Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  8 -  venerdì 7 marzo 2014 - anno  13
Attività Istituzionale
E' Dino Sodini i nuovo Presidente della Camera di Commercio di Massa Carrara

Il Presidente Dino SodiniIl Consiglio della Camera di Commercio di Carrara, nella riunione del 4 maggio scorso, ha eletto all'unanimità Dino Sodini Presidente dell'Ente di Piazza II Giugno.

 

Sodini ha 49 anni e per la prima volta Consigliere della Camera di Commercio ma vanta una lunga esperienza imprenditoriale alla guida di un'impresa artigiana aperta ai mercati esteri e come Presidente della CNA di Massa Carrara.

 

Il Presidente, appena eletto, ha ringraziato gli Uffici della Camera e soprattutto i colleghi delle Associazioni di categoria che hanno dato prova di condivisione di intenti e di tempestività durante tutte le procedure che hanno portato ai rinnovi degli organi e all'elezione del Presidente.

 

"La collegialità che ci ha contraddistinto in questa fase - ha detto Sodini - sarà anche il tratto distintivo della mia presidenza, così come la ricerca del giusto equilibrio fra continuità e innovazione rispetto al passato. In questo momento di criticità nei rapporti tra imprese e pubbliche amministrazioni la Camera di Commercio di Massa-Carrara dovrà dare un esempio positivo, semplificando procedure, accorciando i tempi di conclusione dei procedimenti burocratici, leggendo le aspettative dei propri utenti, così come sanno fare gli imprenditori nei confronti dei loro clienti. Lavoreremo fin da subito sull'organizzazione, cercando di migliorare l'efficienza dell'Ente e ricercando la più completa trasparenza delle procedure. Vorrei - ha detto inoltre il Presidente Sodini - una Camera di Commercio aperta, nella quale ogni imprenditore, ogni Associazione, ogni Istituzione possa trovare un interlocutore disponibile e qualificato, senza segreti, senza nessuna riserva per alcuno. Non voglio oggi delineare le linee strategiche del mio mandato perché saranno frutto di un lavoro condiviso tra tutti, ma vorrei già oggi sottolineare l'importanza, e non solo per la Camera di Commercio di Massa-Carrara ma per tutta l'area vasta, dell'Istituto di Studi e Ricerche "I.S.R.", che da tempo sviluppa analisi e valutazioni che ci saranno utili per fondare le nostre decisioni. Ripartiremo dal territorio: dall'industria del marmo, dal turismo, dall'edilizia, così duramente segnata dalla crisi. Il contesto economico in cui ci troviamo è tra i più drammatici della storia del nostro territorio.

Per questo cercheremo di agire fin da subito, finalizzando al meglio le risorse del bilancio 2014, ricercando ogni opportunità che derivi dal sistema camerale, regionale e nazionale. Il riferimento al Sistema camerale comporta una riflessione sull'orizzonte istituzionale che abbiamo di fronte. Anche i nostri Enti, come tutta la pubblica amministrazione, non potranno essere esclusi da interventi riformatori. Meglio se saremo noi stessi ad impegnarci su processi di autoriforma. Di sicuro possiamo unire le forze con altre Camere toscane per svolgere insieme alcune funzioni, ad esempio, in tema di internazionalizzazione o proprio di studi e ricerche, mettendo a comune il know how del nostro istituto. Entro il mese di marzo - ha concluso Sodini - con l'elezione della Giunta, diventeremo operativi, mettendo a punto già da subito un pacchetto di interventi per le PMI locali. "

 

Unioncamere Toscana, nel salutarlo, esprime i migliori auguri di buon lavoro al Presidente Sodini.

 


Scuola dell’olio: incontri sulla filiera dell’olio extravergine di oliva

Nell'aprile 2013 Regione Toscana e Unioncamere Toscana hanno sottoscritto un protocollo di intesa tramite il quale hanno manifestato la volontà di promuovere e realizzare il progetto denominato Scuola dell'olio  mediante iniziative finalizzate allo sviluppo qualitativo del comparto olivo - oleicolo,  con l'attuazione sistematica di attività di informazione, formazione, comunicazione, aggiornamento e trasferimento delle conoscenze. La Scuola dell'olio è nata con l'obiettivo di divenire polo di interesse per quanti desiderano ampliare la propria conoscenza sulla filiera dell'olio extra vergine di oliva e intendano promuoverne la cultura; si rivolge a un'utenza eterogenea che comprende gli operatori professionali, con particolare riferimento al mondo agricolo, alla trasformazione, al commercio e alla ristorazione, i frantoi, il personale medico, i nutrizionisti, le associazioni dei consumatori e i loro associati, gli assaggiatori, gli appassionati del settore. Con la firma del protocollo, Unioncamere Toscana si è impegnata a presentare annualmente alla Regione Toscana un programma di attività; il programma della prima annualità si conclude ad aprile 2014.

 

Tra le prossime iniziative della Scuola dell'Olio in chiusura della prima annualità e che saranno realizzate entro il prossimo 2014, si evidenziano una serie di incontri formativi e informativi sulla filiera dell'olio extravergine di oliva, organizzati dai soggetti firmatari del protocollo in accordo con le Organizzazioni Professionali Agricole e con le Associazioni dei Produttori Olivicoli, con la collaborazione tecnica di Metropoli - Azienda Speciale della CCIAA di Firenze - Divisione Laboratorio Chimico Merceologico. Gli incontri si differenziano tra loro per i contenuti e per i soggetti a cui si rivolgono. Saranno svolti due incontri dedicati alla conoscenza dell'olio attraverso le tecniche e i metodi di assaggio, destinati ai consumatori e a quegli olivicoltori che desiderano migliorare la qualità del proprio olio anche attraverso una maggiore conoscenza delle sue caratteristiche organolettiche; un terzo incontro - articolato in tre successivi appuntamenti - affronta anche temi di natura agronomica e di elaiotecnica e si orienta maggiormente verso gli operatori del settore olivicolo-oleario. Queste iniziative del periodo marzo-aprile 2014 vengono realizzate con la collaborazione di alcuni tra i più importanti frantoi cooperativi toscani oltre che della Strada dell'olio dei borghi e dei castelli della Val di Nievole.

 

La partecipazione agli incontri è gratuita in quanto l'iniziativa fa parte del programma di attività Scuola dell'olio cofinanziato da Regione Toscana e Unioncamere Toscana. Per maggiori informazioni, si allegano programma e locandina delle iniziative. Occorre iscriversi inviando la scheda di adesione alla segreteria organizzativa di Metropoli almeno tre giorni prima dell'incontro cui si intende partecipare. A tutti i presenti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

 


Registro Imprese sempre più trasparente
Cambia la visura camerale: più chiara e accessibile ... anche con lo smartphone.

