Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  36 -  venerdì 12 dicembre 2014 - anno  13
Attività Istituzionale
Ancora un anno difficile per l’artigianato manifatturiero toscano, in rosso il primo semestre del 2014
Il commento del Presidente Sereni

Il Presidente SereniIl Presidente di Unioncamere Toscana Andrea Sereni, ha così commentato i dati del primo semestre dell'anno della congiuntura dell'artigianato manifatturiero:

 

"L'intero sistema produttivo regionale continua a pagare il prezzo di una persistente stagnazione della domanda interna da cui dipende la sorte di molte piccole e micro imprese artigiane. Se da un lato preoccupa il basso profilo dei consumi, dall'altro desta allarme una propensione ad investire che, anche nel caso delle imprese artigiane, è ai minimi storici, per l'incertezza delle prospettive future ed anche per le difficoltà di accedere al credito. Per tali motivi, dovremo rivolgere particolare attenzione anche all'attuazione di politiche che possano alleviare l'eccezionale pressione fiscale complessiva, il total tax rate, che - nel 2013 - si è attestata per la piccola impresa al 63,8 per cento e che, per questo 2014, non sembra certo poter diminuire." 


"Net Economy" - Tutto il web per le PMI

E' uscito l'undicesimo numero del 2014 di "Net Economy", lo strumento telematico di informazione il cui scopo è quello di incoraggiare le PMI ad utilizzare le opportunità e le potenzialità offerte dal web, adottando soluzioni di e-business, è stato inviato nei giorni scorsi agli attori toscani particolarmente sensibili alle tematiche della  net economy in generale.

 

La rivista telematica è finalizzata ad informare su ciò che il Web può offrire e rappresentare in termini di strumenti ed opportunità per le piccole e medie imprese ed è rivolta principalmente agli imprenditori e, grazie allo spazio riservato alle iniziative istituzionali ed all'e-government, anche ad Enti locali e Centri di Servizi.

 

In evidenza in questo numero, la notizia con la quale si porta a conoscenza della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione Toscana, del voucher per la digitalizzazione delle PMI - d.m. 23 settembre 2014 - con cui il Ministero dello Sviluppo economico dà attuazione dell'art. 6, commi da 1 a 3, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145 (cd. decreto Destinazione Italia), che prevede la concessione di voucher alle PMI per la realizzazione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

 

Si parla poi di "aste telematiche" in riferimento al provvedimento n. 245/2014, riportato nella newsletter dell'Autorità n. 392 del 17 settembre 2014, con il quale il Garante della privacy ha dato parere favorevole al regolamento del Ministero della Giustizia che disciplina e detta regole tecniche e operative per la vendita di beni mobili e immobili con modalità telematiche, prevista dall'articolo 161-ter delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile.

Tale regolamento prevede che l'iter delle aste giudiziarie si svolga attraverso il portale del gestore accessibile agli offerenti, al pubblico (per le vendite con incanto), al giudice e ad altri utenti legittimati tramite rete Internet o servizi telematici del Ministero.

 

Si dà inoltre notizia che il Garante Privacy ha espresso parere favorevole su due schemi di convenzione che consentiranno il funzionamento del sistema di prevenzione delle frodi nel settore del credito al consumo, con particolare riferimento ai furti di identità.

Il sistema, basato su un archivio centrale informatizzato, sarà gestito da Consap Spa su incarico del Ministero dell'Economia e delle finanze e consentirà, tra l'altro, di consultare le banche dati di numerosi enti pubblici (Agenzia delle Entrate, ministero dell'Interno, ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, Inps, Inail) per scoraggiare fenomeni di sostituzione di persona, ad esempio con la falsificazione di documenti.

 

Nella sezione dedicata ai Social network invece, si parla di come gestire e affrontare le crisi sui social media utilizzando i social network come strumento di marketing per le aziende rappresenta una validissima risorsa, perché, a differenza di altri canali marketing più tradizionali, Facebook, Twitter, Google+ e le altre piattaforme social permettono di entrare in contatto e comunicare con i clienti in tempo reale e di ottenere dei feedback.

Si parla poi di come gestire la fanpage di facebook attraverso l'utilizzo dei social media che è ormai diventata una parte importante ed integrante di qualsiasi strategia di web marketing aziendale: il ruolo dei social network per la visibilità dell'azienda e per la promozione dei prodotti/ servizi offerti è infatti una realtà ormai conclamata.

 

Nella Sezione relativa alle Soluzioni internet, si dà la notizia: "Le bellezze della toscana in un clic", 4 app da scaricare sullo smartphone per sapere cosa visitare, dove dormire e cosa mangiare,  4 utili servizi per viaggiare senza problemi.

Interessante poi è l'articolo dedicato a "boom" di spese effettuate sul web, l'analisi della Coldiretti, basata su dati Censis, mette in evidenza l'ascesa del ricorso al web per l'acquisto di prodotti alimentari.

E' boom di italiani che fanno la spesa sul web, con 8,1 milioni di cittadini che acquistano il cibo su Internet, dove è più facile fare il confronto dei prezzi ma anche garantirsi specialità esclusive in modo più conveniente.

 

La Sezione dedicata agli appuntamenti riporta infine la notizia relativa alla "Rivoluzione dei domini internet: rischi ed opportunità" che è in corso presso la Camera di Commercio di Lucca.

Nelle strategie di marketing il ruolo di Internet ha assunto un ruolo predominante. Ma dal novembre 2013 è iniziata una nuova era.

I nuovi domini generici (.bio, .shop, .mobile, .casa e molti altri) sono ormai una realtà anche se poco conosciuta dalle imprese. Si tratta di una rivoluzione nel mondo di Internet pensata, da un lato, per consentire la registrabilità di nomi già "occupati" nelle note terminazioni .com, .net, . org, . it e, dall'altro, per potere meglio individuare gli operatori che ci interessano.

Se cerchiamo un'impresa che opera nel settore del biologico la cercheremo ".bio", se cerchiamo una marca di cellulari la cercheremo sotto il dominio ".mobile" e non ci affideremo più esclusivamente al nome. Tutto ciò comporta rischi per i titolari di marchi, soprattutto se famosi, e nuove opportunità di business. 


Scuola dell'Olio: un successo il seminario per cuochi

" "La Scuola dell'Olio, promossa da Regione Toscana e Unioncamere Toscana, in collaborazione con l'Associazione Cuochi Fiorentini e la Divisione Laboratorio Chimico Merceologico di PromoFirenze, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze, ha presentato il 4 dicembre scorso al Grand Hotel Mediterraneo (Firenze) un interessantissimo seminario rivolto ai cuochi dal titolo "L'olio in cucina e in tavola".

 

Le relatrici del Laboratorio Chimico Merceologico di PromoFirenze hanno affrontato con grande competenza, chiarezza e capacità comunicativa gli argomenti in programma di interesse per la ristorazione, tra cui le caratteristiche chimiche e sensoriali dell'olio extravergine di oliva, la conservazione, l'olio in bottiglia e in tavola, l'etichettatura, gli aspetti salutistici, l'utilizzo dell'olio in cucina; è stato inoltre effettuato un mini corso sull'assaggio dell'olio, con illustrazione della tecnica di degustazione e assaggio didattico di cinque campioni, per una prima esperienza sugli attributi positivi ed i difetti dell'olio. Il pubblico numeroso e attento ha seguito con interesse e vivacità l'iniziativa, ponendo numerose domande e partecipando attivamente all'assaggio ed al dibattito.

