Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  6 -  venerdì 20 marzo 2015 - anno  14
Attività Istituzionale
La fotografia dell'Export toscano alla fine del 2014
Il commento del Presidente Sereni

Il Presidente SereniCommentando i dati sul commercio estero della Toscana relativi al quarto trimestre ed all'anno 2014, elaborati dall'Ufficio Studi di Unioncamere Toscana, il Presidente Andrea Sereni ha sottolineato:

 

"Quando osserviamo la nostra economia dal lato dell'export ci troviamo di fronte a sistemi di imprese fortemente dinamiche, che sono state in grado di superare le difficoltà degli ultimi anni attraverso un innalzamento dei propri livelli di competitività, malgrado un sistema-paese che non sempre è stato in grado di sostenerne gli sforzi. Nonostante i buoni risultati conseguiti anche nel corso del 2014, la crescita delle esportazioni regionali appare frenata da due elementi: da un lato, il perdurare di tensioni geo-politici in alcune aree del mondo con conseguenti ripercussioni negative per il nostro export come nel caso dei paesi medio-orientali e del Nord Africa abituali importatori di prodotti dell'oreficeria; dall'altro, la persistente debolezza della domanda interna ai paesi dell'Unione, in particolare Francia e Germania, a cui nel 2014 si è sovrapposto l'embargo degli scambi con la Russia. In questo contesto appaiono rilevanti le iniziative della Regione Toscana e del Sistema Camerale nell'ambito di EXPO 2015: da un lato una serie di incontri con i commissari dei vari paesi sul tema dell'internazionalizzazione e della crescita, dall'altro l'organizzazione di incoming di operatori stranieri in Toscana, con lo scopo di favorire le relazioni internazionali delle nostre imprese."


Attività Studi & Ricerche
Export 2014: la Toscana rimane su un sentiero di crescita (+4,3%)
Boom di vendite negli Stati Uniti (+24%), il dato migliore tra le principali regioni esportatrici. Trainano sistema moda, meccanica strumentale e cantieristica, ma lo sviluppo è ancora frenato dalle forti difficoltà dell’oreficeria

" "Con un aumento nel valore delle vendite all'estero del 4,3% tra gennaio e dicembre 2014 (al netto delle transazioni di metalli preziosi), le produzioni toscane agganciano la nuova fase di ripresa della domanda mondiale ed in particolare - anche grazie al forte deprezzamento dell'Euro rispetto al dollaro - la robusta crescita degli Stati Uniti, la cui domanda per importazioni è cresciuta del 4,5% in volume nell'ultimo anno. Pur con un rallentamento nel corso dell'ultimo trimestre (+3,5% il dato di ottobre-dicembre 2014) la Toscana conferma in media d'anno una crescita decisamente più sostenuta rispetto alla media nazionale (+2,4%), e rimane ai primi posti tra le regioni esportatrici, subito dietro all'Emilia Romagna (+4,4%).

 

Questa la fotografia che emerge dal commento ai dati ISTAT sul commercio estero della Toscana (IV trimestre e anno 2014), elaborati dall'Ufficio Studi di Unioncamere Toscana e diffusi oggi.

 

Gli andamenti settoriali

Le esportazioni della Toscana, nel 2014, sono sostenute dalle vendite di beni strumentali e beni di consumo. Tra le migliori performance, grazie all'espansione del mercato statunitense, quelle dei prodotti della meccanica (macchine di impiego generale +12,1%, meccanica strumentale +10,1%), dei mezzi di trasporto (cantieristica +29%, automotive +8,7%) e del sistema moda (cuoio e pelletteria +8,8%, prodotti tessili +6,3%, articoli di abbigliamento +7,7%, calzature +6%), questi ultimi con una accelerazione negli ultimi tre mesi dell'anno nei paesi dell'Estremo Oriente (in particolare Hong Kong e Singapore).

Bene le vendite di apparecchiature elettriche (+7,8% in media d'anno, con un +20,2% nel IV trimestre), articoli in gomma e materie plastiche (+10,5%), dei prodotti del cartario (+4,6%) e del lapideo, in particolar modo l'estrattivo (+3,1), di cicli e motocicli (+2,1%), con destinazione il mercato UE.

