissima per un'azienda. Il passaparola tra le persone, quando positivo,neincrementa gli affari e conseguentemente gli utili. Se negativa, può invece essere "letale".

Se poi si pensa che quandoil passaparola avviene in retediventaenormemente amplificabile, si capisce che non può essere assolutamente sottovalutato.

Laconferma la troviamoin una storia che Angela Falotico racconta per Businessonline.it e che inizia nell'ottobre 2009, quando esce la Guida del Gambero Rosso2010......

http://www.businessonline.it/4/E-business/2675/caso-gambero-rosso-importanza-del-passaparola-online.html


 

Iniziative Istituzionali

TRIO: un'opportunità di formazione on line , continua e gratuita

Il progetto della Regione Toscana si arricchisce di nuovi contenuti e opportunità

TRIO è un progetto di web learning della Regione Toscana - che ha tra i suoi partner anche l'Università di Pisa – che mette a disposizione di tutti, in forma totalmente gratuita, prodotti, servizi e strumenti per la formazione.

L'obiettivo è quello di favorire un processo di "formazione continua" che dia a ciascuno competenze sempre aggiornate. Cardini del progetto: Tecnologie, Ricerca, Innovazione e Orientamento.

TRIO mette a disposizione circa 1500 corsi, interattivi e difacile utilizzazione,suddivisi in 13 aree tematiche: Informatica, Lingue, Pubblica Amministrazione, Scuola e formazione professionale e molte altre ancora.

Destinatari sono studenti, occupati, disoccupati, enti locali, imprese, scuole, che possono accedere gratuitamente ai prodotti didattici per l'autoformazione tramite computer.

Gli utenti Trio hanno inoltre la possibilità, sempre in modo gratuito, di accedere ai Poli di Teleformazione, postazioni multimediali attrezzate per la formazione a distanza dislocate in tutta la Toscana.

Concepito nel 1998 e progressivamente incrementatonel corso degli anni, TRIOfa adesso un salto di qualita': ai servizi di formazione aggiunge la possibilita' di acquisire competenze con tanto di certificazioni.

La novita' e' stata presentata il 15 gennaio scorso nell'ambito del convegno «Il nuovo Trio per la Toscana di domani» svoltosi a Palazzo dei Congressi di Firenze dall'assessore regionale Gianfranco Simoncini.

E la crescita di TRIOnon si ferma qui.

Nel 2009/2011 ai corsi si aggiungono collane didattiche e percorsi formativi, la messa a disposizione di una nuova piattaforma di e-Learning, di tipo Open Source, per favorire scambi e riuso di contenuti didattici, servizi di orientamento e tutoraggio per supportare e accompagnare gli utenti durante l'esperienza formativa e infine servizi innovativi, secondo la logica del Web 2.0, per sostenere l'apprendimento informale e agevolare la valorizzazione delle attivita' formative effettuate.

Link al sito del progetto per maggiori info e per accedere ai corsi: www.progettotrio.it


Ministero Pubblica Amministrazione e d Innovazione: Pec per tutti da febbraio

Da febbraiol diventerà realtà la posta elettronica certificata che consentirà di «dialogare in modo diretto ed immediato con tutta la Pubblica amministrazione» ed anche di effettuare i relativi pagamenti.

Lo ha annunciato il ministro della Pubblica amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta.

Dopo la diffusione della notizia dell'assegnazione del provider, dal mese di febbraio, tutti gli italiani che lo vorranno potranno avere un account di posta elettronica certificata che sostituirà la raccomanda di ricevuta di ritorno.

Non è moltissimo – ha detto dice Brunetta riferendosi alla necessità di rendere più immediato e trasparente il rapporto fra cittadini e fisco e, più in generale, fra cittadini e P.A. - ma è un passo in avanti per semplificare la realtà».


 

Studi, Rapporti, Analisi

Internet e aziende in Italia 2009: come viene utilizzato? I dati dell'analisi Istat.

Fino a che livello le aziende nostrano usano le tecnologie IT nel loro operato? Quali sono queste tecnologie? La risposta in una recente ricerca Istat

L'ultima indagine Istat mostra l'utilizzo delle tecnologie IT all'interno delle aziende italiane.

Nel nostro Paese il livello di informatizzazione delle aziende è parecchio alto, se consideriamo l'utilizzo delle tecnologie di base, raggiungendo il 96.2 %; mentre se ci spostiamo su un livello più avanzato, la situazione è ben peggiore.

Tra le imprese con almeno 10 addetti attive nei settori Industria e Servizi, il 93,9% utilizza Internet - l'83% abanda larga- e 6 su 10 ha un sito web, ma nel 2009 solo 1/5 è ricorsa a connessioni mobili.

Per quanto riguarda labanda larga, pur coperte daDSL (79,6%), tre imprese su dieci scelgono connessioni meno veloci (modem o ISDN), soprattutto tra le piccole aziende.

I servizi avanzati, poi, sono ancor più rari: le applicazioni ERP, ad esempio, registrano una diffusione di appena il 9,4%, le intranet aziendali del 21,9% e le extranet del 15%.