 

Hanno chiuso i lavori con i saluti e le considerazioni conclusive l'Associazione Cuochi Fiorentini e la Regione Toscana, auspicando future occasioni di collaborazione.

 


Scuola dell’Olio: seminario per tecnici della filiera olivo-oleicola

" "Si svolgerà nella mattinata di venerdì 19 dicembre a Villa Montepaldi (San Casciano Val di Pesa), sede ufficiale della Scuola dell'Olio, il seminario "Andamento climatico e infestazione di mosca olearia: effetti sulla campagna olearia 2014 e considerazioni per il 2015".

 

L'iniziativa, organizzata nell'ambito della Scuola dell'Olio, promossa da Regione Toscana e Unioncamere Toscana, si rivolge ai tecnici della filiera olivo-oleicola.

 

Sono previsti numerosi interventi del mondo scientifico e della Regione Toscana. Introduce e coordina i lavori il Settore Produzioni Agricole Vegetali della Regione Toscana. La partecipazione è gratuita. In allegato il programma del seminario. 


Attività Studi & Ricerche
Artigianato in Toscana: i dati consuntivi del primo semestre dell'anno
In calo anche l’occupazione ed il numero delle imprese ma la capacità di esportare ed una maggiore dimensione aziendale fanno tuttavia la differenza in positivo

" "

Gli ultimi dati sull'artigianato toscano evidenziando il persistere di una fase fortemente recessiva, con una nuova consistente flessione del fatturato (-5,8%) nel primo semestre 2014. Un altro passo indietro per le aziende artigiane del settore manifatturiero della Toscana, anche se il calo è meno accentuato rispetto a quello registrato due anni fa (all'inizio del 2012 le perdite di fatturato sfioravano il 12%). Solo l'8,3% delle imprese artigiane riporta un incremento del proprio volume d'affari, mentre il 42,4% fa registrare una diminuzione.

 

Purtroppo, così come riscontrato per altri settori, anche dall'artigianato provengono segnali di una mancata inversione del ciclo economico e di un ulteriore rinvio della una fase di ripresa. Nell'artigianato - alle difficoltà congiunturali - si sommano inoltre fattori di crisi la cui natura è strutturale e con ripercussioni sulla demografia d'impresa. Nel corso dell'ultimo anno (luglio 2013-giugno 2014), ai registri delle Camere di Commercio toscane, si sono iscritte 8.506 imprese artigiane, mentre ne sono cessate 9.901: il saldo è pertanto negativo (1.395 imprese in meno), per un tasso del -1,2% (il numero di imprese non artigiane è invece cresciuto del +1,0%).

 

Questi alcuni risultati che emergono dall'indagine "La congiuntura dell'artigianato manifatturiero in Toscana. Consuntivo I semestre 2014 - Previsioni anno 2014" realizzata dall'Ufficio Studi di Unioncamere Toscana. c

 

A livello di fatturato, il bilancio - a metà 2014 - è negativo per tutti i principali comparti. I cali più lievi si registrano per le aziende artigiane del sistema-persona: la filiera tessile-abbigliamento-maglieria limita le perdite al 2,3%, il comparto pelli-calzature registra un -4,2% e l'oreficeria una flessione del -5,0%. Più elevata la riduzione del fatturato per le aziende metalmeccaniche (-6,3%) e per l'alimentare (-7,1%), ma la situazione più pesante si registra fra le imprese del sistema-casa: in picchiata il fatturato dei comparti vetro-ceramica-lapideo (-10,7%) e legno-mobili (-9,1%), le cui criticità sono legate alla crisi dell'edilizia ed alla compressione da parte delle famiglie della spesa per l'acquisto di beni durevoli.

 

La dimensione aziendale si conferma un fattore determinante per contrastare il ciclo economico negativo: pochissime le microimprese artigiane con fatturati in aumento (solo il 5,4% per quelle che non superano i tre addetti), ma la quota di aziende in fase di sviluppo sale al 17,3% nel caso in cui l'azienda abbia 10 o più addetti. Per le prime la variazione del fatturato è del -8,8%, per le seconde del -2,1%. È soprattutto per le aziende del sistema-persona che la maggior dimensione ha un effetto risolutivo, dal momento che per le imprese con almeno 10 addetti si registra un incremento del fatturato sia nell'oreficeria (+2,6%) sia nel sistema moda (+0,4%).

 

Il fattore export, unito ad una maggiore strutturazione aziendale, rappresenta ancora l'atout vincente per la riuscita del progetto imprenditoriale: la quota complessiva di chi aumenta il fatturato sale al 14,9% per gli esportatori, mentre scende al 7,6% nel caso di imprese che operano solo sul mercato interno. La capacità di esportare ha un effetto benefico anche sulle imprese più piccole, dal momento che nel segmento 1-3 addetti la quota di imprese che aumentano il proprio volume d'affari sale dal 5% al 10% nel caso di apertura ai mercati esteri, dimostrando come per queste il fattore export diventi ancora più determinante.

 

A livello occupazionale, il trend continua ad essere decisamente negativo: in dodici mesi (dal 30 giugno 2013 al 30 giugno 2014) gli addetti artigiani del manifatturiero toscano sono diminuiti di oltre 2mila unità, per una variazione pari al -1,7%. Una flessione che ha riguardato principalmente l'occupazione dipendente a tempo pieno, con circa 1.800 unità lavorative in meno, non risparmiando tuttavia neppure le forme flessibili (la riduzione fra i dipendenti part-time è di circa 260 unità).

 

Anche gli investimenti continuano a segnare il passo: la maggior parte degli imprenditori artigiani (il 76%) chiuderà l'anno senza fare investimenti, mentre un ulteriore 5% dichiara di non investire perché chiuderà a breve la propria azienda.

 

Le aspettative a breve termine non segnalano per il momento inversioni di tendenza in atto: per quanto riguarda la chiusura del 2014, due imprenditori su tre prevedono infatti che il volume di fatturato realizzato si stabilizzerà sui valori di fine 2013, mentre la quota di coloro che temono una riduzione (18%) resta superiore rispetto a quelli che prevedono una crescita (6%). Come detto, un ulteriore 5% di imprenditori artigiani manifestano l'intenzione di chiudere l'attività, segnalando forti criticità. 


Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


Consuntivo I semestre 2014, aspettative II semestre 2014
- Slide report
- Comunicato stampa dell’11/12/2014

Notizie dal mondo camerale
Grosseto - Mercatino natalizio, un progetto per sostenere la ricerca sulla distrofia muscolare di duchenne/becker

Logo della Camera grossetana

Si è appena conclusa la V° edizione del Mercatino natalizio di Grosseto, un progetto dal cuore per sostenere la ricerca sulla distrofia muscolare di duchenne/becker patrocinato dal Comune, dalla Provincia e dalla Camera di Commercio, che si è svolto dal 5 a 9 dicembre  scorso nella Sala Contrattazioni della Camera di Commercio di Grosseto ed il cui ricavato sarà devoluto al finanziamento del progetto "misura per misura" - misure di valutazione nella distrofia muscolare di duchenne, coordinato dal prof. Eugenio Mercuri - Università Cattolica di Roma,

 

 

PER I PIÙ PICCINI C'E' STATO BABBO NATALE!