Restano in grave difficoltà i prodotti di oreficeria (-9,6% in media d'anno, con un crollo del -18% nell'ultimo trimestre del 2014), anche se in questo caso sulla variazione del valore delle vendite incide pesantemente la flessione, superiore al 20 %, del prezzo dell'oro ed in lieve contrazione le esportazioni dell'industria agroalimentare (-0,7%).

 

" "

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercati e aree di sbocco

Un forte rallentamento interessa, negli ultimi tre mesi dell'anno, le esportazioni toscane nei paesi europei (+2,5%), con un ulteriore indebolimento della crescita sia sul mercato interno all'Unione (+1,4%) e soprattutto nell'Area Euro (+0,5%), che tra i paesi europei non UE (+7,4%), crescita fortemente rallentata dall'embargo degli scambi con la Federazione Russa (-14,9%). All'interno dell'EuroZona, si ferma la crescita dell'export verso i due principali mercati di sbocco regionali, Francia (-0,8%) e Germania (-0,1%).

In media d'anno, i più consistenti contributi alla crescita delle esportazioni regionali provengono da Regno Unito (+3,5%), Spagna (+4,2%), Austria (+14,5%) e Grecia (+32,7%) tra i paesi UE28, da Svizzera (+7,1%) e Turchia (+1,1%) tra i paesi Europei non aderenti all'Unione.

Con una crescita del +28,9% nel quarto trimestre ed un +23,7% in media d'anno, gli Stati Uniti si confermano al momento il mercato più dinamico per le produzioni toscane. In decisa accelerazione anche le esportazioni verso i paesi dell'America centro-meridionale, in particolare Messico (+7,1%) e Brasile (+10,2%). In ripresa, nel quarto trimestre 2014, le esportazioni in Cina (+11,7%) e Giappone (+13,7%), con andamenti tuttavia molto deboli in media d'anno. Si chiude in negativo il 2014 per le esportazioni in nord Africa (-47,6%) e nei paesi del Medio Oriente (-12,8% Arabia Saudita, -11,3% Emirati Arabi, -30,9% Qatar).


Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


Notizie dal mondo camerale
PromoFirenze - Sapori d’Italia nel mondo

Logo di Promofirenze

Il settore del food in Tailandia è sicuramente uno dei più promettenti e in rapida crescita. Sapori d'Italia nel mondo alla fiera FHT, Food & Hotel Thailand 2015 (Centro espositivo BITEC, Bangkok dal 2 al 5 settembre 2015) è una delle principali mete per gli operatori del Sud Est Asiatico.

Nonostante la tradizione gastronomica Italiana sia differente da quella tailandese, vi è però un vivo interesse nei confronti della cucina Italiana: basti pensare che nella sola Bangkok si possono contare più di 350 ristoranti italiani e nel 2014 si può registrare un aumento del 30% rispetto al 2013 nell'importazione di prodotti agroalimentari italiani.

Inoltre dal 2015 l'Asean (Associazione delle Nazioni del Sud Est Asiatico) è diventato un mercato unico formato da 10 Paesi in crescita con oltre 600 milioni di consumatori e la Tailandia può rappresentare un ponte strategico verso l'Asean.

La Manifestazione FHT, giunta alla sua 27esima edizione e organizzata da Bangkok Exhibition Services in collaborazione con AllWorld di Londra è una mostra annuale aperta esclusivamente a operatori qualificati del settore. Nel 2014 ben 26.550 visitatori hanno preso parte alla fiera, incontrando 287 aziende provenienti da 21 Paesi e 4 gruppi nazionali da Giappone, Sud Africa, Taiwan e USA.

PromoFirenze organizza un padiglione italiano riservato ad aziende alimentari interessate ad aprirsi un mercato nell'estremo Oriente. Le iscrizioni per partecipare scadono il 20 marzo 2015.

