Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  2 -  Wednesday, February 21, 2018 - anno  17
Attività Istituzionale
Riccardo Breda è il nuovo Presidente di Unioncamere Toscana

Il Presidente Riccardo Breda

Nel corso del Consiglio di Unioncamere Toscana che si è tenuto il 31 gennaio scorso, si sono svolte le operazione di voto per l'elezione del nuovo Presidente di Unioncamere Toscana.

 

La volontà unanime dei votanti è stata quella di eleggere alla carica Riccardo BREDA, Presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, la nuova Camera di Commercio nata, in virtù della legge di riordino, dall'accorpamento di quelle di Grosseto e Livorno. A lui passa il testimone Andrea SERENI, Presidente della Camera di Commercio di Arezzo, che ha guidato l'Unione Regionale negli ultimi tre anni.

 

"È un onore ed una responsabilità per me assumere questo ruolo, in un momento tanto delicato per il Sistema camerale - ha dichiarato il neopresidente -  L'obiettivo strategico di Unioncamere Toscana sarà, pur in un momento di così grande fermento dovuto ad una riforma approvata ma con un percorso ancora tutto da definire, quello di continuare a favorire l'unitarietà del Sistema camerale regionale garantendone il ruolo di raccordo con la Regione e le Associazioni di categoria, un ruolo consolidato nel tempo dai miei predecessori ed avendo cura di mettere a punto un piano di attività condivise dalle Camere consorelle in questa fase di transizione. Il sistema produttivo toscano sembra intravedere finalmente la luce in fondo al tunnel che ha percorso negli ultimi dieci anni ed è proprio in questo momento che la presenza degli enti camerali, seppure in via di nuova configurazione, può garantire stabilità ed esattezza delle procedure. Malgrado l'incertezza che il Sistema camerale sta attraversando - ha proseguito il Presidente Breda - come ho avuto modo di ribadire nel corso del Consiglio che mi ha eletto Presidente, intendo orientare il mio mandato per ridefinire in profondità il ruolo, la mission e la struttura di Unioncamere Toscana."

 

Breda, Imprenditore grossetano, 48 anni, Riccardo Breda ha iniziato la carriera associativa come presidente del Gruppo Giovani Imprenditori CNA Grosseto nel 2000. Nell'associazione artigiana ha poi ricoperto prima la carica di vice presidente, fino a divenirne presidente provinciale nel 2013. Dal 2009 al 2014 è stato presidente di Grosseto Fiere. 

Ha partecipato alla vita camerale come consigliere della Camera di Commercio di Grosseto fin dal 2003, divenendone presidente nel 2015. Ha guidato la fusione dell'Ente maremmano con la Camera di Commercio di Livorno, e dal settembre 2016 è presidente della nuova Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, primo ente nato per accorpamento nella regione Toscana in seguito alla riforma del sistema camerale. 


Sicurezza sul lavoro, il sostegno dell’INAIL in tre mosse
Più di 16 milioni di incentivi a fondo perduto e premi ridotti: le agevolazioni presentate con un workshop e tavoli tematici in Camera di Commercio di Firenze

" "

Un aiuto in tre mosse per le imprese e i lavoratori in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro: è questo il filo conduttore delle tematiche che INAIL ha presentato nel workshop organizzato insieme alla Camera di Commercio di Firenze, PromoFirenze e Albo gestori ambientali il15 febbraio scorso nel nuovo auditorium dell'ente camerale e nell'area WorkinFlorence adiacente.

 

Al workshop in Camera di Commercio di Firenze hanno partecipato, fra gli altri, il direttore INAIL Toscana Giovanni Asaro, il segretario generale della Camera di Commercio di Firenze Laura Benedetto, il presidente del Comitato nazionale Albo Gestori Ambientali Eugenio Onori.

 

In particolare INAIL, con l'avviso ISI 2017, mette a disposizione delle imprese toscane pronte a investire in sicurezza più di 16 milioni di euro di incentivi a fondo perduto suddivisi in cinque assi di finanziamento per l'acquisto di nuovi macchinari, per la riduzione del rumore e delle emissioni, per la bonifica da materiali contenenti amianto, al fine di migliorare la salute, la sicurezza e la sostenibilità delle produzioni anche nelle imprese agricole. Possono partecipare tutte le aziende iscritte al Registro imprese, anche individuali, enti del terzo settore e le altre realtà censite negli albi e registri nazionali e regionali. Dal 2010 l'INAIL a livello nazionale ha stanziato 1,8 miliardi di euro per innalzare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Un sostegno può arrivare alle imprese anche sotto forma di riduzione del premio con il modello OT24 2018. Tale riduzione, riconosciuta in misura fissa secondo il numero dei lavoratori, può essere richiesta dalle aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per migliorare le condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (decreto legislativo 81/2008).

