Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  12 -  venerdì 8 maggio 2015 - anno  14
Attività Istituzionale
Il Presidente Sereni commenta i dati dell'indagine demografica sull'imprenditoria toscana

Il Presidente Andrea Sereni

Commentando i dati di "Movimprese", l'Indagine Demografica sull'Imprenditoria Toscana che rileva la natalità e la mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana, elaborata da Unioncamere Toscana nel primo trimestre del 2015, il Presidente di Unioncamere Toscana Andrea Sereni ha detto fra l'altro:

 

"I primi mesi dell'anno segnano una fase di transizione da un periodo di recessione ad uno di moderata ripresa, anche se presentano segnali contraddittori,  da un lato le iscrizioni di nuove imprese nel periodo gennaio-marzo sono state meno di un anno fa, dall'altro, pur rimanendo tante, le aziende in scioglimento e liquidazione diminuiscono, così come le chiusure, i fallimenti e le situazioni di crisi aziendale: è soprattutto a questo segnale che dobbiamo guardare in prospettiva futura. Le imprese cominciano a percepire che il vento dell'economia sta cambiando direzione, e quelle che sono state in grado di resistere fino a questo momento si stanno attrezzando per agganciare gli spunti positivi attesi per i prossimi mesi. Affinché ciò si traduca in ripresa effettiva occorre tuttavia che non vengano meno alcune fondamentali condizioni di contorno, mettere l'impresa al centro dell'azione riformatrice del Governo e del Parlamento, semplificando il quadro normativo e fiscale su impresa e lavoro, e lavorando con determinazione per semplificare 'la burocrazia' che frena gli imprenditori."


Si è conclusa "Impresa in Azione" edizione 2015

Piazza Vittorio Emanuele II - Pisa

Il 19 Maggio scorso, a Pisa, nella tradizionale cornice di Piazza Vittorio Emanuele II, si è svolta la finale regionale delle diciannove imprese di studenti partecipanti a "Impresa in azione - Edizione 2015", il percorso di educazione e di promozione della cultura imprenditoriale rivolto agli studenti delle classi IV degli Istituti superiori.

Il programma "Impresa in azione" è realizzato in Toscana dalla Camera di Commercio di Pisa - Azienda Speciale ASSEFI con il sostegno di Unioncamere Toscana, della Regione Toscana e dell'Ufficio Scolastico Regionale in attuazione del Protocollo triennale 2012-2015 in materia di alternanza scuola lavoro ed è sviluppato su format "Junior Achievement", l'associazione no profit che si occupa con il patrocinio della Commissione Europea di sostenere il futuro personale e professionale dei giovani attraverso la predisposizione di programmi di formazione economico-imprenditoriale adottati come buona prassi da oltre 40 Paesi europei.

 

Obiettivo dell'iniziativa è quello di valorizzare e promuovere lo spirito imprenditoriale tra i giovani per affrontare con maggiore consapevolezza le future scelte formative e professionali, ma anche accrescere la consapevolezza dell'importanza della creatività e dell'innovazione, quali valori che ispirano gli studenti e li incoraggiano a trasformare le loro idee in progetti concreti.

 

Quest'anno "Impresa in azione" ha visto coinvolti nella creazione e gestioni di piccole imprese, pienamente operative seppur in ambiente protetto, oltre 400 allievi provenienti da 15 scuole da sei province toscane: ISIS Gobbetti-Volta di Bagno a Ripoli (prov. di Firenze), Ist. Ferraris-Brunelleschi di Empoli (Prov. di Firenze), , IIS Arturo Checchi di Fucecchio (prov. di Firenze) Liceo Scientifico Gramsci di Firenze; Istituto Tecnico Agrario di Firenze; ISIS Fossombroni di Grosseto, ISIS Marco Polo di Cecina (prov. di Livorno), ITCG Cerboni di Portoferraio (prov. di Livorno), ITIS Galilei di Livorno, Ist. Pertini di Lucca, Istituti ITCG Fermi di Pontedera (prov. di Pisa), ITCG Niccolini di Volterra (prov. di Pisa), Liceo Scientifico Buonarroti di Pisa, I.I.S.S Pesenti di Pisa, Ist. Caselli di Siena. 

 

Nell'emozionante competizione che è durata per l'intera giornata, i ragazzi, affiancati dai propri insegnanti, dal Sistema camerale regionale, da un tutor esperto in business plan messo a disposizione da Unicredit, partner Junior Achievement  a livello nazionale dell'iniziativa e da un vero e proprio imprenditore, all'interno di stand allestiti per l'occasione, hanno così presentato al pubblico ed ad una giuria di esperti composta da imprenditori, manager, rappresentanti di Unioncamere, dei Poli tecnologici, dell'Università e dell'Ufficio Scolastico Regionale i prodotti e servizi da loro ideati mostrando così la loro capacità di tradurre in impresa la loro business idea.

 

Al termine della competizione, che ha visto coinvolti oltre 400 studenti provenienti dalle province di Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Pisa e Siena, sul gradino più alto del podio sono saliti, ex aequo, gli studenti dell'ISIS Marco Polo di Cecina con l'Impresa "Alò JA", che ha presentato " Seguro, l'amico che ti guarda le spalle, uno zaino dal design con funzione antifurto e quelli dell'ISI Sandro Pertini di Lucca con l'Impresa La Pantera JA distintesi con "HiLucca, una mappa-guida online che propone un percorso consigliato per poter visitare nell'arco di una giornata i luoghi classici e quelli meno conosciuti della città di Lucca.

 

Entrambi vincitori del premio Migliore Impresa JA Toscana, gli studenti parteciperanno alla competizione nazionale BIZ Factory, in programma a Milano il 3-4 giugno prossimi e si contenderanno il titolo di Migliore Impresa JA 2015, rappresentando l'Italia alla JA Europe Company of the Year Competition di Berlino.

A margine della competizione la Giuria ha altresì assegnato due importanti riconoscimenti: per il primo anno è stato consegnato il FedExInnovation Award, premio speciale rivolto all'Impresa JA più innovativa, vinto dagli studenti dell'ITCG Enrico Fermi di Pontedera grazie a Young Up JA, l'Impresa produttrice di SipTime, il dispositivo che applicato su una qualsiasi bottiglia di acqua, ricorda che è il momento di bere.

 

Premiati anche gli studenti dell'Istituto Tecnico Agrario di Firenze con l'Impresa P.ECO.C. JA e dell'ISI Sandro Pertini di Lucca con La Pantera JA rispettivamente con il Business Model Award promosso da Unioncamere Toscana e il premio ComunicAZIONE JA Toscana promosso da Assefi.

