Home
La Web Reputation nel settore del vino
Riportiamo fedelmente un articolo a cura di Edi Florian dedicato al mondo del vino e alla sua presenza sul web, con particolare riguardo al tema della web reputation e alla sua importanza per questo specifico settore.
 “Bene o male, purché se ne parli”: diceva Oscar Wilde ma per il vino il successo si costruisce solo su una reputazione positiva.
Anche sul web, come spiega il report realizzato dalla Cribis D&B (www.cribis.com), che ha monitorato la reputazione del mondo enologico sul web, analizzando tutti i documenti relativi al mondo del vino prodotti online negli ultimi 12 mesi, su siti d’informazione, portali istituzionali, blog e social network ecc... L’argomento vino è senza dubbio tra i più popolari sul web, con 37.794 documenti che ne parlano nell’ultimo anno, e un sentiment positivo al 9,36%, definito da giudizi come “buono”, “ottimo”, “sano”, “piacere”, “freschezza”, “profumo”.
 
Altro argomento di cui si parla molto sul web, è Vinitaly, l’evento considerato più “elegante”, “prestigioso” e “importante”, cui si riferiscono 2.807 documenti, e un sentiment molto positivo (20,39%). Buono il giudizio anche per la keyword “vigneti”, al 22,80%, con 134 documenti al mese. 
Andando più in profondità, tra i “vini rossi da pasto”, quelli di cui si parla di più sono Lambrusco (32 documenti al mese), Sangiovese, Merlot e Cabernet, ma il sentiment migliore è per il Sangiovese (14,16%), mentre tra i “bianchi da pasto”, i più citati sono di gran lunga il Pinot e lo Chardonnay, che staccano nettamente Verdicchio, Vermentino, Falanghina e Greco di Tufo, ed il Pinot è anche il bianco di cui si parla meglio sul web, con un sentiment del 18,66%.
Nella categoria dei “rossi pregiati”, Brunello e Barolo battono tutti gli altri, con il rosso toscano che risulta il più citato, con 187 documenti al mese, ed il piemontese quello che gode del maggior favore del pubblico, con un sentiment del 20,44%, seguiti da Barbaresco ed Amarone. 
Tra i vini dolci si parla soprattutto di Moscato (133 documenti al mese), e se ne parla bene (sentiment al 17,81%), seguito da Passito, Recioto e Albana, mentre, a sorpresa, il web preferisce lo spumante (sentiment al 17,27%) allo Champagne (15,59%), favorendo i vini locali da quelli di importazione; tra gli spumanti il Prosecco fa da padrone.
 
Fonte: www.mercatoglobale.com



Stampa