 

Inoltre, per facilitare il reinserimento e l'integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro, INAIL ha varato il regolamento (Determina presidenziale n.258 dell'11/07/16) grazie al quale rimborsa ai datori di lavoro le spese sostenute per la realizzazione degli interventi di reinserimento fino ad un massimo di 150mila euro per ciascun progetto, differenziati in tre tipologie: superamento e abbattimento barriere architettoniche, adeguamento e adattamento delle postazioni di lavoro, formazione. 


Riparte il premio Storie di Alternanza: al via le iscrizioni per la sessione del I semestre 2018

" "

Quasi 300 video racconti inviati da 253 Istituti scolastici (116 Licei e 137 Istituti tecnici e professionali) e il coinvolgimento di circa 2.500 studenti. Sono i numeri della prima sessione del premio "Storie di Alternanza", l'iniziativa promossa da Unioncamere e dalle Camere di commercio italiane con l'obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai racconti di progetti d'alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli Istituti scolastici italiani di secondo grado. E, da oggi, ripartono le iscrizioni alla seconda sessione, riguardante le esperienze di alternanza realizzate nel I semestre 2018.

 

Il Premio è suddiviso in due categorie: Licei e Istituti tecnici e professionali. Sono ammessi a partecipare gli studenti, singoli o in gruppo, che:

  • fanno parte di una o più classi di uno stesso o più istituti di istruzione secondaria superiore italiani;
  • hanno svolto e concluso, a partire dall'entrata in vigore della legge 13 luglio 2015 n. 107, un percorso di alternanza scuola-lavoro;
  • hanno realizzato un racconto multimediale (video) che presenti l'esperienza di alternanza realizzata, le competenze acquisite e il ruolo dei tutor (scolastici ed esterni).

 

Il Premio prevede due livelli di partecipazione: il primo locale, promosso e gestito dalle Camere di commercio aderenti, il secondo nazionale, gestito da Unioncamere, cui si accede solo se si supera la selezione locale. È possibile presentare domanda di iscrizione a partire dal 1° febbraio fino al 20 aprile 2018.

 

Sono previsti premi per il livello nazionale, il cui ammontare complessivo è pari a € 5.000,00. A livello locale ciascuna Camera di commercio aderente all'iniziativa (clicca qui per consultare l'elenco) prevedrà natura e tipologia dei premi. La premiazione nazionale dei vincitori avverrà nel corso di un evento organizzato a Roma entro il mese di giugno 2018. Sono previste anche premiazioni locali gestite direttamente dalle Camere di commercio.

 

Ma non finisce qui. Oltre ai premi messi in palio da Unioncamere e dalle Camere di commercio un'ulteriore sorpresa aspetta i vincitori: entrare nel cast del sequel del cortometraggio BeataAlternanza e vivere un'intera giornata su un vero set cinematografico, in compagnia del noto regista e attore Massimiliano Bruno e di tutto il suo staff. Un'esperienza unica, da realizzare dietro e di fronte alla macchina da presa.

Insieme al cast di BeataAlternanza ci saranno anche gli studenti dei progetti primi classificati delle categorie Licei e Istituti tecnici e professionali, proclamati a Verona lo scorso 30 Novembre 2017 nell'ambito della cerimonia di premiazione svoltasi nel corso di Job&Orienta.

 

Per tutte le informazioni consultare il sito Unioncamere

Per i video vincitori della sessione II semestre 2017 ecco la playlist

 

Per i video ammessi alla fase nazionale ecco la playlist licei e la playlist istituti tecnici e professionali 

 


Un’isola per le scuole: un modello innovativo di Alternanza Scuola-Lavoro a contatto diretto con l’ambiente

Da Dx: Pierluigi Giuntoli, Claudio Gagliardi e Riccardo Breda

Un convegno affollato, quello tenutosi martedì 20 febbraio nella sala Elba della sede livornese della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, tutto dedicato ad un nuovo modello di alternanza scuola lavoro, a cui hanno partecipato il Comune di Capraia Isola, il Parco nazionale dell'arcipelago toscano, due Istituti scolastici toscani e i referenti del progetto "Scuola outdoor in rete", coordinati da Pierluigi Giuntoli Segretario Generale dell'ente camerale. 

Presenti le istituzioni: ospiti del Presidente Cciaa Riccardo Breda l'on. Silvia Velo, sottosegretario Ministero Ambiente, la Regione Toscana con il capo Gabinetto dell'assessore Cristina Grieco Luca Lischi, il Comune di Livorno con la vicesindaco Stella Sorgente ed il sistema camerale nazionale con il vicesegretario Claudio Gagliardi.

