Home
Newsletter Net Economy
Iscrizione al Tribunale di Lucca N° 783 del 30/5-3/6/2003
N° 8 del 30/08/2010
Sommario
e-Commerce
Finanziamenti/Agevolazioni
Formazione e professioni
Ultime dall'UE
Web Marketing
Iniziative Istituzionali
Studi, Rapporti, Analisi
Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese
Appuntamenti

e-Commerce

L’e-commerce regge, anche in periodo di crisi

Nonostante la crisi nera dei mercati internazionali, l'e-commerce prosegue, accelerando, nel suo percorso di crescita, confermandosi come possibile via di salvezza per le imprese

 

E' questo, in sintesi, il risultato della ricerca E-commerce in Italia 2010: l'e-commerce non è solo una scommessa, condotta dallo studio Casaleggio Associati in partnership con Barclays e presentata recentemente alla Camera di Commercio di Milano.

I dati della ricerca, infatti, parlano chiaro:

nel 2009, nella sola Europa, il sistema e-commerce ha generato un fatturato stimato in 307 miliardi di euro, di cui circa 10 miliardi (quindi il 3.2% del mercato totale) realizzati nel nostro Paese.

Scendendo ad un maggior livello di dettaglio, lo studio ha rilevato che circa il 42% del fatturato derivava da attività avviate nell'ambito del tempo libero (quali i giochi d'azzardo) ed il 35% dalle vendite nel settore turistico, a cui segue la distribuzione di materiale di elettronica di consumo, che ha toccato quota 8.7%. Percentuali che sembrano destinate a crescere, proprio perché il mercato dell'e-commerce si è rivelato in controtendenze rispetto ai mercati dell'economia tradizionale: infatti, in un periodo di profonda crisi in cui molti dettaglianti, ingrossi e distributori hanno dovuto cessare l' attività per la scarsità del fatturato, l'e-commerce ha migliorato i propri risultati, registrando una crescita del giro d'affari stimabile intorno al 58%, quasi il doppio rispetto all'anno precedente (30.7%).

Guardando specificatamente all'Italia, la ricerca ha evidenziato che il mercato dell'e-commerce è sì sano e vitale, ma è comunque rallentato ed ostacolato da una legislazione poco chiara, da una lenta diffusione della banda larga sul territorio e dal relativo aumento dei costi dei servizi, notevolemente superiori a quelli della media europea. Fattori negativi che però non impediscono al mercato on line di rimanere stabile nel fatturato anche in questo periodo di crisi.

Lo studio mette inoltre in evidenza come l'e-commerce stia ricevendo un forte impulso dalla crescente diffusione dei dispositivi mobili “Internet oriented” cui gli operatori telefonici hanno destinato grandi investimenti migliorando le infrastrutture e garantendo una copertra quasi totale del territorio con protocolli di navigazione avanzati che garantiscono una migliore fruizione del web tramite i dispositivi “mobile”.

Proprio a tal riguardo Casaleggio e Associati presenterà, a settembre, i risultati di una nuova indagine relatiava alle nuove tendenze del commercio elettronico con uno specifico focus sull'utilizzo dei cellulari come supporto agli utenti per gli acquisti on line.


 

Finanziamenti/Agevolazioni

La Regione Toscana investe nell’Innovazione e... nell’ICT

La Regione Toscana, al fine di sviluppare la competitività del sistema produttivo, ha emanato il bando per la presentazione delle domande di contributo "Aiuti alle PMI per l'acquisizione di servizi qualificati".

Attraverso il bando la Regione concede aiuti diretti alle imprese per il sostegno a progetti d'investimento innovativi immateriali ed in particolare per quelli finalizzati all'acquisizione di servizi avanzati e qualificati come definiti nel Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le PMI toscane dell'industria, dell'artigianato e dei servizi alla produzione (decreto 3567 del 06/08/2008).

Fra questi figurano servizi qualificati di supporto all'innovazione organizzativa e all'introduzione di Tecnologie dell'Informazione e Comunicazione(TIC).

