Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  6 -  Tuesday, June 23, 2020 - anno  19

 

Attività Istituzionale
Stati Generali, le proposte del Sistema camerale
Cinque gli ambiti di intervento: credito, digitale, export, turismo, informazione sui provvedimenti

" ""La crisi che stiamo vivendo è un'occasione storica per ripensare il ruolo del l'Italia. Per riattivare e mettere insieme le energie di tutti. Tutti devono essere parte di questo processo di ricostruzione".

 

E' quanto ha sottolineato Andrea Prete VicePresidente di Unioncamere, intervenuto in rappresentanza dell'istituzione in un incontro con il Governo tenutosi in occasione degli Stati Generali dell'Economia lo scorso 16 giugno a Villa Pamphilj in Roma.

"Le imprese - ha spiegato Prete - devono sentirsi nuovamente protagoniste. E in questo processo, le Camere di Commercio possono svolgere un ruolo utilissimo di catalizzatore a livello locale, di raccordo tra i diversi soggetti per coordinarne gli interventi ed evitare inutili dispersioni, di punto privilegiato di ascolto e di interpretazione delle istanze delle imprese per dare voce soprattutto a quelle più piccole; di collegamento tra territori e reti globali; di ideazione e di animazione di nuove progettualità, di raccordo tra le linee di intervento del Governo e la miriade di piccole e micro imprese".

 

"Dal periodo di lock down alla ripartenza - continua il VicePresidente di Unioncamere - abbiamo investito quasi 300 milioni di euro per mettere in atto azioni tempestive, tagliate a misura di impresa su cinque ambiti di intervento: credi to, digitale, export, turismo, informazione sui provvedimenti, oltre all'affiancamento alle Prefetture di tutta Italia per individuare le attività che potevano restare

aperte. Duecento milioni di euro è la ci fra che abbiamo destinato soltanto al credito per venire incontro al grave deficit di liquidità

delle imprese". 


Affitti commerciali: mediazione a costo zero
Il servizio (anche online) della Camera gratuito fino al 31 dicembre 2020. Bassilichi: “Aiutiamo le imprese a risolvere un problema concreto”

" "La Camera di commercio è al fianco delle imprese in crisi di liquidità per l'emergenza covid19. Tra le molte iniziative messe in atto, la Camera ha deciso anche di azzerare fino al 31 dicembre 2020 i costi del proprio servizio di mediazione (sia in presenza che online) per le controversie sugli affitti commerciali. L'iniziativa si aggiunge al patto per favorire la rinegoziazione dei canoni di locazione firmato oggi a Firenze in Prefettura, a cui hanno aderito oltre alla Camera di commercio, la Città Metropolitana il Comune di Firenze, l'Ordine dei commercialisti, le associazioni di categoria, quelle dei proprietari immobiliari e l'Osservatorio mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate.

 

 "Bene ha fatto la Prefettura a promuovere il protocollo sugli affitti commerciali che è una sorta di patto sociale trasversale, dal quale è possibile partire per immaginare un vero e proprio new deal della città", dice Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di commercio. "Lo strumento gratuito della mediazione, anche online, è la risposta che la Camera ha attivato in tempi molto rapidi proprio per aiutare questo processo e rispondere a una esigenza concreta delle imprese", aggiunge Bassilichi.

 

Per quanto riguarda il servizio di mediazione della Camera, le parti (impresa e proprietario) saranno tenute a sostenere esclusivamente le spese di avvio di procedura (48,80 euro), mentre non dovranno versare le restanti spese di procedimento, che trovino un accordo oppure no.

 

Questa forte agevolazione, possibile grazie ai mediatori professionali della Camera che si sono resi disponibili, dovrebbe indurre le parti in lite a ricorrere al servizio camerale fiorentino (conciliazione@fi.camcom.it) per evitare l'intasamento delle aule di giustizia del Tribunale, dove risposte certe in tempi brevi non sono sempre possibili. La mediazione, invece, costituisce lo strumento più idoneo per favorire il mantenimento delle relazioni commerciali e scongiurare il rischio di escalation conflittuale. 