 

Nato da un progetto elaborato nel nord Italia, il progetto è già stato collaudato con successo nell'isola di Capraia e all'Elba: sviluppa il concetto di "outdoor" spalancando la porta della classe e trasferendo gli studenti all'aria aperta. Si riscoprono così attività manuali e artigiane, si conosce e si rispetta l'ambiente, si fanno osservazioni scientifiche, e nella settimana del campus - preceduta da una preparazione in classe - gli studenti imparano anche ad autogestirsi, a cucinare e a riordinare.

 

"Questo progetto di alternanza in outdoor che vi vede impegnati anche nel lavoro artigiano - sono

0. le parole del Presidente Riccardo Breda alla platea di studenti intervenuti - è un esempio del nostro futuro, fatto di tutela del territorio e dell'ambiente, aspetti importantissimi. E' necessaria una grande sinergia tra mondo della scuola e mondo del lavoro, e la Camera di commercio è in grado di mettere insieme tutti i protagonisti di questo progetto; ma un contributo forte deve darlo anche il mondo del lavoro, quelle imprese che trovano nella Camera di commercio la loro casa comune: dobbiamo far capire al mondo delle imprese la grande opportunità che oggi viene offerta dal mondo della scuola".

 

Il modello sperimentato da "Rete scuole outdoor" - capofila il Liceo Duca degli Abruzzi di Treviso - ha già all'attivo esperienze nel nostro territorio, nell'isola di Capraia e nelle altre isole dell'arcipelago, in particolare all'Elba. "L'isola, vero e proprio territorio di frontiera,  offre il contesto ideale per questo tipo di attività: recupero terrazzamenti, riscoperta di antichi sentieri, mantenimento di opere che hanno anche un ritorno di utilità enorme - ha dichiarato Stefano Feri, vicepresidente del Parco nazionale dell'arcipelago.

 

Particolarmente interessanti sono state le esperienze raccontate con i filmati della settimana trascorsa alla Capraia e all'Elba dagli studenti del Liceo classico di Colle Val d'Elsa e del Liceo scientifico Galilei di Siena.

 

L'isola di Capraia è stata una vera protagonista del convegno: fotografata con i suoi panorami mozzafiato, le sue asperità e bellezze. Presente il vicesindaco Arturo Vasuino, che ha ricordato il sindaco Guarente mancato pochi mesi fa, a cui è stato tributato un lungo applauso.

 

Appassionata e lucida l'esposizione del metodo outdoor fatto sia dalla dirigente scolastica del Liceo Duca degli Abruzzi di Treviso Maria Antonia Piva, che da Pier Paolo Traversari, coordinatore della Rete. "Livorno città di libertà, di ricchezza e innovazione. Non è casuale che oggi ospiti questo progetto per diffonderlo - ha esordito Piva - L'idea parte nel 2006, quando ancora non si parlava di alternanza e sostenibilità didattica. Tutta l'Italia è uno straordinario laboratorio didattico a cielo aperto. In Toscana, poi, è nata l'esperienza straordinaria di don Lorenzo Milani, in un contesto miserrimo, a testimoniare che la vera ricchezza è l'idea. I ragazzi sono i veri protagonisti, imparano facendo. Comprendono meglio i settori verso cui orientarsi. Lavoro e fatica, sbagliare e imparare. Questo non è turismo scolastico, è scuola a tutti gli effetti, e riguarda tutte le discipline", ha detto.

Interventi anche di Franca Zanichelli, Direttore Parco nazionale arcipelago, che ha accompagnato i campus didattici, e di Sofia Mannelli, curatrice di Capraia Smart Island.

 

L'intervento di Claudio Gagliardi -  Abbiamo bisogno di esperienze come questa, abbiamo bisogno di una scuola outdoor, oggi le imprese - ne abbiamo intervistate 400mila - chiedono competenze trasversali (soft skills), adattamento e flessibilità, lavorare in autonomia, in gruppo, affrontare novità e risolvere problemi. Emerge anche l'attenzione alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico. "Tutto questo lo si fa con l'appoggio delle istituzioni, come la Cciaa, istituzione che mette in collegamento la scuola con le altre istituzioni, e può aiutare anche nel far acquisire le conoscenze necessarie. La Camera può trovare le imprese per collegarle col mondo della scuola. Il registro nazionale per l'alternanza serve, ma in questo contesto di dialogo e di supporto. Occorre iniziare a sperimentare un percorso di certificazione delle competenze, quelle che si acquisiscono in maniera informale, nei contesti di esperienza lavorativa o di alternanza. In Italia le Cciaa possono essere la piattaforma di un sistema di certificazione delle competenze, possono mettere insieme i soggetti e creare una rete facendo interagire soggetti diversi: lancio un appello alla Cciaa della Maremma e del Tirreno affinché sia protagonista di questo processo". 


