Home
Logo

 

Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

In liquidazione

Seguici su:

  


 

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Collegamenti

 Logo di Unioncamere Toscana

Appuntamenti
23 Sep - 21 Apr Camera di Commercio Firenze Pid Impresa Digitale Firenze
19 Oct - 5 Apr Camera di Commercio Pistoia & Prato Programma sostenibilità ambientale
Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
E' Online la piattaforma telematica per la composizione negoziata per le crisi

" "Ha preso avvio la composizione negoziata della crisi d'impresa attraverso la piattaforma telematica nazionale delle Camere di Commercio, che è online da 15 novembre scorso. Perno fondamentale del nuovo istituto divenuto legge ad ottobre, è il sito www.composizionenegoziata.camcom.it che costituisce il punto di riferimento su cui viaggia in automatico l'intera procedura volontaria, finalizzata a recuperare e riportare "in bonis" tutte le aziende, dalle commerciali alle agricole, che pur strutturalmente sane versano in condizioni di squilibrio patrimoniale o economico/finanziario.

 

La piattaforma camerale è composta da due aree, una pubblica di tipo informativo e l'altra "riservata" alle istanze formali, che guidano passo dopo passo, l'imprenditore nel percorso individuato dalle misure attuative messe a punto dal ministero della Giustizia, per cercare di raggiungere, se ne esistono le condizioni, il punto di equilibrio migliore tra le diverse esigenze dei creditori e del debitore.

 

L'accesso alla sezione pubblica permette all'imprenditore di svolgere il test facoltativo sulla perseguibilità - o meno - del possibile risanamento aziendale e di ottenere tutti gli altri elementi informativi relativi al nuovo strumento stragiudiziale. Attraverso l'area riservata, invece, l'impresa può presentare l'istanza, farsi assistere da un esperto e continuare l'iter mantenendo intatta, seguendo alcune specifiche regole, la continuità aziendale.

  

Costruzioni, effetto “bonus”: in due anni +30mila imprese in Italia

" "Il terzo trimestre dell'anno si chiude con un altro segno positivo all'anagrafe delle imprese: grazie anche all'impatto dei bonus e superbonus nel comparto dell'edilizia - che negli ultimi due anni ha visto crescere il numero di imprese di quasi 30mila unità, 6mila delle quali nel solo trimestre luglio-settembre di quest'anno - il saldo tra aperture e chiusure nel terzo trimestre 2021 si attesta al di sopra di quota 20mila imprese (per l'esattezza 22.258 di cui 913 in Toscana), una soglia superata solo due volte nei trimestri estivi del decenno pre-pandemico. A spingere sulla vitalità del sistema imprenditoriale nel trimestre da poco concluso sono state le costruzioni che, con 6.200 imprese in più (+0,95% rispetto a fine giugno), hanno contribuito per il 28% al bilancio positivo del periodo.

 

Sul buon andamento del saldo si riflette, tuttavia, il perdurare della frenata impressa dal Covid alle chiusure di imprese: 40.133 (3.207 in Toscana) quelle complessivamente registrate fra luglio e settembre, il dato più basso nella serie degli ultimi dieci anni. La tenuta delle iscrizioni (62.391 do cui 4.120 in Toscana) ha comunque consentito di registrare a fine settembre un saldo di 22.258 (913 in Toscana) imprese in più rispetto alla fine di giugno, portando lo stock delle imprese a raggiungere il valore di 6.166.416 unità (409.304 in Toscana).

 

E' quanto emerge dall'analisi trimestrale Movimprese, condotta da Unioncamere e InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.