Pronti i bandi della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno per le imprese
Digitalizzazione, smart working e attrezzature anticontagio: 1 milione 120mila euro sul territorio

" "Al via i bandi che la Camera di Commercio ha annunciato per dare un sostegno alle imprese del territorio e spingerle sul terreno della digitalizzazione.

 

Il primo concede contributi a fondo perduto alle micro imprese per gli acquisti fatti in materia di sicurezza anticontagio: mascherine, disinfettanti e tutti i dispositivi atti a contrastare la diffusione del virus. La somma che la Giunta ha stanziato per questa misura ammonta a 700mila euro, dei quali 140mila riservati a tutta la filiera del turismo, particolarmente colpila dalla crisi pandemica. Si rimborsa il 70% delle spese sostenute, fino ad un contributo massimo di 1000 euro.

 

Il secondo bando eroga contributi a fondo perduto per l'acquisto di tecnologie digitali, hardware, software, consulenze su nuovi modelli organizzativi, alle aziende che hanno attivato o attivano contratti di lavoro in modalità smart working per uno o più dei loro dipendenti. La somma che la Giunta ha stanziato per questa misura ammonta a 420mila euro. Si rimborsa il 70% delle spese sostenute, fino ad un contributo massimo di 10mila euro. Questo bando è più articolato in quanto a seconda della durata del contratto SW, dà luogo a contributi di entità diversa. Prevista anche una premialità aggiuntiva per lo SW concesso a persone di genere femminile.

Sullo smart working sono imperniati anche due webinar che il prof. Pasqualino Albi, giuslavorista dell'Università di Pisa, terrà in diretta dal canale You Tube della Camera di commercio lunedì 15 giugno alle 10 e lunedì 22 giugno.

 

 "Come promesso, abbiamo accelerato al massimo l'iter di emissione dei bandi - afferma il Presidente Riccardo Breda - la tempestività è e sarà un elemento determinante degli interventi che abbiamo costruito. Ora ci auguriamo la pronta risposta delle imprese, sono certo che sapranno cogliere questa opportunità".

 

Il testo dei bandi e la modulistica sono presenti sul sito camerale e le domande potranno essere presentate dal 15 giugno al 15 dicembre 2020, salvo esaurimento risorse. 


90mila euro per le PMI pisane che vogliono internazionalizzarsi
Il bando è operativo dal 15 giugno. Necessario un export check-up dell’azienda, ammesse solo le spese di soggetti qualificati.

" "

La Camera di Commercio di Pisa, nell'ambito del Progetto "SEI - Sostegno all'Export dell'Italia", mette a disposizione dal prossimo 15 giugno ulteriori 90mila euro per fornire un supporto concreto alle imprese che vogliono internazionalizzarsi mediante l'accesso a servizi altamente specializzati e qualificati. Con questa iniziativa, l'ente camerale pisano rafforza il sostegno ai processi di internazionalizzazione delle imprese pisane già avviato con un precedente bando, approvato lo scorso febbraio, che aveva messo a disposizione 100mila euro per favorire la partecipazione delle imprese a mostre e manifestazioni fieristiche in Italia e all'Estero.

 

Per ottenere il contributo è necessario un export check-up dell'azienda

Lo strumento a disposizione è ancora quello dei voucher (contributi a fondo perduto in conto esercizio, concessi per il 70% delle spese ammissibili e documentate, fino ad un massimo di 7.000 euro) per la fruizione di servizi di supporto all'internazionalizzazione, volti a rafforzare e diversificare la presenza sui mercati internazionali. Le spese, ovviamente, non devono essere riconducibili ai normali costi di funzionamento dell'impresa, né ad adempimenti di obblighi di legge ma devono essere coerenti con la strategia di internazionalizzazione che emerge dal report di export check-up e/o piano export, rilasciato dalla Camera di Commercio di Pisa. Un check-up che la Camera di Commercio di Pisa si impegna ad effettuare entro 15 giorni dall'iscrizione al portale www.sostegno export.it. E' ammessa una sola domanda per impresa/consorzio/rete che non goda già di abbattimenti di costi da parte della Regione Toscana o di altri Enti Pubblici/Ministeri o ICE Agenzia.