 

L'iniziativa rientra nel progetto dal titolo " "I servizi per favorire la cooperazione con le istituzioni scolastiche ed universitarie in materia di alternanza scuola lavoro e per l'orientamento al lavoro e a alle professioni", a valere sul FNP 2014 cod. 32.

  


Attività Studi & Ricerche
La Demografia Imprenditoriale in Toscana nel I trimestre 2015: tra gennaio e marzo meno chiusure aziendali e meno fallimenti
Migliora, negli ultimi dodici mesi, il saldo imprenditoriale ma sono maggiori le difficoltà dell'artigianato. In crescita il fenomeno delle start-up innovative

 

Sono state 8.445 le iscrizioni di nuove imprese ai registri delle Camere di Commercio della Toscana nel primo trimestre del 2015, evidenziando un calo (-2,1% rispetto allo stesso periodo del 2014) che è tuttavia inferiore rispetto a quanto fatto registrare dalle imprese cessate (9.425 quelle "non d'ufficio", per una variazione del -4,1%). Al netto dei fattori "stagionali" (le cessazioni, tradizionalmente, si concentrano nei primi mesi dell'anno), il dato relativo agli ultimi dodici mesi (oltre 26 mila iscrizioni, circa 23.500 cessazioni) evidenziano un saldo positivo (+2.529 imprese) ed un'accelerazione del tasso di crescita imprenditoriale (+0,6%), in progressiva ripresa dalla fine del 2013.

La dinamica imprenditoriale che emerge dai dati di inizio 2015 si caratterizza dunque per un rallentamento del fenomeno delle chiusure aziendali, accompagnato dalla contrazione delle situazioni di crisi:

 
  • ·       240 i fallimenti (-18,8%), diminuiti ad un ritmo ben più accelerato rispetto alla media nazionale (-0,5%);
  • ·       43 le aziende che hanno aperto concordati fallimentari o preventivi e accordi di ristrutturazione debiti, un numero dimezzato (-51%) rispetto al primo trimestre 2014.

Anche il conto delle 1.909 aziende toscane entrate in scioglimento e liquidazione evidenzia inoltre una sensibile diminuzione (-8,6%) rispetto all' inizio del 2014.

 

Le forme giuridiche

 

Dal punto di vista delle forme giuridiche adottate dalle imprese toscane, il contributo positivo più importante viene dalle società di capitali (98.605 a fine marzo 2015, il 24% del sistema-impresa regionale), che sono aumentate al ritmo del 3,2% nel corso dell'ultimo anno (pari a 3mila società in più rispetto a marzo 2014).

 

E' proprio in questo ambito che si inserisce il buon andamento delle start-up innovative, introdotte dal legislatore alla fine 2012 con lo scopo di valorizzare e sostenere le nuove realtà imprenditoriali orientate allo sviluppo, alla produzione ed alla commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico. In Toscana, alla fine di marzo, le aziende iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese sono state 237, sesta nella classifica delle regioni italiane. Si tratta di realtà imprenditoriali concentrate prevalentemente nelle aree urbane ed in prossimità dei principali centri universitari regionali (Firenze, Pisa, Siena), contesti territoriali che maggiormente ne favoriscono la nascita e lo sviluppo. L'80% delle start-up innovative toscane svolge inoltre attività di servizi legati alle nuove tecnologie, alla ricerca scientifica e - in senso lato - ai servizi «avanzati»: produzione di software e consulenza informatica (69 imprese), ricerca e sviluppo (53), servizi di informazione (20). Il 16% si occupa invece di attività manifatturiere,  prevalentemente legate all'ICT (fabbricazione di computer e strumentazioni elettroniche 14 unità).

 

In aumento anche le imprese individuali (+344) e le altre forme giuridiche (+186, di cui 15 cooperative); le società di persone (mille unità in meno), invece, continuano a ridursi fino a quota 87.158 (il 21% del totale imprese).

 

Le aziende artigiane, che in Toscana costituiscono il 26,4% delle complessivo tessuto imprenditoriale, calano dello 0,7% (-792 unità), a causa di una mortalità che, pur in rallentamento, è ancora elevata (8,5%).

Ad un artigianato sempre in affanno fa da contraltare il sistema delle imprese non artigiane in decisa espansione (+1,1% pari a +3.321 unità), grazie ad una mortalità contenuta al 4,7% e nonostante un tasso di natalità più basso (5,8% contro il 7,7% dell'artigianato).

 

I settori di attività

 

Sotto il profilo settoriale, un piccolo contributo positivo viene dall'industria (+106 imprese il dato al netto dell'edilizia), grazie soprattutto alla concia-pelletteria-calzature (+149), alle riparazioni meccaniche (+145) ed alla trasformazione alimentare (+56). In diminuzione invece il tessile-maglieria (-56), la meccanica strumentale (-53) ed il legno-mobili (-96).

 

Le attività che maggiormente contribuiscono alla crescita del tessuto imprenditoriale toscano appartengono tuttavia soprattutto al terziario. A fine marzo 2015 il settore turistico (alberghi e ristoranti) conta 33.046 aziende (+2,9% e +929 unità ricettive rispetto a dodici mesi prima), così come il commercio (+1,0%, +1.033) che raggiunge quota 100.642 aziende rappresentando un quarto del sistema imprenditoriale regionale. Da evidenziare il contributo da parte degli stranieri alla crescita delle imprese commerciali. In Toscana sono 14.534 le imprese del commercio guidate da stranieri, con un incremento di 1.300 unità nel corso degli ultimi dodici mesi che ha più che compensato la diminuzione degli esercizi condotti da italiani (-273). Seppur in misura più contenuta, la vitalità della componente straniera spinge anche il turismo (+220 le imprese straniere, +670 le italiane). Contribuiscono inoltre in maniera rilevante al bilancio positivo del terziario anche le attività dei servizi alle imprese e dei servizi alla persona, che insieme determinano un saldo positivo di circa 1.000 aziende in più.

 

L'agricoltura ha invece registrato un calo di 530 aziende (-1,3%) e l'edilizia di 580 (-0,9%): in questo secondo caso, le difficoltà sono strettamente legate all'artigianato. In Toscana il 69% delle imprese operanti nella filiera delle costruzioni è infatti artigiana (per lo più attive nella installazione di impianti e nei lavori edili di completamento): la variazione assoluta di questa componente imprenditoriale è stata negativa per ben 1.050 unità (-2,4% rispetto a marzo 2014), contro un andamento che - per la parte non artigiana - ha fatto registrare una variazione positiva pari a +470 imprese.