Al bando possono partecipare micro, piccole e medie imprese dei seguenti settori: industrie alimentari e delle bevande, tessili e dell'abbigliamento, manifatturiere, trasporti, produzione e distribuzione di energia elettrica, gas, vapore, costruzioni ed altre attività di servizio alle imprese.

L'agevolazione è concessa nella forma di un aiuto non rimborsabile nella misura indicata nel "Catalogo" per ogni tipologia si servizio acquisito e non deve superare l'importo massimo di Euro 200 mila euro per beneficiario su un periodo di tre anni ed un'intensità massima del 75% qualora il fornitore di servizi non possieda certificazione nazionale o europea.

Le tipologie di servizi qualificati ammissibili all'aiuto si dividono in:

1. servizi qualificati di primo livello
2. servizi qualificati specializzati.

Sono ammesse all'aiuto le spese relative alle seguenti tipologie di servizi:

a) servizi di consulenza in materia di innovazione;
b) servizi di supporto all'innovazione;
c) messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un organismo di ricerca o di una grande impresa presso una pmi

I progetti sono valutati nell'ambito di graduatorie periodiche.

Il bando è sempre aperto.

La domanda, sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante dell'impresa, deve essere redatta online mediante accesso al Sistema Gestionale POR CReO.

Per tutte le informazioni relative alla registrazione per il rilascio utenze si può consultare la questa pagina.
Per qualsiasi altra informazione e/o chiarimento consultare, si può telefonare allo 0585/7981 oppure scrivere al seguente indirizzo e-mail: POR13b@regione.toscana.it.

Tutti i dettagli sono contenuti nel Bando


Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (ICT): aperte le call del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo

Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea C196/11 del 20 luglio scorso sono stati pubblicati, fra gli altri, i bandi per la tematica ICTTecnologie dell'Informazione e della Comunicazione” del Programma specifico “Cooperazione” del VIIProgramma quadro di ricerca e sviluppo.

Questi i bandi, con i relativi budget, la data di scadenza ed i link alla pagina corrispondente del sito Cordis:

Bando: FP7-2011-ICT-FI
Titolo: "Future Internet" - 90 M €
Scadenza: 02-12-2010

Bando: FP7-2011-ICT-GC
Titolo: "ICT for Green Cars" - 30 M €
Scadenza: 02-12-2010

Bando: FP7-2011-NMP-ENV-ENERGY-ICT-EeB
Titolo: "Energy-efficient Buildings" - 85,5 M €
Scadenza: 02-12-2010

Bando: FP7-2011-NMP-ICT-FoF
Titolo: "Factories of the Future" - 160 M €
Scadenza: 02-12-2010

Bando: FP7-ICT-2011-FET-F
Titolo: FET Flagship Initiative - 10 M €
Scadenza: 02-12-2010

Bando: FP7-ICT-2011-EU-Russia
Titolo: JOINT ICT EU - RUSSIA 2010 - 4 M €
Scadenza: 14-09-2010

Bando: FP7-ICT-2011-C
Titolo: FET Open - 46 M €
Scadenza: 12-03-2013

A questi, si aggiunge anche il bando Research for SMEs destinato alle PMI su temi liberi:

Bando: FP7-SME-2011
Titolo: Research for the benefit of SMEs - 204 M €

Scadenza: 08-12-2010

Sulle Call ICT, l'Apre ha organizzato per il 17 settembre a Roma una Giornata di Lancio (vedi specifica nella sezione "Appuntamenti " )

Sulle


 

Formazione e professioni

Pubblicato il documento sui profili professionali del Web

Predisporre una precisa definizione di profili professionali del Web: è questo l'obiettivo del documento pubblicato dal Gruppo di Lavoro IWA Italy Web Skills Profiles, associazione di professionisti che si propone di metter ordine fra le definizioni ed i rispettivi ruoli deiprofili professionali.

Il documento si concretizza in una lista di figure professionali chemira a garantire maggior chiarezza alle aziende che intendono assumere personale specializzato nell'ambito del Web.

