Home
Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

Seguici su:

  

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Collegamenti
Notizie dalle Camere
Prato - Lasciare sul territorio le sanzioni versate in seguito all’attività di controllo

Siena - Fai crescere la tua impresa online grazie a iniziative della Camera di Commercio

Maremma & Tirreno - Cabina di Regia per le imprese danneggiate dal nubifragio

Firenze - A Fiera Didacta tutti i progetti sull'alternanza scuola lavoro

Lucca - Successo del concerto dei Rolling Stones

Pisa - La Camera di Commercio aderisce al Premio “Storie di Alternanza”

Arezzo - Stabilità complessiva dall’export aretino nel primo semestre 2017
Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
L’esperienza di “Impresa in Azione”presentata nell’ambito di "Fiera Didacta Italia”

Da destra: Livia Di Nardo di Junior Achievement Italia e Patrizia Costia della Fondazione ISI di Pisa

Nell'ambito di "Fiera Didacta Italia", manifestazione dedicata al mondo della scuola: dalle aziende che presenteranno i prodotti più all'avanguardia, ai  numerosi workshop, seminari tematici, momenti di confronto dentro e fuori la Fiera, la Regione Toscana ha organizzato il 27 settembre nel proprio spazio il seminario "L'alternanza Scuola Lavoro per essere imprenditore del tuo futuro". Si parlerà di tirocini formativi, di educazione all'imprenditorialità, e di apprendistato, temi che trovano sempre maggiore diffusione nelle scuole del nostro Paese  ed in Toscana in particolare. Proprio nella nostra regione, da molti anni, il Sistema delle Camere di Commercio è attivo in materia di Alternanza Scuola-Lavoro con il Programma "Impresa in Azione", che si inserisce come "buona pratica", riconosciuta dal MIUR, nel contesto più ampio delle metodologie attuative dell'Alternanza Scuola-Lavoro,  utilizzando il modello della "mini-impresa",  secondo il format di  Junior Achievement Italia, che applica le logiche esperenziali di "learning by doing."

 

Nel corso del seminario, il Sistema Camerale ha presentato l'esperienza acquisita con il Programma "Impresa in Azione", che, avviato molti anni fa dalla Camera di Commercio di Pisa, si è successivamente allargato, divenendo progetto regionale. E' intervenuta la Dott.ssa Patrizia Costia, di ISI, Fondazione della CCIAA di Pisacapofila del progetto regionaleche ha portato la sua preziosa testimonianza sul significato di questa metodologia e della esperienza degli studenti e dei tutor scolastici che hanno partecipato al progetto. In particolare ha illustrato l'ultima edizione di "Impresa in Azione", conclusa nel maggio scorso e che ha visti coinvolti 31 Istituti scolastici, 76 gruppi classe in 7 province e l'adesione delle Camere di Commercio di Firenze, della Maremma e del Tirreno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia e Siena, edizione supportata dall'Ufficio Scolastico Regionale Toscana, da Junior Achievement Italia, da Unioncamere Toscana, con il prezioso sostegno di  Rotary International Distretto 2071 e con il patrocinio della Regione Toscana.

 

La Camera di Commercio di Firenze era presente a "Didacta Italia" con un proprio spazio seminariale all'interno del quale sono state presentate le numerose attività e progetti realizzati nell'ambito dell'Alternanza Scuola-Lavoro ed educazione all'imprenditorialità.

 

"Oggi più che mai il Paese guarda al futuro e noi abbiamo il dovere di preparare quel futuro per i nostri ragazzi - ha dichiarato Andrea Sereni, Presidente di Unioncamere Toscana - E' per questo che l'imprenditorialità diventa, ogni giorno di più, è una delle competenze chiave che la scuola ha bisogno di sviluppare e la collaborazione concreta tra mondo delle imprese e scuola porterà senz'altro ad un grande mutamento, consentendo nuove opportunità ma solo nella logica in cui ciò si tradurrà in partenariati di qualità e concretezza degli strumenti e delle modalità attuative. Progetti come Impresa in Azione infatti, dimostrano nella realtà che l'Alternanza è scuola a tutti gli effetti, favorendo una maggiore consapevolezza nei giovani circa le loro scelte future fornendo le competenze, anche trasversali,  necessarie per affrontare il mondo del lavoro".