Per il quinto anno consecutivo, è tornata nella sala contrattazioni della Camera di Commercio di Grosseto, l'iniziativa di solidarietà "Un progetto dal cuore", il mercatino di Natale per raccogliere fondi per sostenere la ricerca sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

L'evento è stato patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Grosseto, oltre che dall'ormai storico partner Camera di Commercio di Grosseto.

1 anno di lavoro, oltre 100 volontari e 30 aziende locali, hanno reso possibile anche quest'anno il nostro tradizionale appuntamento con la solidarietà: Un progetto dal cuore, il mercatino coordinato dal delegato territoriale Michela Scartabelli, che ha nuovamente saputo coinvolgere un'intera comunità intorno alla causa di Parent Project.

 

Nelle passate quattro edizioni il mercatino di Natale è riuscito a raccogliere circa 90.000 euro, una cifra eccezionale considerando gli anni di crisi che stiamo attraversando.

 

Moltissime le persone coinvolte in questa gara di solidarietà che, al fianco dei dipendenti della Camera di Commercio (promotori dell'iniziativa e da sempre impegnati per la causa), si impegnano durante un intero anno per preparare manufatti artigianali di qualità e raccogliere prodotti di vario genere, offerti dalle numerose aziende grossetane che aderiscono all'iniziativa benefica.

 

Acquistando gli oggetti esposti nel mercatino o facendo un'offerta all'associazione Parent Project Onlus, si potrà sostenere la ricerca sulla distrofia muscolare di Duchenne/Becker, una grave malattia genetica che si manifesta già in età pediatrica. Nell'età adulta, la degenerazione muscolare determina una grave compromissione del muscolo cardiaco, del diaframma e dei muscoli intercostali fino a rendere necessaria l'assistenza respiratoria.

 

La Distrofia Muscolare di Duchenne è una grave malattia degenerativa ad oggi incurabile che colpisce un bambino maschio su 3.500. In pratica nei muscoli di questi bambini non è presente la distrofina, una proteina essenziale per il mantenimento della loro funzionalità. L'evoluzione della malattia, per ora, è scontata, anche se qualitativamente la vita di questi ragazzi è migliorata notevolmente: nel giro di qualche anno, quei bambini che oggi camminano, corrono e saltano insieme ai nostri, perderanno la capacità di camminare e saranno costretti a muoversi su una sedie a rotelle (tra i 10 e i 13 anni); poi, piano piano, oltre a perdere la capacità di muovere gli arti superiori, verranno compromesse anche le loro funzionalità respiratorie e cardiache.

 

Ma la ricerca sta facendo passi da gigante e per questo la nostra speranza è sempre più forte; negli ultimi dieci anni infatti, i ricercatori hanno fatto delle scoperte fenomenali e tutto ciò fa vivere con speranza tante mamme e tanti babbi.

 

In Italia sono attivi numerosi centri di ricerca e di studio della DMD/DMB. Lo studio scientifico che quest'anno si vuole finanziare con il ricavato del Mercatino di Grosseto è "MISURA PER MISURA" - MISURE DI VALUTAZIONE NELLA DISTROFIA MUSCOLARE DI DUCHENNE, progetto coordinato dal prof. Eugenio Mercuri, ordinario di neuropsichiatria infantile all'Università Cattolica di Roma e Direttore dell'unità operativa di neuropsichiatria infantile del Policlinico A. Gemelli.

Il progetto nasce nel 2010 quando viene istituito un network nazionale di specialisti provenienti da tutti i principali centri italiani in ambito neuromuscolare pediatrico e non, con l'obiettivo di costruire una infrastruttura volta alla raccolta di dati sulla storia naturale della Duchenne. Il network, fino ad oggi, ha raccolto e pubblicato una considerevole quantità di dati longitudinali ottenuti impiegando le misure di valutazione usate durante le sperimentazioni cliniche per la distrofia muscolare di Duchenne ed è il fiore all'occhiello della eccellenza italiana in ambito neuromuscolare, rispettato e ammirato in tutto il mondo. Il lavoro svolto fino ad oggi si è reso indispensabile per qualsiasi studio clinico nella Duchenne.

 

A livello internazionale, è di appena un mese fa la notizia che Translarna, il primo farmaco contro la Distrofia Muscolare di Duchenne, ha ottenuto parere favorevole all'inserimento nella lista dei farmaci rimborsabili con la 648/96 a seguito della richiesta di Parent Project e dei clinici. Il farmaco sarà infatti erogabile a totale carico del servizio sanitario nazionale. Altra buona notizia dello scorso mese è l'avvio del trial clinico negli Stati Uniti con eteplirsen nei pazienti DMD con ridotta capacità motoria o non più deambulanti, si tratta di un trial clinico di fase 2 che servirà a valutare la sicurezza e la tollerabilità di eteplirsen in 20 pazienti DMD tra i 7 e i 21 anni. Il trial, che si svolgerà in 5 centri statunitensi, durerà in tutto 96 settimane e sarà condotto in aperto ovvero tutti i partecipanti riceveranno il trattamento. Lo scorso mese di ottobre, inoltre, la company olandese Prosensa ha annunciato di aver iniziato il processo di sottomissione della new drug application (NDA) alla statunitense FDA per l'approvazione di drisapersen come possibile trattamento per la Distrofia Muscolare di Duchenne. Questo iter significa che il farmaco ha concluso l'intero percorso sperimentale e sono quindi disponibili tutti i dati necessari per chiedere alla FDA di autorizzare la commercializzazione del prodotto.

 

 

Parent Project Onlus è un'associazione a livello internazionale che riunisce i genitori dei bambini affetti dalla Distrofia Muscolare di Duchenne e Becker (forma meno grave della malattia), assistendo le famiglie con ragazzi affetti da DMD/DMB e finanziando la ricerca di una cura. In Italia i ragazzi affetti da DMD/DMB sono oltre 5000.


Pistoia - Movimentazione delle Imprese nei primi nove mesi del 2014
I primi nove mesi dell’anno 2014 chiudono con una debole ma positiva ripresa del sistema delle imprese pistoiesi. Il saldo fra le iscritte e le cessate da inizio anno è di 57 unità e il tasso di “crescita” pari a 0,2%.

Logo della Camera di Pistoia

L'imprenditoria Pistoiese nei primi nove mesi 2014 mostra un andamento positivo lieve e pari a 0,2%.

 

Alla data del 30 Settembre 2014 il numero delle imprese registrate al Registro Imprese della Camera di Commercio di Pistoia è stato di 32.787 di cui 28.554 attive. Fra queste, le imprese artigiane registrate sono 9.832 (9.804 le attive).

 

Nei primi 9 mesi dell'anno a fronte di 1.560 nuove iscrizioni, sono cessate 1.503 imprese (considerando solo le imprese cancellate non d'ufficio), con un saldo positivo di 57 posizioni.

Il tasso di natalità è stato pari al 4,8%, mentre quello di mortalità è stato 4,6%.