Arezzo riceve la visita dell'Ambasciatore Indiano in Italia Mrs. Reenat Sandhu

Da dx: Ambasciatore S.E. Reenat Sandhu, Salvini, Sereni e Fabianelli

Arezzo, è' stato ricevuto in Camera di Commercio, dal Presidente Andrea Sereni, dal Vice Presidente Andrea Fabianelli e dal Segretario Generale Giuseppe Salvini, l'Ambasciatore Indiano in Italia S.E. Mrs Reenat Sandhu.

 

Una visita importante che intende consolidare i già promettenti rapporti che legano la l'Italia e la nostra provincia al sub-continente asiatico tra Italia ed India si sono particolarmente sviluppati negli ultimi anni: tra i paesi europei l'Italia è ormai il quarto partner commerciale dell'India ed è nella classifica dei primi 20 paesi investitori a livello mondiale.

 

In particolare nei primi 10 mesi del 2017 a fronte di un import superiore ai 4 miliardi di euro (esattamente 4 miliardi e 421 milioni) abbiamo avuto un export pari a 2854 milioni di euro. Una situazione che presenta quindi ampi margini di miglioramento: l'emergere di una sempre più diffusa borghesia benestante sta infatti generando una sempre maggiore domanda di beni di lusso, tipici del Made in Italy (moda ed enogastronomia in primis). A questo si accompagna una rilevante crescita industriale del Paese che favorisce la domanda di macchinari e sistemi per la gestione della produzione. Infine l'accresciuto benessere contribuirà nel breve periodo, a diffondere una maggiore cultura turistica .

 

Per il sistema imprenditoriale aretino quindi esistono molte possibilità di penetrazione nel mercato indiano che al momento, in controtendenza rispetto al dato nazionale, vede a fronte di esportazioni verso l'India pari a 31 milioni, ( 20 milioni dei quali riferiti alla gioielleria ed ai metalli preziosi) importazioni per 10 milioni ( 3 milioni di gioielleria, 1,3 di tessile e equipaggiamenti elettrici).


Pisa: Tremila visitatori per la mostra SCART
Premiati gli studenti del Liceo Artistico Franco Russoli che hanno realizzato due delle opere esposte

" "

Si è conclusa la mostra "SCART® il lato bello e utile del rifiuto", il progetto artistico di Waste Recycling (società del Gruppo Hera) che compie quest'anno venti anni, e che la Camera di Commercio di Pisa ha ospitato presso gli spazi del MACC (Meeting Art Craft Center). Nell'ultimo giorno della mostra il Presidente Valter Tamburini, l'Amministratore Delegato di Waste Recycling Maurizio Giani, insieme al critico d'arte Ilario Luperini, hanno presentato il catalogo della mostra e premiato i vincitori del concorso riservato ai Licei Artistici della provincia di Pisa "Il Lato bello del rifiuto".

 

Un bilancio positivo per la mostra: sono stati circa tremila i visitatori che hanno ammirato, anche grazie alle visite guidate gratuite, gli oltre 50 pezzi SCART realizzati con solo materiale di scarto: sculture, costumi teatrali, elementi di arredo, statue, strumenti musicali, installazioni e scatti fotografici, il tutto in due diversi allestimenti curati nella regia dall'Architetto Alberto Bartalini.

 

Oltre alle visite, un altro importante risultato riguarda il coinvolgimento degli studenti dei Licei artistici della provincia di Pisa con il concorso "Il lato bello del rifiuto": un'iniziativa che ha voluto sensibilizzare e diffondere l'educazione al riciclo come risorsa artistico-culturale tra le nuove generazioni. I ragazzi hanno infatti realizzato, con materiali di scarto come il vetro e il legno, un'opera che facesse riferimento alla simbologia tradizionale del Grifone e alla sua doppia natura, animale terrestre e uccello, reinterpretata in chiave moderna. Il Grifone, quindi, come simbolo di innovazione, un processo legato necessariamente al rapporto tra necessità concrete e idee originali.

 

Ad aggiudicarsi la targa ed il premio di 500 euro, oltre alla pubblicazione all'interno del catalogo ufficiale della mostra, il Liceo Artistico Franco Russoli di Pisa e Cascina con le opere:

 

·      "Hajna (Alba)", realizzata dalle classi 3^A, 3^B e 5^B di Design del Legno e delle Arti Figurative di Cascina, coordinate dal Prof. Andrea Moneta e dal Prof. Fabio Leonardi

 

·      "Ponti del Mito", realizzata dalla classe 3^A Vetro di Pisa, coordinata dal Prof. Massimo Bertolini

 

"Siamo davvero lusingati - dichiara il Presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini - dai risultati ottenuti dalla mostra e dal concorso per gli istituti d'arte. E' infatti per noi motivo di soddisfazione l'aver accolto un numero così grande di visitatori nei rinnovati locali del MACC che, dopo un ambizioso processo di ristrutturazione del Palazzo camerale, abbiamo restituito alla città per la realizzazione di esposizioni, mostre ed eventi come questo. Ma il nostro lavoro non si esaurisce oggi: a breve torneremo con nuove proposte, sempre attenti alla valorizzazione delle migliori espressioni artistico-imprenditoriali del nostro territorio".