Storie di alternanza: un premio delle Camere di Commercio

Il premio "storie di alternanza" è un'iniziativa promossa dalle Camere di Commercio italiane con l'obiettivo di valorizzare e di dare visibilità ai racconti dei progetti di alternanza scuola lavoro, ideati e realizzati dagli studenti che hanno vissuto in prima persona l'esperienza dell'alternanza e dai tutor degli istituti scolastici italiani di secondo grado.

 

L'iniziativa mira ad accrescere la qualità e l'efficacia dei percorsi di alternanza scuola lavoro, facendone un'esperienza davvero significativa  per gli studenti attraverso il racconto delle proprie esperienze

 

REQUISITI DI AMMISSIBILTA'

 

Il Premio è suddiviso in due categorie distinte per tipologia di istituto scolastico partecipante:

 
  • LICEI
  • STITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

Sono ammessi a partecipare al premio "STORIE DIALTERNANZA" gli studenti regolarmente iscritti e frequentanti istituti scolastici italiani di secondo grado. Gli studenti devono:

  • Far parte di una o più classi di uno stesso o più istituti d'istruzione secondaria superiore italiani
  • Aver svolto un percorso d'alternanza scuola lavoro
  • Realizzare un racconto multimediale che presenti l'esperienza di alternanza realizzata

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

 

Il Premio prevede due livelli di partecipazione:

  • Partecipazione a livello locale (promosso e gestito dalle Camere di Commercio aderenti):
  • iscrizione al premio à per partecipare al Premio è necessario inviare alla Segreteria organizzativa di Unioncamere- mail: storiedialternanza@unioncamere.it e all'indirizzo PEC della propria Camera di Commercio, se partecipante al progetto nazionale, la seguente documentazione (la quale deve essere trasmessa unicamente per e-mail in formato "PDF" con allegato il link per la visualizzazione del video)

1 - La domanda d'iscrizione

  • La domanda d'iscrizione deve essere stampata, firmata dal docente tutor e dal Dirigente Scolastico. In alternativa la domanda può essere firmata digitalmente (il docente tutor effettua l'iscrizione al Premio con l'avvallo del Dirigente Scolastico, l'iscrizione al Premio deve essere effettuata esclusivamente avvalendosi degli specifici moduli disponibili all'indirizzo www.unioncamere.gov.it o sul sito della Camera di riferimento.

 

Protocollo fra Ministero dello Sviluppo Economico e Unioncamere per aumentare il numero delle aziende italiane all’estero

" "Il Ministero dello Sviluppo economico e Unioncamere hanno siglato un protocollo d'intesa per compiere un ulteriore passo verso la riorganizzazione del sistema pubblico a sostegno dell'internazionalizzazione delle aziende italiane. Il protocollo dà attuazione a quanto previsto dal recente decreto di riforma delle camere di commercio, prevedendo che il sistema camerale concentri le proprie attività in Italia per preparare le PMI a operare all'estero, prevedendo le opportune forme di raccordo con l'ICE, l'Agenzia posta al centro del Sistema per l'internazionalizzazione, affinché le imprese possano essere assistite in maniera unitaria e coordinata dal loro territorio fino ai mercati stranieri di interesse.

Le attività previste dal protocollo di intesa rispondono, in particolare, a un obiettivo strategico: portare più imprese all'estero e rafforzare le quote di mercato delle aziende che esportano in maniera ancora saltuaria. Il recente Rapporto dell'ICE ha infatti evidenziato che, pur crescendo ancora l'export italiano, il numero delle aziende esportatrici fra il 2010 e il 2016 è aumentato troppo lentamente e in misura ancora insoddisfacente.