" "Con un nuovo volto ed elementi innovativi, entra in scena la rinnovata visura camerale. A partire dal 5 marzo infatti, tra veste grafica rivista, un'organizzazione dei contenuti più funzionale e il QR Code, aziende, amministrazioni, professionisti e cittadini, nella consultazione dei dati del Registro delle Imprese, possono ottenere informazioni ancora più chiare, complete, accessibili e garantite.

 

Oggi la visura ufficiale è più… - Spazio dunque alle novità nella visura camerale, per incontrare sempre meglio le esigenze degli utenti. Informazioni più chiare e complete, grazie alla nuova veste grafica della visura camerale e di tutti i documenti ufficiali, che facilita la lettura dei principali dati dell'impresa. Informazioni più accessibili e garantite, grazie al QR Code che consente ovunque e in qualsiasi momento di recuperare il documento originale direttamente da smartphone e tablet e confrontarlo con quello in proprio possesso.

 

Chiarezza e semplicità già dalla prima pagina - Da oggi sulla prima pagina della visura sono evidenziate le principali informazioni dell'azienda: i suoi dati anagrafici ed economici, le informazioni relative all'attività esercitata e un riepilogo dei documenti e delle certificazioni dell'impresa. Grazie all'indice navigabile si può accedere direttamente alle informazioni da approfondire ed avere una sintesi dei dati principali grazie agli schemi presenti all'inizio di ogni paragrafo.

 

QR Code, maggiore garanzia rispetto al passato - Accanto ai miglioramenti introdotti per semplificarne la lettura, non mancano cambiamenti anche sul fronte tecnologico, con l'arrivo, nella prima pagina della visura camerale, del QR Code, cioè il nuovo codice identificativo dei documenti ufficiali della camera di commercio, grazie al quale chiunque può verificare la corrispondenza tra il documento in suo possesso e quello archiviato dal Registro Imprese al momento dell'estrazione. La lettura del QR Code avviene tramite l'app "RI QR Code" realizzata da InfoCamere e scaricabile gratuitamente dai principali store o dal portale delle Camere di Commercio registroimprese.it.

Registro Imprese, oggi più di ieri - Definito dal Codice dell'Amministrazione Digitale come una delle basi di dati di interesse nazionale, il Registro Imprese, strumento di trasparenza economica, grazie alle novità odierne diventa ancora più trasparente.

 

Le banche dati camerali sono rese disponibili, anche attraverso la rete dei Distributori, operatori professionali attivi nel mercato delle informazioni commerciali e del recupero crediti, che contribuiscono ad aumentare la diffusione del patrimonio informativo delle Camere di Commercio verso le imprese e i cittadini.

Oggi più di ieri il Registro Imprese fornisce un quadro chiaro, completo e garantito sul mondo delle imprese italiane.


Attività Studi & Ricerche
Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


I programmi occupazionali delle imprese toscane nel I trimestre 2014
- Comunicato stampa


I programmi occupazionali delle imprese toscane nel I trimestre 2014
- Bollettino Centro Studi Unioncamere

Notizie dal mondo camerale
Firenze - "Olio Capitale 2014"

Logo della Camera fiorentina La Camera di Commercio di Firenze sarà presente per la prima volta ad "Olio Capitale" nuovamente nelle sale rinnovate della Stazione Marittima, in pieno centro sul fronte mare cittadino, dal 7 al 10 marzo.
 
"Olio Capitale 2014"
ospiterà, come di consueto, le migliori produzioni olearie nazionali ed internazionali e, all'interno dello stand camerale fiorentino, sarà possibile degustare una selezione delle migliori produzioni DOP Chianti Classico e IGP Toscano.

 


Lucca - Rinnovato l’elenco di docenti ed esperti

Logo della Camera lucchese La Camera di Commercio di Lucca rinnova l'elenco di docenti ed esperti in varie materie oggetto di inziative ed attività promozionali per le imprese, tra cui l'internazionalizzazione, l'innovazione, il marketing, la comunicazione, la legislazione comunitaria etc...

 

L'elenco avrà la consueta durata triennale e, come elemento di novità, è stato suddiviso in due Sezioni - una Generale dedicata ai servizi di docenza e ad altri servizi di assistenza tecnica alle imprese, ed una Specialistica dedicata agli esperti per l'assistenza alla redazione del business plan.

 

La lista di esperti in redazione di business plan formata lo scorso anno confluisce, quindi, in un unico elenco, acquisendone anche il termine di scadenza.

 

Nel bando sono indicati i requisiti necessari all'ammissione in una o entrambe le Sezioni indicate, e le modalità per la presentazione della domanda.


Pisa - Emergenza maltempo: contributi per le imprese danneggiate

Logo della Camera pisana L'ondata di maltempo delle ultime settimane ha recato danni alle imprese di alcuni comuni della provincia di Pisa. Per tamponare l'emergenza, la Camera di Commercio di Pisa ha messo a disposizione delle aziende un contributo straordinario a fondo perduto, fino ad un massimo di 10mila euro per singola impresa, che intende coprire il 30% dei costi delle attività di bonifica del sito produttivo ed il 20% delle spese sostenute per acquistare le scorte necessarie al proseguimento dell'attività.

 

Le aziende attive e regolarmente iscritte al Registro delle imprese colpite da esondazioni, alluvioni e allagamenti successivamente al 31 gennaio 2014, su specifica attestazione dei Comuni competenti, potranno presentare richiesta di contributo alla Camera di Commercio di Pisa seguendo le indicazioni del Bando scaricabile sul sito internet della Camera di Commercio di Pisa www.pi.camcom.it alla sezione Sostegno alle imprese / Contributi e finanziamenti.

 

Le domande di contributo possono essere presentate dal 24 febbraio fino al 31 marzo 2014 salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse.

 

Il commento del Presidente Pierfrancesco Pacini

"A fronte dei fatti cui abbiamo assistito lo scorse settimane - afferma il Presidente Pierfrancesco Pacini -  la Camera di Commercio di Pisa non può far finta di niente. Correre in aiuto delle imprese così duramente colpite dal maltempo - ribadisce Pacini - non è solo un dovere ma anche un imperativo di ordine morale perché è proprio in queste occasioni che la Pubblica Amministrazione deve mostrarsi vicina alla propria comunità di riferimento che per le Camere di Commercio è rappresentata dalle imprese del proprio territorio."

 

 


Firenze - Okay Casa, risolte due emergenze al giorno
Dopo due anni il servizio di riparazioni immediate pronto ad allargarsi ai fabbri e ai Comuni dell’hinterland. Galgani: "Le tariffe massime prestabilite hanno azzerato i comportamenti scorretti"

Logo della Camera fiorentina Un tubo che perde, una scintilla di troppo, un muretto pericolante: le emergenze in casa possono creare grandi difficoltà alle famiglie. E non sempre, nei momenti di bisogno, è disponibile il riferimento di un professionista affidabile per risolvere l'imprevisto.