Il confronto con lo stesso periodo dell'anno precedente mostra con maggior evidenza la significatività del dato positivo: nei primi 9 mesi del 2013, di gran lunga maggiore era stato il numero di imprese cessate a fronte delle nuove iscritte generando un saldo negativo di -206 posizioni.

Da segnalare che il dato relativo ai primi 9 mesi del 2014 è il primo dato di crescita in campo positivo dal valore registrato nell'anno 2011.

 

E' importante considerare che il valore positivo nel complesso delle imprese è difficilmente attribuibile ai singoli settori in quanto nasce principalmente dal comparto di imprese iscritte, ma ancora da attivare e per questo non ancora classificate. Per quanto invece è già riconducibile ai singoli settori, la disaggregazione del tasso di crescita evidenzia comportamenti diversi fra loro.

 

In flessione il settore "costruzioni" con un saldo negativo di -82 imprese che genera un tasso di crescita pari a -1,4%; lo stesso dato attribuibile alle sole imprese artigiane è ancora peggiore (-1,8%); in flessione anche l' "agricoltura, silvicoltura e pesca" con 109 imprese cessate a fronte di 90 imprese nuove iscritte da inizio anno; il saldo negativo (-19) genera un tasso di crescita negativo di -0,6%.

Anche il settore del "commercio" - primo per presenza sul territorio - registra un tasso di crescita negativo pari a -1,1%.

Tra i comparti in negativo anche le "attività manifatturiere" che con un saldo negativo di -61 imprese tra le iscritte e le cessate produce un tasso di crescita di -1,4%.

Fra i settori più significativi nel determinare l'andamento del totale imprese manifatturiere vi sono la fabbricazione dei mobili (-5,1%), la stampa e riproduzione di supporti registrati (-3,6%), la fabbricazione di prodotti in metallo (-3,2%),  la fabbricazione di prodotti chimici (-2,9%), l'industria del legno (-2,5%) e fabbricazioni articoli in pelle e simili (-1,7%), l'industria tessile (-1,8%) e la confezione di articoli di abbigliamento (-1,2%).

In campo positivo invece il settore riparazione, manutenzione e installazione (5,9%), la fabbricazione di apparecchiature elettriche (3,7%) e la fabbricazione di altri prodotti della lavorazione dei minerali (3,4%), e l'industria alimentare (2,3%).

 

Nei servizi continua la flessione del settore "trasporto e magazzinaggio" dove il tasso di crescita è di -1,9% per il totale imprese (-0,7% per il sottoinsieme artigiano), i settori turistici legati agli alloggi (-1,1%) e le attività immobiliari (-1,5%).

Negativo anche il "noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese" (-0,2%) e le attività artistiche, sportive e di intrattenimento (-2,9%).

 

Considerando la forma giuridica di impresa si conferma l'andamento positivo delle società di capitali (1,9%) principalmente ascrivibile all'aumento delle società a responsabilità limitata semplificata con un saldo attivo di ben 91 posizioni.

In campo positivo anche le società a responsabilità limitata (1,0%).

Diminuiscono le società di persone (-1,1%) e le imprese individuali (-0,1%). Aumentano anche le altre forme (2,2%).

La distribuzione territoriale del dato, nei Comuni della Provincia, mostra valori pari a -0,7% nel quadrante montano, pari a  0,1% nel quadrante metropolitano e a 0,3 nella Valdinievole.

Il comune Capoluogo registra un tasso di crescita negativo e pari a -0,1%. Più negativo l'andamento dei comuni di Marliana (-2,0%), San Marcello Pistoiese (-1,5%) Lamporecchio (-1,3%), Pieve a Nievole (-1,0%) e a seguire Larciano e Quarrata.

Il tasso di crescita è invece positivo nei comuni di Buggiano (1,9%) e Piteglio (1,3%) e a seguire gli altri.

Nel confronto con le altre realtà territoriali della Toscana, la nostra provincia con +0,2% supera Siena (0,1%) e Lucca, unica in campo negativo (-0,1%), ed è superata da Pisa, Massa Carrara, Prato, Firenze e a seguire le altre. E' poi inferiore alla media regionale che si attesta su +0,6%.

 

Per quanto riguarda le imprese artigiane l'andamento dei nove mesi esaminati mostra un valore ancora negativo e pari a -1,2%.

A livello regionale fatta eccezione per Prato in campo positivo (+0,5%) le province toscane esprimono tutte segno negativo: il tasso negativo di Pistoia, uguale a quello di Massa Carrara, è migliore solo di quello di Siena (-1,6%) e Lucca (-2,6%); le altre province pur restando in campo negativo con valori di poco maggiori della media Toscana (-0,7%), hanno mostrato andamenti meno negativi.

 

Entrando nello specifico del tessuto imprenditoriale è interessante fornire alcuni dati sulle imprese femminili, giovanili e straniere della nostra provincia per vedere qual è stato l'andamento nel corso del semestre in esame.

Le imprese femminili iscritte al RI di Pistoia sono state pari a 7.164 unità rappresentando il 21,8% del totale imprese registrate.

Nel corso dei primi nove mesi 2014 si sono registrate 411 nuove iscrizioni e 402 cessazioni non di ufficio.  Le iscrizioni hanno riguardato per lo più il commercio (76 iscrizioni in totale di cui 47 nel solo commercio al dettaglio), la manifattura (46 di cui 11 nell'industria tessile e altrettante nell'industria delle bevande), la ristorazione (32),  altre attività di servizi alla persona (22) e il settore vivaistico (21).

 

Le imprese giovanili al 30 settembre 2014 risultano pari a 3.226 e costituiscono il 9,8% del totale imprese.

Si sono registrate nel periodo di riferimento 493 nuove iscrizioni (di cui 130 non ancora classificate perché al momento inattive) e 214 cancellazioni non d'ufficio.

La maggioranza delle iscrizioni appartiene al settore del commercio (104 tra le imprese classificate), seguono le imprese delle costruzioni (75) e quelle del manifatturiero (35). Si segnalano anche 28 nuove attività nel campo della ristorazione e 25 nuove imprese nel settore vivaistico.

 

Infine le imprese straniere sono pari a 3.277 unità e costituiscono il 10% del totale imprese.

Nei primi nove mesi 2014 si sono registrate 309 nuove iscrizioni e 195 cessazioni non d'ufficio.

I settori maggiormente interessati dalle nuove iscrizioni sono stati le costruzioni (100) ed il commercio all'ingrosso e al dettaglio (63).

 

Per quanto riguarda le imprese entrate in procedura concorsuale, nei primi nove mesi dell'anno sono entrate in fallimento 53 imprese. Di queste 37 sono società di capitale, 8 società di persone, 6 imprese individuali e 2 appartenente alle altre forme.

Nella distribuzione settoriale, 17 appartengono al settore del commercio, 12 sono manifatturiere, 7 del settore edile e 5 nei servizi alle imprese.

I concordati preventivi e gli accordi di ristrutturazione del debito, accumulati da inizio anno, sono stati 23, mentre le imprese che hanno intrapreso procedure di scioglimento e liquidazione volontaria sono state ben 348.  


