Home
Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

In liquidazione

Seguici su:

  

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Collegamenti
Notizie dalle Camere
Pistoia - Alternanza Day

Pisa - Alternanza Day

Maremma & Tirreno - Alternanza Day

Arezzo - Alternanza Day

Siena - Alternanza Day

Appuntamenti
4 - 28 giu IF - Comitati Impreditoria Femminile delle Camere di Commercio "Giro d'Italia delle donne che fanno impresa" con tappa a Siena
12 giu - 2 lug Camera di Commercio Firenze Percorsi informativi gratuiti per i tutor aziendali dell’Alternanza Scuola-Lavoro
20 giu Camera di Commercio Lucca PID - Impresa 4.0 e nuovi modelli di business
Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
Una scuola più vicina al mondo del lavoro con le Camere di Commercio

L'Assessore Grieco, il Presidente Breda e il Direttore Petruzzo

Si è svolta lo scorso 7 maggio, la conferenza stampa volta ad illustrare il programma e le peculiarità dell'ALTERNANZA DAY ed alla quale hanno partecipato, oltre a Riccardo Breda - Presidente di Unioncamere Toscana, Cristina Grieco - Assessore della Regione Toscana all'Istruzione, Formazione e Lavoro e Domenico Petruzzo - Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale.

 

Una scuola più vicina al mondo del lavoro con le Camere di Commercio: è ciò che si propone il Sistema camerale italiano che, tra le varie iniziative di livello nazionale, propone la seconda edizione dell'ALTERNANZA DAY in programma il 10 maggio.

 

All'evento, che si svolge contemporaneamente presso le sedi camerali della Toscana, si incontreranno gli Istituti scolastici, gli studenti,  le imprese ed i rappresentati del mondo del lavoro, le Istituzioni, i Centri per l'Impiego,  tutti gli attori insomma che compongono la rete territoriale per l'orientamento al lavoro e alle professioni. Sarà il momento per un confronto finalizzato ad avvicinare gli studenti al mondo del lavoro e permettere loro di acquisire una maggiore consapevolezza per le scelte future, formative o lavorative/professionali.

 

 "Da molti anni Il Sistema camerale toscano è fortemente impegnato sul tema dell'Alternanza Scuola Lavoro - dice Riccardo Breda, Presidente di Unioncamere Toscana - Dal 2007 è intervenuto a promuovere e sostenere presso gli Istituti scolastici iniziative quali "Impresa In Azione" ed il Project Work "Scuola Lavoro" e più recentemente il Comitato Grandi Imprese, basate sulla metodologia di 'imparare facendo', avviate ben prima della riforma del 2015".

 

L'occasione dell'Alternanza Day è propizia per presentare le azioni e gli strumenti che le Camere di  Commercio  possono offrire per  diffondere i  percorsi  di alternanza di qualità ma anche per esporre i numeri del sistema Excelsior, che rileva i fabbisogni occupazionali del territorio.

E' previsto un focus specifico sulle nuove funzioni dedicate ai tutor scolastici ed aziendali del Registro nazionale per l'alternanza (RASL), punto d'incontro ancora "sotto utilizzato" tra le Scuole e le imprese ed altri Soggetti  disponibili ad offrire agli studenti  un periodo di apprendimento on the job. Alla data del 30 aprile  il Registro annovera oltre 2.900 iscritti in Toscana, un numero significativo se si considerano le poche centinaia di un anno fa, ma che deve essere ulteriormente incrementato, se si considera il numero delle imprese attive in Toscana (352.726).  

 

Ogni Camera di Commercio presena inoltre i propri progetti in corso e quelli per il prossimo anno scolastico, frutto della collaborazione con i vari partner del network  territoriale, le scuole in primis, ed in particolare  illustrerà  il bando, di prossima pubblicazione, che coinvolgerà otto Camere di Commercio, per l'erogazione di voucher in favore delle imprese ospitanti studenti in alternanza: le domande di contributo potranno essere presentate  dal 1 giugno fino al 30/11/2018. 

“Seguro”, uno Zaino a prova di sicurezza

" "

Lo scorso 3 maggio 2018 la Camera di commercio della Maremma e del Tirreno ha voluto celebrare con una iniziativa mirata ad un target giovane una "buona pratica", che dall'esperienza di alternanza scuola lavoro ha portato un gruppo di ragazzi all'ingresso nel mondo dell'impresa. Si tratta degli ex studenti dell'ISISS Cattaneo di Cecina, che tre anni fa avevano progettato in classe uno zainetto con caratteristiche di sicurezza garantite da una particolare apertura, e con questo innovativo prodotto avevano vinto la selezione regionale del premio Impresa in azione ed un altro prestigioso riconoscimento nazionale. Alcuni di loro, insieme alla loro insegnante, hanno scommesso sul futuro immaginando una vera e propria impresa da far decollare.