 

La mostra, inaugurata lo scorso 7 dicembre, sotto la regia dell'architetto Alberto Bartalini ha anche ospitato un workshop sull'economia circolare al quale hanno partecipato, Ermete Realacci, Presidente onorario di Legambiente e Presidente di Symbola, Fabio Iraldo, docente della Scuola Superiore Sant'Anna, Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa, assieme ad altri imprenditori e manager che hanno presentato le loro storie di successo.

 

"Siamo molto contenti di questo risultato" ci tiene a sottolineare Maurizio Giani Amministratore Delegato di Waste Recycling "Pisa è stata per il progetto Scart la quinta tappa di una Travelling Exibition partita nel 2017 e che ha già toccato le città di Imola, Ravenna, Modena, Udine e che attualmente vede una mostra in corso anche a Bologna presso Palazzo Pepoli Campogrande visitabile fino a domenica prossima". 


Immagine Italia &Co.: conferma il posizionamento di rilievo nel panorama fieristico internazionale di settore

" "Unico appuntamento di settore in Italia, Immagine Italia & Co. è riuscita a mantenere il suo appeal nei confronti dei mass media e degli influencer confermando il prestigioso posizionamento nel fashion business internazionale.

 

L'undicesima edizione di Immagine Italia &Co., dopo una partenza timida dovuta a condizioni meteo non proprio favorevoli, ha recuperato il trend dei visitatori registrando alla fine solo un leggero calo rispetto alle presenze registrate nella precedente edizione.

Sono stati, infatti, poco meno di 6.000 i visitatori nei tre giorni del salone fiorentino che si conferma ancora una volta l'appuntamento annuale imperdibile per tutti gli operatori del settore underwear.

 

Questo dato rappresenta una conferma significativa di tenuta economica del mercato sia interno che esterno.

Nel totale delle presenze in fiera sono compresi i top buyer esteri e i negozi "vip" italiani selezionati ed ospitati dalla Camera di Commercio di Pistoia, ente organizzatore di Immagine Italia &Co..


La loro partecipazione è il risultato di una importante strategia di internazionalizzazione portata avanti dall'ente camerale nei mesi precedenti all'evento.

Tra le performance più significative quelle dei buyer provenienti dai Paesi comunitari: Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Libano, Portogallo, Russia, Slovacchia, Spagna, Ucraina.

 

In particolare: boutique di lusso, grandi magazzini, negozi al dettaglio, catene di negozi, negozi on line, agenti, distributori ed importatori, sia italiani che esteri.

Gli espositori di Immagine Italia &Co., nonostante le difficoltà ancora presenti nel mercato, hanno dimostrato di essere realtà imprenditoriali solide e coraggiose, investendo ancora nella creazione di collezioni che privilegiano qualità delle materie prime, ricerca e attenzione alle esigenze del consumatore in termini di comfort, vestibilità, eleganza e versatilità che hanno saputo catalizzare l'attenzione degli operatori presenti in fiera.

 

"Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti. Riuscire oggi a mantenere il trend degli anni passati è un segnale incoraggiante" - commenta Stefano Morandi, Presidente della Camera di Commercio di Pistoia - "Il merito di questo risultato è in primo luogo delle aziende" - continua Morandi - "che, anche quest'anno hanno proposto collezioni di alto livello, in perfetta sintonia con la qualità indiscutibile del nostro Made in Italy ".

Riflettori puntati quindi sul futuro di Immagine Italia &Co.. 


Una nuova Compagnia straniera "atterra" sull'Aeroporto di Grosseto

" "Riccardo Breda, Presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, è intervenuto sulla possibilità che la compagnia aerea svizzera Skywork possa volare su Grosseto ed Elba testando la tratta da Berna nel periodo tra il 9 maggio e il 10 ottobre 2018.

 

Per sottolineare la delicatezza del momento e le grandi aspettative del territorio nei confronti di questa opportunità, anche il Presidente Breda si è appellato formalmente allo Stato Maggiore dell'Aeronautica, nella persona del Generale Enzo Vecciarelli.