Maggiori informazioni e prenotazioni sul sito di PromoFirenze:

http://www.promofirenze.it/it/evento/news/sapori-d'italia-nel-mondo-food-hotel-thailand-2015-0 


Prato - Contributi alle nuove attività, operativo il bando della Camera di Commercio
Un sostegno concreto per le nuove imprese operative da non oltre 24 mesi

Logo della Camera pratese

Torna il bando dei contributi per le nuove attività, un sostengo concreto per le nuove imprese del territorio che operano nei settori del commercio, del turismo, dell'artigianato, dell'industria e dei servizi.

 

"Stimolare la nascita di nuove imprese è l'azione più efficace per il rilancio del territorio - commenta Luca Giusti, Presidente della Camera di Commercio di Prato - per questo abbiamo voluto riproporre il bando. Non ci sono solo i giovani che scelgono la strada dell'imprenditoria, ma anche persone mature che decidono di mettersi in gioco: sono tutte energie importanti per il nostro futuro"

 

Per poter accedere al contributo la nuova impresa deve essere operativa a Prato da non oltre 24 mesi. Sono ammissibili le spese di costituzione, l'acquisto di macchinari, hardware e software, le spese per marchi e brevetti. L'agevolazione massima è del 30% delle spese sostenute con un massimo di 2500 euro. Il bando sarà operativo dal 1 aprile al 31 ottobre.

 

Tulle le informazioni sul sito www.po.camcom.it


Pisa - Riconosciuti i primi Maestri Artigiani della provincia
La cerimonia si è svolta alla Camera di Commercio

Logo della Camera pisana

Consegnati il 16 marzo scorso alla Camera di Commercio di Pisa i primi undici attestati di Maestro Artigiano della provincia. La Qualifica, prevista dalla legge regionale n. 53 dell'ottobre 2008, viene attribuita ai titolari di impresa artigiana ai quali un'apposita commissione riconosce una elevata professionalità ed una spiccata attitudine all'insegnamento del mestiere; insegnamento che, soprattutto nel settore dell'artigianato artistico, diventa fondamentale per la valorizzazione e la trasmissione delle tradizioni locali.

 

Il ruolo dell'artigianato artistico-tradizionale, è importante nella provincia di Pisa anche sotto il profilo quantitativo: sono 863 le aziende artigiane pisane del settore, terza realtà toscana dopo Firenze ed Arezzo.

 

Alla presenza del Vice Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini, dell'Assessore Regionale alle attività produttive, Gianfranco Simoncini, del Presidente della Commissione Regionale per l'Artigianato Toscano, Fabio Masini e del Direttore di Artex, Alessandro Ricceri, sono stati insigniti del titolo di "Maestro Artigiano":

 

Badalassi Sauro - Tomaificio Nuova Cabor, Produzione e lavorazione di tomaie in pelle e pelletteria (Castelfranco di Sotto); Bonanni Luca - Co.Bo. Artistica, lavorazione artistica del ferro battuto (Vicopisano); Celleno Arianna - Il Carato snc, lavorazione di metalli e preziosi (Cascina); Chiapponi Paola - Marianini e Bertelli snc, riparazione mobili e lavorazioni tappezzeria in cuoio, carta, stoffa e materie plastiche (Cascina); Lami Mauro - Pelletterie l'Amico, lavorazione in pelle di borse, cinture e giacche (Ponte a Egola); Migliorini Marco - Pasticceria Migliorini snc, produzione di pasticceria, cacao cioccolato e confetteria (Volterra); Musto Carlo - Carlo Parrucchieri unisex, acconciatore (Marina di Pisa); Repole Donato Luciano - Cornacchia Rocco & Repole Luciano snc, lavorazione artistica alabastro, mosaico e intarsi (Volterra); Sereni Luigi - Confezioni Sanser, confezione di abbigliamento esterno (San Miniato); Simoncini Paolo - Simoncini Artigiani, lavorazione artistica di metalli (Volterra); Ugolini Sandra - Il Carato snc, lavorazione di metalli preziosi (Cascina).

