Home
Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

Seguici su:

  

Iscrizione Newsletter
Iscrizione Net Economy
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Progetto "America latina"
 
InToscana
Collegamenti
Notizie dalle Camere
Pisa - Non si arresta la crisi del commercio

Prato - Dig.It, il festival del giornalismo digitale

Firenze - Eccellenze in digitale: consulenza gratuita alle imprese del Made in Italy

Lucca Promos - Town Twinning Programme: una delegazione turca alla scoperta del territorio

Assefi - Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione Opportunità per le Imprese

Firenze - A ottobre e novembre tornano i Corsi sul sistema museale fiorentino

 

Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
L'imprenditoria femminile si conferma ancora una delle componenti più dinamiche del sistema toscano

Il Presidente MorandiCommentando i dati sull'Imprenditoria Femminile in Toscana a metà del 2014, Stefano Morandi Vicepresidente di Unioncamere Toscana, ha detto: 

 

"Quella femminile rappresenta ormai da alcuni anni una delle componenti più vitali del tessuto imprenditoriale regionale, ma il grado di strutturazione delle iniziative avviate si conferma in genere inferiore rispetto alle imprese guidate da uomini, in conseguenza delle maggiori difficoltà di reperimento delle risorse e nell'accesso al credito. Proprio per questo l'imprenditoria femminile può ancora ambire ad ampi margini di sviluppo che, se colti, potrebbero essere importantissimi per dare nuovo slancio all'economia, in termini di occupazione e di crescita. La Toscana, in questo momento più di sempre, ha bisogno di valorizzare tutte le energie disponibili, ed è anche per questo che va sostenuto e promosso il desiderio di tante donne, capaci, motivate e qualificate, di guardare all'impresa ed al mercato come un'opportunità per essere protagoniste. Sebbene il taglio delle risorse su cui le Camere di Commercio potranno contare nei prossimi anni, deciso con la riforma della P.A., renda il nostro lavoro più arduo, confidiamo di poter continuare a svolgere quel ruolo fondamentale di prossimità al territorio che negli anni ha portato il nostro sistema a guardare con estrema attenzione alle esigenze delle donne imprenditrici." 

Expo 2015: bando per la divulgazione di buone pratiche già sviluppate in Toscana

" "Il 3 settembre scorso è stato pubblicato sul BURT (Bollettino Ufficiale della Regione Toscana) un avviso per la raccolta delle migliori buone pratiche già sviluppate e operanti in Toscana coerenti con il tema di Expo 2015, ovvero "Nutrire il Pianeta Energia per la vita".  E' interesse della Regione Toscana la valorizzazione e la divulgazione di buone pratiche coerenti con i temi di EXPO 2015 realizzate in Toscana dagli Enti Pubblici Territoriali e dalle Camere di Commercio, promuovendo in tal modo il settore agricolo ed agroalimentare regionale, dimostrando la qualità, la genuinità ed l'eco sostenibilità dei prodotti toscani.

Le proposte potranno riguardare quattro sotto temi, declinazioni del tema principale:

  1. "Scienza e tecnologia per la sicurezza e la qualità alimentare": azioni di comunicazione verso i consumatori per la riconoscibilità delle caratteristiche sensoriali degli alimenti;
  2. "Innovazione nella filiera agroalimentare": azioni di comunicazione verso i consumatori in tema di sicurezza alimentare e di valore nutraceutico degli alimenti; promozione dell'organizzazione aziendale per fornire prodotti sostenibili e con un adeguato rapporto prezzo/qualità; riduzione degli impatti ambientali legati, oltre che alla produzione e trasformazione, al confezionamento, al trasporto e all'immagazzinamento dei prodotti agroalimentari; azioni per assicurare le migliori soluzioni di conservazione e trasporto per il mantenimento delle proprietà organolettiche degli alimenti; azioni per incentivare l'aggregazione su uno o più segmenti della filiera;
  3. "Scienza e tecnologia per l'agricoltura e la biodiversità": esempi di applicazione di metodi per la sostenibilità in agricoltura; mantenimento della biodiversità; azioni divulgative verso gli agricoltori e i consumatori;
  4. "Educazione alimentare": promozione del consumo locale dei prodotti agroalimentari di qualità presso le mense scolastiche, aziendali e ospedaliere oltre che nella ristorazione privata; strategie per informare il consumatore sull'importanza di condurre uno stile di vita sano, partendo proprio dalla trasmissione di una sana educazione alimentare; azioni di sensibilizzazione alla consapevolezza dell'impatto ambientale del cibo. Potranno essere sviluppati anche aspetti inerenti il profilo energetico, culturale, sanitario, paesaggistico, ambientale e sociale.
  5.  