 

Imprese femminili, giovanili e straniere

 

Alla fine di marzo le imprese femminili in Toscana sono 93.514, il 22,8% delle imprese complessivamente registrate. Rispetto a marzo 2014 si registra un aumento dell'1,5%, che equivale a 1.409 imprese in più. L'espansione della componente femminile del sistema-impresa regionale è trainata, in particolare, dalle società di capitali (+7,3%, +1.159).

 

Le imprese giovanili (35.717) - l'8,7% del tessuto imprenditoriale regionale - risultano invece in calo (-1,7%). A diminuire sono le ditte individuali di (-703 aziende) e le società di persone (-337), mentre aumentano le società di capitali guidate da under 35 (+9,1%, +424 unità).

 

Le imprese straniere (50.468), pari al 12,3% del sistema imprenditoriale toscano, aumentano del 5,8% (+2.824). Ad aumentare sono soprattutto le ditte individuali (+2.113), ma anche le società di capitali con elevata partecipazione di stranieri sono in espansione (+15,0%, +614 unità).


DOCUMENTI ALLEGATI
E’ on-line il Cruscotto Infocamere aggiornato al I trimestre 2015

" "

E' stato diffuso oggi il cruscotto di indicatori statistici dell'Economia Toscana.

 

I report offrono un quadro della struttura economica regionale aggiornato con dati strutturali sulle imprese al 31/12/2014 e i primi dati congiunturali relativi al 1° trimestre 2015.

 

I report finanziari relativi ai bilanci delle società di capitali sono stati arricchiti con i bilanci IAS/IFRS riferiti a circa 1000 imprese italiane che utilizzano lo schema IAS, comprese le società quotate alla borsa di Milano.

 

I dati completi sui bilanci depositati con riferimento all'esercizio 2013 evidenziano una quota ancora elevata di imprese in perdita (il 40% delle società di capitali), particolarmente concentrate nei settori agricoltura, turismo e costruzioni.

 

Tra le imprese in utile, che nel complesso rappresentano ancora oltre il 75% del valore della produzione complessivo, spiccano le società manifatturiere, dei trasporti, del commercio e delle assicurazioni.

 

 


Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


V.1 - Dati strutturali
V.2 - Dati congiunturali
V.3 - Bilanci 2013
V.4 - Bilanci compresenti 2011-2013


Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana
Focus: le start-up innovative in Toscana

- slide report e comunicato stampa

Notizie dal mondo camerale
Pisa - 24 aziende pisane a TuttoFood: la rassegna internazionale dedicata al cibo
Determinante il contributo della Camera di Commercio di Pisa per promuovere il territorio a livello internazionale

Logo della Camera pisana

Sono state 24 le imprese del territorio, accompagnate della Camera di Commercio di Pisa, che hanno partecipato a TuttoFood 2015: la rassegna internazionale dedicata al cibo che ha avuto luogo dal 3 al 6 maggio presso la Fiera di Milano che, di fatto, è stato l'evento inaugurale di Expo 2015.

 

Le aziende partecipanti erano tutte espressione di eccellenza affermata da anni anche sui mercati esteri così come i loro prodotti. Si andava dal tartufo ai liquori, passando per la pasta artigianale, il cioccolato, i formaggi, l'olio, i dolciumi, lo zafferano, il caffè riuniti dal comune denominatore dell'alta qualità da presentare ai numerosi buyers internazionali con l'intenzione di far recitare al territorio Pisano un ruolo da protagonista.

 

A disposizione delle 24 imprese uno stand di 270 mq articolato in due settori: uno di 180 mq, per esclusive funzioni espositive, e l'altro di mq 90 provvisto, tra l'altro, di una vera cucina per esibizioni di showcooking. Proprio queste esibizioni sono state tra i momenti più interessanti della presenza della Camera di Commercio di Pisa a TuttoFood 2015: un'iniziativa pensata per valorizzare gli ingredienti forniti dalle aziende presenti in fiera.

 

La Camera di Commercio di Pisa, consapevole dell'importanza della vetrina e vista la concomitanza con l'avvio dell'esposizione universale, si è da subito attivata per parteciparvi risultando l'ente pubblico che ha prenotato per primo, dopo la Regione Lombardia, il proprio spazio. 

 

LE AZIENDE PISANE A TUTTOFOOD 2015

Azienda

Città

Sito Web

 

   

Crema Lombardi

Vecchiano

www.casalombardi.it

Attiva Sas di Trinci

Cascine di Buti

www.impressioni.it

Pastificio Caponi

Pontedera

www.pastacaponi.it

Antico Pastificio Morelli 1860 Srl

San Romano - Montopoli V. Arno

www.pastamorelli.it

Caseificio Pinzani

Volterra

www.caseificiopinzani.com

Torre a Cenaia

Crespina

www.torreacenaia.it

Savini Tartufi Srl

Loc. Montanelli - Forcoli - Palaia

www.savinitartufi.it

Toscaffe'

Castelfranco di Sotto

www.toscaffe.it

Polidori Olio

Buti

www.oliopolidori.it

Loriano Paolini

Vicopisano

www.lorianopaolini.it

RDA S.r.l.

Castellina Marittima

www.toscanaintavola.com

Tartufi Nacci

San Miniato

www.tartufi-nacci.com

Olio Privilegio

Forcoli - Palaia

www.olioprivilegio.com

Zafferano Re dei Re

Casciana Terme

 

Az. Agr. Busti Tiziano e Riccardo

Orciano Pisano

www.bustiagricoltura.it

Morelli Liquori

Loc. Montanelli - Forcoli - Palaia

www.liquorimorelli.it

Fattoria Lischeto

Volterra

www.agrilischeto.com

Profumo di Pane

Volterra

www.panificioprofumodipane.it

La Ghiraia

Pastina - Santa Luce

www.laghiraia.it

Pastificio Martelli

Lari

www.martelli.info

Malloggi (*)

Calcinaia

www.liquorificiomalloggi.it

GSG Liquori Taccola

Uliveto Terme

 

Quattro Gigli

Montopoli V.A.

www.quattrogigli.it

Amedei

Pontedera

www.amedei.it

 

 


Lucca - Expo WorldRecipes promuove Il Desco e i sapori lucchesi
Le ricette lucchesi on line sul sito e app di Expo2015

Logo della Camera lucchese

Grande traguardo per Il Desco Lucca, dopo il patrocinio di Expo 2015, la pubblicazione sul portale di Expo worldrecipes delle ricette dei sapori lucchesi. Le prime ad essere pubblicate sono state il buccellato, la garmugia e il castagnaccio, ma tante altre ricette sono in fase di approvazione da parte della redazione.