 

Il commento di Valter Tamburini, Vice Presidente della Camera di Commercio di Pisa

"Il Maestro Artigiano - afferma Valter Tamburini - riveste da sempre un ruolo fondamentale nel tessuto socio-economico: non solo tramanda ai giovani apprendisti le competenze professionali, ma è in prima linea per salvaguardare tecniche ed abilità che, probabilmente, rischierebbero di scomparire. Il nostro auspicio - conclude Tamburini - è che altri artigiani pisani intendano intraprendere questo percorso. La Camera di Commercio di Pisa, ed in particolare il Registro delle Imprese, è a loro disposizione". 


Livorno - Verifica periodica delle bilance da banco
Prosegue il servizio decentrato per favorire gli utenti della provincia

Logo della Camera livornese

Lunedì 23 marzo 2015, dalle ore 9.30 alle ore 15.00 con orario continuato, gli ispettori metrici della Camera di Commercio di Livorno presteranno servizio a Piombino - presso il Centro Civico del Perticale- Via Lerario n. 104, in una sala offerta dal Comune - per effettuare verifiche periodiche su bilance da banco (portata massima 30 kg).

 

Gli utenti metrici che utilizzano per la loro attività bilance da banco - ad esempio negozi di alimentari, frutta e verdura, panifici, macellerie e salumerie, pizzicherie, pizzerie, pasta fresca, gioiellerie, farmacie, ecc. - possono recarsi direttamente presso la sala comunale con lo strumento metrico ed eseguire il pagamento direttamente agli ispettori. La tariffa richiesta ammonta a euro 18,30 IVA compresa (la stessa prevista per la verifica presso la sede di Livorno).

 

Dato il gradimento riscontrato si ripete così l'offerta di un servizio decentrato: lo scopo è quello di rispettare l'adempimento obbligatorio triennale previsto dal D.M. n. 182/2000.

 

La verificazione periodica consiste nell'accertare l'inalterabilità metrologica delle bilance utilizzate per transazioni commerciali mediante esecuzione di specifiche prove di pesatura, il cui esito positivo è attestato con l'apposizione di un contrassegno adesivo di colore verde che reca la data entro cui lo strumento deve essere nuovamente verificato. 


Siena - Ricettività turistica e problematiche legate all’obbligo della trasmissione

Logo della Camera pratese

Nell'ambito della normativa vigente il Questore di Siena Maurizio Piccolotti, dopo avere riscontrato un numero consistente di attività ricettive, che non si sono ancora conformate alla normativa che obbliga le stesse a comunicare in maniera telematica le presenze dei propri ospiti, accogliendo l'invito del presidente Massimo Guasconi, della Camera di Commercio di Siena ad ospitare una conferenza stampa sull'argomento, intende sottolineare come ormai sia trascorso un periodo di tempo ampiamente sufficiente per adeguarsi alle previsioni di legge indicate dal D.M. Interno del 7.1.2013 e che verranno avviati opportuni controlli per la verifica dei corretti adempimenti.

 

La Questura di Siena continuerà ad essere disponibile, attraverso la sua divisione PASI e il suo ufficio informatico (0577.201111- http://questure.poliziadistato.it/Siena ), per supportare gli operatori economici alla regolarizzazione.

 

La Camera di Commercio di Siena si è fatta parte diligente insieme a tutte le Associazioni di Categoria per attivare in tempi strettissimi una serie di modalità operative che permettano di supportare le imprese in questione per adeguarsi tempestivamente e scongiurare qualsiasi ipotesi sanzionatoria.

Le Associazioni di Categoria sono disponibili, a richiesta, ad individuare le specifiche criticità e a mettere a disposizione le loro strutture e servizi per rimuovere gli ostacoli che hanno impedito fino ad oggi l'adeguamento auspicato.