La presentazione delle proposte, la cui scadenza è fissata per il 3 ottobre 2014, è riservata alle Province, ai Comuni, alle Unioni di Comuni e Camere di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura della Toscana.

 

 

L'articolo 5 dell'avviso stabilisce "Modalità e termini di presentazione delle proposte", che dovranno essere presentate esclusivamente utilizzando l'allegato A (linkare) all'avviso, entro e non oltre trenta giorni dalla pubblicazione dell'atto, tramite PEC alla Regione Toscana. Farà fede la data dell'invio alla Regione. Le domande presentate fuori termine, con mezzi diversi dalla posta certificata o non presentate mediante il modello allegato saranno escluse.

 

Tutte le proposte dichiarate ammissibili dopo l'esame di un'apposita commissione saranno pubblicate in un catalogo che verrà presentato dalla Regione a Expo Milano 2015.

Informazioni sui contenuti dell'avviso possono essere reperite sul sito www.regione.toscana.it/bandi/aperti  o acquisite, su specifica richiesta, all'indirizzo ricercapraf2013@regione.toscana.it.

 

Torna Expo Rurale Toscana 2014

" "Si inaugurerà il 18 settembre prossimo Expo Rurale Toscana 2014, la grande kermesse rurale della toscana. che potrà essere visitata fino al 21 settembre a Firenze, nella splendida cornice del Parco delle Cascine. Expo Rurale Toscana è la manifestazione dedicata al mondo rurale promossa dalla Regione Toscana e dai suoi partner, fra i quali Unioncamere Toscana che, in questa edizione, anticipa i temi fondanti dell'EXPO 2015: NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA.

Anche quest'anno ritornano le "filiere della ruralità" con degustazione dei prodotti Dop e Igp a dei prodotti a marchio di qualità: Cerealicoltura e colture erbacee, Florovivaismo, Foresta Legno Sottobosco e Sistema Montagna, Multifunzionalità, Olivicoltura, Pesca e acquacoltura, Zootecnia, Viticoltura, Volti racconti esperienze, Caccia.


Agricoltori, allevatori, vignaioli, pastori, pescatori, artigiani, cuochi sono i protagonisti, insieme agli animali, di questa grande kermesse della campagna e delle sue attività. Quattro giorni di eventi, laboratori, dimostrazioni, corsi, incontri, degustazioni.

L'area commerciale e l'area somministrazione sono dedicate agli operatori toscani che hanno una forte relazione con il sistema rurale toscano e che realizzano prodotti dall'alto valore qualitativo.

 

Nel corso della manifestazione è previsto un nutrito calendario di attività inerenti la filiera olivicolo-olearia che si svolgeranno nel padiglione dedicato alla filiera "Olivicoltura". Ai piccoli visitatori saranno proposti laboratori in cui bambini e ragazzi saranno coinvolti in giochi ed attività che li porteranno a conoscere l'olio extravergine di oliva;  dal venerdì alla domenica è previsto un "Aperiolio" dalle 18.30 alle 20.00 con cooking show e aperitivo con esperti del settore. Mentre all'esterno del padiglione saranno esposte diverse varietà di olivo e ci saranno dimostrazioni di potatura e di innesto, all'interno del padiglione si potranno assaggiare oli di grande qualità, i 70 oli extravergini di oliva certificati che hanno superato la Selezione degli oli extravergini di oliva DOP e IGP della Toscana 2013/2014. In allegato il programma delle iniziative

 

Per i più piccoli, oltre alla possibilità di poter ammirare da vicino gli animali della fattoria, partecipare ai laboratori dedicati, anche giochi e attività per conoscere l'Olio extravergine di oliva a cura di Promofirenze, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze e una sosta per la merenda "di una volta". 

ATTIVITÀ STUDI & RICERCHE
Imprenditoria femminile in Toscana: un'istantanea a metà 2014

" "

Sono la metà del cielo e anche qualcosa di più in termini demografici ma, ancora a metà del 2014, le donne guidano solo il 22,6% dell'universo delle imprese che operano in Toscana (93.145), anche se  l'incidenza media a livello nazionale si ferma al 21,4%.

Per fronteggiare la crisi economica, il blocco del credito e aumentare la competitività, sempre più spesso anche le imprenditrici hanno scelto la tipologia più strutturata di impresa: a metà del 2014 le Società di capitale guidate da donne superano quota 16mila - il 16,7% di tutte le imprese toscane costituite con questa forma giuridica. Altre 16mila imprese femminili sono organizzate in Società di persone e 1.200 in Cooperative.

