Home
Logo

 

Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

In liquidazione

Seguici su:

  


 

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Collegamenti
Notizie dalle Camere

 Logo di Unioncamere Toscana

 

Ripartireimpresa

Un nuovo servizio online il cui obiettivo è orientare, informare e accompagnare le imprese alla conoscenza e all'utilizzo delle misure economiche adottate dallo Stato e dalle altre Istituzioni per affrontare questa difficile fase della nostra economia legata all'emergenza sanitaria covid19


 

 

 

A seguito delle disposizioni governative riguardanti l'emergenza sanitaria Covid19 - DPCM 9 MARZO 2020 "IO RESTO A CASA" -  
 si comunica che i servizi resi da Unioncamere Toscana saranno svolti, fino alla data del 12 luglio 2020esclusivamente in modalità smart working.
Il personale preposto è pertanto contattabile nel consueto orario di ufficio mediante posta elettronica: 
 
Amministrazione e Provveditorato: silvia.pincione@tos.camcom.it - elena.pugi@tos.camcom.it 
Affari Generali: marco.ardimanno@tos.camcom.it 
Affari Legali: alberto.donnini@tos.camcom.it 
Comunicazione: franco.natali@tos.camcom.it 
Commissione Regionale per l'Artigianato: cra.toscana@tos.camcom.it 
 
 Ultima modifica: venerdì 29 giugno 2020

 

Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
Stati Generali, le proposte del Sistema camerale

" ""La crisi che stiamo vivendo è un'occasione storica per ripensare il ruolo del l'Italia. Per riattivare e mettere insieme le energie di tutti. Tutti devono essere parte di questo processo di ricostruzione".

 

E' quanto ha sottolineato Andrea Prete VicePresidente di Unioncamere, intervenuto in rappresentanza dell'istituzione in un incontro con il Governo tenutosi in occasione degli Stati Generali dell'Economia lo scorso 16 giugno a Villa Pamphilj in Roma.

"Le imprese - ha spiegato Prete - devono sentirsi nuovamente protagoniste. E in questo processo, le Camere di Commercio possono svolgere un ruolo utilissimo di catalizzatore a livello locale, di raccordo tra i diversi soggetti per coordinarne gli interventi ed evitare inutili dispersioni, di punto privilegiato di ascolto e di interpretazione delle istanze delle imprese per dare voce soprattutto a quelle più piccole; di collegamento tra territori e reti globali; di ideazione e di animazione di nuove progettualità, di raccordo tra le linee di intervento del Governo e la miriade di piccole e micro imprese".

 

"Dal periodo di lock down alla ripartenza - continua il VicePresidente di Unioncamere - abbiamo investito quasi 300 milioni di euro per mettere in atto azioni tempestive, tagliate a misura di impresa su cinque ambiti di intervento: credi to, digitale, export, turismo, informazione sui provvedimenti, oltre all'affiancamento alle Prefetture di tutta Italia per individuare le attività che potevano restare

aperte. Duecento milioni di euro è la ci fra che abbiamo destinato soltanto al credito per venire incontro al grave deficit di liquidità

delle imprese". 

Affitti commerciali: mediazione a costo zero

" "La Camera di commercio è al fianco delle imprese in crisi di liquidità per l'emergenza covid19. Tra le molte iniziative messe in atto, la Camera ha deciso anche di azzerare fino al 31 dicembre 2020 i costi del proprio servizio di mediazione (sia in presenza che online) per le controversie sugli affitti commerciali. L'iniziativa si aggiunge al patto per favorire la rinegoziazione dei canoni di locazione firmato oggi a Firenze in Prefettura, a cui hanno aderito oltre alla Camera di commercio, la Città Metropolitana il Comune di Firenze, l'Ordine dei commercialisti, le associazioni di categoria, quelle dei proprietari immobiliari e l'Osservatorio mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate.

 

 "Bene ha fatto la Prefettura a promuovere il protocollo sugli affitti commerciali che è una sorta di patto sociale trasversale, dal quale è possibile partire per immaginare un vero e proprio new deal della città", dice Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di commercio. "Lo strumento gratuito della mediazione, anche online, è la risposta che la Camera ha attivato in tempi molto rapidi proprio per aiutare questo processo e rispondere a una esigenza concreta delle imprese", aggiunge Bassilichi.

 

Per quanto riguarda il servizio di mediazione della Camera, le parti (impresa e proprietario) saranno tenute a sostenere esclusivamente le spese di avvio di procedura (48,80 euro), mentre non dovranno versare le restanti spese di procedimento, che trovino un accordo oppure no.

 

Questa forte agevolazione, possibile grazie ai mediatori professionali della Camera che si sono resi disponibili, dovrebbe indurre le parti in lite a ricorrere al servizio camerale fiorentino (conciliazione@fi.camcom.it) per evitare l'intasamento delle aule di giustizia del Tribunale, dove risposte certe in tempi brevi non sono sempre possibili. La mediazione, invece, costituisce lo strumento più idoneo per favorire il mantenimento delle relazioni commerciali e scongiurare il rischio di escalation conflittuale. 