Livorno - Scuola e Lavoro, due mondi mai così vicini
Un anno di iniziative promosse dal Centro studi e ricerche della Camera di Commercio

Logo della Camera livornese

Giovedì 4 dicembre si è parlato di scuola e lavoro in Camera di Commercio. A consuntivo di un anno di iniziative dirette a creare una sinergia tra due mondi - quello della scuola e quello del lavoro - che non sempre colloquiano tra loro, sono stati illustrati i risultati di tutto il lavoro svolto, alla presenza degli studenti e dei tutor che li hanno affiancati; proprio dalle testimonianze dei ragazzi, che frequentano le superiori nella nostra città ed in provincia, è stata dedicata una sessione dei lavori.

 

Il progetto "Scuola lavoro" è stato promosso da Unioncamere, che infatti proprio lo stesso giorno, a Roma, ha celebrato la Giornata del lavoro e del fare impresa. A livello locale, il progetto coordinato dall'Azienda Speciale Centro Studi e Ricerche della Camera di Commercio ha interessato studenti delle classi 3^, 4^ e 5^ di vari Istituti della città e della provincia. Le attività proposte ai ragazzi sono state varie e qualificanti: c'è chi ha svolto un'esperienza di stage in contesti lavorativi che sono a contatto con realtà internazionali (29 studenti); chi ha affiancato imprenditori e lavoratori nell'esercizio delle loro funzioni (91 studenti) e chi si è messo alla prova con la costituzione di un'azienda nell'ambito del programma di "Impresa in Azione" (200 studenti). E proprio una di queste imprese, creata dai ragazzi di Cecina ha superato varie selezioni meritandosi la partecipazione alla Gara finale europea svoltasi a Tallinn.

 

L'Autorità Portuale di Livorno e l'Accademia Navale sono tra i soggetti che hanno accolto gli studenti per dar loro questa opportunità, preziosa per capire un po' più da vicino il contesto lavorativo.

 

Il programma dei lavori ha previsto la presenza del Dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale di Livorno Luigi Sebastiani; gli interventi di Donatella Degani e Roberto Bandinelli, referenti del settore Istruzione della Regione Toscana, e di Sandra Bracaloni, referente di Unioncamere Toscana. E' stata poi Raffaella Antonini del Centro studi e ricerche CCIAA, ad illustrare i risultati di una ricerca che mette a confronto i dati relativi all'offerta scolastica con quelli relativi alla domanda di figure professionali che il mondo del lavoro esprime. Quindi Selene Bottosso, del Centro studi e ricerche, ha tracciato un excursus delle iniziative realizzate nel 2014 e, dopo le testimonianze dirette degli studenti,  il Presidente Sergio Costalli ha concluso la giornata illustrando le prospettive future dell'attività in materia di alternanza scuola-lavoro e per l'orientamento al lavoro ed alle professioni, cui la legge sulle Camere di Commercio assegna un ruolo fondamentale.

 

Al termina. dopo le conclusioni del Presidente, sono stati consegnati agli studenti gli attestati di partecipazione. 


Siena - La Camera di Commercio bandisce le quote di partecipazione detenute in Firenze Fiera S.p.A., Borsa Merci Telematica Italiana S.c.p.a. e Agroqualità S.p.A

Logo della Camera pratese

La Camera di Commercio di Siena comunica che ha indetto un bando d'asta pubblica per lotti per la cessione di partecipazioni societarie di proprietà della Camera di Commercio di Siena, ai sensi dell'art. 3, commi 27-29, legge n. 244/2007 e per gli effetti dell'art. 1, comma 569 della legge 147/2013 (Legge Stabilità 2014).

 

 

La presente procedura ha ad oggetto l'alienazione per lotti delle seguenti quote intere di partecipazione detenute dalla Camera di Commercio, di Siena:

 

Denominazione

N. Azioni

Valore nominale

% partecipazione *

Firenze Fiera S.p.A

876

3.468,96

0,016

Borsa Merci Telematica Italiana Scpa.

5

1.498,10

0,06

Agroqualità S.p.A

8773

4.474,23

0,224

 

* percentuale calcolata sull'ammontare del capitale sottoscritto e versato.

 

La Camera di Commercio di Siena garantisce la piena proprietà delle azioni e delle quote oggetto di alienazione nella presente procedura e così la loro libertà da pesi, sequestri, pignoramenti o altri vincoli di sorta.

I soggetti interessati dovranno far pervenire la propria offerta entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12.00 del giorno 30/12/2014, a pena di esclusione.

La seduta pubblica è fissata per il giorno 07/01/2015 alle ore 10.00.

In allegato il bando.

 

 

 


DOCUMENTI ALLEGATI
Promofirenze - La Turchia “Opportunità di business per le Pmi del territorio”
80 milioni di abitanti, settima economia europea con un PIL in crescita del 4% e con un tasso di disoccupazione decrescente. Della Turchia si è parlato a Firenze in un Forum con 80 imprenditori

Logo di Promofirenze

La Turchia con una popolazione di oltre 80 milioni di abitanti è il diciassettesimo paese più popoloso al mondo: con un'età media di 32 anni sin dal 2010 è stata una delle economie più rapide nella crescita con tassi vicini a quelli cinesi. Nel 2013 il Pil si è mantenuto su livelli di crescita molto alti arrivando ad una media annua del 4,0%. I significativi miglioramenti registrati in un così breve periodo hanno collocato la Turchia, membro del G20, al diciassettesimo posto tra le economie mondiali e al settimo tra le economie europee nel 2013 .

 

Anticipare ed intercettare le dinamiche di crescita di mercati geograficamente strategici e con buone potenzialità di sviluppo, anche prospettico: con questo obiettivo UniCredit ha organizzato il Forum Turchia, in collaborazione con PromoFirenze, Azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze. L'iniziativa ha coinvolto ottanta imprenditori, riuniti all'interno della sede di Promo Firenze, Azienda speciale dell'ente camerale fiorentino.

 

Circondata da Russia, Caspio, Iran, Iraq, Golfo, Egitto, il Paese sta inoltre diventando un centro fondamentale per il settore energetico. La Turchia gode della prossimità geografica con il 72% dei giacimenti di gas e con il 73% di quelli di petrolio.

Nel 2013, l'Italia si è collocata al quarto posto fra i partner commerciali della Turchia, con un interscambio di 19,6 miliardi di dollari (-0,6%), un export dall'Italia verso la Turchia di 12,9 miliardi di dollari (-3,4%), un import dell'Italia dalla Turchia di 6,7 miliardi di dollari (+5,5%), con un saldo negativo per la Turchia pari a 6,1 miliardi di dollari. Nel 2012 l'Italia si era attestata al sesto posto nella graduatoria dei Paesi partner della Turchia, dopo Germania, Russia, Iran, Cina e Stati Uniti.

 

Dopo i saluti introduttivi di Mario Curia, Consigliere Delegato PromoFirenze e Stefano Giorgini, Area Manager Toscana Est di UniCredit, l'incontro ha visto le relazioni tecniche di Halil Ibrahim Şener dell'Ambasciata di Turchia in Italia, Esra Gulfidan, Political Risk & Country analysis UniCredit, Nicola Longo Dente, Head of International & Multinational Banking di YapiKredi (quarta banca del paese Gruppo UniCredit) e Stella Occhialini della società Roncucci&Partners Group.