 

Il ruolo trainante delle costruzioni per la tenuta del tessuto imprenditoriale - accanto a quello dei servizi, componente essenziale per rispondere all'emergenza pandemica - si avverte distintamente osservando l'andamento del tasso di crescita trimestrale per macro-settori a cavallo degli ultimi due anni. Tra settembre 2019 e settembre 2021 il comparto edile è cresciuto complessivamente di 29.136 unità (+3,5%), secondo solo all'espansione dei servizi a imprese e persone (83mila imprese in più per una crescita complessiva, nel biennio, del 4,2%). A livello territoriale, la dinamica delle costruzioni appare più forte in Campania dove la crescita cumulata del numero di imprese, negli ultimi due anni, è stata del 7% (corrispondente a 4.907 imprese in più). In valore assoluto, l'incremento più elevato è invece appannaggio del Lazio che, con un saldo nei due anni di 5.103 unità, ha messo a segno una crescita cumulata del 5,8%. Sempre in termini percentuali, dopo Campania e Lazio si collocano tre regioni del Mezzogiorno: la Sicilia (+5,3%), la Puglia (+4,8%) e la Sardegna (4%%). Uno degli elementi significativi della crescita del comparto edile viene dalla struttura organizzativa scelta dalle nuove imprese. Il 70% del saldo nei due anni (20.504 unità) è infatti costituito da società di capitali, per una crescita nel periodo dell'8,5%. In diminuzione le società di persone (-4.174) e le cooperative (-163), mentre resta positivo (+12.969 unità) il contributo dell'imprenditoria individuale.

 

I Prefetti di Pistoia e Prato e la Presidente della Camera di Commercio insieme per tutelare la legalità nel sistema economico locale

" "E' stato sottoscritto lo scorso 16 novembre a Prato, dai Prefetti di Pistoia e Prato, Gerlando IORIO e Adriana COGODE, dalla Presidente della Camera di Commercio di Pistoia-Prato, Dalila MAZZI, un Accordo di collaborazione per favorire la legalità e la trasparenza dell'attività d'impresa, finalizzato a favorire la prevenzione e il contrasto di infiltrazioni criminose nelle attività di impresa nei territori delle province di Pistoia e Prato, valorizzando l'uso e l'alimentazione degli strumenti informatici e le potenzialità delle banche dati disponibili.

 

Grazie all'accordo, in particolare, la Camera di Commercio metterà a disposizione delle Prefetture, delle Questure e dei Comandi Provinciali dei Carabinieri di Pistoia e Prato (la Guardia di Finanza già dispone di strumenti analoghi) l'accesso gratuito alla piattaforma informatica denominata "REX - Regional Explorer", prezioso strumento di monitoraggio delle attività economiche presenti sul territorio e delle loro ramificazioni che consentirà di incrementare l'efficacia dell'azione di prevenzione e contrasto dei tentativi di infiltrazioni malavitose nel tessuto imprenditoriale locale. ". E' un sistema innovativo di indagine e di intelligence che permetterà di conoscere meglio le dinamiche economico-societarie delle imprese che operano sui territori, sfruttando il patrimonio informativo proveniente dal Registro delle Imprese con l'obiettivo di individuare possibili fenomeni di illegalità in campo economico.

 

"Promuovere la legalità del territorio e le relative sinergie istituzionali sono obiettivi che la Camera di commercio di Pistoia-Prato si è posta sin dalla sua nascita, mostrando una grande sensibilità sul tema a tutela delle proprie imprese - commenta Dalila Mazzi, Presidente della Camera di commercio di Pistoia-Prato - Mettere in campo azioni che favoriscano le condizioni di legalità non è solo una questione etica ma anche economica: un "sano" sviluppo del sistema economico locale è condizione imprescindibile per la crescita competitiva delle imprese del nostro territorio".   

Arezzo - Siena: Sostegno alle imprese femminili nella conciliazione dei tempi vita-lavoro e dei servizi di cura e progetto di formazione per aspiranti native digitali

" "Il Global Gender Gap Index, redatto ogni anno a partire dal 2006 dal World Economic Forum, evidenzia come lavoro e politica siano gli ambiti in cui le disuguaglianze di genere siano maggiormente marcate in tutti i paesi del mondo, più di quanto accada per l'istruzione o la salute.