 

Expo worldrecipes è il sito ufficiale di Expo2015 per promuovere la cucina nel mondo. E' costruito grazie al contributo di una communty di media publisher, blogger, chef, associazioni e consorzi di tutto il mondo che partecipano al progetto con le loro migliori ricette. Il motore di ricerca di Expoworld recipe acquisisce contenuti da fonti web selezionate in modo da arricchire i risultati di ricerca con le ricette dalla rete, ed è scaricabile la App Exporecipe, per avere i contenuti sempre disponibili.

 

La redazione di Expo worldrecipes verifica che le ricette, le immagini e i video devono rispettare i criteri di originalità, chiarezza e completezza. Le ricette sono suddivise per cluster: verdure e funghi, legumi, riso, caffè, cacao, spezie, frutta, carne, cereali, latticini e uova, pesce; per portate: conserve, appetizer e antipasti, breakfast e brunch, condimenti e salse, contorni, piatti principali, bakery, pasticceria e dessert e drinks.

 

Al momento sul portale sono presenti 61.483 ricette, 2.205 fonti e 77 paesi. Gli utenti del ricettario Expo worldrecipes potranno esplorare le ricette e le tradizioni culinarie di tutto mondo.

 

Da ogni ricetta pubblicata sul portale Expo worldrecipe ci si può collegare al sito dell'autore. Le ricette di Lucca pubblicate dalla Camera di Commercio sono linkate al sito il desco.eu, ciò aumenta la visibilità di Lucca e la promozione dell'edizione autunnale dell'evento Il Desco 2015. 

 


PromoFirenze - Casa delle Eccellenze, un angolo Expo a Firenze
Inaugurata l’area espositiva che recupera i locali dell’ex Tribunale Aperta fino al 31 ottobre. Ingresso gratuito. Nuovi allestimenti ogni 15 giorni

Logo di PromofirenzeUn artigiano che batte davanti al pubblico il Fiorino, una collezione numismatica creata appositamente per Expo2015, video esclusivi sull'artigianato artistico e un'installazione di piume nella gabbia che un tempo ospitava gli inquisiti sotto processo. I locali dell'ex tribunale di Firenze, uno dei rari esempi di architettura barocca a Firenze, tornano alla vita con la Casa delle Eccellenze, temporary mall patrocinato da Expo2015 e aperto fino al 31 ottobre con ingresso gratuito.

La Casa delle Eccellenze, promossa e finanziata da Camera di Commercio di Firenze, realizzata da PromoFirenze anche con il patrocinio di Comune di Firenze e Regione Toscana, è stata inaugurata oggi pomeriggio da Claudio Bianchi, vicepresidente della Camera di Commercio di Firenze e Mario Curia, consigliere delegato di PromoFirenze e da Giovanni Bettarini, assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze. L'iniziativa rientra nel progetto internazionale Work'nFlorence #Expo2015Firenze diretto da Alessandro Grassi.

«Il recupero di un luogo meraviglioso come l'ex tribunale di piazza San Firenze e allo stesso tempo l'allestimento di un temporary mall che ogni 15 giorni cambia volto, con rotazione delle aziende partecipanti, è un altro dei progetti che sottolineano come Expo2015 si possa vivere a Milano come a Firenze», ha sottolineato Claudio Bianchi, vicepresidente della Camera di Commercio di Firenze.

«L'obiettivo è quello di esporre le produzioni che si contraddistinguono per innovazione, tradizione o eccellenza, realizzate dalle imprese fiorentine in settori chiave come l'industria di qualità, l'artigianato artistico e l'enogastronomia», ha aggiunto Mario Curia, consigliere delegato di PromoFirenze.

Durante l'inaugurazione la compagnia Opus Ballet di Firenze, diretta da Rosanna Brocanello, ha eseguito un estratto dal Lago dei Cigni che, con la coreografia di Loris Petrillo, ha riconsegnato a uno sguardo rivisitato in modo attuale e contemporaneo un capolavoro, senza snaturarlo nella sua classicità. Nella Casa delle Eccellenze il tema della leggerezza è stato interpretato da IED Firenze sia nell'allestimento della gabbia attraverso l'utilizzo delle piume, sia nella selezione musicale, con la musica insant jazz dei Now!.

Il periodo espositivo di questo temporary mall è scandito seguendo un calendario tematico, mentre nell'area absidale una suggestiva zona conferenze è aperta al confronto, ai dibattiti e alle presentazioni di aziende, consorzi, reti e istituzioni.

La Casa delle Eccellenze è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19,30 (compresa la domenica). Le aziende che attualmente espongono sono: Picchiani & Barlacchi (lavorazioni in metallo), Biofficina Toscana (cosmesi), Marakita (accessori donna e artigianato), Maison 39 (complementi d'arredo), Paolo Penko (fabbricazione di oggetti d'oro e preziosi), Quercelfo (oggettistica da regalo), Rossi 1931 (cartotecnica da regalo), Torre d'Arte (accessori e manufatti di moda), Il Neonato di Graziella (abbigliamento per bambini), Vanda Nencioni (artigianato artistico e arredamento), Associazione esercizi storici fiorentini (l'artigianato artistico di Bongi, Pestelli e Filistrucchi).

Queste aziende resteranno alla Casa delle Eccellenze fino domenica 17 maggio. La mattina di lunedì 18 maggio la Casa delle Eccellenze sarà chiusa al pubblico per riaprire con nuovi aziende e allestimenti alle ore 14 di lunedì 18 maggio.

 


Livorno - Alternanza Scuola Lavoro al TAN
L’esperienza di dodici studenti livornesi

Logo della Camera livornese

Si è conclusa il 3 maggio scorso la 32^ edizione del Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno a cui hanno dato il loro contributo anche gli studenti delle scuole superiori livornesi.

 

 

Grazie al progetto "Alternanza scuola lavoro " che la Camera di Commercio sviluppa in collaborazione con la sua Azienda Speciale Centro Studi e Ricerche, 12 ragazzi delle classi IV del Liceo Cecioni, dell'IIS Vespucci Colombo, dell'ITC Attias e dell'ITN Cappellini hanno infatti avuto l'opportunità di svolgere uno stage presso:

- l'ufficio Informazioni dell'Autorità Portuale di Livorno;

- l'ufficio Stampa della Marina Militare;

- l'ufficio Informazioni del Villaggio Tuttovela.