 

Per questo, da aprile 2012, la Camera di Commercio di Firenze ha organizzato un servizio di reperibilità 24 ore su 24, festivi compresi, sul comune di Firenze, che consente di richiedere interventi di riparazione urgente a tariffe massime prefissate. Il sistema indirizza automaticamente la chiamata a una delle 60 imprese aderenti certificate più vicine e al momento reperibili per il settore desiderato.

 

Il servizio, che è raggiungibile al numero 199.20.18.16, è stato accolto con grande favore e di media ha due chiamate ogni giorno feriale. Complessivamente, sono state 697 le telefonate ricevute fino al 31 dicembre 2013: il 60 per cento di queste per richiedere l'intervento di un idraulico, il 26 per cento per necessità nel settore elettrico, mentre nel 14 per cento dei casi c'è stato bisogno di una piccola opera edile.

 

"Grazie alla collaborazione delle associazioni di categoria e dei consumatori, il servizio Okay Casa non solo ha contribuito in modo trasparente a fornire un servizio con tariffe massime prefissate stabilite basandosi sul prezzario delle opere edili e impiantistiche, ma è stato anche un formidabile strumento per azzerare i comportamenti scorretti che purtroppo si erano verificati in passato, a tutela delle imprese che operano con serietà e di tutti i cittadini", ha commentato Vasco Galgani, Presidente della Camera di Commercio di Firenze.

 

Le tariffe massime, invariate dall'inizio del servizio, prevedono costi differenti in base al momento della chiamata: si parte da una cifra massima di 39 euro all'ora (IVA inclusa) durante il giorno e si arriva a un massimo di 60 euro (IVA inclusa) per le ore notturne dei week-end. Il 75 per cento degli interventi è risolto nel giro di una o due ore e il 65 per cento avviene dalle 9 alle 17. La maggior parte delle chiamate arriva dal centro storico (32 per cento) e dal quartiere 5 (27 per cento); agosto e dicembre sono i mesi nei quali è maggiormente richiesto il servizio.

 

"Il buon risultato acquisito finora ci ha spinti voler migliorare le prestazioni, tanto che è allo studio l'allargamento di Okay Casa alla categoria dei fabbri e ai comuni dell'hinterland fiorentino, in modo da coinvolgere nella gestione veloce e affidabile delle emergenze casalinghe un numero sempre maggiore d'imprese e di cittadini", ha sottolineato Galgani.

Gli operatori aderenti a Okay Casa sono muniti di tesserino di riconoscimento con fotografia. Non è richiesta alcuna spesa per il diritto di chiamata, mentre la telefonata ha un costo variabile in base all'operatore telefonico (0,13 euro al minuto dalla rete fissa).

 

Il progetto Okay Casa è un servizio alla città realizzato dalla Camera di Commercio di Firenze e il sostegno organizzativo delle associazioni di categoria e dei consumatori Confindustria Firenze, Cna Firenze, Confapi Firenze, Confartigianato Imprese Firenze, Mdc Firenze, Adiconsum Toscana, Adoc Toscana, Adusbef Toscana.

 


Lucca - MEPA – Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione opportunità per le imprese
Seminario di aggiornamento per le imprese sui nuovi strumenti informatici per lavorare con le P.A.

Logo della Camera lucchese Nuove opportunità per le imprese che vogliono lavorare come fornitori di beni e servizi per le pubblixhe amministrazioni grazie ai nuovi strumenti informatici: il sistema dinamico di acquisizione, gli accordi quadro, le convenzioni Consip, il Mercato Elettronico della PA.

 

La Camera di Commercio di Lucca, in collaborazione con la Fondazione Promo P.A., organizza il 5 marzo una giornata formativa finalizzata a proporre alle imprese un inquadramento generale degli strumenti ed un approfondimento sul piano pratico-operativo per la gestione degli acquisti di beni e servizi sul MERCATO ELETTRONICO della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (M.E.P.A.) attraverso il portale web www.acquistinretepa.it.

 

Sarà dedicato spazio al nuovo sistema Consip per gli acquisti di beni e servizi nella PA esplicitando nello specifico i requisiti per essere fornitori della Pubblica Amministrazione.

 

Saranno analizzate, attraverso una simulazione pratica dell'utilizzo del portale www.acquistinretepa.it, le funzionalità del nuovo sistema di e-procurement: l'individuazione dei beni e servizi disponibili, l'area personale, la fase di registrazione e abilitazione e la gestione vera e propria del catalogo elettronico attraverso la navigazione guidata per la Partecipazione di un Ordine Diretto (O.D.), la Risposta alla Richiesta di Offerta (R.d.O.) e l'Aggiudicazione di una R.d.O.

 

Sarà inoltre presentato il servizio "Sportelli in Rete" che Acquistinretepa.it mette a disposizione delle imprese come supporto alle fasi operative.


Grosseto - L’andamento congiunturale del settore commerciale nel IV Trimestre 2013

Logo della Camera grossetana Si rinnovano i risultati negativi per il settore distributivo della provincia di Grosseto. Anche nell'ultimo trimestre del 2013 tutti gli indicatori segnano rosso sia a livello generale (-8,6% rispetto lo stesso trimestre del 2012) che per tipologia di vendita. Soffre soprattutto la piccola distribuzione (-10,4%), anche se la media (-7,5%) e la grande distribuzione (-4,2%) fanno registrare valori preoccupanti. In forte calo pure per il settore alimentare (-8,4%) ed il no food (-10%). La performance negativa di Grosseto supera quella di tutte le altre province della Toscana; mai, in Maremma, nei 9 anni di osservazione del fenomeno, si è rilevato un periodo finale dell'anno con le vendite così a picco. Previsioni sempre poco confortanti per il breve e medio termine.

 

Nei giorni scorsi giorni l'Osservatorio Regionale sul Commercio ha trasmesso i risultati relativi all'indagine congiunturale relativa all'ultimo trimestre del 2013 che saranno presentati a Firenze la prossima settimana, per quanto concerne il rilievo regionale. L'ufficio studi della Camera di commercio di Grosseto ha proceduto a disaggregare i dati a livello provinciale effettuando delle elaborazioni ed approfondimenti che consentono a Gianni Lamioni, Presidente della Camera di Commercio di Grosseto, di effettuare una riflessione di livello generale ed un richiamo per lo "spaccato" maremmano

 