 

Da allora, è iniziato un percorso di accompagnamento da parte della Camera di commercio e poi della Fondazione camerale Impresa, Ricerca, Innovazione, che ha fornito ogni tipo di supporto ai ragazzi per brevettare, iscriversi al Registro Imprese ed ottenere quel bagaglio di conoscenze necessarie a dare vita ad una impresa.

 

L'evento ha visto protagonista il team dello Zaino Seguro, affiancato dai relatori: il Presidente Riccardo Breda, il Segretario Generale Pierluigi Giuntoli, Stefano Petrucci in rappresentanza della Fondazione camerale IRI e Caterina Pampaloni in rappresentanza di Unioncamere nazionale, tutti coordinati da Selene Bottosso, Fondazione IRI. Bravissimi i giovani danzatori e danzatrici del Salus Company che insieme all'Hip Hop Department di Livorno hanno animato la platea con un flash mob del tutto inaspettato (lo si può rivedere sul canale Fb della Camera di commercio).

 

La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno è fortemente impegnata sui temi dell'alternanza scuola lavoro e del sostegno all'imprenditorialità, con un ventaglio di offerte e di strumenti che spaziano dall'elaborazione di dati sui fabbisogni professionali espressi dalle imprese - indagine Excelsior - allo Sportello Punto impresa che effettua colloqui di primo orientamento per fornire indicazioni sui passi da seguire per mettersi in proprio; dall'accoglienza e formazione di intere classi di studenti all'impegno specifico in alcuni progetti europei tendenti a sviluppare e sostenere nuove idee imprenditoriali.

 

La Fondazione camerale IRI è un ente senza scopo di lucro che collabora con l 'Ente camerale nella realizzazione di iniziative a favore del sistema imprenditoriale, con un'attenzione particolare all'innovazione e con una struttura elastica che consente di costituire singoli comitati di gestione che siano in grado di seguire i progetti prescelti. 

Mestieri artigiani: non c’è crisi per tatuatori e giardinieri

" "Imprese di pulizia, tatuatori, giardinieri, agenzie per il disbrigo delle pratiche, meccanici industriali, sarti per cerimonie, panettieri e pasticceri. Questi alcuni dei mestieri artigiani che,

a dispetto della dura selezione della categoria che continua ormai da anni, resistono e crescono, raggiungendo a fine 2017 numeri consistenti.

 

Come emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere sull'imprenditoria artigiana, le imprese del comparto che si occupano di pulizia degli edifici sono aumentate di oltre 6mila unità tra dicembre 2012 e dicembre 2017. Nel settore degli Altri servizi alla persona, gli specialisti di tatuaggi e piercing sono oltre 4mila in più di 5 anni fa. In forte aumento anche i giardinieri (quasi 3.400 in più), le agenzie di disbrigo pratiche (quasi 2mila), i meccanici industriali (+1.854), i sarti per cerimonie (+1.451), i panettieri e pasticceri (+1.355). In crescita anche le imprese artigiane che si occupano di confezione di accessori di abbigliamento, quelle che curano le disinfestazioni, i parrucchieri ed estetisti, i sarti, i tappezzieri e i carpentieri.

 

Nel loro complesso, al 31 dicembre 2017, le imprese artigiane registrate sono 1.327.180, con 80.836 nuove iscrizioni nell'anno e 92.265 cessazioni. Nonostante i segnali di ripresa che si registrano, la crisi non è però ancora definitivamente alle spalle. Sono infatti in calo le cessazioni di impresa, che si attestano sul livello minimo del decennio, ma risultano in calo anche gli italiani che decidono di intraprendere una attività imprenditoriale, e il dato registrato nell'anno appena chiuso è il più basso del decennio che ci lasciamo alle spalle. La differenza tra iscrizioni e cessazioni di attività segna pertanto anche per il 2017 un saldo negativo di poco superiore alle 11mila imprese, con un -0,85 % rispetto all'anno precedente. Negli ultimi anni il trend di diminuzione dello stock di imprese si è ridotto, ma dal 2012 ad oggi, quando l'anagrafe segnava un 1,4 milioni di imprese artigiane, si registra una diminuzione di oltre 110mila unità, con una riduzione percentuale vicina all'8% ; una media di oltre un punto percentuale all'anno. 