 

In queste sedi gli studenti hanno potuto rafforzare le loro capacità organizzative e relazionali partecipando attivamente alla gestione delle iniziative sportive e culturali programmate durante la manifestazione.

 

Alla domanda "Cosa porterai con te di questa esperienza?" tutti gli studenti hanno sottolineato il rapporto umano che si è creato con lo staff impegnato nelle sedi ospitanti , che li ha fatti sentire parte integrante del team. Importante a loro avviso anche l'interazione con il pubblico, con cui si sono confrontati in occasione della manifestazione. Infine, gli studenti hanno evidenziato quanto questa esperienza abbia permesso loro di diventare più responsabili e puntuali.

 

Zaino Seguro - Alò JA: studenti imprenditori

In occasione della giornata conclusiva del Trofeo Accademia Navale e città di Livorno, il Centro Studi ha offerto l'opportunità anche agli studenti dell'ISISS Polo Cattaneo di Cecina di esporre "Seguro, lo zaino che ti guarda le spalle", prodotto nell'ambito del Programma didattico di orientamento all'autoimprenditorialità "Impresa in Azione", in cui l'Azienda Speciale e la Camera di Commercio di Livorno sono impegnate dal 2008. Gli studenti cecinesi hanno presentato per la prima volta al grande pubblico il loro zaino riscuotendo successo e rilevando un notevole interesse da parte dei visitatori. La Alò Ja sarà presente anche al Toys Center sabato 16 e 23 maggio. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina facebook dell'impresa di studenti https://www.facebook.com/ZainoSeguro?fref=ts 


Arezzo - In corso di svolgimento ad Anghiari la mostra GOLDF@SHION 2015

Logo della Camera di Arezzo

Dallo scorso 28 aprile è in corso di svolgimento , presso la sede del Museo Statale di Palazzo Taglieschi, la Mostra Goldf@shion, progetto giunto alla sua terza edizione e nato dalla collaborazionetra il Comitato IFE della Camera di Commercio e il Liceo Artistico Piero della Francesca di Arezzo.

 

Nelle sale del Museo sono esposti i modelli realizzati dagli studenti delle sezioni Moda e Costume, Stampa e Serigrafia e Design del Gioiello del Liceo Artistico che, quest'anno, hanno espresso la loro creatività ispirandosi al tema in concorso "Una trama per Anghiari", a testimonianza della tradizione del merletto nella vallata tiberina. Come nelle precedenti edizioni di Goldf@shion, anche questa volta gli studenti hanno dato prova di grandi capacità creative realizzando degli splendidi modelli attraverso il lavoro corale delle tre sezioni, coordinato dalle rispettive insegnanti.

 

La Mostra chiuderà i battenti il 26 maggio, giorno in cui si terrà la cerimonia di Premiazione del concorso, con Borse di studio messe a disposizione dalla Camera di Commercio per il riconoscimento ai tre migliori lavori che una Giuria scelta avrà decretato.

 

Durante l'apertura di Goldf@shion si terranno incontri mirati e destinati agli studenti del Liceo e a quanti fossero interessati a partecipare.

 

Il Progetto Goldf@shion, nasce con l'intento di creare un ponte ideale tra le eccellenze del territorio aretino: oro, tessuti e abbi-gliamento, ampliando la visuale nel fantastico mondo della moda e del lusso "Made in Italy" rovistando tra gli Archivi aziendali e dei Collezionisti di settore. Si tratta di un viaggio attraverso vari momenti storici, dagli anni '50 al 2000, ripercorrendo l'evoluzione dell'abito della donna che lavora "il tailleur" considerato da Chanel "la nuova uniforme della donna moderna".

 

Nel corso delle passate edizioni sono stati esposti nelle Mostre, di Arezzo nel 2012 e di Stia nel 2014, i lavori realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Piero della France-sca che, coordinati dagli insegnanti, hanno dato prova di abilità e creatività non comuni, ispirandosi di volta in volta ai temi messi a concorso.

 

La prima edizione dedicata a "Oro e Moda"aveva visto quali vincitori per la sezione Oro Adriel Castrosanto e per la sezione moda Carmen Candia; la seconda edizione dedicata a "Il caldo abbraccio del Casentino - sulle ali di Icaro" ha visto invece quali vincitori per la sezione Moda Caesy Roggi, per la sezione Stampa e Serigrafia Laura Toplicenau e Sara Se-nesi e per la sezione gioiello Xoana Tola.

 

La Mostra si arricchisce inoltre delle immagini d'epoca reperite negli Archivi Fotografici Alinari oltre a quelle delle campa-gne pubblicitarie di prestigiose Aziende del territorio quali Mimmina e Prada che fanno da sfondo ai modelli realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Piero della Francesca. che hanno progettato abiti e gioielli grazie anche alla collaborazione dell'Azienda aretina ISARTI e ai laboratori del Liceo Artistico Piero della Francesca.

 

I modelli dell'edizione 2015 sono esposti all'in-terno del Museo, quelli relativi al 2012 e al 2014 prendono posto all'interno delle vetrine del Borgo di Anghiari. 


Grosseto - La dinamica demografica delle imprese della provincia nel I Trimestre 2015

Logo della Camera grossetana

Nel I trimestre 2015 segnali contrastanti dalla dinamica delle imprese: positivo il saldo trimestrale (504 iscrizioni contro 466 cancellazioni al netto delle cancellazioni d'ufficio) mentre il tasso di variazione tendenziale annuo risulta negativo (-0,70%) e superiore al tasso medio regionale (-0,30%). Particolarmente significativo il calo delle imprese in agricoltura (-45), commercio (-44), costruzioni ( -24). In aumento il processo di patrimonializzazione: crescono le società di capitale (tasso variazione tendenziale annuo +5,11%) mentre risultano in calo sia le società di persone che le imprese individuali. Continua il calo delle imprese artigiane e si conferma importante la presenza dell'impresa femminile: in Maremma ben 26,8 imprese rosa su 100; in Toscana 22,8 ed in Italia 21,5.

 

In questi giorni l'ufficio studi della Camera di Commercio di Grosseto ha elaborato una serie di dati relativi alla dinamica provinciale delle imprese ed effettuato degli approfondimenti che consentono a Carla Palmieri, Vice Presidente della Camera di Commercio di Grosseto, di effettuare una riflessione di livello generale ed un richiamo sulle peculiarità del tessuto imprenditoriale maremmano.