 

Di seguito sono elencati i riferimenti:

 

ASSOCIAZIONE

RIFERIMENTO

MAIL

API 

Aviano Savelli

apisiena@apisiena.it

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI 

Federigo Sani

f.sani@confindustria.siena.it

COLDIRETTI 

Debora Vagheggini

debora.vagheggini@colidiretti.it

CONFARTIGIANATO 

Gabriele Carapelli

gabriele.carapelli@confartigianatosenese.it

CONFCOOPERATIVE 

Cinzia Collodi

collodi.c@confcooperative.it

CONFCOMMERCIO 

Luisella Bartali

lbartali@confcommercio.siena.it

CONFESERCENTI 

Chiara Dipietro

c.dipietro@confesercenti.siena.it

C.I.A 

Anna Stopponi

anna.stopponi@ciasiena.it

CNA 

Stefano Terrosi

stefano.terrosi@cnasiena.it

LEGACOOPERATIVE 

 

consultingcsi@tiscali.it

UNIONEAGRICOLTORI

Fabiola Materozzi

materozzi@confagricolturasiena.it

 


Livorno - Vinitaly 2015, il sostegno della Camera di Commercio alle imprese del territorio

Logo della Camera livornese

Si rinnova anche per il 2015 il sostegno che la Camera di Commercio di Livorno dà alle imprese vitivinicole che partecipano alla quarantanovesima edizione del Vinitaly, il Salone internazionale del vino, che si svolgerà da domenica 22 marzo a mercoledì 25 marzo alla fiera di Verona.

 

D'intesa con le associazioni di categoria del settore agricolo, la CCIAA ha infatti stanziato con un apposito bando una somma di 25.000 euro, in parte già assegnata alle imprese che hanno fatto domanda.

 

Gli espositori potranno contare su un contributo a copertura di metà delle spese effettuate (locazione degli spazi, allestimento superficie espositiva, iscrizione alla manifestazione e al catalogo ufficiale della fiera), fino ad un massimo di 1.000 euro, che aumentano del 10% in caso di impresa giovanile o a conduzione femminile.

 

Le risorse stanziate non sono ancora esaurite. Chi fosse interessato può ancora partecipare: il bando e la relativa domanda di partecipazione sono scaricabili sul sito istituzionale della CCIAA alla pagina http://www.li.camcom.gov.it/promozione/bandi2015/vinitaly/ 


Arezzo - La “buona pratica” della Camera di Commercio rappresenterà la Toscana all'Expo 2015 di Milano

Logo della Camera di Arezzo

Si è svolta l'11 marzo scorso a Firenze, a Palazzo Strozzi Sacrati, la presentazione delle 31 "buone pratiche" che rappresenteranno la Toscana a Milano, per l' Expo 2015 "Nutrire il pianeta, energia per la vita".

 

Tra di esse è inserito anche il progetto "Olio di oliva igp: una sana risorsa alimentare per tutti" realizzato dalla Camera di Commercio di Arezzo in collaborazione con l'associazione "strade del Vino".

 

Una "buona pratica" che mira alla diffusione di un uso consapevole dell'olio di oliva IGP quale importante e sana risorsa alimentare, anche attraverso la valorizzazione di una selezione di oli che presentano eccellenti caratteristiche organolettiche. In particolare il progetto si è concretizzato in percorsi informativi e di degustazione nelle scuole e nei ristoranti anche attraverso la redazione di uno specifico catalogo.

 

 "Come Camera di Commercio  - sottolinea il Presidente Andrea Sereni - siamo estremamente soddisfatti del riconoscimento  che la Regione Toscana ha voluto attribuire al nostro progetto. Si tratta in realtà di una delle molte iniziative che l'ente camerale ha nel corso di questi anni realizzato, per valorizzare, anche attraverso i suoi prodotti di eccellenza, il nostro territorio. L'appuntamento dell'Expò costituisce una imperdibile occasione di promozione internazionale che come territorio aretino non possiamo perdere. Saremo infatti presenti, , nel mese di maggio, all'interno della sezione "Buon vivere toscano" del Padiglione Italia nel villaggio dell'esposizione universale. Poi, dal 13 al 19 luglio, ai "Chiostri di San Barnaba", a poche passi dal Duomo, assieme al Comune di Arezzo e ad altri comuni della provincia, una settimana interamente dedicata alle produzioni agro-alimentari aretine."