La diffusione Software, IT e TLC avanzate si conferma una tendenza direttamente proporzionale a volumi di business e dimensioni aziendali, persino per l'utilizzo di sistemi operativi open source (11% tra le Pmi e 47,8% tra le grandi aziende).

Differenze minori, invece, si riscontrano in relazione alle tecnologie di nicchia o particolarmente evolute, comel'RFID.

I servizi più gettonati sono: 86,3% banca e finanza online, 62,3% informativa di mercato, 51,2% servizi e informazioni in digitale, 45,4% post-vendita e 17,5% formazione del personale.

Nei settori Telecomunicazioni, Informatica e Servizi Finanziari sono i più informatizzati (99%), mentre Costruzioni (26,5%), Tessile (29%) e Alloggio/Ristorazione (24,4%) seguono a ruota


eCommerce: nell’anno della crisi gli italiani hanno comprato su web. Preferenze per prodotti hi-tech ma anche abbigliamento e make-up

L'anno appena trascorso, anno di crisi economica, ha visto una forte crescita dell'e-commerce: un numero sempre maggiore di italiani ha effettuato i propri acquisti sul web avvalendosi delle opportunità offerte dal commercio elettronico in termini di comodità e risparmio.

Le categorie di prodotti maggiormente acquistati on line sono, secondo una recente indagine condotta da eBay.it, quella dei prodotti tecnologici (cellulari e componenti in testa) ma anche abbigliamento e accessori (un vestito o accessorio ogni 12 secondi), prodotti per la casa, arredamento e il bricolage.

L'analisi del trend di acquisto su eBay negli ultimi due anni, fermo restando il costante aumento nel tempo della categoria “casa e arredamento” (nell'ultimo biennio si è registrato un + 44%),rileva che le due aree di prodotti a maggior crescita sono state “bellezza e salute” (+ 28%) e “telefonia e cellulare” (+ 16%) rivelando che nonostante le difficoltà economiche gli italiano non rinunciano alla cura personale e a togliersi degli sfizi in campo tecnologico.

Ecco alcunidettagli riguardanti i prodotti acquistati nel 2009.

Per quanto riguarda l'area “bellezza e salute” i prodotti che hanno registrato un maggior incremento rispetto al 2008 sono stati, nell'ordine, l'attrezzatura da make-up (+147%), struccanti e creme (+115%) e prodotti per il corpo (+80%).

Nel settore “telefonia” la parte del leone l'anno fatta gli accessori per Blackberry (+415%) seguiti dagli accessori per l'iPhone (+162%) assieme ai cellulari iPhone (+63%).

Il boom delle compravendite su eBay è stato nei mesi di gennaio, dicembre e novembre, ovvero nei periodi di saldi e feste natalizie


 

Sicurezza Informatica

Rischi e pericoli del web: come difendersi

Internet è un mondo parallelo fonte di informazioni edi relazioni sociali, dove si possono fare acquisti di ogni genere ma, come nella vita reale, vi si trovano anche criminali e persone pronte ad approfittare della buona fede per ingannare la gente. La polizia postale e delle comunicazioni offre una serie di consigli e suggerimenti per usare il web in modo consapevole.

Link: http://www.poliziadistato.it/articolo/17734-Rischi_e_pericoli_del_web_come_difendersi


 

Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese

On line la "Guida per la creazione di una nuova impresa"

E' disponibile sul sito della Camera di Commercio di Firenze laGuida per la creazione di una nuova impresa (formato PDF - dimensione 737 Kb) , realizzata con il coordinamento della Prefettura di Firenze e la collaborazione di Camera di Commercio di Firenze, Comune di Firenze, INAIL, INPS, Consiglio Notarile e Ordine dei Commercialisti e degli Esperti contabili di Firenze.

La Guida nasce per facilitare i cittadini stranieri che intendono muovere i primi passi per iniziare un'attività imprenditoriale, ma è utile anche per gli aspiranti imprenditori italiani.
Fornisce le informazioni essenziali per valutare opportunità e rischi della scelta imprenditoriale; per questo motivo è stata dedicata particolare attenzione alla formazione del business plan e all'esemplificazione dei costi.
Presenta anche una sintesi degli adempimenti in materia di protezione del marchio, prevenzione antincendio, sicurezza nei luoghi di lavoro, igiene e sicurezza dei prodotti, in particolare alimentari, e rispetto dell'ambiente.
Nell'Appendice sono riportati gli indirizzi degli sportelli pubblici specializzati ai quali rivolgersi.

La pubblicazione è disponibile solo on line, oltre che sulsito della Camera di Commercio di Firenze, anche sul portale www.immigrazione.regione.toscana.it, nella sezione "Contenuti >> Guide e pubblicazioni".

Saranno a breve disponibili le traduzioni in arabo, albanese e cinese.


Per informazioni
Servizio Statistica e Studi
Tel. 055.27.95.221
statistica@fi.camcom.it


Guida alla fatturazione elettronica.