Il punto di vista di Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa

"Con quasi 3 miliardi di euro di controvalore l'anno, e 200 paesi raggiunti, il "Made in Pisa" rappresenta un pilastro della nostra economia. Se nel recente passato il commercio con l'estero ha consentito di compensare la crisi del mercato interno, a maggior ragione può essere determinante in questo momento di ripartenza dopo la fase più acuta della pandemia da Covid-19. Con questo bando, e con le prossime iniziative, vogliamo rinnovare la nostra vicinanza alle imprese con interventi concreti e utili per espandere le possibilità di business del nostro sistema imprenditoriale."

 

Ammissibili le spese di fornitori qualificati per servizi che puntano ad aumentare le chance di successo delle imprese che si internazionalizzano

Le attività di consulenza per le quali è possibile presentare domanda di voucher dovranno essere realizzate solo da Camere di Commercio Italiane all'estero, dalla società consortile del sistema camerale italiano Promos Italia scrl, da ICE Agenzia, SACE, SIMEST, ovvero altri enti specializzati del sistema camerale, nonché da società di consulenza di cui all'elenco dei Temporary Export Manager del Ministero degli Affari Esteri.

Sono ammesse a contributo le spese per i servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l'accesso e il radicamento sui mercati esteri, per individuare nuovi canali, per potenziare gli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera (compresa la progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti di cataloghi/brochure/presentazioni aziendali). Coperti anche i costi per ottenere o rinnovare le certificazioni di prodotto per l'esportazione o per sfruttare determinati canali commerciali, i servizi di assistenza specialistica legale/organizzativa/contrattuale/fiscale legata all'estero, con specifico riferimento alle necessità legate all'emergenza da Covid-19. Ammissibili anche le spese per acquisire capacità manageriali per l'internazionalizzazione attraverso attività formative specialistiche, ma anche per lo sviluppo delle competenze interne attraverso l'utilizzo di temporary export manager (TEM) e digital export manager in affiancamento al personale aziendale. Contributi anche per i costi di realizzazione di "virtual matchmaking" (percorsi individuali o collettivi di incontri d'affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali) e per l'avvio e lo sviluppo della gestione di business on-line (piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali).

 

Ammesse dal bando anche le spese di progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito, la realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua straniera, la partecipazione ad eventi promozionali (esclusi mostre e fiere in Italia ed all'estero per i quali è attivo uno specifico bando della Camera di Commercio di Pisa) organizzati però da ICE Agenzia, Camere di Commercio Italiane all'estero e Promos Italia scrl. Coperte anche le analisi e ricerche di mercato, per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco, la ricerca di clienti/partner, servizi di follow-up per la finalizzazione dei contatti.

 

Il bando, la modulistica e le relative scadenze sono reperibili sul sito della Camera di Commercio di Pisa (www.pi.camcom.it). 


Le imprese di studenti non si fermano: ecco i vincitori di Impresa in azione Toscana 2020

" "

Il programma di educazione imprenditoriale "Impresa in azione Toscana", sostenuto dalle Camere di Commercio, anche quest'anno non si è fermato, ed ha visto trionfare cinque mini imprese di studenti, premiate in due appuntamenti: la competizione interregionale del 21 maggio e l'evento finale Regionale del 28 maggio. 

 

Si è svolto il 28 maggio scorso, in modalità digitale, l'ultimo appuntamento di Impresa in Azione Toscana, programma Junior Achievement, che come ogni hanno vede coinvolte scuole di tutto il territorio nazionale.