 

Al termine dell'incontro c'è stata la testimonianza di alcune aziende tra cui la Isea srl - con l'Amministratore Delegato Gualtiero Giorgi.

A seguire i rappresentanti delle aziende partecipanti, attraverso incontri individuali con i relatori, hanno avuto la possibilità di approfondire tematiche più specifiche relative al mercato turco.

 

"Favorire l'internazionalizzazione - ha detto Stefano Giorgini- rappresenta uno degli obiettivi strategici che il nostro Gruppo propone alle imprese, nell'ambito del proprio programma UniCredit International volto ad accompagnare le aziende del territorio all'estero, per estendere il proprio business verso mercati nuovi dalle prospettive interessanti. Il mercato turco offre ampi spazi per le aziende italiane ed evidentemente anche per quelle del nostro territorio. Con questo Forum - ha concluso Giorgini - abbiamo offerto agli imprenditori locali un corredo di informazioni ampie, oggettive e qualificate, così da arricchire il loro bagaglio di conoscenze, con la finalità di promuovere la conoscenza del "Made in Tuscany" all'estero e di favorire il loro processo di internazionalizzazione. UniCredit è presente in Turchia con Yapi Kredi, che è la quarta banca privata del Paese e dispone di una rete integrata con copertura diffusa di filiali e canali innovativi".

 

"Confermiamo l'impegno di PromoFirenze nel supportare i nostri imprenditori ad affrontare nuovi mercati. In questo caso la Turchia è estremamente interessante, come ha dimostrato la presenza di più di 80 imprese al seminario di oggi pomeriggio: per molti aspetti vicina alla nostra cultura e con un dinamismo che offre grandi opportunità. Per questo ringraziamo UniCredit che con la sua rete capillare può essere il partner giusto", ha sottolineato Mario Curia, consigliere delegato di PromoFirenze.

 

LE POTENZIALITÁ DEL MERCATO TURCO

FIRENZE E LA TOSCANA

 

Nei primi sei mesi del 2014, le esportazioni della Toscana destinate al mercato turco sono state di circa 263 milioni di euro, in calo del 15% rispetto al corrispondente periodo del 2013. Nello stesso arco temporale, le vendite della provincia di Firenze dirette in Turchia sono state di poco inferiori a 38 milioni di euro, in diminuzione del 17% rispetto al primo semestre 2013.

Sempre tra gennaio e giugno 2014, le importazioni della Toscana dalla Turchia sono state di quasi 118 milioni di euro, in calo del 13% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Per quanto riguarda invece la provincia di Firenze, l'import dal paese euro-asiatico è stato di circa 20 milioni di euro, sostanzialmente stabile rispetto al primo semestre 2013.

 

Nel 2013 i settori trainanti le esportazioni della regione in Turchia sono stati:

Prodotti delle altre attività manifatturiere (specie la gioielleria) per quasi 122 milioni di euro, in aumento del 16% rispetto al 2012;

Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori per oltre 104 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto al 2012;

Macchinari ed apparecchi per più di 65 milioni di euro, con un calo del 21% rispetto all'anno precedente;

Coke e prodotti petroliferi raffinati per poco meno di 63 milioni di euro, con una diminuzione del 10% rispetto al 2012;

Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti per quasi 50 milioni di euro, con un dato praticamente invariato rispetto al 2012.

 

 

Nel 2013 i principali settori dell'export fiorentino con destinazione Turchia sono stati:

Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori per circa 25 milioni di euro, facendo registrare un +7% rispetto al 2012;

Macchinari ed apparecchi per quasi 22 milioni di euro, con un forte aumento (+47%) rispetto al 2012;

Sostanze e prodotti chimici per poco meno di 11 milioni di euro, in significativo calo (- 41%) rispetto al 2012;

Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti per più di 6 milioni di euro, in diminuzione del 28% rispetto al 2012;

Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi per circa 6 milioni di euro, (+25% rispetto al 2012). 


Lucca - “Il Desco 2014”: record di presenze e finale a sorpresa
Tante le iniziative nell'ultimo weekend della mostra sui sapori e saperi lucchesi andato in scena al Real Collegio dal 6 all’8 dicembre

Logo della Camera lucchese

Una cosa è sicura: l'ultima settimana del Desco ha avuto un finale speciale. Ma andiamo con ordine. Uno dei protagonisti che ha accompagnato la conclusione della mostra più famosa sui saperi e sui sapori lucchesi targata 2014 - senza dubbio - è stato il fagiolo. Anzi i fagioli: tanti, diversi e tutti buoni.

 

Così è partita sabato 6 dicembre l'inaugurazione di Slowbeans - manifestazione organizzata da Slowfood Lucca, Compitese e Orti Lucchesi E Associazione Rosso e i suoi Fratelli in collaborazione con l'ente camerale - per la promozione dei legumi in un'ottica di condivisione e rispetto della biodiversità. Quale miglior apertura per le Fagioliadi 2014, gara "semiseria" di piatti a base di legumi, che si è svolta domenica 7 dicembre presso il Real Collegio di Lucca. Senza contare tutti gli altri appuntamenti previsti nel calendario della manifestazione: dalle mostre agli aperitivi, dalle merende alle degustazioni.

 

Divertimento ma anche cultura: lunedì 8 dicembre, qundo è stato presentato il nuovo libro di Fabrizio Diolaiuti "Alla scoperta del cibo" edito Sperling & Kupfer, con prefazione di Beppe Bigazzi. Come distinguere i cibi di qualità, sani e convenienti? Quali sono gli alimenti che curano? Come evitare le trappole del marketing? Un viaggio affascinante e sorprendente, fatto di domande e di risposte che l'autore ha presentato attraverso moltissime curiosità e informazioni che cambieranno per sempre il modo di vedere il cibo e di gustarlo.

 

Ma non è finita, si perché il Desco - pronto a raggiungere un nuovo record di presenze dopo le 37mila raggiunte nei giorni scorsi - ha salutato tutti lunedì 8 dicembre e lo ha fatto con divertimento, cultura e musica, in effetti non è mancato proprio niente.

 

L'ultima giornata de "Il Desco" è stata speciale - lo abbiamo detto - e cosa c'è di più magico di un messaggio che arriva direttamente dallo spazio?

 

Alle 16.00 di lunedì, è stato trasmesso il videomessaggio di Samantha Cristoforetti - prima astronauta donna italiana nello spazio - di fronte ad alcuni studenti provenienti da Capannori. Proprio loro, i bambini, alla fine della proiezione hanno poi scrtto un messaggio postato sul blog personale dell'astronauta (Avamposto 42) diventando ufficialmente gli ambasciatori della Comunità leguminosa nello spazio.

 

Alle 17,30 è partito poi l'intrattenimento musicale Terra Madre Day 2014. : Una giornata dedicata al cibo e ai produttori, festeggiata in contemporanea in tutto il mondo: canti, suoni e balli del gruppo di musicisti "Di terra in terra".

 

E il finale? Tutto ha avuto termine così come è cominciato, con un brindisie con l'augurio che la prossima edizione del Desco sia sempre più bella e divertente della precedente. 