"Come evidenziato in passato, le festività natalizie in tempo di crisi non risultano più, stante la particolare situazione delle famiglie e del Paese, sottolinea Lamioni, una opportunità per il rilancio dei consumi o comunque per sostenere in un qualche modo il settore commerciale. Questa nostra ipotesi trova purtroppo conferma, oltre che dalla autorevole fonte dall'Istat per quanto riguarda la nazione nel suo insieme, dai dati contenuti nella periodica indagine congiunturale dell' Osservatorio Regionale sul Commercio dove riscontriamo che il sistema locale della piccola e media imprenditoria commerciale sconta una pesantissima crisi economico-finanziaria che attraversa, pur in intensità variabile, tutto il settore. Una recente ricerca di Banca d'Italia sui bilanci delle famiglie italiane ha rilevato che tra il 2010 e il 2012 il reddito familiare medio è calato in termini nominali del 7,3 per cento, quello equivalente del 6; mentre la ricchezza media è diminuita del 6,9 per cento. Con una tale situazione dei bilanci familiari è senza dubbio corretto prevedere che l'andamento dei consumi, anche in Maremma, non poteva che risentirne pesantemente. In particolare, volgendo lo sguardo al nostro piccolo universo, rileviamo che il fatturato complessivo delle imprese commerciali della provincia di Grosseto fa registrare un preoccupante -8,6% rispetto allo stesso periodo del 2012. "

 

Il panel degli operatori commerciali della provincia di Grosseto dichiara per il periodo ottobre-dicembre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012, un ulteriore peggioramento del trend complessivo delle vendite negli esercizi al dettaglio (-8,6% a fronte di -7,1% riscontrato nel trimestre precedente). Il valore registrato da Grosseto risulta, in assoluto, il più elevato nella regione Toscana; infatti nella graduatoria crescente Grosseto supera, in negativo, tutte le altre 9 province toscane, con significative distanze di alcuni punti, eccezion fatta per Massa Carrara che ha un valore inferiore di solo 3 decimi di punto (-8,3%). Mai, nei 9 anni di osservazione del fenomeno, in Maremma si è rilevato un fine anno con le vendite così a picco.

 

Inoltre in provincia di Grosseto il persistente andamento negativo, come in più occasioni rilevato nei precedenti commenti, rinnova una prolungata flessione (negli ultimi sei anni - in tutte le indagini trimestrali il valore complessivo delle vendite al dettaglio risulta caratterizzato, senza soluzione di continuità, dal segno meno) che si manifesta, ancorché con spiccate diversità, in tutte e tre le tipologie del commercio al dettaglio. Le difficoltà maggiori si riscontrano, anche in questo trimestre, nella piccola distribuzione, 1-5 addetti, (-10,4% per Grosseto, che precede, nell'ordine, Massa Carrara con -9,8 % e Livorno con -8,4%, chiude la classifica Lucca con (-2,7%). La situazione non è di molto diversa per la media distribuzione, 6-19 addetti, dove con -7,5% si registra una sostanziale conferma del valore del trimestre precedente (-8%), superiore di oltre due punti di quello di Lucca, seconda classificata (-5,3%). Tenendo presente i numeri da "capogiro", il settore che sembra "soffrire" di meno, ma pur sempre in incremento negativo rispetto a quanto riportato nel terzo trimestre (-3,1%), è la grande distribuzione, 20 e più addetti, con -4,2%.  Solo per  questa tipologia di esercizio Grosseto, per un punto percentuale, perde la "maglia nera"tra le province toscane; infatti Massa Carrara (-5,2%) fa riscontrare valori peggiori .

 

Nel passare ad un esame del dato disaggregato in esercizi specializzati per distinta tipologia di vendita si rileva che nel quarto trimestre 2013, pur mantenendo una certa differenza, la distanza tra food  no food risulta decisamente più contenuta di quella fatta registrare nel III trimestre. Infatti mentre per il primo, il food, l'andamento tendenziale del volume di affari passa da -2,3% del III trimestre a -8,4% del periodo di osservazione, per il secondo, il no food, negli stessi periodi, si registrano, -10,1% e -10%.

 

La serie storica evidenzia tra l'altro come la "gravità" della crisi abbia inciso notevolmente anche in un settore, come quello dei generi alimentari, che nel periodo delle festività natalizie, almeno in un ormai lontano passato risultava particolarmente dinamico. Difatti, a partire dal 2010, il trend dei consumi alimentari nel periodo ottobre-dicembre, risulta sempre più negativo di quello del trimestre precedente (si veda in proposito la citata indagine nazionale sul commercio al dettaglio nel mese di dicembre 2013 realizzata dall'Istat). Probabilmente oltre la riconosciuta contrazione generalizzata dei consumi incide anche un diverso orientamento nei confronti della tipologia dei generi alimentari privilegiando, a parità di quantità, prodotti di livello qualitativo inferiore o comunque di marche meno note e costose.

Si rinnova inoltre il trend negativo delle vendite negli ipermercati, supermercati e grandi magazzini (-2,1% per Grosseto a fronte di-4% e -0,1%, rilevati, rispettivamente, nel secondo e terzo trimestre 2013); a conferma che un certo e rilevante spostamento di clientela verso i punti di vendita di maggiori dimensioni, non riesce comunque a compensare il drastico taglio dei consumi il quale, peraltro, viene "accompagnato" da un certo re-indirizzo, all'interno della categoria, verso quelle strutture meno caratterizzate per i brand (hard discount).

 

Continuando nella operazione di approfondimento del dato complessivo ed in particolare nella disaggregazione del segmento degli esercizi specializzati non alimentari- no food, tabella n. 3, si rileva che tutte le voci, nessuna esclusa, fanno registrare un marcato andamento recessivo. Dai dati richiamati si evince che, tra le tre distinte voci, quella che rileva in assoluto il peggior risultato dal 2005, anno di inizio dell'indagine congiunturale, riguarda il settore classificato come altri prodotti non alimentari  che con -11,1% fa registrare una ulteriore caduta rispetto al già preoccupante -10,1% del trimestre precedente. Probabilmente per tale segmento l'orientamento dei consumatori verso quelli che per praticità potremmo indicare come prodotti di igiene della persona (prodotti farmaceutici, erboristerie ecc) e della mente (libri, giornali) risulta mutato a causa di alcune riconsiderazioni delle priorità di spesa o dalla crescente concorrenza di altre forme di vendita (internet).

Continuano a soffrire anche il settore dei prodotti per la casa ed elettrodomestici (-9,5%) e quello dell'abbigliamento ed accessori (-7,8%). Per ambedue i comparti si tratta di una conferma di performance negative che nel caso dei prodotti elettrodomestici risultano solo ed in minima parte mitigati dall'effetto regalo/strenna natalizia; effetto che pure in altri momenti ha significato molto per le vendite a dettaglio.