 

Un divario che condiziona l 'attività delle donne anche nel nostro paese: nel 2021 l'Italia si è posizionata al 63esimo posto nella classifica generale del GGGI composta da 156 paesi. Rispetto agli anni precedenti ci sono stati consistenti progressi ma, leggendo le graduatorie settoriali, permangono ancora forti ritardi nella "Rappresentanza politica", 41esimo posto e soprattutto nella "Partecipazione ed opportunità economiche" dove ci collochiamo al 114 esimo posto.

 

Per contribuire a mitigare il divario esistente tra opportunità femminili e maschili, Camera di Commercio di Arezzo - Siena, ed il Comitato per l'Imprenditoria Femminile (IF) hanno predisposto il bando "Family Care" che ha l'obbiettivo di sostenere il sistema imprenditoriale femminile del territorio aretino e senese in una fase in cui la conciliazione tra le esigenze lavorative e l'impegno familiare è stata resa ancor più complessa dalla situazione emergenziale causata dal Covid-19. 

Il bando prevede il rimborso parziale delle spese sostenute dalle imprenditrici per servizi rivolti ai minori fino a 14 anni come la frequenza di asili nidi o scuole dell'infanzia, per baby-sitting o baby-parking, per servizi socio-educativi assistenziali o per servizi scolastici (ad esempio servizio mensa, trasporto scolastico, servizio pre-scuola e doposcuola, attività ludiche come campi estivi e vacanze studio).

 

La misura del rimborso coprirà fino al 50% delle spese ammissibili (sostenute nel corso del 2021) ed ogni imprenditrice potrà ottenere un contributo massimo di € 600,00 per domanda.

I contributi saranno concessi fino all'esaurimento dell'apposito fondo previsto nel bilancio camerale ed in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande il cui termine è fissato per il prossimo 15 novembre.

 

Sempre sul versante degli interventi finalizzati a superare il divario di genere, Camera di Commercio ed IF partner, insieme alla capofila Fondazione Arezzo Innovazione, del Progetto Interreg Europe "FEMINA stanno realizzando il progetto "Pilot Action per aspiranti imprenditrici native digitali".  

 

Il progetto prevede la selezione di 15 allieve per l'ammissione ad un percorso di formazione per aspiranti imprenditrici native digitali finalizzato al sostegno all'innovazione, allo sviluppo dei prodotti e dei processi, al marketing e alla vendita online nei settori: agroalimentare, turismo e servizi - oreficeria e gioielleria - moda e tessile.

 

Si è concluso BuyFood Toscana

" "Si è conclusa l'edizione 2021 di BuyFood Toscana che, organizzata da Regione Toscana e Camera di Commercio di Firenze con PromoFirenze e Fondazione Sistema Toscana, si è svolta a Siena il 18 e 19 ottobre scorso.

 

Sono state 100 le aziende convolte, che hanno presentato 251 prodotti di cui 60 BIO e 36 PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) provenienti da 19 Paesi. Numerosissimi sono stati i Like espressi sulle varie piattaforme social che hanno parlato dell'evento, degli oltre 500 Meeting che al suo interno si sono svolti e degli otre 2.000 Food Test.

 

Anche gli operatori che hanno partecipato, si sono espressi con un netto apprezzamento: 

i "Venditori" hanno espresso un livello di interesse all'incontro pari all'82%, valutando anche il profilo del Buyers con gradimento dell'86,9%. La parte "Compratrice" presente, ha valutato ancor più positivamente la manifestazione con l'89,3% giudicando, per l'85,9%, appropriati i prodotti presentati rispetto ai mercati riceventi e per il 71,1% appropriati sono stati giudicati anche i prezzi proposti dai venditori.

 

In definitiva, la manifestazione ha riscosso in generale un notevole successo ed il 98% del livello di soddisfazione riscosso ne è buon testimone. A questo bel successo hanno contribuito il 96,1% di gradimento per l'organizzazione, il 98% per l'assistenza dello Staff, il 96,8% del livello di interesse delle relazioni sviluppate con un 96% di possibilità di futuri rapporti di business. Non trascurabile l'ottimo giudizio (91,6%) dato all'utilità dei Workshop per gli obiettivi dell'azienda rispetto agli altri strumenti di internazionalizzazione.

