Home
La Costituzione di Internet: on line la bozza del testo. E parte la consultazione pubblica aperta a tutti i cittadini
La Costituzione di internet è pronta: da lunedì 13 ottobre scorso tutti gli interessati la possono consultare online sul sito della Camera dei Deputati.
Il cosiddetto “bill of rights” è stato elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri sulla rete, composta da 13 esperti e 10 parlamentari. 
 
La Carta si compone di 14 articoli e il suo tratto distintivo è quello di porre l’individuo al centro dell’attenzione, superando anche il concetto di profitto. Le questioni affrontate sono molteplici ed importanti e, nello specifico, riguardano:
 
-          diritti individuali e la loro garanzia
-          il diritto di accesso ad Internet (obiettivo: il superamento del digital divide ma anche la volontà di superarele differenze esistenti fra uomini e donne, e nei confronti di chi soffre di disabilità o ha un percorso di alfabetizzazione più limitato
-          la neutralità della Rete
-          la protezione dei dati personali. (I dati devono essere trattati rispettando i principi di necessità, finalità, pertinenza, proporzionalità e, in ogni caso, prevale il diritto di ogni persona all'autodeterminazione informativa”)
-          l’inviolabilità dei dispositivi personali, degli elaboratori remoti accessibili tramite credenziali nonché l'intercettazione di qualsiasi forma di comunicazione elettronica.
Il diritto all’identità
-          Il diritto all’oblio
-          La definizione dei rapporti tra gli individui/utenti e i gestori delle piattaforme digitalisia in termini contrattuali sia per quanto riguarda il trattamento dei propri dati
-          La garanzia della sicurezza
-          L’acquisizione da parte di tutti delle capacità necessarie per utilizzare Internet in modo consapevole e attivo”.
-          La necessità di un sistema di regole”conformi alla sua dimensione universale e sovranazionale”, che tenga conto dei diversi livelli territoriali.
 
Quellaattualmente on line è una bozza di quello che sarà il testo definitivo.
 
Il 27 ottobre si è infatti aperta aprirà infatti una consultazione pubblica che durerà per quattro mesi e consentirà a tutti i cittadini di partecipare, con commenti e proposte, alla scrittura del testo definitivo della dichiarazione dei diritti in Internet.
 
La Consultazione sarà attivata sul sito della Camera dei Deputati alla seguente pagina: http://camera.civi.ci/  dove saranno riportati i 14 punti della bozza prodotta dalla Commissione di studio per i diritti e doveri relativi ad Internet.
 
Partecipare è semplice: è infatti possibile commentare e valutare le proposte della Commissione oppure aggiungere nuove proposte.
 
Per maggiori informazioni rimandiamo alla fonte della notizia:
Fonte: http://www.01net.it/la-carta-dei-diritti-pone-l-individuo-al-centro-di/0,1254,0_ART_159219,00.html



Stampa