Le difficoltà in cui si imbattono le imprese commerciali si manifestano appieno anche sul fronte delle aspettative a breve termine dove si riscontra che il clima di fiducia degli imprenditori grossetani, nonostante i saldi invernali, risulta "preoccupato e preoccupante", rinnovando quanto palesato negli ultimi trimestri. Ciò vale soprattutto per quanto riguarda le imprese della piccola e della media distribuzione (tabella 4). Infatti, le aspettative degli imprenditori grossetani per il I trimestre 2014 nel complesso risultano pari a -43 (il saldo complessivo fra attese di incremento e decremento delle vendite risultava, nel trimestre precedente, -32); nello specifico la differenza fra attese di incremento e decremento risulta pari a -51 e -44, rispettivamente, per la piccola e media distribuzione (nello stesso periodo del 2012 era uguale, rispettivamente a -41 e -54). Indicativo anche il valore riscontrabile per la grande distribuzione dove la differenza algebrica fra attese di incremento e decremento delle vendite risulta -19. L'effetto combinato della crisi dei consumi e della variazione dei comportamenti di acquisto dei consumatori, trova una indiretta conferma nelle accresciute difficoltà a "gestire" il livello delle scorte di magazzino. A tale proposito dall'indagine rileva che l'85% degli imprenditori commerciali maremmani intervistati ritiene che le giacenze di magazzino siano adeguate rispetto alle proprie esigenze, mentre il 9% dichiara un esubero delle scorte e solo il 6% le ritiene scarse.

 

Spostando attenzione dal breve al medio termine, registriamo una sostanziale conferma del clima di diffusa incertezza e di malcelata preoccupazione che si respira tra gli imprenditori commerciali. Infatti da un esame dei dati relativi alla domanda sull'orientamento delle imprese circa l'evoluzione dell'attività nei prossimi dodici mesi, tabella n. 5, si rileva che solo il 20 % degli imprenditori grossetani prevede uno sviluppo dell'attività (era il 13% ed il 20% nelle due ultime indagini), il 68% una stabilità (era il 73% ed il 74 %) mentre l'11% la diminuzione (erano il 12% ed il 5%); e l'1 % (in precedenza2% e 1%) ritiene il probabile ritiro dal mercato.


Livorno - L’Elba decolla in Svizzera, una destinazione sempre più vicina
In occasione della presentazione dei nuovi voli che collegheranno Svizzera e Isola d’Elba una giornata dedicata agli incontri tra stampa, imprenditori e tour operator svizzeri ed elbani per presentare le eccellenze del territorio

Logo della Camera livornese A partire dal 20 giugno nuovi voli della Silver Air collegheranno l'aeroporto elbano di Marina di Campo con quello svizzero di Lugano. Un'ulteriore opportunità, annunciata in occasione dell'evento organizzato dalla Camera di Commercio di Livorno in collaborazione con Confcommercio Elba, Alatoscana S.p.A, Associazione Albergatori dell'Isola d'Elba e Unione Comuni Elbani, di raggiungere l'Isola in meno di un'ora di volo e scoprire tutto quello che questa perla del arcipelago Toscano ha da offrire.

 

Titolo della giornata "Isola d'Elba tra turismo, moda e benessere" che ha avuto lo scopo di presentare agli operatori e ai media svizzeri intervenuti, le attrattive dell'isola e le sue potenzialità imprenditoriali.

 

"Questo intervento mira a sottolineare il nuovo connubio tra turismo e moda nel nostro territorio" - spiega Franca Rosso, Membro della Giunta camerale e Presidente di Confcommercio Elba - "Abbiamo presentato le aziende elbane diventate famose nel campo della moda e del benessere oltre alle eccellenze enogastronomiche che fanno conoscere le nostre tradizioni nel mondo". Una vera vetrina espositiva riservata ai prodotti d'eccellenza dell'Isola d'Elba, arricchita dalle immagini suggestive del territorio, come quella che rimarrà all'interno dell'aeroporto fino a settembre 2014.

"La Camera di Commercio crede nelle mille risorse dell'Elba e vi ha investito molto, a partire da questa iniziativa concreta, che consente alle imprese elbane di presentarsi e alle strutture ricettive di far conoscere le loro migliori offerte a importanti agenzie di viaggio" - osserva Pierluigi Giuntoli, Segretario Generale della Camera di Commercio di Livorno -. "All'aeroporto di Lugano lasciamo anche un ricordo elbano "permanente": due vetrine con alcuni degli oggetti più accattivanti che provengono dall'Isola, per l'intera stagione estiva. Abbiamo lavorato a stretto contatto con l'aeroporto di Lugano per realizzare questa ambiziosa iniziativa e credo di poter dire che ci siamo riusciti..."

 

Questo sarà infatti un anno importante per l'isola, in quanto interamente dedicato a Napoleone in occasione del bicentenario del suo arrivo nel 1814. A maggio inizieranno le celebrazioni con lo "sbarco" di 200 figuranti e l'allestimento della tenda imperiale, una reggia itinerante mai vista in Italia.

Il progetto Bicentenario - coordinato da Antonella Giuzio, Assessore alla Cultura, promozione dell'immagine del Comune di Portoferraio - è frutto della collaborazione e sostegno del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, della Regione Toscana, della Provincia di Livorno, della Gestione Associata del Turismo dei Comuni dell'Isola d'Elba, del Comune di Piombino, della Fondazione Livorno e della Toremar. Un programma ricco di iniziative che vedrà come protagonista questa isola dove, a dieci minuti da uno dei mari più belli del Mediterraneo, si può trovare di tutto, dal benessere al trekking, come anche natura e cultura.

 

L'Elba quindi riconferma la sua vocazione turistica guardando con particolare attenzione alla Svizzera. Questo è testimoniato dai numerosi voli, come sottolinea Claudio Boccardo, Amministratore Delegato di Alatoscana S.p.A.: "Siamo particolarmente lieti di annunciare il collegamento diretto con Lugano, che si va ad aggiungere alle altre 4 destinazioni svizzere servite dall'Aeroporto di Marina di Campo nella stagione estiva 2014: Berna - 4 frequenze settimanali , Zurigo - 2 frequenze settimanali, Altenrhein e La Chaux-de-Fonds, una ciacuna. Inoltre, grazie agli importanti interventi recentemente ultimati, a partire dalla prossima estate sarà possibile accogliere i passeggeri del nostro scalo nella rinnovata ed ampliata aerostazione, dotata di nuovi punti di ristoro ed attività commerciali".

 

La seconda parte della giornata è stata dedicata agli incontri b2b tra gli imprenditori elbani e i tour operator elvetici rafforzando così l'obiettivo della giornata: un'Elba che punta sulle sue tipicità per inserirsi sempre di più nel panorama internazionale e per essere sempre più vicina all'Europa e alla Svizzera.

 

Le imprese e i produttori che sono intervenuti:

Locman (orologi) , Acqua dell'Elba (profumeria, cosmesi), Lalita (scialle, foulard stole in seta con immagini dell'Elba)

Toscana Dream con il marchio "Ozono Health & Beauty" (cosmesi), Dampaì (accessori moda, borse), Ceramiche Volpi (lavorazione artigianale della ceramica), Minervarte (agenzia per eventi e matrimoni, editrice di una rivista su territorio e fashion), Cosebelle di Cattaneo Leila & C. snc (accessori bigiotteria), Marina Sala Cachemire (abbigliamento), Quadri della pittrice elbana Marilena Badaracchi , Azienda agricola Due palme (olio dell'Elba), Azienda agricola Mazzarri Paolo (Vino Elba), Azienda agricola La Fazenda (Aleatico Passito, Moscato Passito), Panificio Fosso di Riondo - Nocentini Group (prodotti vari da forno), Supermercati Conad - Nocentini Group (formaggi miele e marmellate elbane), Locanda residence Sant'Anna del Volterraio, Ecoresort Poggio di sole.  