 

"La dinamica demografica delle imprese grossetane nel primo trimestre del 2015 contiene segnali contrastanti anche se, in verità, le ombre continuano a superare le luci e l'attesa ripresa tarda a manifestarsi. L'incertezza generale, la difficoltà di accesso al credito e l'incidenza della tassazione ai diversi livelli, con la conseguente compressione del livello dei consumi, sottolinea Carla Palmieri, continuano a manifestare ricadute negative sul sistema imprenditoriale. Auspichiamo che i prossimi provvedimenti economici riescano a sostenere la ripresa, a rilanciare l'occupazione e a consentire a chi vuole scommettere sull'impresa di poterlo fare con la consapevolezza di operare in un contesto burocratico snello ed in un quadro generale competitivo. "

 

Al 31 marzo 2015 risultano iscritte al registro delle imprese della Camera di commercio di Grosseto n. 28.640 imprese aventi sede legale in provincia; considerando anche le unità locali, l'insieme delle cellule produttive operanti in Maremma si attesta a n.35.397 unità. Per quanto riguarda la regione nel suo complesso il numero totale risulta 410.920 per le sedi e n. 503.014 per le localizzazioni (tav.1). Nel primo trimestre 2015 tutte le province della Toscana hanno fatto registrare un valore negativo sia del saldo assoluto (imprese iscritte - cessate) che, di conseguenza, del tasso di crescita ( imprese iscritte - cessate, rapportato al totale di imprese iscritte ad inizio periodo di riferimento).

 

Prendendo in esame i dati congiunturali relativi al periodo 1 gennaio - 31 marzo 2015, e considerando le sole cessazioni su richiesta dell'utenza e cioè al netto di quelle per ufficio decretate dal Giudice del registro, la provincia di Grosseto, è quella che in Toscana fa registrare la performance meno deludente del tasso di crescita (0,13%) mantenendosi, seppur di pochissimo, in campo positivo insieme a Livorno (0,03%); subito dopo viene Prato (-0,03%) mentre agli ultimi posti della graduatoria decrescente si posizionano Arezzo (-0,41%), Siena (-0,44%), Pistoia (-0,62%) .

Grosseto pur registrando, sempre al netto delle cancellazioni d'ufficio, nel primo trimestre 2015 un contenuto saldo assoluto positivo (504 iscrizioni a fronte di 466 cancellazioni), manifesta indicatori decisamente più preoccupanti quando l'attenzione viene spostata sugli andamenti tendenziali; che descrivono più compiutamente il trend della dinamica imprenditoriale.

In questo caso infatti, colonna variazione tendenziale annua, si osserva un valore significativamente negativo (-0,70% rispetto a -0,30% della media regionale) collocando la Maremma al settimo posto della graduatoria decrescente tra le dieci province della Toscana. Tale indicatore, peraltro, è sostanzialmente in linea con il dato della variazione tendenziale annua rilevata al 31 marzo di un anno fa, (-0,63%) a conferma del rinnovarsi di una situazione di prolungata difficoltà in cui versa il sistema locale delle imprese.

 

Nel primo trimestre 2015 particolarmente significativo risulta il calo delle imprese nei settori più importanti dell'economia grossetana (tav.2 A): agricoltura (saldo iscrizioni - cessazioni, -45), commercio (saldo -44), costruzioni (saldo -24).

Detto calo trova una ulteriore conferma, seppur in intensità variabile, nel tasso di variazione tendenziale annua che, per quanto riguarda l'agricoltura (-1,54%), il commercio (-0,79%) e le costruzioni (-2,30), si attesta su valori superiori alla media provinciale e significativamente negativi. Da rilevare, oltre che per questi comparti in cui la consistenza numerica assume una rilevanza statistica particolare, il dato relativo alle attività immobiliari (-3,35%).

Riferendoci poi ai dati registrati (tav. 2 B) alla stessa data dello scorso anno (31 marzo 2014) si riscontra che sia l'agricoltura (-2,68%) che le costruzioni (-2,92%) anche allora registravano una variazione tendenziale annua negativa mentre il commercio (0,14) si posizionava, seppur di poco, in campo positivo.

 

Una considerazione particolare merita poi la distribuzione delle imprese per settore economico (tav. 2 D). Al 31 marzo 2015, fatto pari a 100 il totale della comunità imprenditoriale maremmana, 32,69 imprese appartengono al settore primario (erano 32,86 alla fine del 2014 e 33,12 al 31 marzo 2014) superando di oltre tre volte il valore medio regionale (Toscana 10,3%, Italia 13,5%); 5,61 al settore manifatturiero (14,0% in Toscana e Italia 10,4%); 12,59 alle costruzioni (15,8% in Toscana, 15,2% in Italia); 19,98 al commercio (25,7% in Toscana, 27,4% in Italia); 9,05 Alberghi e P.E. (8,1% in Toscana, 7,4% in Italia); 4,39 alle Attività immobiliari (6,6% in Toscana, 5,0 % in Italia).

 

Anche per quanto concerne il settore dell'artigianato, che nella classificazione operata dall'ISTAT risulta trasversale ai diversi settori economici di cui alla codifica ATECO, si continua a registrare un continuo calo di unità.

Dalle 5925 imprese artigiane iscritte al termine di marzo 2014 si è passati, un anno dopo, a 5831, con una diminuzione assoluta di 94 unità ed un tasso di variazione tendenziale annuo del -1,59%.

Tale andamento risulta confermato anche dal punto di vista congiunturale. Nel primo trimestre del 2015 il saldo tra iscrizioni e cancellazioni è -33 (-42 posizioni se si considerano anche le cancellazioni di ufficio), con un tasso di crescita trimestrale pari a -0,57%. Ragionando in termine di saldo circa i due terzi di questo è imputabile alle imprese artigiane del settore della costruzioni. 

 

Per quanto concerne la distribuzione delle imprese per classe di natura giuridica, nel primo trimestre del 2015 si registra un saldo positivo per le società di capitale (+ 94), mentre risultano in calo le società di persone (saldo -55) e, in intensità ancor più sensibile, le imprese individuali (saldo-120) mentre le imprese classificate sotto la voce "altre forme" (cooperative, consorzi, ecc.) manifestano valori grossomodo costanti (saldo +4) .