 

Infine, il 98% degli interrogati, ha dichiarato la ferma intenzione di partecipare alla prossima edizione di BuyFood Toscana. 

 

Guarda l'intervista a Giuseppe Salvini

 

 

Lucca, alla Camera di Commercio è arrivato il Sari, il nuovo strumento per l'assistenza sulle pratiche

" "Cerchi assistenza sulle pratiche da presentare al Registro imprese o al REA? La Camera di Commercio di Lucca mette finalmente a disposizione il SARI - Supporto Specialistico Registro Imprese, il nuovo strumento gratuito che guida passo passo nella predisposizione di tutti gli adempimenti pubblicitari.

Per capire come funziona il nuovo sistema integrato di assistenza si è svolto il 28 ottobre scorso un interessante webinar sul tema, durante il quale i funzionari camerali, assieme agli addetti di Infocamere, hannp dimostrato come sfruttare al massimo le potenzialità del portale.

Di cosa si tratta

Il Sari aiuta gli utenti ad accedere, gratuitamente e in autonomia, a tutte le informazioni necessarie per la predisposizione delle pratiche telematiche tramite caselle di ricerca guidate. 

Le schede con le informazioni sono facilmente consultabili tramite ricerca per parola chiave o navigando tra le categorie; a disposizione degli utenti anche le notizie in evidenza, i modelli e gli approfondimenti riferiti ad alcune tipologie di pratiche.

 

Ritmi serrati per la “ripartenza”: 6 aziende pisane protagoniste a TuttoFood con la Camera di Commercio di Pisa

" "Dopo il chiaro successo "casalingo" del "Terre di Pisa Food & Wine Festival", con l'inedita edizione "di piazza", subito un nuovo impegno per la Camera di Commercio di Pisa, questa volta in "trasferta" nel capoluogo lombardo che ha ospitato, dal 22 al 26 ottobre, "TuttoFood 2021" la fiera internazionale B2B dedicata all' intero ecosistema agro-alimentare.
 

Riflettori, dunque, nuovamente accesi sulle "Terre di Pisa" e sulle sei aziende pisane partecipanti, tra quelle fidelizzate e alcune "new entry", che hanno impreziosio l'open space "griffato" Terre di Pisa con le loro produzioni di qualità:  dai tartufi alle salse, dai legumi e i cereali al cioccolato, dai salumi alle altre specialità alimentari.  Riscontri positivi per tutte le imprese presenti, concordi sul prestigio della "vetrina" e sull'ampiezza della platea di potenziali clienti, italiani e stranieri, (distributori, importatori, GDO, negozi di prossimità, negozi gourmet, food service, Out of Home, chef) con i quali hanno avuto contatti commerciali.

 

Lo scenario dello stand collettivo nella declinazione "Terre di Pisa - Terre del Gusto" ha riproposto il sodalizio strategico tra cibo, gusto, qualità e offerta turistica, nella consapevolezza ormai diffusa che il patrimonio enogastronomico sia elemento cardine del paesaggio culturale italiano ed il cibo l'occasione più immediata di approccio ad un luogo, in quanto frutto della sua storia socioeconomica, della sua cultura, delle sue tradizioni, delle sue risorse ambientali che sono ciò che il viaggiatore contemporaneo vuole sperimentare in modo completo e autentico.