 

Il programma didattico, accreditato dal MIUR tra i percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento, sviluppato in Toscana grazie al partner territoriale, Fondazione ISI per l'Innovazione e lo Sviluppo Imprenditoriale, in collaborazione con Unioncamere Toscana, l'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, le Camere di Commercio di Pisa, Lucca, Pistoia, e il Centro Studi e Servizi Az. Speciale Camera di Commercio Maremma e Tirreno con il supporto di Rotary International Distretto 2071 e il patrocinio della Regione Toscana.

 

Più di 180 studenti da tutta la Regione, hanno partecipato al programma senza farsi fermare dalle limitazioni imposte dall'attuale situazione di emergenza, un risultato importante vista la condizione in cui i ragazzi si sono ritrovati, e grazie anche ai professori che li hanno supportati e continuati a guidare in modalità virtuale.

 

La Toscana è stata tra le regioni con il più alto numero di studenti partecipanti con ben 9 mini imprese che si sono sfidate nella finale interregionale, insieme a Liguria e Piemonte e nell'evento finale regionale di questa mattina. Grazie all'uso della tecnologia, gli studenti hanno presentato le loro imprese a giurie qualificate, che hanno decretato i vincitori, assegnando:

Premio ad ex aequo per migliori imprese JA finale interregionale 2020:

Il Team "Power of Nature JA", formato dagli studenti delle classi quarte e quinte dell'ITCG Niccolini di Volterra con indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi Informativi Aziendali e indirizzo Enogastronomico, ha prodotto un cosmetico "alla portata di tutti". Si tratta di una sfera di shampoo creata solo con ingredienti biologici, tipici del territorio Volterrano, comoda, ecologica e nutriente. Queste sfere possono avere, infatti, tre ingredienti principali: il vino, il miele e il latte. https://powerofnatureja.zyrosite.com/ 

I ragazzi del Niccolini hanno convinto la giuria per aver saputo valorizzare con un prodotto tradizionale i temi della sostenibilità e del territorio e per aver mostrato di essere non soltanto resilienti ma anche reattivi rispetto all'emergenza sanitaria adattando il prodotto e le strategie di vendita al particolare momento.

 

La mini-impresa jaDEDALO, dell'ITTS Fedi-Fermi Pistoia, ha invece sviluppato "Agorà", una software app che permette agli studenti di comunicare tra loro, anche se in in classi o scuole diverse. L'interconnettività che si creerà tra gli studenti permetterà a tutti loro di fare nuove conoscenze, di aiutarsi vicendevolmente e di conoscere nuovi ambienti, ampliando in questo modo l'innovativo network di Agorà. http://jadedalo.com/. Il team di jaDEDALO ha stupito per la provata capacità di teamwork, di cura negli aspetti di comunicazione e nell'aver realizzato e presentato una versione demo dell'app realizzata.

Le due mini imprese, parteciperanno alla prima storica finale nazionale virtuale BIZ Factory il 5 giugno prossimo attraverso un evento interamente digitale, affrontando le classi finaliste delle altre regioni italiane per il titolo di Migliore Impresa JA 2020. La classe vincitrice avrà, inoltre, l'opportunità di percorrere il ponte verso l'Europa che questa iniziativa offre, e avrà l'onore di rappresentare l'Italia a livello europeo nella JA Europe Company of the Year Competition in una stimolante esperienza virtuale internazionale.

 

La Fiera digitale di Impresa in Azione ha visto un numero davvero consistente di progetti di valore sviluppati dagli studenti e fra questi sono stati premiati anche con una menzione speciale gli studenti delle classi 2^APM, 3^APM e 4^APM dell'ISIS Valdarno e G. Marconi di Arezzo, con il team Covetfashion JA: insieme hanno realizzato ben 5.000 mascherine protettive in tessuto non tessuto. La mini-impresa nasce come società tutta al femminile di consulenza di marketing e di ricerca tessile, che in questo momento storico di pandemia, è riuscita a contribuire concretamente all'emergenza COVID-19. Attraverso un'ATI con la Scent JA, altra mini-impresa JA, è iniziata la produzione di mascherine di protezione in TNT.