Tutte le informazioni di carattere commerciale, tecnico, legale in una nuova pubblicazione on line dell'European Business Lab

La Guida, realizzata dall'European Business Lab (EBL) su indicazione dell'Expert Group on e-invoicing della Commissione Europea, raccoglie informazioni di carattere commerciale, tecnico, pratico, legale e di compliance in modo che tutte le PMI interessate possano approfondire le proprie conoscenze necessarie a compiere le proprie decisioni in maniera indipendente individuando la soluzione più adatta al proprio business.

La Guida, si compone di cinque parti.

La Parte Prima costituisce un'introduzione alla fatturazione elettronica e ad i suoi impatti sul mondo delle imprese, dei processi e della tecnologia fornendo un quadro sinottico dei diversi livelli di automazione ed integrazione (da un livello manuale e semi-automatico fino ad una soluzione end-to-end del tutto automatizzata).

La Parte Seconda svolge il ruolo di guida pratica su come avviare un progetto di fatturazione elettronica, con specifica trattazione delle firme digitali e connesse tecnologie emergenti.

La Parte Terza espone nei dettagli le Best Practices messe insieme a livello europeo ed internazionale da esperti di Fatturazione elettronica per fornire il massimo livello possibile di supporto alle PMI nella fase di formazione/informazione.

La Parte Quarta analizza i requisiti legislativi per la compliance con la Fatturazione elettronica nell'Unione Europea ed in diversi Stati membri offrendo una spiegazione pratica dei requisiti essenziali al raggiungimento della suddetta compliance attraverso l'utilizzo delle diverse opzioni disponibili.

La stessa parte descrive, inoltre, le proposte della Commissione Europea volte ad armonizzare e semplificare l'attuale quadro normativo in tema di Fatturazione elettronica ed i benefici che queste potrebbero apportare alle imprese.

La Parte Quinta si focalizza sugli standard di dati della fattura, messaggi e tecnologie di trasporto.

La guida può essere scaricata gratuitamente dal sito web e-Business Lab ed è disponibile in inglese, italiano e tedesco.

Scarica la guida


China Standardization: una piattaforma on line per operare sul mercato cinese

L'Associazione britannica SDA e la Standards Administration of China (SAC) hanno realizzato, con il finanziamento dell'Unione europea, un sito che offre una serie di informazioni (in inglese)sugli standard tecnici richiesti per operare sul mercato cinese in 4 settori economici:

- apparecchiature elettriche

-dispositivi medici

-macchine

- ambiente.

La piattaforma informativa offrelinee guida e approfondimenti normativi utili siaalle Pmi occidentali interessate a vendere in Cina che alle imprese cinesi che vogliono entrare nel mercato europeocon l'obiettivo di favorire le relazioni commerciali fra le queste due macro-aree.

La Cina è il quarto mercato di destinazione dell'export europeo e l'Europa assorbe il 20% delle esportazioni cinesi.

Il mercato cinese offre infatti straordinarie opportunità d'affari, ma gli esportatori europei sono spesso disorientati dalla lingua e dalle numerose norme di certificazione, etichettatura, permessi di importazione richiesti dalle autorità locali.

Per facilitare la ricerca delle informazioni il database può essere interrogato per tipo di standard, per settore economico (tra i quattro considerati), per Comitato tecnico di riferimento.

La piattaforma informativa aiuta le aziende europee a rispondere a domande del tipo:

- Per un determinato prodotto, che standard cinese bisogna applicare?

- Quali direttive regolano l'introduzione del prodotto nel mercato?

- Quali Comitati tecnici definiscono e gestiscono gli standard e le certificazioni? E che competenza territoriale hanno?

- Che procedure sono necessarie per agire in conformità alle normative locali?

- Che costi si devono sostenere per certificare il prodotto?

Particolarmente interessanti anche le quattro linee guida settoriali:

1. settore elettricoLink

2. medical deviceLink

3. machinery Link

4. ambiente Link

Link alla piattaforma: http://eu-china-standards.eu


 

Appuntamenti

Forum della Comunicazione Digitale. Milano, Palazzo Mezzanotte - Congress and Training Centre - Piazza degli Affari 6

Il Forum della Comunicazione Digitale è lo “spazio digitale” di connessione tra tecnologi, comunicatori, blogger, imprenditori, top manager, rappresentanti istituzionali, economisti, ricercatori, innovatori, che si incontrano per dare vita ad una “intelligenza interattiva” che mette in evidenza case history, esigenze, valori, alla ricerca di percorsi e soluzioni concrete che abbiano il “presente” come orizzonte temporale di applicazione.

Nell'edizione 2010 il confronto partirà ponendo il focus su due elementi consideratiattualmente i due driver di eccellenza su cui puntare per lo sviluppo del business e la semplificazione della vita quotidiana:

• la comunicazione intesa sia come valore culturale che come settore produttivo.

• le nuove tecnologie per le quali attualmente siamo tra i primi utilizzatori, e che con opportune scelte strategiche, vorremmo competere nell'ideazione e produzione.


La riflessione dell' “intelligenza interattiva” si articolerà in sessioni plenarie e workshop di approfondimento, che saranno aperti agli interventi di tutti coloro che vorranno partecipare ai lavori tramite le nuove tecnologie digitali (social network, web tv).

Per maggiori informazioni





Scarica PDF
Stampa