In particolare, sono stati definiti 17 profili professionali:

1. Web Project Manager
2. Account
3. Market Research Analyst
4. User Experience Designer
5. Functional Analyst
6. Db Administrator
7. Search Engine Optimizator (SEO)
8. Search Engine Marketer
9. Community Manager
10. Advertising Manager
11. Front-end Web Developer
12. Server Side Web Developer
13. Web Content Manager
14. Web Content Editor
15. Web Server Administrator
16. Creative Information Architect
17. Digital Strategic Planner

Al gruppo di lavoro IWA hanno partecipato, in un progetto che si è sviluppatonel corso di tre anni e mezzo, professionisti, rappresentanti di associazioni, di aziende e della Pubblica Amministrazione.

L'attività del gruppo di lavoro non si è conclusa ma proseguirà per rendere visibili, accettati e condivisi i profili. Chi fosse quindi interessato al gruppo di lavoro e a farne parte può inviare un'e-mail a info@skillprofiles.eu

 


 

Ultime dall'UE

L'Unione europea ha lanciato il portale della giustizia elettronica

L'Unione europea ha lanciato venerdì 16 Luglio u.s. il portale europeo della giustizia elettronica , uno sportello unico online che aiuta a trovare risposte alle questioni giuridiche transnazionali che cittadini, imprese, avvocati e magistrati possono porsi e promuove la comprensione reciproca dei diversi sistemi giuridici nell'Unione europea, contribuendo alla creazione di uno spazio unico di giustizia.

Il sito presenta oltre 12 000 pagine di contenuti che forniscono informazioni sulle leggi e sulle prassi di tutti gli Stati membri (ad esempio, informazioni sul patrocinio a spese dello Stato, sulla formazione giudiziaria e sulla videoconferenza, e link a banche dati giuridiche e a registri fallimentari e immobiliari online).

Destinatari del portale sono:

  • cittadini che cercano informazioni sul funzionamento dei sistemi giuridici dei 27 Stati membri dell'UE. Essi possono infatti informarsi rapidamente su questioni riguardanti la vita quotidiana: divorzio, decesso, liti o perfino trasloco. Possono inoltre trovare un operatore della giustizia in un altro paese e ottenere informazioni su come evitare procedimenti giudiziari costosi tramite la mediazione, presso quale sede avviare un procedimento, quali sono le regole sul diritto nazionale applicabile e chi può beneficiare del patrocinio a spese dello Stato;
  • avvocati, notai e magistrati, che possono accedere a banche dati giuridiche, contattare colleghi tramite le reti giudiziarie o trovare informazioni sulla formazione giudiziaria o sulle videoconferenze transnazionali;
  • le imprese, che troveranno link ai registri fallimentari e immobiliari e informazioni sulla legge applicabile ai procedimenti transfrontalieri.

L'accesso all'informazione è agevolato dal formato multilingue del portale: i contenuti sono infatti forniti in 22 lingue ufficiali dell'Unione.Specifici link dirigono gli utenti verso i siti di informazione nazionali degli Stati membri.

La partecipazione di magistrati e operatori della giustizia - notai, avvocati, ufficiali giudiziari e mediatori - è essenziale per il successo del portale, e sono in corso vari progetti finalizzati a favorirne il coinvolgimento (ad esempio quello sull'identificatore europeo della giurisprudenza (ECLI), diretto a facilitare l'accesso alla giurisprudenza nazionale e dell'Unione nei casi transfrontalieri).

La Commissione, che gestisce il sito, continuerà a lavorare fianco a fianco con gli Stati membri per arricchire gradualmente i contenuti e sviluppare nuove funzionalità. Entro il 2013, ad esempio,sarà inoltre attivato uno strumento che agevolerà la ricerca di un legale: tramite il portale sarà possibile trovare, ad esempio, un avvocato di lingua tedesca specializzato in diritto di famiglia o in pratiche di divorzio in Ungheria.


Consultazione pubblica dell'Unione Europea sulla revisione della Direttiva sul Commercio Elettronico

La Commissione europea ha recentemente lanciato una consultazione pubblica sulla revisione della Direttiva del Commercio Elettronico.