 

"Questo protocollo - afferma il Sottosegretario allo Sviluppo Economico, On. Ivan Scalfarotto - è parte integrante di quel disegno strategico avviato nel 2014 e volto al supporto dell'internazionalizzazione delle nostre imprese. Un disegno che ha già portato notevoli risultati sia per la costante crescita registrata dalle nostre esportazioni che per l'aumento del numero di investimenti esteri in Italia. In questo contesto assume particolare rilevanza il ruolo svolto dall'ICE, vero e proprio collante fra gli attori del sistema per l'internazionalizzazione, che ha tra i principali obiettivi proprio quello di aumentare il numero delle nostre imprese esportatrici".

 

 "Molte aziende italiane hanno tutti i numeri per esportare ma hanno bisogno sempre più di soggetti che sui territori siano in grado di assisterle a muovere i primi passi. Accanto agli altri organismi pubblici e privati, le camere di commercio potranno ora meglio raggiungerle e prepararle per l'estero attraverso iniziative di informazione, formazione, supporto organizzativo e assistenza alle imprese, con particolare riguardo a quelle di minori dimensioni, alle start up ed alle imprese organizzate in filiere e reti.". E' il commento del presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, che aggiunge "Contiamo nel prossimo triennio di individuare e accompagnare sui mercati internazionali 10.000 nuovi esportatori. È questa una potenzialità per il Paese che, se colta, può fare diversi punti in più di export".  

ATTIVITÀ STUDI & RICERCHE
E’ on-line il Cruscotto Infocamere aggiornato al 30 giugno 2017

" "

Il Cruscotto di indicatori statistici regionali, rilasciato trimestralmente da InfoCamere, è costituito da quattro report statistici dedicati alla demografia imprenditoriale - di cui due a carattere strutturale sull'anno 2016 e due congiunturali relativi al secondo trimestre 2017 - e da due fascicoli contenenti indicatori statistici elaborati sulla base dei bilanci depositati dalle società di capitali presso le Camere di Commercio.

 

Nel fascicolo congiunturale relativo alle imprese registrate trovano spazio informazioni sull'andamento della nati-mortalità imprenditoriale. Fra il 1° aprile ed il 30 giugno 2017, in Toscana, le iscrizioni al Registro delle Imprese sono state 6.088 (-6,0% rispetto allo stesso periodo del 2015), mentre le imprese cessate (non d'ufficio) sono state 4.263 (-5,0%); si aggiungono inoltre al bilancio del trimestre 2.699 aperture di unità locali (-0,9%) contro 1.772 chiusure (-3,5%). In conseguenza di tali andamenti, il saldo fra imprese iscritte e cessate diminuisce di 160 unità, passando dal +1.985 del II trimestre 2016 al +1.825 del 22 trimestre 2017. Un'evoluzione maggiormente positiva si registra invece sul fronte delle aziende toscane entrate in scioglimento e liquidazione, pari a 1.026 nel trimestre in esame e dunque in diminuzione di quasi 100 unità dalle 1.119 dello stesso periodo dell'anno precedente (-8,3%). Ancora più favorevole è poi l'andamento dei fallimenti e delle altre procedure concorsuali, scese da 290 a 259 (-10,7%) segnalando - dunque - una decisa attenuazione del fenomeno delle crisi aziendali.   

Starnet - Il portale dei dati statistici del Sistema camerale italiano

Questi sono gli ultimi documenti pubblicati sul sito Starnet Toscana


Cruscotto indicatori statistici Toscana (aggiornamento al 30.6.2017) Report su:  Imprese registrate (dati strutturali al 31.12.2016)  Imprese attive (dati strutturali al 31.12.2016)  Imprese registrate (dati congiunturali II trimestre 2017)  Imprese attive (dati congiunturali II trimestre 2017)  Bilanci (anno 2015)  Bilanci compresenti (triennio 2014-2016)
DataChiEvento
12 maggio - 23 novembre Camera di Commercio Siena Eccellenze in Digitale: Seminari gratuiti
28 ottobre Camera di Commercio Pisa FOOD&WINE FESTIVAL "Tere di Pisa" 2017 - Inaugurazione
2 novembre Camera di Commercio Pistoia & Camera di Commercio Prato Tutela della Forma: Marchi 3D Modelli, Confronto tra Registrazioni dei Titoli nel Contesto Europeo e Intermazionale
Formazione