 

Il processo di capitalizzazione del sistema imprenditoriale grossetano che, tra le altre cose, ha risentito positivamente, della recente introduzione di norme di semplificazione per la costituzione di srl, risulta ancor più evidente allorquando si procede all'esame del tasso di variazione tendenziale. A comprova di ciò si osserva che le società di capitali al 31 marzo 2015 confrontate con quelle iscritte un anno prima, risultano aumentate di oltre il 5% (+5,11% per la precisione) mentre si riscontra un calo sia le società di persone(-0,94%) sia, soprattutto, le imprese individuali (-1,53%); in apprezzabile crescita risultano infine le imprese catalogate come "altre forme" (+1,62%).

 

Volgendo lo sguardo indietro ancora di qualche anno rileviamo, in estrema sintesi, una diversa composizione della distribuzione del tessuto imprenditoriale della provincia di Grosseto, ad ulteriore conferma della progressiva e costante crescita delle società di capitali, una costanza di quelle di persone ed un calo di quelle individuali. Nei numeri le società di capitali sono passate dall'8,6% del 2003 all'11,8% del 2008 per attestarsi al 14,3% al 31 marzo 2015; quelle di persone rimangono grosso modo costanti (21,9% nel 2003; 21,5% nel 2008; e 21,7% al termine del I trimestre 2015) mentre le imprese individuali calano in modo significativo (66,6% nel 2003, 63,6% nel 2008 e 60,7% al 31 marzo 2015).

 

Di rilievo, infine, per la realtà imprenditoriale locale, la marcata presenza della impresa femminile che, pur risentendo anch'essa degli effetti della crisi economica, conferma il proprio indiscusso peso.

 

Al 31 marzo 2015, tav.4 A, in Maremma ben 26,8 imprese su 100 sono definibili come tali: detta percentuale risulta la più elevata tra le dieci province della Toscana (dove il valore medio risulta pari a 22,85%) e supera di oltre 5 punti il valore medio nazione (Italia 21,5%). Tra i comparti economici tradizionali della provincia di Grosseto, di particolare  menzione la presenza di imprese femminile, tav.4 B, nei settori agricoltura (33,8%) alberghi e P.E. (31,6%) e commercio (28,9%).

  


Lucca - La novità di anteprima 2015: antologica, cena a 4 mani chef Tomei e Lopriore
Svelati i piatti inediti creati dai due chef per l’occasione

Logo della Camera lucchese

Novità della quattordicesima ed Anteprima Vini della Costa sarà la grande cena di apertura nella quale si sottolinea la collaborazione tra associazione Grandi Cru e prestigiosi chef della cucina italiana.

 

Due chef, Cristiano Tomei e Paolo Lopriore, due personalità molto forti del panorama gastronomico Italiano, una creatività molto incisiva che contraddistingue la loro cucina, ci propongono in parte un menù frutto del loro repertorio senza dimenticare la loro anima libera.

 

I piatti raccontano il territorio e la sua stagionalità come il calamaro ripieno di Daino crudo battuto al coltello con salsa al nero e asparagi selvatici, i tortellini con Mortadella, Rape amare e Nocciola grattugiata, i tortiglioni con Fave e Pecorino e miele di Elicrisio cotti in brodo di Kiwi e Alga Wakame. Si prosegue con il piccione cotto appeso sulla stufa, con insalata di erbe selvatiche e salsa con sangue di piccione e Krieke. Un creme caramel di fegati di piccione e spolverata di cacao al peperoncino che nonostante il nome non è un dessert ma un piatto di portata. E se questi piatti non bastano a stupire troverete altre sorprese degli chef ancora gelosamente cusodite nei segreti delle loro cucine.

 

I cinque piatti, che sono stati inventati per l'occasione dai due chef, vengono accompagnati da una selezione di vini della Costa Toscana scelti tra le migliori annate degli ultimi venti anni. Si inizia con le fresche bollicine di La Regola per poi passare ai bianchi con Fosso di Corsano dell'azienda Terenzuola e Giovin Re di Michele Satta. Per quanto riguarda i rossi dalla Tenuta di Ghizzano avremo il Nambrot 2007 e a seguire Grattamacco 2006 e Tenuta di Valgiano 2003. Un'occasione unica per degustare annate ormai difficili da trovare in commercio insieme a originali proposte e novità della Costa Toscana.

 

Il Real Collegio, luogo storico del centro cittadino, e la combinazione della creatività degli chef e della magia dei vini dei Grandi Cru della Costa Toscana sono una promessa di una serata di eccellenza enogastronomica. 


Prato - Il territorio di Prato al fuori Expo nei chiostri dell’umanitaria una vetrina di tutte le eccellenze pratesi
Cibo ma anche moda, tessile e molto altro

Logo della Camera pratese

Dal cibo alla moda, dal vino al turismo, ma anche molto altro: la partecipazione al Fuori Expo del territorio pratese è l'occasione di creare una vetrina di tutte le eccellenze del territorio, presentate in un unico spazio da tante aziende e professionisti che hanno risposto alla manifestazione di interesse lanciata dagli enti organizzatori. A promuovere la partecipazione al Fuori Expo all'interno dei Chiostri dell'Umanitaria, a due passi dal centro storico, è stata la Camera di Commercio di Prato in collaborazione con tutti i Comuni del territorio e con il contributo del Progetto Prato della Regione Toscana. E ogni Comune porterà a Milano le proprie eccellenze.

 

Durante i 7 giorni della manifestazione si alterneranno show-cooking, degustazioni, seminari sul tessile e la moda, workshop di knitting, intrattenimenti per bambini. Saranno presentate le eccellenze turistiche del territorio a un pubblico di blogger e giornalisti, ci saranno degustazioni di vino, ma si parlerà anche di recupero e di architettura. Scendono in campo anche i big del distretto per promuovere Prato al meglio: Patrizia Pepe sarà presente a Milano con una iniziativa.

 

In totale, anche grazie alla manifestazione di interesse che è stata lanciata per raccogliere le aziende interessate a venire a Milano, ci saranno 35 eventi diversi che si alterneranno nei 7 giorni, con il coinvolgimento di 50 aziende. Senza contare le aziende che producono agroalimentare, che saranno coinvolte nelle degustazioni e che ogni sera saranno protagoniste di un aperitivo in salsa pratese. In questo caso sono circa 20 le aziende complessivamente coinvolte.