Attraverso la consultazione, cheèaperta fino al 15 ottobre 2010, tutti i soggetti interessati alla tematica sono invitati ad esprimere il proprio parere in merito alle seguenti questioni:

- Livello di sviluppo dei servizi nazionali e transfrontalieri, della società dell'informazione.

- Questioni relative all'applicazione dell'articolo 3 (4) da parte degli Stati membri (cooperazione amministrativa).

- Restrizioni contrattuali relative al commercio elettronico transfrontaliero.

- Comunicazioni commerciali on-line transfrontaliere.

- Sviluppo dei servizi di stampa on-line.

- Interpretazione delle disposizioni relative alla responsabilità dei prestatori intermediari di servizi della società dell'informazione.

- Sviluppo dei servizi di farmacia on-line.

- Risoluzione delle controversie on-line.

E' possibile partecipare alla consultazione (lingue utilizzabili: inglese e francese)tramite la pagina web del portale YourVoice sotto indicata:
Public consultation on the future of electronic commerce in the internal market and the implementation of the Directive on electronic commerce (2000/31/EC)


 

Web Marketing

Campagne email: come aumentare aperture e tasso di click.

Esistono degli accorgimenti per migliorare i risultati delle campagne di e-mail marketing? La risposta è sì, certamente!

In particolare è possibile adottare specifiche strategie per intervenire, incrementandoli, sul tasso di click (% di utenti unici che hanno cliccato sul totale utenti che hanno ricevuto) e sul tasso di apertura (% di utenti unici sul totale utenti che hanno aperto l'email).

Nello specifico si può agire su tre fronti:

- Miglioramento del contenuto del messaggio
- La strategia di invio (cosa e quando spedire)
- Migliorare (tecnicamente) l'invio

Sono questi i consigli descritti ed argomentati da Marco De Albertinell'articolo pubblicato da Mercato Globale che trova spunto in una presentazione video di Nazzareno Gorni .

Non resta, quindi, che leggere l'articolo e sicuramente guardare ed ascoltare i consigli di un esperto qual è Nazareno Gorni nella suapresentazione video.


Imprese turistiche: una piccola guida per promuovere il proprio business on line

Il portale eHow ha messo a disposizione delle Pmi italiane del settore turistico una breve guida riassuntiva su come promuovere il proprio business on line; si tratta, in pratica, di sei semplici passi da seguire pere essee presenti in rete in modo adeguato e con utili ritorni.

Questi, in sintesi,gli step da percorrere:

1. osservare da vicino i portali concorrenti più in vista

2. puntare su servizi aggiuntivi

3. utilizzare parole chiave rilevanti

4. utilizzare i social network per promuovere i propri servizi

5. offrire un ebook con informazioni non presenti nel portale

6. chiedere ai propri clienti di lasciare un commento sul servizio ricevuto all'interno dei portali dedicati.

Per i dettagli relativi ad ogni “step”, accedi alla guida riassuntiva


 

Iniziative Istituzionali

Cciaa Udine: la firma digitale approda sulla Cns

La Camera di Commercio di Udine ha lanciato una interessante iniziativa per i suoi imprenditori: l'inserimento nella tessera sanitaria, anche della firma digitale, utile per accedere a tutte le procedure di ComUnica ed a tutta una serie di altri servizi.

L'iniziativa nasce dall'accordo fra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Camera di Commercio di Udine, la prima adattivare questo servizio innovativo che si inserisce in un percorso di semplificazione per le imprese e di tagli ai costi che potrà essere messo in atto anche dagli altri enti nazionali.

Il concetto che sta dietro all'iniziativa è molto semplice: si tratta di inserire la firma digitale nella tessera sanitaria già in dotazione ad ogni imprenditore, senza alcun onere aggiuntivo.

Il servizio, che è quindi a costo 0 per l'imprenditore e a costo bassissimo per la P.A., consente un risparmio di tempo e denaro nelle procedure amministrative: gli imprenditori, infatti, semplicemente autenticandosi con il certificato di firma contenuto nella propria tessera sanitaria, potranno accedere anche tanti gli altri servizi sia della Cameradi Commercio che di altri enti.