 

"Si tratta di un momento di svolta delicato e a lungo auspicato - ha detto Breda - siamo fortemente consapevoli delle importantissime esigenze dell'Aeronautica Militare nell'aeroporto di Grosseto, dal quale tutela la sicurezza dei cieli a livello nazionale, ma sono convinto che questa operazione avrebbe un impatto minimo nell'ambito dell'operatività militare, mentre ne avrebbe uno importante per le prospettive economiche e turistiche della Maremma"

 

Non sfuggono poi le interessanti sinergie territoriali che potrebbero concretizzarsi con l'unione delle tratte Elba - Grosseto "La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è in parte proprietaria, e fortemente impegnata, sia in Seam che nell'aeroporto dell'Elba. Avere la possibilità di fare sistema e collegare strettamente le attività dei due aeroporti e ambiti turistici aprirebbe opportunità molto interessanti, oltre a rappresentare un successo del nostro territorio unificato Grosseto - Livorno. Sono certo che lo Stato Maggiore non potrà che avere a cuore lo sviluppo del nostro territorio, con il quale ha una lunga storia di convivenza armoniosa." 


Notizie dal mondo camerale
Lucca: Debole la ripresa imprenditoriale nel territorio
E’ quanto emerge dall’analisi per il 2017 elaborata dall’ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Lucca

Logo della Camera lucchese

Nell'anno 2017 la dinamica imprenditoriale di Lucca è risultata debole e la movimentazione al Registro delle imprese della Camera di Commercio ha evidenziato una diminuzione della nascita di imprese e un rallentamento delle chiusure aziendali; ciò ha contribuito a portare il numero di imprese operative in provincia a quota 36.502.

Nel confronto con il 31/12/2016 si evidenzia una diminuzione delle imprese attive del -0,5% (-195 imprese), un valore di poco superiore a quello regionale (-0,4%) mentre a livello nazionale si registra una sostanziale stabilità (+0,1%).

Della debole dinamica dell'imprenditoria lucchese risente in modo particolare il mondo artigiano, sceso a 11.459 imprese attive in provincia a fine 2017, cedendo quasi altri due punti percentuali rispetto all'anno precedente (-1,8%; -202 unità), con i settori delle costruzioni e dei trasporti ancora in difficoltà.

 

"La fotografia del sistema imprenditoriale lucchese nel 2017 - sottolinea Giorgio Bartoli, Presidente della Camera di Commercio di Lucca - ci mostra un nuovo rallentamento di aperture e chiusure. Dobbiamo lavorare per creare un ambiente più predisposto a favorire l'attività d'impresa, perché sostenere la nascita di nuova imprenditorialità è l'unica strada per battere definitivamente la crisi e consolidare la ripresa.

L'impegno della Camera di Commercio è anche quello di aiutare gli imprenditori a tenere il passo con i cambiamenti che sempre più rapidamente investono il mondo dell'economia, in modo da riprendere quanto prima la via della crescita. Più rapidamente lo faremo, più imprese saranno capaci di competere e superare le avversità."

 

Con riferimento al complesso delle attività economiche provinciali, il comparto dei servizi ha tenuto (23.200 imprese attive a fine 2017) malgrado andamenti differenziati per le diverse specializzazioni: in calo il commercio (-1,7%) e le attività di trasporto e magazzinaggio (-2,7%). Sono cresciute le attività di alloggio e ristorazione e le immobiliari (+0,8% per entrambe), e le altre attività dei servizi - prevalentemente servizi alla persona - (+2,4%). È proseguita inoltre la dinamica positiva del noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+3,8%), delle attività finanziarie e assicurative (+2,3%) e dei servizi di informazione e comunicazione (+2,3%). Stabili le "attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento" e le attività professionali, scientifiche e tecniche.

Si sono invece registrate difficoltà per le costruzioni (6.410 imprese attive; -1,6%), l'industria in senso stretto - che comprende manifatturiero, estrattivo e utilities - (4.447; -1,2%) e per l'agricoltura (2.435; -1,7%).

 

 

 

Positivo l'andamento delle imprese guidate da stranieri, cresciute del +2,1% nell'anno, arrivate a 3.902 unità operative in provincia a fine 2017 e un'incidenza sul totale imprese del 10,7% (Toscana: 14,2%; Italia: 10,2%). In flessione invece il numero di imprese femminili (-0,8%), per 8.258 unità attive a fine anno e un'incidenza del 22,6% (Toscana: 23,8%; Italia: 22,6%) e giovanili (-4,8) per 3.178 unità e un'incidenza dell' 8,7% (Toscana: 9%; Italia: 10%).

 

L'andamento interno al territorio provinciale evidenzia infine come le difficoltà riguardino tutte le aree territoriali: la Piana di Lucca (15.394 imprese attive) fa segnare un calo limitato al -0,2% (-28 unità), mentre la Versilia (16.590) mostra una diminuzione del -0,6% (-103 imprese) e la Valle del Serchio (4.518) presenta la contrazione più elevata con un -1,4% (-64 unità), dovuta anche alla diminuzione di unità del comparto commercio. 