 

Alle imprese sopra descritte si aggiunge un team di operatori alberghieri elbani che hanno presenziato all'iniziativa entrando anche in contatto diretto con i colleghi elvetici.

Gli hotel che sono intervenuti:

Aviotel, Hotel Baia Bianca, Hotel Barracuda, Hotel Biodola, Hotel del Golfo, Hotel Elba, Hotel Hermitage, Hotel Montecristo, Hotel Stella Maris, Hotel Valle Verde.


Siena - Progetto METE Green

Logo della Camera pratese "Mobilità ed Esperienze a confronto: Favorire lo scambio e il Trasferimento di innovazione in Edilizia e nella Gestione del Risparmio e dell'Efficienza Energetica", un progetto realizzato dalla Scuola Edile di Siena, in collaborazione con le Scuole edili di Arezzo e Grosseto, l'Istituto tecnico Superiore Energia Ambiente ed il C.O.A.P. - Centro di orientamento e Aggiornamento Professionale di Grosseto. L'obiettivo è favorire lo scambio e il trasferimento di innovazione in edilizia e nella gestione del risparmio e dell'efficienza energetica attraverso l'organizzazione di tre visite studio in Germania, Austria e Lettonia. I paesi coinvolti nel progetto, presentano performance eccellenti nell'applicazione di iniziative e strategie volte all'utilizzo di sistemi di risparmio energetico e tutela ambientale in ambito edilizio.

 

Il progetto è finanziato dalla Regione Toscana e realizzato con il sostegno delle Camere di Commercio e delle Amministrazioni Provinciali di Siena, Arezzo e Grosseto e del Cosvig, Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche.

Le attività delle mobilità sono le seguenti:

- Visite organizzate dai partners locali al fine di analizzare il contesto delle politiche di sviluppo energetico e ambientale; attraverso seminari informativi, incontri con imprese locali che sviluppano progetti significativi per innovazione, legati alla progettazione bio-edile e alle tecniche di costruzione eco-compatibili.

- Visite di siti urbanistici e località di interesse sotto il profilo dell'eco-sostenibilità efficienza energetica e energie rinnovabili.

- Sarà riservata attenzione particolare alle iniziative di cooperazione e partnership tra imprese italiane e straniere, joint venture, ampliamento dei mercati e della filiera di produzione.

 

Le visite studio di una durata di sei giorni si svolgeranno nei mesi di maggio, giugno e luglio 2014. I programmi saranno comunicati appena disponibili.

La partecipazione è gratuita e comprende le spese di viaggio, vitto, alloggio e assicurazione.

Partecipanti: possono partecipare al progetto liberi professionisti e/o soci di studi professionali, titolari di imprese e di società, amministratori di società, membri consigli di amministrazione, quadri e dirigenti d'impresa e operanti nel settore della Green Economy; che abbiano sede legale in provincia di Siena.

 

Il gruppo di una singola visita per ogni destinazione è composto di 10 partecipanti, per un totale di 30 mobilità.

Settori di riferimento: edile, impiantistica civile e industriale, aziende di produzione industriale, società di servizi per la gestione delle risorse umane e della formazione aziendale.

Finalità della mobilità: il progetto intende coinvolgere un' ampia rappresentanza regionale del Sistema Imprenditoriale, dell'istruzione e formazione tecnica superiore e sistema camerale, che abbraccia tre aree provinciali di Siena Arezzo e Grosseto, creando significative sinergie tra i vari operatori, anche a carattere istituzionale. Tale sistema di relazioni, già consolidato anche tramite iniziative specifiche (Fondazione ITS ) consente di interloquire trasversalmente con tutto il settore coinvolto nella "green economy" locale, per rappresentarne le necessità, i fabbisogni, sostenerne lo sviluppo innovativo e di intercettare nel modo più ampio e diretto, tutte le categorie di destinatari chiamati ad aderire alle iniziative del Progetto.

 

Presentazione domande:

Gli interessati dovranno far pervenire la propria domanda (utilizzando il modello A) alla Camera di Commercio di Siena - Piazza G. Matteotti n. 30 - 53100 Siena, entro il giorno 04 marzo 2014 mediante:

- presentazione diretta presso l'Ufficio Protocollo della Camera di Commercio, nelle ore di apertura al pubblico, tutti i giorni dal lunedì al venerdì mattina dalle ore 09:00 alle 12:30 e i pomeriggi del martedì e mercoledì dalle ore 15:00 alle 16:00;

- trasmissione a mezzo servizio postale raccomandato o postacelere con ricevuta di ritorno

- trasmissione a mezzo posta elettronica certificata utilizzando l'indirizzo pubblicato nella pagina iniziale del sito della Camera di Commercio: camera.siena@si.legalmail.camcom.it.

Le domande pervenute oltre il termine sopra indicato non saranno prese in considerazione, ancorché spedite tramite raccomandata recante data di spedizione anteriore al suddetto termine.

Alla domanda sottoscritta, l'interessato deve allegare dettagliato curriculum vitae, datato e sottoscritto, e fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità.

Criterio di selezione delle domande:

Le domande saranno selezionate secondo il criterio temporale di arrivo presso la Camera di Commercio e tenuto conto del rispetto del requisito della sede legale in provincia di Siena. Farà fede il numero di protocollo assegnato a ciascuna domanda. A conclusione della procedura verrà pubblicata una graduatoria.


Arezzo - La Camera di Commercio sarà presente alla trentunesima edizione del Hong Kong International Jewellery Show

Logo della Camera di Arezzo Dal 5 al 9 marzo 2014  è in programma ad Hong Kong la Fiera Internazionale della Gioielleria, evento in costante crescita che in questa edizione vedrà coinvolti   circa 3341 espositori provenienti da 51 paesi distribuiti su 24 padiglioni per una superficie di 100.000 mq.

 

 Hong Kong International Jewellery Show, giunto alla sua trentunesima edizione , costituisce il più importante evento fieristico asiatico del settore ed  è da molti considerato  quello più importante nel mondo, soprattutto se si tiene conto dei circa 42 000 visitatori (per la precisione 42.113 nell'edizione 2013) soprattutto buyer, provenienti da oltre 130 paesi .

 

La Camera di Commercio di Arezzo  ha organizzato anche per questa edizione una presenza collettiva alla quale hanno aderito 23 aziende che saranno ospitati i nel padiglione italiano gestito da ITA - ICE.