19mila donne fanno impresa a Pisa

" "A fine 2017 sono 19.086 le donne titolari, socie, amministratrici, revisori, ecc. di imprese della provincia di Pisa: il 28% del complesso delle persone che rivestono una carica in un'impresa della provincia, un dato che pone Pisa al medesimo livello dell'Italia (27,6%) ma leggermente al di sotto della media regionale (29,2%). Un numero importante ma che non mostra significativi scostamenti rispetto al passato recente e, soprattutto, facendo qualche passo indietro se si pensa che nel 2010, in termini percentuali, la quota era pari al 27% mentre le donne con carica erano 19.047.

 

Considerando i dati sulle imprese classificabili come femminili (quelle cioè dove la titolare è donna, o vi è una maggioranza di socie o capitali in mano a donne) il 2017 segna a Pisa una crescita dello 0,5%. Si tratta di un'evoluzione che, pur in rallentamento rispetto al 2016, mostra un andamento migliore rispetto alla dinamica imprenditoriale provinciale nel suo complesso che si ferma ad un +0,3%. In valori assoluti, nel 2017, si sono iscritte alla Camera di Commercio di Pisa 728 imprese femminili mentre 703 sono state le cancellazioni non d'ufficio, per un saldo positivo per appena 25 unità. In conseguenza di questi andamenti lo stockdi aziende femminili registrate tocca le 9.742 unità vale a dire il 22,2% del totale imprese registrate in provincia di Pisa: un valore che pone la provincia al penultimo posto a livello regionale, prima di un'altra provincia di grandi dimensioni come Firenze, ed al disotto della media regionale che arriva al 23,1%. Questi, in sintesi, i dati sull'imprenditoria femminile relativi al 2017 diffusi oggi dalla Camera di Commercio di Pisa.

 

Prevalgono le amministratici che, in media, sono più giovani dei colleghi maschi

Le oltre 19mila donne che, secondo i dati del Registro delle Imprese, rivestono una carica nelle imprese della provincia di Pisa siedono prevalentemente neiconsigli di amministrazione (7.835, il 25,3% degli amministratori di aziende pisane) ma molto forte risulta essere anche la presenza di titolari di aziende individuali(6.146, il 27,6% dei titolari) e di socie (4.113, il 41,5% dei soci). Le altre cariche, tra le quali svettano i revisori dei conti, arrivano a 992 unità pari ad una quota sul totale della categoria del 19,4%: la più bassa di tutte le categorie.

Per quanto concerne l'età, le donne con carica sono mediamente più giovani dei colleghi maschi: nel 2017 quelle tra i 18 e 49 anni sono il 48,3% a fronte del 42,6% dei maschi. Interessante, a questo proposito, come il 49,7% delle amministratrici sia compresa in questa fascia di età mentre tra i maschi si arrivi appena al 39,7%. Minori differenze, tra maschi e femmine, per quanto riguarda la nazionalità: la quota di donne con un ruolo in azienda nate all'estero sono il 9% contro una media maschile dell'11%. 

Il Desco Edizione 2018: al via la prenotazione degli spazi

" "Il Desco 2018 si rinnova nel segno della qualità: nei primi due fine settimana di dicembre per le produzioni tipiche tradizionali, le produzioni agroalimentari BIO e Biodinamiche e l'arte della mise en place con espositori provenienti da tutta Italia saranno protagonisti nei chiostri e nelle sale del primo piano del Real Collegio a Lucca.

 

La manifestazione, ad ingresso gratuito, si terrà nei giorni venerdì 30 novembre, sabato 1, domenica 2 , venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 dicembre 2018. L'orario di apertura sarà differenziato: nei giorni di venerdì e domenica dalle 11.00 alle 20,00, il sabato dalle 11.00 alle 21.00.

 

Nell'anno del cibo Il Desco vedrà la partecipazione di stand con produzioni selezionate provenienti da territori italiani che si integreranno e completeranno l'offerta lucchese. La mostra mercato sarà arricchita da un programma di iniziative, tra cui degustazioni, tavole rotonde e convegni per la valorizzazione delle filiere agroalimentari, per la salvaguardia della genuinità e salubrità del cibo, unitamente a momenti di educazione e formazione, come showcooking, laboratori sensoriali di evoluzione del gusto, laboratori per i bambini, nonché esposizione di prodotti artigianali.