Arezzo: Le opportunità di lavoro in Italia ed in provincia
Il secondo il Rapporto Excelsior

Logo della Camera di Arezzo

In Italia oltre 491.000 contratti di lavoro da avviare ad inizio 2018, con il settentrione che fa il pieno di risorse umane, prevedendo l'attivazione di quasi il 60% di questi rapporti. E' quanto emerge dal Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con ANPAL, sulla base delle entrate previste dalle imprese con dipendenti dell'industria e dei servizi tra gennaio e marzo 2018.

 

Nel 2017 il Sistema Informativo Excelsior si è innovato sia sotto l'aspetto metodologico che organizzativo per fornire indicazioni tempestive a supporto delle politiche attive del lavoro: sono state infatti modificate le tecniche di rilevazioni che si sono concentrate sulle tipologie dei contratti attivati, sui profili professionali e sui titoli di studio e di specializzazione richiesti dalle imprese.

 

Conseguentemente, rispetto al passato, non viene più evidenziato il numero assoluto dei nuovi occupati e quello di coloro che escono dal mondo del lavoro.

 

Una rilevazione nazionale condotta intervistando un campione pari a 102.000 imprese con dipendenti dei settori dell'industria e dei servizi che oggi è quindi in grado di offrire preziose informazioni sulle tipologie di lavori ricercati dalle aziende che assumono.

 

"A livello nazionale- sottolinea il Presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni - è il settore del turismo è quello che registra la maggiore domanda di lavoro in questo inizio d'anno: quasi un contratto su 5 interessa infatti le professioni del commercio e turismo. Uno su 6, però, riguarda i diversi profili tecnici, soprattutto quelli specializzati nell'area commerciale e del marketing. Si mantiene stabile rispetto al mese scorso la richiesta di giovani. Pari al 35% del totale è particolarmente consistente, in rapporto al totale delle entrate programmate, da parte delle imprese dei servizi finanziari ed assicurativi, dell'industria turistica e dei servizi informatici e delle telecomunicazioni . In Italia il 19 le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato. Si tratta di un dato leggermente inferiore a quello della nostra provincia dove sono previste assunzioni indeterminate nel 21% dei casi mentre nel 79% i contratti attivati saranno a termine.

 

" In provincia di Arezzo- evidenzia il Segretario Generale Dott. Giuseppe Salvini- le entrate previste per il 78% interesseranno le imprese con meno di 50 dipendenti ed i tre principali settori interessati sono quelli dei servizi alle persone, delle industrie tessili, dell'abbigliamento e calzature e del commercio. Il 52% dei contratti attivati si concentra comunque nel settore dei servizi. Una quota delle assunzioni pari al 30% interesserà i giovani con meno di 30 anni ed il 12 % delle entrate sarà destinato a personale laureato, il 32% ai diplomati, il 33 a coloro che sono in possesso di qualifica o diploma professionale. Per quanto riguarda il mismatch della domanda offerta di lavoro, cioè la difficoltà che le imprese hanno nel trovare i profili desiderati, il dato provinciale è uguale a quello nazionale, il 25% e le professioni considerate di più difficile reperimento sono quelle dei tecnici delle vendite, del marketing e della distribuzione commerciale, degli operatori dell'assistenza sociale e dei tecnici in capo informatico, ingegneristico e della produzione. Un mondo del lavoro che è specchio fedele del grande cambiamento che sta interessando il sistema delle imprese italiane. 


Firenze: Le imprese cercano 23.240 lavoratori
Da gennaio e marzo 2018 la richiesta delle aziende della città metropolitana si concentra soprattutto su addetti ai servizi turistici e al tessile. Gli informatici i più difficili da reperire.

Logo della Camera fiorentina

Sono 23.240 gli ingressi dei lavoratori previsti da gennaio a marzo 2018 nella città metropolitana di Firenze. Lo riporta il report Excelsior, elaborato da Unioncamere e Anpal (Angenza nazionale per l'avviamento al lavoro) con la collaborazione delle camere di commercio italiane.

 

In particolare, i settori dove sono previste più assunzioni sono i servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici (3.780 nuovi posti di lavoro), le industrie tessili, dell'abbigliamento e delle calzature (2.830 nuovi addetti), servizi alle persone (2.940 posti), commercio (2.830 posti), servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone (2.460).

 

Le professioni più difficili da reperire risultano gli specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche (nel 56,6% dei casi non si trovano), progettisti, ingegneri e professioni assimilate (42,4%), operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, di abbligamento e calzature (41,6%).