 

 " Hong Kong - sottolinea il Presidente Andrea Sereni - non è soltanto la capitale asiatica dell'alta moda ma è ,da alcuni anni, il più importante mercato della gioielleria mondiale. Un primato reso possibile dal dinamismo degli operatori locali, dalla storia e dalla localizzazione geografica della ex colonia britannica. Un ruolo strategico che deriva dall'essere la porta d'ingresso per il vasto mercato dell'area asiatica , del pacifico e sopratutto di quello cinese e per la rilevanza della sua Borsa finanziaria : la Hong Kong Stock Exchange è infatti , dopo Tokio, la seconda borsa asiatica e la sesta mondiale ed è sopratutto una delle prime tre nel mondo per la presenza di società del settore moda e lusso. La partecipazione  all'Hong Kong International Jewellery Show  permette quindi  alla nostra produzione orafa di alta e altissima qualità di confrontarsi proprio con le aziende dei principali paesi competitor dell'area:  India, Indonesia oltre alla stessa Cina."

 

 

" Per l'export orafo-argentiero aretino, nel periodo gennaio-settembre 2013, -commenta il Segretario Generale della Camera di Commercio di Arezzo, Dott. Giuseppe Salvini - Hong Kong ha rappresentato il quarto mercato per ordine di importanza , dopo  Emirati Arabi Uniti,  Turchia e Stati Uniti, con un volume di affari , a valori correnti, nei primi nove mesi del 2013 di oltre 81 milioni di euro (+ 17 % rispetto al stesso periodo del 2012) Un dato al quale vanno aggiunte le esportazioni dirette verso la Cina che sono quantificabili, secondo i dati parziali relativi all'export 2013, in oltre 21 milioni di euro." 

 

 

"Ormai il mercato asiatico - prosegue il Dott. Giuseppe Salvini - rappresenta quasi i due terzi dell'export della produzione orafa-argentiera aretina, con oltre 900 milioni di euro su un totale di 1478 milioni di euro nei primi 9 mesi dell'anno. Un volume di affari monopolizzato indubbiamente dal mercato degli Emirati Arabi Uniti, che da soli, con un valore di oltre 723 milioni, rappresentano il 50% dell'intero export del settore. Per rimanere ad Hong Kong è da notare come il settore più importante nella classifica dell'interscambio commerciale con la nostra provincia sia  quello della moda, che nei primi nove mesi del 2013, fa registrare un export pari a 131 milioni di euro, 95 milioni dei quali provenienti dal comparto articoli da viaggio, borse e pelletteria, a dimostrazione della  rilevanza dell' l'ex colonia britannica nella "luxury fashion". I positivi rapporti che intercorrono con Hong Kong sono stato peraltro rafforzati in questi anni anche grazie all'impegno dell'Ente camerale che, dal 2007, è presente con un proprio stand all' Hong Kong Jewellery Show." 

 

 

 


Grosseto - “DiMaremma.it. Dal pesce al territorio: il progetto, il portale e sei cooking show d’autore”.
Evento di chiusura

Logo della Camera grossetana Si è chiuso con l'evento del 7 marzo il progetto "Identificazione, promozione e valorizzazione delle produzioni ittiche fresche della pesca in Maremma Toscana", finanziato a valere sul fondo nazionale di perequazione 2011/2012, e che ha portato alla realizzazione di un sistema integrato di azioni tese a valorizzare e promuovere la filiera ittica locale.

Il progetto ha avuto come finalità principale quella di promuovere e sostenere la diffusione della "cultura" del consumo, in Maremma, di pesce allevato e pescato in provincia; le azioni hanno coinvolto, in fasi e modalità differenti, tutti i possibili attori della filiera: dai produttori ai distributori, dalla ristorazione al consumatore finale.

Differenti anche le linee di intervento realizzate o in fase di avvio per un follow up dell'iniziativa: dalla produzione di un logo che identificasse obiettivi e valori del progetto alla realizzazione del portale www.dimaremma.it per la promozione integrata dell'eccellenza prodotto ittico locale con l'offerta turistica del territorio, dall'organizzazione di laboratori itineranti di formazione dedicati al settore della ristorazione alla stesura di un'ipotesi di documento per l'utilizzo del logo nella filiera ittica. 

La complessità del progetto e l'attenzione sui processi di valorizzazione del prodotto ittico hanno portato ad una convergenza di intenti e impegni economico organizzativi da parte di vari soggetti che stanno, su diversi fronti e con diverse iniziative, lavorando sul tema: oltre alla Camera di commercio e al COAP, il progetto vede anche il coinvolgimento della Provincia di Grosseto, dei due C.A.T. delle Associazioni di categoria del commercio (ASCOM e Confesercenti), di Vetrina Toscana.

Altri numeri del progetto:

5 produttori tra pesca e allevamento sostenitori del progetto: COOPAM per l'allevamento, i Pescatori di Orbetello, Fratelli Manno, cooperativa la Peschereccia, cooperativa Costa d'Argento per la pesca;

25 chef coinvolti in 5 aree della Maremma, Pitigliano per la zona del tufo, Montenero d'Orcia per l'Amiata, Follonica per la zona costiera nord, Porto Santo Stefano per l'Argentario, Orbetello per l'area lagunare;

oltre 30 videoricette realizzate;

partecipazione alle 3 principali fiere di promozione dell'agroalimentare del territorio: Maremma WineFood Shire (Grosseto), Gustatus (Orbetello), Sole e Sale (Albinia).

I risultati del progetto sono stati presentati venerdì 7 marzo alla presenza del Presidente della Camera di Commercio di Grosseto Giovanni Lamioni, il Presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras, Luca Bilotti Direttore operativo del COAP, lo chef Umberto Amato che ha curato la parte della formazione culinaria, Andrea Terranzani per il portale DiMaremma.it, Maurizio Manno, Christian Guidi, Pierluigi Piro per il gruppo dei produttori. In sala anche i rappresentanti dei ristoratori maremmani ai quali, in primis, è rivolto il progetto, chiamati a promuovere con la propria attività il consumo e la cucina del pesce allevato e pescato in provincia di Grosseto. Durante l'evento sei chef della Maremma hanno proposto originali interpretazioni del pesce: Umberto Amato, Domenico Pichini, Francesco Bracali, Emiliano Lombardelli, Flavio Biserni e Paolo Santi.

L'evento è stato realizzato in collaborazione con Vetrina Toscana. Partecipava l'Associazione Nazionale Sommelier della provincia di Grosseto.


Prato - Indagine Excelsior, previsioni occupazionali ancora difficili
Cresce la richiesta di personale specializzato e di soggetti con una istruzione almeno superiore

Logo della Camera pratese C'è ancora il segno meno sulle previsioni occupazionali per il primo trimestre 2014 nel territorio di Prato registrate dall'indagine Excelsior, realizzata con Unioncamere e il Ministero del lavoro. Un segno numericamente scoraggiante, che però si accompagna alla richiesta di figure più specializzate, che fa quindi pensare a una strutturazione in vista di una possibile ripresa.