"Voglio personalmente fare i miei complimenti a tutti gli studenti e ai loro professori, che nonostante tutto quello che è successo, e sta succedendo, sono riusciti a portare avanti un progetto cosi ambizioso e con ottimi risultati" ha dichiarato Valter Tamburini - Presidente di Fondazione Isi. "Il percorso di Impresa in Azione è un percorso che cerca di allenare l'imprenditorialità e il problem solving. E, mai come quest'anno, i ragazzi sono stati chiamati a risolvere un grande problema a causa di questa emergenza. Ma, allo stesso tempo, hanno potuto constatare che con impegno e passione si possono sempre raggiungere gli obiettivi prefissati".

Durante l'evento finale di ieri mattina, gli studenti hanno avuto un'ulteriore occasione per confrontarsi e per mostrare ad una giuria qualificata, le loro idee d'impresa attraverso brevi pitch, mostrando la forza del gruppo di lavoro e le strategie di marketing messe in atto.

 

La giuria composta da Cristina Martelli, Presidente Commissione Azione Professionale Rotary 2071, Daniele Ciampalini, RD RotarAct Rotary 2071 e Caterina Pampaloni di Unioncamere Nazionale, ha assegnato due personal computer, messi a disposizione dal Distretto Rotary 2071 per i seguenti premi speciali:

-         Miglior Team e Comunicazione assegnato a Tshare JA, dell'Istituto Fedi di Pistoia, per aver elaborato una strategia di marketing molto articolata, incentrata sulla share economy e sul digitale, dimostrando al contempo doti di leadeship del team proponente;

-         Miglior Business Model conseguito da Smart Recycling , dell'Istituto Pertini di Lucca, per il miglior modello di business per aver coniugato originalità dell'idea, economia circolare, attenzione alla comunità, dimostrando capacità di intercettare bisogni e la loro evoluzione in epoca di emergenza sanitaria.

 

 

 

ELENCO IMPRESE PARTECIPANTI

 

Nome Impresa JA

classe

Denominazione Istituto Superiore

Comune

Covetfashion JA

4APM

G. MARCONI

San Giovanni Valdarno (AR)

Scent JA

2I

ISIS VALDARDO

San Giovanni Valdarno (AR)

TShare JA

5IC

ISTITUTO TECNICO IND.LE S.FEDI

Pistoia

JaDedalo

5IC

ISTITUTO TECNICO IND.LE S.FEDI

Pistoia

Turnbrella JA

5A

ISTITUTO TECNICO IND.LE S.FEDI

Pistoia

EcoPon JA

5A

ISTITUTO TECNICO IND.LE S.FEDI

Pistoia

Power Of Nature JA

interclasse

F. NICCOLINI

Volterra (PI)

4B Better ja

4B

PERTINI

Lucca

SmartRecycling JA

4A

PERTINI

Lucca

 

 

 

Contatti

 

Fondazione ISI - Fondazione di partecipazione per l'Innovazione e Sviluppo Imprenditoriale

 

info@fondazioneisi.org
Web: www.fondazioneisi.org

Valentina Bartalini

valentina.bartalini@fondazioneisi.org |3479397698

 

JA Italia 

 

Ufficio Stampa Noesis 
Elena Cerutti 

elena.cerutti@noesis.net | 348 3175490 

Ambra Chirico 
ambra.chirico@noesis.net| 02 83105 142 

 

JA Italia 

Chiara Fertonani 

Chiara.fertonani@jaitalia.org |340 2929545 

 


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento


Logo Sincert


Stampa