 

Si evidenzia, in particolare, un orientamento maggiormente positivo da parte delle imprese in base alle principali caratteristiche anche come effetto dell'intonazione crescente e piuttosto positiva che sta caratterizzando l'attuale fase di ripresa del ciclo economico.

 

Il rapporto completo sul sito della Camera di Commercio di Firenze  


Pisa: 180mila euro alle imprese pisane per l’adozione di sistemi di gestione certificati e la videosorveglianza

Logo della Camera pisana

La Camera di Commercio di Pisa mette a disposizione delle aziende pisane 180mila euro per incentivare l'acquisizione di una certificazione di qualità e l'installazione di impianti di videosorveglianza.

 

I contributi sono concessi come voucher per interventi avviati dopo il 1 gennaio 2018. Tra le spese ammissibili vi sono quelle di consulenza (comprese quelle per la formazione del personale per la realizzazione degli interventi), di rilascio delle certificazioni e/o dell'attestazione S.O.A. e quelle sostenute per la realizzazione di impianti di videosorveglianza. I voucher sono concessi fino al 50% delle spese ammissibili e documentate con un massimale che varia dai 3.500 ai 5.000 euro a seconda del tipo di intervento. La domanda può essere presentata entro il 18 aprile 2018, salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse.

 

Il commento del Presidente Valter Tamburini

"La Camera di Commercio ha voluto anche quest'anno mettere a disposizione delle imprese risorse fresche nella convinzione che gli investimenti nel controllo e nella gestione dei processi, nella prevenzione dei rischi e nella sostenibilità ambientale, oltre che quelli per la messa in sicurezza contro azioni di micro-criminalità, rappresentino elementi importanti per gli imprenditori."

 

Il bando ed il modello di domanda sono disponibili sul sito della Camera di Commercio di Pisa (www.pi.camcom.it). Prima di presentare richiesta è necessario verificare il possesso di alcuni pre-requisiti quali l'iscrizione, almeno una settimana prima della presentazione della domanda, al Registro Nazionale dell'Alternanza Scuola Lavoro (https://scuolalavoro.registroimprese.it).

La domanda di voucher deve essere inviata esclusivamente a mezzo PEC (Posta Elettronica Certificata) alla Fondazione di partecipazione per l'Innovazione e lo Sviluppo Imprenditoriale - ISI, che è possibile contattare per informazioni sia per il bando per l'iscrizione a Registro Nazionale dell'Alternanza Scuola Lavoro, allo 050-503275 o via e-mail: info@fondazioneisi.org. 


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
27 February Camera di Commercio Firenze Un pacchetto di aiuti per le imprese - Conferenza Stampa
28 February Camera di Commercio Prato Seminario: "Novità e cambiamenti della nuova norma UNI EN ISO 9001:2015"
28 February Camera di Commercio Arezzo Bando: Contributi alle imprese per la tutela del marchio industriale
12 March Camera di Commercio Maremma&Tirreno Presentazione Organismo di composizione - Conferenza Stampa
20 March Camera di Commercio Pisa L'alternanza è servita
20 March Unioncamere Toscana Incontro con Operatori cinesi - Firenze, 20 mar 2018
27 March Camera di Commercio Lucca “L’Alternanza è servita” a Lucca
28 March Camera di Commercio Arezzo "Il Marketing Internazionale"
28 March Camera di Commercio Firenze Accordo di cooperazione fra Corte Arbitrato dell'Aja e la Camera di Commercio di Firenze
4 April Camera di Commercio Maremma & Tirreno Protocollo di intesa per lo sviluppo delle progettualità del distretto rurale della Toscana sud
5 - 6 April Camera di Commercio Maremma & Tirreno Le novità del MUD 2018 - Seminari
10 April Camera di Commercio Pisa Diritti e doveri del cittadino nel contenzioso con AER (ex Equitalia): cosa si può non pagare con la Rottamazione bis
11 April Camera di Commercio Firenze Latte e derivati per una corretta alimentazione
11 April Camera di Commercio Lucca Riprende il risparmio bancario delle famiglie lucchesi
13 April Vetrina Toscana Vetrina Toscana: Arte, Cultura ed Enogastronomia lungo la Via Francigena
13 April Camera di Commercio Arezzo ET 2020 e formazione strategica per il settore agroalimentare
13 April Camera di Commercio Arezzo Presentazione della 43° Mostra Mercato dell’Artigianato della Valtiberina toscana
17 April Camera di Commercio Pisa Cerimonia di consegna del Marchio Terre di Pisa e Ospitalità Italiana
17 April Camera di Commercio Maremma & Tirreno Presentazione della 5^ edizione del Festival Mangiaingiro
18 April Camera di Commercio Firenze Arriva a Firenze Google Digital Training


Logo Sincert


Stampa