 

Diventa esecutiva la proposta elaborata dalla Commissione composta da rappresentanti delle Associazioni di categoria, che si è avvalsa del contributo dell'assessore alle attività economiche del Comune di Lucca, Valentina Mercanti. Di grande utilità per l'elaborazione del nuovo progetto anche le indicazioni emerse dagli incontri svoltisi nei mesi scorsi con gli espositori della passata edizione. Il progetto è stato approvato dalla Giunta Camerale nel corso dell'ultima seduta, che si è tenuta lunedì 16 aprile u.s..

Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere e Google portano le aziende sul web

" "Si tè tenuto a Firenze, il 18 e il 19 aprile scorso, la terza tappa del roadshow nazionale "Google Digital Training": una serie di incontri sul territorio, in collaborazione con Unioncamere e le Camere di Commercio italiane - istituzioni all'avanguardia nell'offerta dei servizi digitali e sede dei Punti Impresa Digitale, previsti dal piano Impresa 4.0 del Governo - per ascoltare le voci degli imprenditori locali sui temi del digitale e offrire formazione gratuita sull'uso di internet.


Durante i due giorni gli imprenditori che hanno partecipato hanno potuto acquisire le competenze necessarie per creare un sito web, posizionarsi sulle mappe online, avviare un e-commerce, utilizzare gli strumenti di promozione digitale e sfruttare al meglio i dispositivi mobili. E' stato inoltre messo a disposizione, sempre gratuitamente, un servizio di "Digital Check-up", durante il quale è stato possibile spiegare ad un esperto le proprie esigenze e impostare insieme la strategia digitale su misura per la propria azienda. La priorità era chiara: ascoltare le esigenze degli imprenditori, capire le loro difficoltà nel processo di trasformazione e offrire strumenti capaci di portare un vero miglioramento.

La sinergia tra Camere di Commercio, Unioncamere e Google, nasce da un'idea semplice: molte PMI non hanno una presenza significativa sul web, e perdono così un'occasione importante per farsi conoscere. Dalla bottega artigiana alla cantina vinicola, dalla fabbrica di imballaggi al forno tradizionale, dalla cartoleria allo studio di design, avere un sito internet e comparire sulle mappe, essere riconoscibili sui social network e sui motori di ricerca sono opportunità di crescita uniche per qualunque tipo di azienda. Continuando a concentrarsi su quello che sanno fare meglio, oggi ogni impresa può diventare una "impresa digitale".

Sono molti gli esempi di imprese toscane che hanno avuto successo sul web grazie ai corsi di Google. 

Un caso importante è quello di Chiarugi, azienda che dal 1952 è famosa per i suoi macina pepe e spezie: l'artigianalità tipica delle botteghe dei maestri fiorentini ha trovato nella formazione di Google e nei suoi strumenti un valido alleato per trarre vantaggio dal web. Un altro esempio è quello di Microfficina di Federico Vianello, maestro orafo dal 1982, che ha rafforzato la sua visibilità grazie agli strumenti digitali di analisi e presenza online. Altre storie locali e nazionali sono disponibili sul sito di Grow with Google.
 

I numeri del progetto confermano la grande opportunità offerta dal digitale. Secondo una recente ricerca, il 57% degli imprenditori che ha partecipato alla formazione proposta da Google nel 2017, ha dichiarato una crescita della propria attività, il 21% un aumento del fatturato, il 24% di aver aumentato le vendite. Un'azienda su 10 ha subito assunto persone con competenze digitali, mentre il 30% dei partecipanti ha espresso l'intenzione di farlo entro 6 mesi dalla fine del corso. 

DataChiEvento
4 - 28 giugno IF - Comitati Impreditoria Femminile delle Camere di Commercio "Giro d'Italia delle donne che fanno impresa" con tappa a Siena
12 giugno - 2 luglio Camera di Commercio Firenze Percorsi informativi gratuiti per i tutor aziendali dell’Alternanza Scuola-Lavoro
20 giugno Camera di Commercio Lucca PID - Impresa 4.0 e nuovi modelli di business
10 luglio Camera di Commercio Lucca PID - Prepararsi all'impresa 4.0. Le competenze digitali di base
Formazione
Alternanza Scuola - Lavoro

 " "

Anno scolastico
2017/2018

 



  " "



 

Anno scolastico
2016/2017
Pesce Dimenticato

Supporting Women Entrepreneurs

Imprenditoria Femminile