 

Studi, Rapporti, Analisi

Il 2010 : anno del social business

Lo rivelano i dati di una recente indagine IDC

Nel 2010 il “Social Web” è entrato di prepotenza nella logica d'impresa, segnando un netto cambiamento dei criteri e modelli di business. In particolare il web 2.0 ha aggiornato le modalità di comunicazione e di relazione rendendo sempre più diffuso il ricorso a strumenti “social” e a piattaforme di collaborazione.

E' questo il dato emergente della recente indagine a cura di IDC, secondo la quale le piattaforme social hanno registrato, fra il 2008 ed il 2009, un aumento del 55,9% e stanno diventando uno strumento sempre più indispensabile nel mondo del business.

Altro dato importante del rapporto IDC è quello che evidenzia l'evoluzione degli utenti e dei clienti, i quali si affidano sempre più naturalmente agli strumenti Web 2.0, come dimostra il crescente volume delle vendite.

Di particolare interesse l'evidenziazione, da parte di IDC, dei quattro elementi costitutivi fondamentali per intraprendere una qualsiasi iniziativanell'ambito del “social business”:

identificazione dei fattori di mercato

individuazione degli obiettivi e dei social output per supportarl

determinazione delle piattaforme necessarie per il raggiungimento degli output desiderati.

Per tutte le info ed i dettagli, leggi l'indagine IDC.


ICT e E-business per un’economia innovativa e sostenibile: pubblicato uno studio dell'Osservatorio e-Business Watch

L' e-Business Watch – osservatoriodella Commissione europea creato peranalizzarel'impatto dell'ICT e dell'E-business sulle imprese-hapubblicatoun nuovo rapportoche evidenzia come le tecnologie ICT possano contribuirea raggiungere obiettivi di innovatività e di sostenibilità ambientale, fra cui citiamo ad esempio la riduzione di energia e di emissioni nei processi produttivi e nei trasporti.

Ulteriori informazioni, lo studioe il sommario, sono disponibili al sito: http://www.ebusiness-watch.org/


 

Siti, Portali, soluzioni Internet per le Imprese

On line un nuovo portale sulle informazioni doganali europee

La Commissione europea ha lanciato la prima fase di un nuovo portale di supporto agli imprenditori, per comprendere meglio le procedure doganali per l'importazione e l'esportazione di beni all'interno della UE. Il portale darà informazioni pratiche ed utili per spiegare l'iter previsto dalle procedure di import export e di transito.
Inoltre indicherà il quadro di riferimento per ciascuna procedura e le informazioni (incluse le informazioni sulle politiche pubbliche di riferimento, i database di supporto e i punti di assistenza) reperite dalla Commissione e dai siti web di riferimento di ciascuno stato membro.

Per ulteriori info: http://ec.europa.eu/ecip/


"European Small Business Portal": il nuovo portale europeo per le piccole e medie imprese

Creato tre anni fa su iniziativa della Commissione europea, il portale europeo per le Piccole e Medie Imprese è stato interamente rinnovato nella grafica e nei contenuti e si presenta o line con un nuovo nome “European Small Business Portal”.

Lo “European Small Business Portal” mette a disposizione delle Pmi, in tutte le lingue dell'Unione europea, informazioni utili sulle risorse e le opportunità di finanziamento disponibili, su come conquistare nuovi mercati in Europa e nei Paesi terzi, sui temi delle politiche dell'Unione Europea, sulle attività di sostegno dell'UE a favore delle piccole imprese in Europa e nel mercato globale.

Il nuovo portale web rappresenta uno dei modi attraverso il quale la Commissione sta attuando lo “Small Business Act” (SBA), in accordo con il principio di “pensare anzitutto in piccolo”.

Per visitare il portale: http://ec.europa.eu/small-business/index_it.htm
Per informazioni: ENTR-SMALL-BUSINESS@ec.europa.eu


 

Appuntamenti

Seminario "L'azienda sul web: il nome a dominio e la tutela dei diritti in Internet". Lucca. Camera di Commercio, 7 Ottobre 2010

Il seminario, organizzato dalla Camera di Commercio di Lucca in collaborazione conToscanaPromozione,intende analizzare le ipotesi più frequenti di violazione dei diritti di proprietà intellettuale ed industriale nel quadro di internet e del commercio elettronico.

