Home
Contributi per progetti di ricerca e sviluppo realizzati congiuntamente da imprese e Organismi di ricerca
Con Decreto dirigenziale n. 4421 del 2 ottobre (supplemento al B.U.R. n. 41 del 15/10/2014) è stato approvato un bando per il finanziamento di progetti di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati congiuntamente da imprese e organismi di ricerca in materie di nuove tecnologie del settore energetico, fotonica,. ICT, robotica e altre tecnologie abilitanti connesse.
 
Il bando fa riferimento al PAR FAS (linee di azione 1.1.1 e 1.1.3) e all'Accordo di Programma Quadro tra Regione Toscana, MIUR e MISE.
Possono presentare domanda le associazioni temporanee di scopo (ATS), costituite o costituende, composte da imprese in collaborazione effettiva obbligatoria con Organismi di ricerca.
 
Il bando è articolato in due linee di azione, distinte per massimali di investimento e per beneficiari:
 
A.      la Linea A finanzia progetti presentati da ATS, costituite o costituende, composte da PMI in collaborazione effettiva obbligatoria con almeno un organismo di ricerca; le ATS devono obbligatoriamente essere composte da non più di cinque imprese e devono prevedere, fra queste, la partecipazione di almeno una microimpresa o una piccola impresa. Il costo totale non deve essere inferiore a euro 1.000.000 e superiore a euro 3.000.000;
B.      la Linea B finanzia progetti presentati da ATS, costituite o costituende, composte da grandi imprese e/o PMI in collaborazione effettiva obbligatoria con almeno un organismo di ricerca; le ATS devono obbligatoriamente essere composte da non più di cinque imprese (grandi imprese e/o PMI) e devono prevedere, fra queste, la partecipazione di almeno una microimpresa o una piccola impresa. Il costo totale non deve essere inferiore a euro 3.000.000 e superiore a euro 15.000.000.
 
I progetti di ricerca e sviluppo devono essere realizzati nei seguenti ambiti:

- Nuove tecnologie del settore energetico, con particolare riferimento al risparmio energetico e alle fonti rinnovabili; particolare attenzione sarà prestata a:

  • tecnologie per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • pratiche produttive, materiali e soluzioni per il risparmio energetico o ad alta prestazione energetica;
  • sistemi geotermici integrati;
  • impianti su piccola scala;
  • smart grids, sistemi di accumulo energetico, sistemi di conversione ed efficienza energetica, e altre tecnologie abilitanti per il risparmio e l'efficienza energetica nell'ambito delle smart communities e della social innovation;

- Piattaforma tecnologica integrata per l'optoelettronica, la fotonica, l’ICT, la robotica e le altre tecnologie abilitanti connesse; particolare attenzione sarà prestata a:

  • applicazioni delle tecnologie Information and Communication Technology (ICT), delle tecnologie fotoniche e della robotica;
  • sensoristica, applicazioni ottiche e informatiche per il controllo dell'ambiente, delle attività produttive, della mobilità e delle altre attività umane;
  • tecnologie per l'aerospazio e la sicurezza (ad esempio: sensori, applicazioni ottiche e comunicazioni);
  • tecnologie per la comunicazione e trasmissione dati (ad esempio: reti ad alta velocità).
Gli  aiuti sono concessi sia nella forma dell' aiuto rimborsabile che non rimborsabile; la possibilità di avvalersi dell’aiuto rimborsabile è limitata alle imprese ed è facoltativa.
I contributi concessi, sia nella forma dell'aiuto rimborsabile che non rimborsabile, sono espressi in percentuale rispetto al totale dei costi del progetto, in maniera variabile in ragione della dimensione dell'impresa e della tipologia di ricerca.
Le domande possono essere presentate entro il 23 dicembre 2014.
 

Testo del Decreto: http://www301.regione.toscana.it/bancadati/atti/DettaglioAttiD.xml?codprat=2014AD00000005452




Stampa