 

"Tra i progetti riconosciuti dalla Regione Toscana come "best pratice" dell'alimentazione - commenta il Segretario Generale della Camera di Commercio Dott. Giuseppe Salvini - solo un altro, oltre al nostro, è stato realizzato da una Camera di Commercio. Un riconoscimento importante che valorizza non soltanto un progetto, ma sopratutto una realtà, quella dell'olivicoltura aretina, che, nonostante le difficoltà dell'ultima stagione, è costituita da oltre 12.000 produttori, un dato che comprende sia le imprese maggiormente strutturate che quelle più familiari, dedite all'autoconsumo della produzione. Il progetto che sarà presentato ad Expò 2015 ha visto peraltro coinvolti più soggetti, ad iniziare dal Panel dell'olio che ha, ad esempio, organizzato degustazioni guidate degli oli nelle scuole. Il Panel o Comitato di assaggio interprofessionale degli oli di oliva vergine ed extravergine,che ha sede presso la Camera di Commercio , è un organo riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, chiamato a verificare e certificare la qualità organolettica del nostro IGP toscano, Un olio quello aretino che, assieme alle altre produzioni agroalimentari rappresenta un elemento imprescindibile di una sana ed equilibrata alimentazione . E proprio i modelli di consumo alimentare costituiscono una delle priorità tematiche dell'esposizione Universale di Milano, che , è bene ricordarlo, oltre ad essere una opportunità  di promozione economica rappresenta un importante laboratorio per condividere e conoscere tra gli oltre 130 paesi partecipanti modelli di gestione delle risorse agroalimentari e per una maggiore sicurezza alimentare."   

 


Pistoia - Le imprese "in rosa" della provincia

Logo della Camera di Pistoia

Sono 7.222 le imprese femminili registrate al Registro Imprese della Camera di Commercio di Pistoia al 31.12.2014. Di queste le attive sono 6.368 con una quota di addetti stimata di circa 16.000 unità.

 

I dati, che mettono in evidenza il ruolo sempre importante delle imprese "in rosa" all'interno del sistema imprenditoriale della nostra provincia, emergono da un'analisi condotta dall'Ufficio studi della Camera di Commercio di Pistoia sui dati forniti da Infocamere ed estratti dal registro imprese.

 

Il 2014 conferma la tenuta del comparto femminile del sistema imprenditoriale

Nell'intero anno si sono iscritte al registro della Camera di Commercio di Pistoia 550 imprese femminili (il 27% del totale iscrizioni). Nello stesso periodo sono cessate 516 aziende «rosa» generando un saldo fra nuove iscrizioni e cessazioni di 34 imprese.

Importante è il contributo dell'imprenditoria femminile straniera, in particolare extracomunitaria, che, da sola, ha generato il 15% delle nuove iscrizioni.

 

Il tasso di femminilizzazione, che rappresenta il peso delle imprese femminili all'interno del sistema imprenditoriale, per la provincia di Pistoia è pari al 22,1% del totale delle imprese registrate. Il dato provinciale è lievemente più basso rispetto alla media toscana (22,7%).

 

Per quanto riguarda la distribuzione delle imprese femminili all'interno dei settori, quello ove si concentra il maggior numero di imprese è il COMMERCIO (2.005 imprese che rappresentano il 27,8% del totale, con un tasso di femminilizzazione pari a 26,1% ), seguito dal MANIFATTURIERO (909 imprese pari al 12,6% del totale e con un tasso di femminilizzazione pari a 20,5%) e dall'AGRICOLTURA (821 imprese, l'11,4% con un tasso di femminilizzazione pari a 24,2%).

Alto il peso femminile nei settori legati al TURISMO, in particolare alberghi a altre forme di alloggio, dove la quota di imprese rosa rappresenta il 36,8% del totale, e nei settori dei servizi alla persona dove il tasso di femminilizzazione supera il 65%. 

 

La distribuzione delle imprese femminili per natura giuridica vede il 62,1% delle stesse iscritte come imprese individuali, il 18,1% come società di capitale, il 18,4% come società di persone e il restante 1,4% nelle altre forme (l'1% sono cooperative).