Il docente sarà l'Avv. Antonio Zama dello Studio LGA di Bologna

L'incontro, che si svolgerà il 7ottobre pressolasede della Camera di Commercio (Corte Campana, 10) con oriario9,30-13,30, è rivolto ad imprenditori, responsabili sistemi informativi ed organizzazione, web agency, consulenti e professionisti della Net economy.

La partecipazione al seminario è gratuita.

Programma

Scheda di adesione on-line

Per maggiori informazioni rivolgersi all' Ufficio Politiche Comunitarie Eurosportello (eurosportello@lu.camcom.it)


L’azienda sul web: la privacy ed i profili di responsabilità in internet (Lucca, Camera di Commercio, 21 ottobre 2010)

Ponendosi nell'ottica dell'azienda che opera su internet, il seminario analizzerà le problematiche connesse al trattamento dei dati personali fornendo i necessari orientamenti sugli adempimenti richiesti dalla normativa in vigore.

Organizzato dalla Camera di Commercio di Lucca con la collaborazione di Toscana Promozione , l'incontro, in programma per il 21 ottobre 2010 con orario 9,30-13,30, avrà come docente l'Avv.Antonio Zama dello Studio LGA di Bologna..

Il seminario è rivolto a: imprenditori, responsabili sistemi informativi ed organizzazione, web agency, consulenti e professionisti della Net economy.

La partecipazione è gratuita

Programma

Scheda di adesione on-line

Contatti: Ufficio Politiche Comunitarie Eurosportello (eurosportello@lu.camcom.it)


Seo Web Marketing Experience 2010 (Corso a pagamento). 12 novembre, Roma

Il corso “Seo Marketing experience 2010 si svolgerà il 12 Novembre 2010 a Roma.

Molte le novità previste per questa edizione; tra i temi trattati:

- Algoritmi di Posizionamento: un'analisi a 360 gradi sugli ultimi algoritmi dei motori di ricerca
- Social Matrix: un link da twitter o facebook vale di piu' di un tradizionale link da altri siti?
- Seo Test: oltre 500 domini usati come "cavia" per test e sperimentazioni di posizionamento
- Web Marketing 3.0: cosa sta succedendo e cosa succedera' nei prossimi anni ?

Inoltre ci saranno numerosi interventi a sorpresa e un'animata tavola rotonda con la partecipazione di alcuni dei piu' noti personaggi del web marketing italiano.

Per scaricare il programma completo dell'evento e conoscere tutti i dettagli collegati a Seowm.com.


ICT VII Programma Quadro: giornata di lancio della Call 7-Programma di Lavoro 2011-2012. Roma, 17 settembre 2010

L'APRE ha organizzato per il 17 Settembre, a Roma, l'evento

" ICT VII Programma Quadro: Giornata Nazionale di Lancio della Call 7 - Programma di Lavoro 2011-2012"

La giornata si svilupperà attraverso quattro sessioni che pongono attenzione da un lato al contenuto nel nuovo Programma di Lavoro ICT 2011 -2012 nella sua completezza dando ampio spazio alle nuove iniziative in esso previste quali Public Private Partnership sul Future Internet, Pre-Commercial Procurement, FET Flagship, e dall'altro porre l'attenzione a come queste iniziative si inseriscono nell'ambito della "Digital Agenda for Europe" i cui obiettivi principali sono di creare una via per massimizzare l'impatto economico e sociale delle ICT (in particolare di internet ) e quindi attirare più investimenti privati tramite l'uso strategico dei fondi strutturali, di appalti pubblici pre-commerciali, e partenariato pubblico-privato.

La partecipazione è gratuita.

Il programma è disponibile alla specifica pagina web del sito diApredalla quale è possibile effettuare l'iscrizione on line





Scarica PDF
Stampa