Tuttavia la maggior parte delle imprese femminili in Toscana, come in tutto il Paese, sono ancora costituite da ditte individuali (59mila), in genere più piccole sotto il profilo dimensionale e di più agevole avvio.

Le imprese femminili artigiane sono quasi 19mila: in pratica, oltre un quinto del sistema imprenditoriale femminile toscano fa parte dell'artigianato.

 

Questo, in sintesi, il ritratto al secondo trimestre 2014 del contributo delle donne al mondo dell'impresa, così come emerge dai dati dell'Osservatorio sull'Imprenditoria Femminile frutto della collaborazione tra l'Ufficio studi di Unioncamere Toscana e il Settore imprenditoria femminile e politiche di genere della Regione Toscana.

 

I SETTORI DI ATTIVITA' PIU' "ROSA"

Delle 93mila aziende femminili con sede in Toscana, circa 61mila operano nei servizi, e di queste oltre 25mila nel commercio e quasi 10mila nel turismo. Nell'industria, le imprese femminili contano invece 12mila aziende, di cui ben 7mila operanti nel sistema moda. Le imprese agricole guidate da donne sono infine 13mila, mentre poco più di 3mila sono le imprese femminili operanti nell'edilizia.

Un livello di femminilizzazione molto elevato caratterizza tutte le attività dei servizi: il rapporto fra imprese femminili ed il totale delle imprese registrate raggiunge infatti punte del 52% nei servizi alla persona e del 45% nella sanità ed assistenza sociale. Una rilevante presenza femminile si registra inoltre in agricoltura (tasso del 32%), nel turismo (30%) e nell'istruzione (29%).

Costruzioni, trasporti e industria si confermano invece come i settori meno attrattivi per le donne: è femminile solo il 5% delle aziende edili, l'11% di quelle industriali ed il 9% dei trasporti.

 

UN TERZO DEI GIOVANI IMPRENDITORI E' DONNA

In Toscana - a fine giugno 2014 - si contano 11mila aziende «rosa» giovanili, ovvero imprese guidate da donne con meno di 35 anni (il 12% dell'universo imprenditoriale femminile). I settori a maggior presenza di imprese giovanili femminili sono il commercio (oltre 3mila imprese), il turismo e l'industria (1.300 imprese ciascuno).

L'incidenza di donne alla guida di aziende giovanili è molto elevata (il 29% di tutte le imprese toscane guidate da under-35): in pratica, quasi un terzo dei giovani imprenditori della Toscana è donna, incidenza che è dunque più alta rispetto alla media nazionale (27,7%).

 

IMPRENDITORI STRANIERI: 1 su 4 è donna

Le aziende guidate da imprenditrici straniere raggiungono quota 12.500, il 13% dell'universo imprenditoriale femminile della regione.

L'incidenza di imprese straniere guidate da donne è del 26%: in pratica, in Toscana, un quarto degli imprenditori stranieri è donna, un tasso più alto rispetto alla media nazionale (23%) che colloca la regione al decimo posto nella classifica italiana (dopo le regioni del Sud, Umbria e Marche).

in Toscana, i settori preferiti dalle donne straniere per fare impresa sono il manifatturiero (3.800 aziende), le attività commerciali (3.600) ed il turismo (1.000 fra alberghi e ristoranti).

La forte componente manifatturiera che, in Toscana, caratterizza l'imprenditoria femminile straniera è legata in particolare alla rilevanza della comunità cinese: sono infatti oltre 4mila le imprese individuali toscane con a capo donne di origine cinese, di cui circa 3mila aziende manifatturiere e mille esercizi commerciali. Sono invece un migliaio le imprese guidate da romene (perlopiù negozi e ditte edili), seguite dalle comunità del Marocco (540), della Nigeria (460, dell'Albania (300) e della Germania (operanti perlopiù nel settore agricolo).

Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


La dinamica imprenditoriale toscana secondo una prospettiva di genere Slide report e comunicato stampa del 15/9/2014
DataChiEvento
18 - 21 September Regione Toscana & Partners Expo Rurale Toscana 2014
24 September Camera di Commercio Livorno Presentazione Iniziativa sulle politiche del lavoro
25 September Assefi - CCIAA Pisa "MePA - Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione: le opportunità per le Imprese"
6 October CIF - Camera di Commercio Firenze "Donne ... che impresa !"
9 - 10 October CE - Commissione Europea Horizon 2020, ICT Proposer's Day 2014
Formazione
Pesce Dimenticato

Supporting Women Entrepreneurs

Imprenditoria Femminile
Preziario regionale
Uffici Studi