Pisa - Food and Wine Festival 2014
Torna alla Leopolda il viaggio alla riscoperta del gusto e dei sapori del territorio

Logo della Camera pisana

Torna alla Stazione Leopolda di Pisa, dal 12 al 14 dicembre, Pisa Food and Wine Festival: l'iniziativa per gli amanti del buon mangiare e del buon bere, organizzata dalla Camera di Commercio di Pisa in collaborazione con le Associazioni di categoria pisane, l'Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione "G. Matteotti" di Pisa ed il patrocinio della Regione Toscana, dell'Università di Pisa e dei Comuni di Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano.

 

Il Festival, alla sua terza edizione, si inserisce nel panorama enogastronomico toscano come una vera e propria vetrina per la promozione della filiera corta dei prodotti agroalimentari pisani con oltre 50 produttori che venderanno e faranno degustare ai visitatori tipicità e delizie a km zero.

 

Il programma è arricchito da laboratori di educazione alimentare dedicati a Vino, Olio Extra Vergine di Oliva, Salumi e Formaggi, gestiti da esperti del settore che guideranno alla riscoperta dei veri sapori dei cibi sensibilizzando una sana e corretta alimentazione.

Si rinnovano le sessioni di Cooking Show. Ogni appuntamento avrà un prodotto protagonista preparato e presentato da un giovane Chef dell'Istituto Alberghiero "G. Matteotti". Il miglior piatto ed il suo Chef saranno premiati nella cerimonia di fine manifestazione.

Una sezione sarà dedicata ai più piccoli, con l'allestimento di uno spazio ludico-educativo in cui saranno proposti laboratori creativi, giochi sensoriali e degustazione di merende a cura della cooperativa sociale "Il Simbolo", dell'Associazione "La Compagnia del Bosco", di ASCOE e di Sapori Mediterranei

Novità di questa edizione il servizio gratuito di informazione nutrizionale a cura dell'università di Pisa (Corso di Laurea in Dietistica) ed Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, disponibile presso il banco "Progetto Pisa città che mangia sano".

 

Domenica 14 infine, a partire dalle ore 17.00, andrà in scena Torta co' bischeri Show Contest, una sfida tra panifici e pasticcerie per decretare il bischero più ghiotto! Assaggi e possibilità di voto per i visitatori che si iscriveranno sul sito della manifestazione www.pisafoodwinefestival.it

 

Ma il Pisa Food and Wine rappresenta anche un'ottima occasione per iniziare a pensare ai regali di Natale, scegliendo di fare un regalo "di ….. Gusto": semplice, originale e di qualità da farsi impacchettare con l'apposita confezione regalo.

 

Il Festival è ad ingresso libero e si svolgerà presso i locali della ex Stazione Leopolda. Per partecipare agli eventi in programma è necessario prenotarsi presso la cassa dell'area Food and Wine Show Tasting della manifestazione ovvero sul sito www.pisafoodwinefestival.it

 

 

Di seguito l'elenco degli espositori, ed il programma della manifestazione.

 

ESPOSITORI

Antico Pastificio Morelli 1860, Consorzio Agrario Provinciale di Pisa, Busti Agricoltura, Caseificio Busti, Azienda Agr. Castrogiovanni Maria, Formaggi F.lli Carai, RDA Toscana in Tavola, Quattro Gigli, Aragosta Srl, Boutique Mila, Azienda Agr. Carbonaia, Podere S. Anna, Macelleria Morelli Mariano, Gemignani Tartufi, Savini Tartufi, Azienda Agr. Val di Lama, Podere Tognoni, Zafferano il Re dei Re, Panificio della Croce, Azienda Agr. Regolini Renata, Gelateria La Sirenetta, Birrificio Masini, G.S.G. - Liquori Taccola, Azienda Agr. Sorelle Palazzi, Azienda Agr. Vallorsi, Badia di Morrona, Tenuta La Macchia, Caiarossa, Rifugio dei Sogni, Il Mulinaccio, Azienda Agr. Pepi Francesco, Associazione Grandi CRU della Costa Toscana, Consorzio Toscana Sapori, Azienda Agr. Valle di Pinino.

 

PANIFICI E PASTICCERIE

Panificio della Croce, Panificio Pardi Giovanni, Nuova Artigiana Dolci, Panificio Piccolo Forno, Panificio Pusanti, Panificio Pasticceria Alberti

 

PROGRAMMA

 

Venerdì 12 dicembre 2014

  • Inaugurazione Festival alle ore 18.30, fino alle ore 22.30 degustazione e vendita prodotti.

Sabato 13 dicembre 2014

  • Apertura dalle ore 10.00 alle ore 23.00 con degustazione e vendita prodotti.

 

Inoltre:

  • 11.30 - 13.00, Verticale dei Vini a cura del Dipartimento di Agricoltura, Cibo e Ambiente dell'Università degli Studi di Pisa
  • 16.30 - 17.30, laboratorio di degustazione guidata di salumi a cura di ONAS (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi)
  • 18.00 - 19.30 laboratorio di degustazione guidata di formaggi pecorini a cura di ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi)

 

E per i piccoli:

  • 10.00 - 11.00 e 11.30 - 12.30, laboratorio "Giochiamo a cucinare" a cura di Cooperativa il Simbolo
  • 11.00 - 12.00 Laboratorio "Prepariamo la merenda con l'olio extra vergine di oliva" a cura di As.C.O.E (Associazione Assaggiatori e Cultori Olio Extra Vergine d'Oliva)
  • 15.00 - 17.00 Spettacolo di Burattini "Ridiamo ed impariamo a mangiare" a cura dell'Associazione La Compagnia del Bosco
  • 15.30 - 17.00 e 17.30 - 19.00 Laboratorio "Assaggio e Gusto" a cura di Cooperativa il Simbolo

 

Domenica 14 dicembre 2014

  • Apertura dalle ore 10.00 alle ore 23.00 con degustazione e vendita prodotti.

 

Inoltre:

  • 11.30 - 12.30, laboratorio di degustazione guidata di salumi a cura di ONAS (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi)
  • 15.00 - 16.30 laboratorio "i difetti dell'olio:come scoprirli" a cura di As.C.O.E (Associazione
  • Assaggiatori e Cultori Olio Extra Vergine d'Oliva)
  • 17.00 - 19.00, laboratorio di degustazione guidata di vini biologici e biodinamici a cura del Dipartimento di Agricoltura, Cibo e Ambiente dell'Università degli Studi di Pisa e ICQRF (Istituto dell'Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari)
  • 17.00 - 19.00 Torta co' bischeri show contest "Vota il bischero più ghiotto" - Gara tra panifici e pasticcerie.
  • 22.30 Cerimonia di chiusura e premiazione del giovane chef dell'Istituto Matteotti vincitore del concorso "A scuola…con gusto" per la migliore ricetta con prodotti del territorio.

 

E per i piccoli:

  • 10.00 - 11.00 e 11.30 - 12.30, laboratorio "Giochiamo a cucinare" a cura di Cooperativa il Simbolo
  • 11.30 - 12.30 Laboratorio "Assaggio e Gusto" a cura di Cooperativa il Simbolo
  • 15.00 - 16.30 Spettacolo di Burattini "Ridiamo ed impariamo a mangiare" a cura dell'Associazione La Compagnia del Bosco
  • 16.30 - 17.30 Laboratorio "La merenda dolce con le api….il miele" a cura di Sapori Mediterranei

  


Prato - Rapporto imprenditoria straniera, tornano a crescere le imprese extracomunitarie

Logo della Camera pratese

Tornano a crescere le imprese gestire da cittadini stranieri sul territorio di Prato. Secondo i dati aggiornati a fine 2013, sono il 27,7% del totale le imprese  che operano sul nostro territorio ( +4,5% in più del 2012).