Sul territorio di Prato i contratti attivati in complesso nel primo trimestre dell'anno dovrebbero essere circa 810, il 28% in meno rispetto agli oltre 1.120 dello stesso trimestre dell'anno precedente. Così come accade a livello nazionale, risultano in diminuzione sia le assunzioni dirette effettuate dalle imprese (-32%) sia i contratti atipici (-18%), questi ultimi però con un calo meno marcato rispetto alle assunzioni.

In questo trimestre il 65% dei contratti attivati nella provincia riguarderà assunzioni dirette di lavoratori dipendenti (520 unità) e il 35% (290 unità) sarà relativo a contratti atipici.

"Il mondo del lavoro sta attraversando un momento di grande difficoltà: le incertezze sull'andamento del mercato e quelle normative legate alla situazione politica rendono le imprese molto caute nel fare nuove assunzioni, dal momento che non hanno chiarezza sul contesto nel quale andranno ad operare - commenta Luca Giusti, presidente della Camera di Commercio di Prato - La maggiore richiesta di personale specializzato e con un titolo di studio almeno superiore fa pensare che siano delle imprese che anche in questo contesto difficile, ci siano aziende che stanno cercando di strutturarsi meglio, per prepararsi a nuove sfide. Anche i dati sulla demografia imprenditoriale da poco pubblicati ci segnalano una sostanziale tenuta del sistema, ma sono necessari interventi importanti a breve per il rilancio dell'occupazione".

 

Da quanto emerge dall'indagine, il 53% delle assunzioni di lavoratori dipendenti interesserà il settore industriale e delle costruzioni; nel 56% dei casi saranno rivolte a candidati in possesso di una esperienza lavorativa nello stesso settore. Le 520 assunzioni programmate in provincia di Prato nel 1° trimestre del 2014 riguarderanno una quarantina di laureati, 320 diplomati, una cinquantina di figure in possesso della qualifica professionale e 110 profili ai quali non verrà richiesta una preparazione scolastica specifica.

La quota dei laureati e diplomati nel loro insieme è dunque pari al 69% del totale (valore nettamente al di sopra di quello medio regionale, pari al 58%), oltre 2 punti in più rispetto al trimestre precedente.

Guardando, più in dettaglio, alle singole figure professionali, le cinque professioni più richieste concentrano il 67% delle assunzioni totali previste. Al primo posto figurano gli operai specializzati e i conduttori di impianti dell'industria tessile e dell'abbigliamento, con 160 assunzioni programmate (che nella totalità dei casi saranno "a termine"), seguite da addetti alla gestione dei magazzini e spedizionieri, commessi e personale per attività commerciali, personale di segreteria e infine cuochi e camerieri.


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
25 febbraio - 25 marzo Camera di Commercio Lucca Operatori turistici 2.0
7 marzo Camera di Commercio Grosseto Grosseto - DI Maremma, dal pesce al territorio: il progetto, il portale e sei cooking show d'autore
11 marzo Unioncamere Toscana Giunta
12 - 21 marzo Camera di Commercio Lucca Come aprire un B&B in Toscana ...
13 marzo Unioncamere Toscana La ricerca di Anteriorità - Il primo passo per creare un buon brevetto - Firenze 13 mar 2014
14 marzo Camera di Commercio Pisa La Ricerca di Anteriorità - Il primo passo per creare un buon marchio - Pisa 14 mar 2014
14 - 21 marzo Camera di Commercio Lucca L’analisi di bilancio per controllare l’impresa con l’utilizzo di excell
20 - 21 marzo Camera di Commercio Lucca Verde e Business: avviare un orto a km 0
21 marzo Camera di Commercio Prato La ricerca di Anteriorità - Il primo passo per creare un buon marchio - Prato 21 mar 2014
21 - 23 marzo Camera di Commercio Livorno "Vieni a Conoscerci" Rassegna delle imprenditrici livornesi
21 marzo - 29 aprile Unioncamere Toscana Scuola dell'Olio - "Incontri sulla filiera dell'olio extra vergine di oliva" - 21 mar 29 apr
21 marzo - 28 maggio Camera di Commercio Siena - UNISI Corso ELA - Esperti in Legislazione Ambientale
27 marzo Unioncamere Toscana Filiera del tessile sostenibile - Presentazione dei risultati del progetto - 27 mar
27 marzo Camera di Commercio Lucca "Tecniche avanzate per operare nei mercati esteri"
28 marzo Camera di Commercio Pistoia La ricerca di Anteriorità - Il primo passo per tutelare il design industriale - Pistoia 28 mar 2014
28 marzo Unioncamere Toscana Aleatico: Vino dell'Imperatore
2 aprile Unioncamere Toscana "Il pesce dimenticato: mens(a) sana in corpore sano"
3 aprile Camera di Commercio Grosseto La congiuntura economia in provincia di Grosseto
7 aprile Camera di Commercio Firenze “Tutto quello che sto per dirvi è falso” - Spettacolo Teatrale
7 aprile Camera di Commercio Pistoia "Naturalis" - Mostra Mercato
9 aprile Camara di Commercio Massa Carrara "MUD 2014 ed operatività SISTRI"
10 aprile Camera di Commercio Pistoia Per gli aspiranti imprenditori: nasce a Pistoia un servizio gratuito di informazioni e primo orientamento
11 aprile Unioncamere Toscana Scuola dell'Olio - Seminario Tecnico Informativo - 11 apr 2014
11 aprile Camera di Commercio Pisa Ricerca e Analisi brevettuale - Quali vantaggi per le imprese ? - Pisa 11 apr 2014
11 aprile PromoFirenze Seminario "La Nuova Sabatini”
11 aprile Camere di Commercio Pistoia e Prato Accordo per lo svolgimento comune di servizi
14 aprile Camera di Commercio Prato Made in Italy: la storia oltre il prodotto
15 aprile Camera di Commercio Lucca Ricerca, Analisi e Valutazione dei fornitori
15 aprile Camera di Commercio Prato Rivoluzione Industriale Digitale ed Economia Open Source
15 aprile PromoFirenze Incontro tecnico " Lo sfruttamento economici del brevetto per invenzione"
16 aprile Camera di Commercio Massa Carrara Seminario "L'Esportazione"
24 aprile - 1 maggio Fortezza da Basso Firenze Mostra Internazionale dell'Artigianato
28 aprile Fortezza da Basso - Firenze Galleria dell'Artigianato - Presentazione evento
28 aprile Camera di Commercio Lucca Campagna olearia 2014 - La difesa dalla mosca delle olive - Lucca
6 maggio Società Dante Alighieri - Roma Passione Maremma - Wine&FoodShire 2014 - Conferenza Stampa


Logo Sincert


Stampa