 

Rispetto alle "quote rosa", su un totale di 51.115 persone che assumono cariche o qualifiche nelle imprese della provincia di Pistoia al 31.12.2014, sono 14.399 le donne con almeno una carica (pari al 28,2%). Il totale delle cariche assunte da donne nell'ambito delle imprese della provincia di Pistoia è pari a 21.203 al 31.12.2014.

 

Per quanto riguarda le imprese artigiane su un totale di 12.771 persone che ricoprono cariche o qualifiche all'interno dell'azienda, il 21,1% sono di sesso femminile (2.695).

 

Sulle 14.399 donne con carica nelle imprese pistoiesi, quelle con meno di 30 anni rappresentano il 5,7% (quota maggiore che nella componente maschile, dove i giovani under 30 sono pari a 4,2% del totale).

 

Le donne extra-comunitarie con cariche sono 706. Il numero più consistente è costituito dalle donne cinesi (95). Seguono le albanesi (46) e le donne provenienti dalla Nigeria (61) e dalla Federazione Russa (63).

 

COMITATO PER LA PROMOZIONE DELL'IMPRENDITORIA FEMMINILE

Presso la Camera di Commercio di Pistoia opera il Comitato per la promozione dell'imprenditoria femminile.

Istituito con Protocollo d'intesa tra Ministero dell'Industria del Commercio e dell'Artigianato e l'Unione Italiana delle Camere di Commercio nel lontano 1999, esso è attualmente composto da 15 membri nominati in rappresentanza delle associazioni di categoria, delle organizzazioni sindacali e del consiglio camerale con mandato di operare per il periodo 2014-2016.

 

Insediatosi a settembre dello scorso anno, il comitato si è confrontato sui contenuti da approfondire nel programma di mandato stabilendo priorità e attività da realizzare.

Nella seduta del 26 novembre ha poi proceduto a nominare la Presidente nella persona di Fabrizia Fagnoni (Confcooperative) e ben quattro Vice Presidenti nell'ottica di condividere e delegare funzioni e rappresentanza. 


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
18 - 22 marzo Camera di Commercio Pisa Corso per Capi panel
20 marzo Camera di Commercio Pisa "Premio alla Committenza"
20 marzo Camera di Commercio Pisa Premio alla Committenza
26 marzo Camera di Commercio Grosseto Campagna olearia 2014 - La difesa dalla mosca delle olive - Grosseto
26 marzo Camera di Commercio Arezzo Incontro con l'Assessore Ceccarelli
1 aprile - 30 maggio Camera di Commercio Livorno Corso preparatorio all’esame per agenti di affari in mediazione nel settore immobiliare
9 aprile Unioncamere Toscana L'Alta Tecnologia in Toscana - Presentazione del 6° Rapporto Annuale
15 aprile Camera di Commercio Arezzo Campagna olearia 2014 - La difesa dalla mosca delle olive - Arezzo
16 aprile Camera di Commercio Livorno Ispettori metrici a Vicarello per la verifica periodica delle bilance da banco
17 aprile Camera di Commercio Pistoia Controllo Eco-Compatibile della Mosca Olearia - Pistoia
22 aprile Unioncamere Toscana Comitato Regionale Associazioni di categoria
23 aprile Camera di Commercio Grosseto Novità normative e operative del Registro Imprese e focus approfondimento sulla nota integrativa in formato XBRL
24 aprile Regione Toscana e Unioncamere Toscana Seminario tecnico informativo per assaggiatori d'olio d'oliva vergine - San Casciano Val di Pesa
27 aprile Camera di Commercio Pistoia Verde pubblico e privato: quali strategie dopo la tempesta di vento
28 aprile Camera di Commercio Lucca Campagna olearia 2014 - La difesa dalla mosca delle olive - Lucca
28 aprile Camera di Commercio Pisa Investment Compact
28 aprile - 26 maggio Camera di Commercio Arezzo Goldf@shion
2 maggio - 3 novembre Milano EXPO Fuori EXPO ... I territori toscani
12 maggio Unioncamere Toscana Unioncamere Toscana - Giunta
12 maggio Unioncamere Toscana Unioncamere Toscana - Consiglio


Logo Sincert


Stampa