 

Ecco un assaggio delle iniziative in corso:

 

GLI SHOWCOOKING Se Expo ha scelto di avere come protagonista il cibo, Prato non poteva fare a meno di far scendere in campo i suoi big in questo settore. Nel bellissimo spazio per gli showcooking presente all'interno dello spazio milanese si esibiranno il pasticcere Paolo Sacchetti, che realizzerà le pesche di Prato e i nuovi biscotti di Prato fritti e poi lo chef Angiolo Barni, con i sedani alla pratese e altri piatti della tradizione. Uno showcooking sarà dedicato al suino nero allevato a Montemurlo e all'uso in cucina della Mortadella di Prato. Si esibirà ai fornelli anche il notaio Luigi Pocaterra, volto noto di "Affari tuoi", che produce a Carmignano vino e grappe e che proporrà alcune ricette tipiche del territorio.

Protagonista anche il pane di Prato, o sarebbe meglio dire i pani di Prato, in un seminario di presentazione organizzato con la partecipazione dell'Istituto di Storia

Economica Datini, che sarà seguito da una degustazione di bozza pratese, Gran Prato e pane fatto con i grani antichi.

Anche l'olio avrà il suo momento di visibilità, con una presentazione seguita da degustazione, che farà conoscere le caratteristiche dell'extra vergine prodotto sul nostro territorio.

Sarà presentato inoltre il nuovo progetto di un'azienda locale che produce cibi vegani con prodotti esclusivamente toscani, una start up che ha sede a Prato e che incontrerà possibili compratori insieme a un'azienda che produce pannolini e assorbenti in tessuto: due aziende che puntano sulla sostenibilità che potrebbero riscontrare un forte interesse in questo contesto.

 

LA MODA E IL TESSILE Nel corso della settimana è prevista la presentazione del progetto europeo CREATE e di Fashion Valley, con la collaborazione delle associazioni di categoria, di Tecnotessile e di Toscana Promozione. Una presentazione rivolta agli studenti di moda, che sarà ripetuta anche il giorno successivo con la partecipazione di Monica Sarti e del suo progetto "Orientarsi con il cachemire". Spazio anche alla creatività con due workshop di famose artiste di knitting organizzati in collaborazione con Betta Knit. Inoltre sarà anche presentato il cardato e i marchi che lo garantiscono.

 

GLI APERITIVI Ogni sera sarà possibile prendere un aperitivo con una degustazione di prodotti pratesi, messi a disposizione dalle aziende del territorio. Pane, spalmabili, olio, marmellate, salumi e tanti tipi di biscotti, accompagnati da vini e birre artigianali. Per animare il momento dell'aperitivo, ogni sera ci saranno delle modelle che indosseranno abiti di marchi pratesi, per sottolineare il binomio tra cibo e moda.

 

I TALK SHOW Dopo l'aperitivo il Chiostro ospiterà una serie di incontri sotto forma di talk show. Saranno presenti Stefano Simmaco, vincitore del talent "Forte forte forte" e i ragazzi di Amici. Una serata sarà dedicata a Fabio Cavallucci che parlerà di arte contemporanea. E' stato inoltre invitato Edoardo Nesi a presentare il suo nuovo libro "Estate infinita", che uscirà il 4 giugno.

 

IL MONTALBANO Il territorio di Carmignano organizzerà una originale presentazione rivolta ai wedding planner milanesi: "Sposarsi a Carmignano", per far conoscere le opportunità che offre il territorio per chi vuole organizzare il proprio matrimonio. In un'altra giornata sarà presentato il biodistretto del Montalbano in collaborazione con Slowfood, per far conoscere i prodotti del territorio. Il Consorzio Vini di Carmignano organizzerà inoltre due serate con degustazioni guidate ai sommelier di Milano e un pranzo con degustazione rivolto ai ristoratori di Milano.

Si parlerà anche di cultura e di storia con la presentazione del volume "La Fattoria di Lorenzo il Magnifico", a cura del Comune di Poggio a Caiano e del Comune di Prato con il Centro Educazione del Gusto.

 

RECUPERO E ARCHITETTURA Nel corso della settimana verrà presentata anche l'esperienza di Piacenti Spa nel settore del restauro, con un workshop per gli studenti del Politecnico. L'ordine degli architetti di Prato proporrà invece il seminario dal titolo "Restaurare il cielo". Saranno presentate anche le azioni del Progetto

Prato della Regione Toscana, in questi anni ha lavorato lungo tre direttrici: riqualificazione urbana, inclusione sociale e valorizzazione del territorio.

 

I BAMBINI Nel fine settimana non potevano mancare dei momenti pensati per i bambini. Grazie a "Un Prato di libri" verrà organizzato nel Chiostro un grande gioco dell'oca, che coinvolgerà i bambini in un gioco alla scoperta della storia della città. Naturalmente dopo aver fatto merenda con pane e olio. Ci sarà anche un workshop guidato con un'artista che aiuterà i piccoli a creare degli animali con il feltro.

 

LA SFIDA Non poteva mancare un momento di multiculturalità all'interno del Fuori Expo. Domenica all'ora di pranzo è stata per questo organizzata una sfida con showcooking "Tortelli di patate contro ravioli cinesi". Le donne di Vernio si scontreranno con una cuoca amatoriale cinese e il pubblico sarà chiamato a esprimere il suo voto.

  


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
1 aprile - 30 maggio Camera di Commercio Livorno Corso preparatorio all’esame per agenti di affari in mediazione nel settore immobiliare
28 aprile - 26 maggio Camera di Commercio Arezzo Goldf@shion
2 maggio - 3 novembre Milano EXPO Fuori EXPO ... I territori toscani
12 maggio Unioncamere Toscana Unioncamere Toscana - Giunta
12 maggio Unioncamere Toscana Unioncamere Toscana - Consiglio
28 maggio Camera di Commercio Livorno Marchio “Garanzia del Consumatore CCIAA Livorno”
10 giugno Camera di Commercio Firenze Stati Uniti: Paese di opportunità
11 giugno Camera di Commercio Siena 13^ Giornata dell’Economia
12 giugno Camera di Commercio Livorno 13^ Giornata dell'Economia
17 giugno Camera di Commercio Firenze "La valorizzazione dell'agroalimentare tra denominazione di origine e nuove forme di tutela"
18 giugno Camera di Commercio Firenze e PromoFirenze #banche&imprese - Avviso conferenza stampa
26 giugno Camera di Commercio Pisa L'andamento dell'economia pisana nel 2014
26 giugno Camera di Commercio Pisa Relazione sull'andamento dell'economia pisana nel 2014
1 luglio Camera di Commercio Pisa "SMART&START Italia"
2 luglio Camera di Commercio Firenze "Accesso al credito ed export per le imprese agricole"
3 luglio Unioncamere Toscana Rapporto Economia 2015 - Save The Date 3 luglio 2015


Logo Sincert


Stampa