 

Il punto di vista del Commissario Straordinario della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini

"Abbiamo il dovere di sostenere la ripartenza e la ferma volontà di farlo con iniziative di varia natura e tempistiche efficaci. Per questo motivo, mentre eravamo in campo con un evento "nostro" e impegnativo come il "Terre di Pisa Food & Wine Festival", già eravamo pronti per l' importante vetrina di MilanoSiamo gratificati - prosegue Tamburini -  dalla conferma della partecipazione di imprese con le quali ormai da anni condividiamo iniziative importanti ed anche di quelle che, in questa occasione, si sono avvicinate per la prima volta. Ripartire è sfidante, ma proprio per questo come Camera di Commercio vogliamo giocare un ruolo da protagonisti"

  

Giuseppe Salvini nominato nel Comitato Nazionale Vini

Giuseppe SalviniGiuseppe Salvini, Segretario Generale della Camera di Commercio di Firenze e di Unioncamere Toscana,  è stato nominato, con  decreto firmato da Ministro Patuanelli, membro del Comitato Nazionale Vini, l'organo del Ministero delle Politiche Agricole che ha, tra i vari compiti, quello di intervenire nella procedura di esame delle domande di protezione e modifica dei disciplinari di produzione dei vini Dop e Igp.

 

Sono diciannove i componenti del Comitato coordinato dal professor Attilio Scienza dell'Università di Milano e tra i massimi esperti  al mondo  di viticultura ed enologia.

 

La nomina rappresenta il tangibile riconoscimento alla persona e al Sistema camerale fiorentino e toscano, che nel tempo hanno profuso la loro incessante opera nella valorizzazione delle eccellenze agroalimentari del territorio. 

Pistoia e Prato: il sistema produttivo tiene ma l’equilibrio è ancora fragile
" "Dall'analisi dei dati della Camera di commercio di Pistoia-Prato alla fine del primo semestre 2021 si contano 56.795 imprese attive tra le due province di Pistoia e Prato, lo 0,1 in più rispetto a fine giugno 2020, variazione superiore alla media regionale toscana (-0,2%) ma al di sotto del dato nazionale (+0,9%).
 
"All'apparenza lo sviluppo imprenditoriale nelle due province di Pistoia e Prato sembra stia leggermente migliorando, - commenta Dalila Mazzi, Presidente della Camera di commercio di Pistoia-Prato - ma analizzando più a fondo i dati emerge una situazione tuttora preoccupante con alcuni settori ancora in difficoltà."
 
Prosegue la crescita nel settore dei servizi, tranne per i servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio che segna una leggera contrazione del numero delle imprese attive rispetto a fine giugno 2020. Lo sviluppo imprenditoriale ha registrato, invece, un parziale rallentamento negli altri macro-settori, anche se all'interno di uno stesso settore, a seconda della tipologia di attività, si verificano risultati di segno opposto.
Per entrambe le province, anche nel secondo trimestre 2021, la crescita del tessuto imprenditoriale è riconducibile quasi esclusivamente allo sviluppo delle società di capitale. Ciò è vero soprattutto a Prato, dove le società di capitale sono l'unica forma giuridica che cresce. Anche a Pistoia è positivo lo sviluppo delle società di capitale. Prosegue invece la flessione in corso ormai da anni delle società di persone e delle altre forme. Rimangono sostanzialmente stabili le ditte individuali.
Tra aprile e giugno 2021 il saldo tra le iscrizioni e le cessazioni registrate è leggermente positivo: 7 imprese in più considerando il totale aggregato delle due province. Un dato che scaturisce da situazioni completamente opposte tra le due province: Pistoia (+226) e Prato (-219).
 

In provincia di Pistoia lo sviluppo del tessuto imprenditoriale è riconducibile all'effetto combinato di un andamento del tasso di iscrizione tornato sostanzialmente sui livelli pre-covid e di un tasso di cessazione che si mantiene su valori eccezionalmente bassi. A Prato, invece, a fronte di una ripresa del tasso di iscrizione ancora abbastanza modesta è soprattutto il tasso di cessazione, particolarmente elevato in questa prima parte del 2021, a determinare l'entità del saldo negativo. 

 

DataChiEvento
23 September - 21 April Camera di Commercio Firenze Pid Impresa Digitale Firenze
19 October - 5 April Camera di Commercio Pistoia & Prato Programma sostenibilità ambientale
Formazione