 

Riprendono a crescere le imprese cinesi (+4,6% a fronte del + 2,2% del 2012), si rafforzano le attività gestite da nigeriani (+19,6% rispetto al 12,6% del 2012). E proprio la comunità nigeriana diventa la terza comunità imprenditoriale straniera che opera sul territorio, dopo quella cinese e quella albanese.

Sono alcuni dei numeri che emergono dal nuovo rapporto sull'imprenditoria straniera elaborato dall'ufficio studi della Camera di Commercio di Prato, l'analisi annuale che dal 2000 fotografa l'evolversi del fenomeno sul nostro territorio.

 

Nel 2013 sono 1672 le nuove iscrizioni di imprese straniere, il 3,3% in più dell'anno precedente, un dato in controtendenza dopo un 2012 dove si era registrato un -4% e un 2011 che si era chiuso con un -9%. Più che a un incremento delle iscrizione, la crescita complessiva è da imputare soprattutto a  una sensibile riduzione dei tassi di cessazione: nel 2013 il tasso di cessazione è risultato pari al 14,8%, il 2,3% in meno rispetto al 2012. Questo fenomeno ha avuto una incidenza anche sui tassi di turn-over, che però per le aziende cinesi si mantiene molto alto (43,9% nel 2013, a fronte del 45,3% nel 2012).

 

La presenza dell'imprenditoria cinese rimane spalmata su tutti i settori, con caratteristiche e scelte settoriali in linea con quello che emergeva anche nelle precedenti indagini. Unica eccezione lo sviluppo sostenuto registrato nell'industria tessile: con 106 iscrizioni (il 57% del totale) il tasso di crescita delle imprese classificate come tessili ha sfiorato il 20%.

 

 

Uno sguardo al 2014

Nei primi 6 mesi del 2014 sono state 900 le nuove imprese con titolare o socio nato all'estero, il 53,4% delle nuove iscrizioni registrate al Registro Imprese della Camera di Commercio di Prato. Si tratta di un incremento del 5% rispetto all'anno precedente. Sono cresciute del 10,/% le imprese marocchine del 7% le nigeriane. Per quanto riguarda le imprese cinesi, mentre continua a essere sostenuto il tasso di crescita nelle confezioni (+4,8%), si conferma l'interesse crescente per il tessile (+8,4%) e per il commercio all'ingrosso, specializzato in abbigliamento e accessori per la moda (+9,7%)  


PromoFirenze - L'innovazione delle pmi passa da Firenze
Al National Meeting dell'Enterprise Europe Network più di 50 responsabili degli sportelli italiani

Logo di Promofirenze

L'innovazione, la ricerca e l'internazionalizzazione delle imprese passano da Firenze, sede del National Meeting EEN (Enterprise Europe Network). In città, il 9 e 10 dicembre, si sono dati appuntamento i responsabili di oltre 50 sportelli EEN sul territorio italiano. Enterprise Europe Network è la rete europea inaugurata nel 2008 con il sostegno della Commissione Europea (direzione generale imprese & industria) nell'ambito del Programma europeo Competitività ed Innovazione (CIP) adottato per supportare le piccole e medie imprese nel loro processo di internazionalizzazione ed innovazione.

Nella due giorni di incontri, che si è svolta fra la sede di PromoFirenze e l'hotel Baglioni, è stato fatto il punto sugli ultimi 5 anni di lavoro, che hanno visto più di 11mila accordi di partnership internazionale tra operatori, una banca dati attuale con quasi 20mila profili, migliaia di esperti e servizi dedicati in tema di proprietà intellettuale, trasferimento tecnologico, nuovi mercati e accesso ai finanziamenti europei, a cominciare dai progetti Horizon 2020 (su ricerca e innovazione) e Cosme (competitività).

Anche per i prossimi cinque anni, PromoFirenze, azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze, sarà capofila del Consorzio dell'Italia centrale che ha preso il nuovo nome di SME2EU (Small Medium Enterprise to Europe) e dispone complessivamente di sette sportelli: a PromoFirenze, Confindustria Toscana e Confesercenti nell'area di Firenze, a Umbria Innovazione (Terni) e al Centro estero innovazione (Perugia) in Umbria, a Piceno promuove (Ascoli Piceno) e Compagnia delle Opere di Pesaro-Urbino nelle Marche.

"PromoFirenze, nella programmazione 2015-2020, continuerà a essere parte attiva della rete Enterprise Europe Network coordinando 3 regioni del Centro Italia e attivando tutte le sinergie possibili per poter far sì che i servizi della rete Enterprise Europe Network possano realmente accrescere la competitività delle imprese a livello europeo ed internazionale - ha sottolineato Mario Curia, consigliere delegato PromoFirenze -. La rete ha certamente tutte le potenzialità per avvicinare imprese alle istituzioni europee, problematica oggi molto sentita, soprattutto dalle piccole imprese. Per il rilancio dell'economia la rete EEN potrebbe avere un ruolo strategico per il territorio convogliando in misura sempre maggiore finanziamenti europei attraverso progetti specifici".

Enterprise Europe Network è complessivamente composta da circa 600 organizzazioni, tra cui Camere di commercio, enti per lo sviluppo regionale, Centri di ricerca universitari con circa 4.000 esperti professionisti in più di 54 Paesi : al di là dei confini dei 28 Paesi dell'Unione europea Enterprise Europe Network è presente anche in Norvegia, Islanda, Svizzera, Turchia, Armenia, nell'ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Israele, Marocco, Ucraina, Sud Corea.

 


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
12 dicembre Camera di Commercio Siena 4a Giornata della Trasparenza
16 dicembre Camera di Commercio Livorno Livorno nello scenario della portualità europea - Fondi Europei e Reti Ten-T per rilanciare la sfida globale
18 dicembre Camera di Commercio Pistoia III Giornata della Trasparenza
18 dicembre Camera di Commercio Prato Processo Telematico - Conferenza Stampa
19 gennaio Camera di Commercio Pisa Marchio Ospitalità Italiana 2015
29 gennaio Unioncamere Toscana Boot Camp’s Day: Evento regionale conclusivo
3 - 13 febbraio Unioncamere Toscana Ercole Olivario - Edizione speciale Expo' 2015
3 febbraio Camera di Commercio Livorno Corso Professionale per Accesso alimentare, Somministrazione alimenti e bevande e H.A.C.C.P.
3 febbraio Camera di Commercio Livorno Corso abilitante per agenti e rappresentanti di commercio
6 - 8 febbraio Camera di Commercio Pistoia IMMAGINE ITALIA & Co.
10 febbraio Camera di Commercio Livorno Dal "Buy Wine" alla scoperta dei nostri vini
10 febbraio Camera di Commercio Siena “La fatturazione elettronica per le piccole e medie imprese"


Logo Sincert


Stampa