Pronti i bandi della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno per le imprese

" "Al via i bandi che la Camera di Commercio ha annunciato per dare un sostegno alle imprese del territorio e spingerle sul terreno della digitalizzazione.

 

Il primo concede contributi a fondo perduto alle micro imprese per gli acquisti fatti in materia di sicurezza anticontagio: mascherine, disinfettanti e tutti i dispositivi atti a contrastare la diffusione del virus. La somma che la Giunta ha stanziato per questa misura ammonta a 700mila euro, dei quali 140mila riservati a tutta la filiera del turismo, particolarmente colpila dalla crisi pandemica. Si rimborsa il 70% delle spese sostenute, fino ad un contributo massimo di 1000 euro.

 

Il secondo bando eroga contributi a fondo perduto per l'acquisto di tecnologie digitali, hardware, software, consulenze su nuovi modelli organizzativi, alle aziende che hanno attivato o attivano contratti di lavoro in modalità smart working per uno o più dei loro dipendenti. La somma che la Giunta ha stanziato per questa misura ammonta a 420mila euro. Si rimborsa il 70% delle spese sostenute, fino ad un contributo massimo di 10mila euro. Questo bando è più articolato in quanto a seconda della durata del contratto SW, dà luogo a contributi di entità diversa. Prevista anche una premialità aggiuntiva per lo SW concesso a persone di genere femminile.

Sullo smart working sono imperniati anche due webinar che il prof. Pasqualino Albi, giuslavorista dell'Università di Pisa, terrà in diretta dal canale You Tube della Camera di commercio lunedì 15 giugno alle 10 e lunedì 22 giugno.

 

 "Come promesso, abbiamo accelerato al massimo l'iter di emissione dei bandi - afferma il Presidente Riccardo Breda - la tempestività è e sarà un elemento determinante degli interventi che abbiamo costruito. Ora ci auguriamo la pronta risposta delle imprese, sono certo che sapranno cogliere questa opportunità".

 

Il testo dei bandi e la modulistica sono presenti sul sito camerale e le domande potranno essere presentate dal 15 giugno al 15 dicembre 2020, salvo esaurimento risorse. 

90mila euro per le PMI pisane che vogliono internazionalizzarsi

" "

La Camera di Commercio di Pisa, nell'ambito del Progetto "SEI - Sostegno all'Export dell'Italia", mette a disposizione dal prossimo 15 giugno ulteriori 90mila euro per fornire un supporto concreto alle imprese che vogliono internazionalizzarsi mediante l'accesso a servizi altamente specializzati e qualificati. Con questa iniziativa, l'ente camerale pisano rafforza il sostegno ai processi di internazionalizzazione delle imprese pisane già avviato con un precedente bando, approvato lo scorso febbraio, che aveva messo a disposizione 100mila euro per favorire la partecipazione delle imprese a mostre e manifestazioni fieristiche in Italia e all'Estero.

 

Per ottenere il contributo è necessario un export check-up dell'azienda

Lo strumento a disposizione è ancora quello dei voucher (contributi a fondo perduto in conto esercizio, concessi per il 70% delle spese ammissibili e documentate, fino ad un massimo di 7.000 euro) per la fruizione di servizi di supporto all'internazionalizzazione, volti a rafforzare e diversificare la presenza sui mercati internazionali. Le spese, ovviamente, non devono essere riconducibili ai normali costi di funzionamento dell'impresa, né ad adempimenti di obblighi di legge ma devono essere coerenti con la strategia di internazionalizzazione che emerge dal report di export check-up e/o piano export, rilasciato dalla Camera di Commercio di Pisa. Un check-up che la Camera di Commercio di Pisa si impegna ad effettuare entro 15 giorni dall'iscrizione al portale www.sostegno export.it. E' ammessa una sola domanda per impresa/consorzio/rete che non goda già di abbattimenti di costi da parte della Regione Toscana o di altri Enti Pubblici/Ministeri o ICE Agenzia.

Il punto di vista di Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa

"Con quasi 3 miliardi di euro di controvalore l'anno, e 200 paesi raggiunti, il "Made in Pisa" rappresenta un pilastro della nostra economia. Se nel recente passato il commercio con l'estero ha consentito di compensare la crisi del mercato interno, a maggior ragione può essere determinante in questo momento di ripartenza dopo la fase più acuta della pandemia da Covid-19. Con questo bando, e con le prossime iniziative, vogliamo rinnovare la nostra vicinanza alle imprese con interventi concreti e utili per espandere le possibilità di business del nostro sistema imprenditoriale." 

Le imprese di studenti non si fermano: ecco i vincitori di Impresa in azione Toscana 2020

" "Il programma di educazione imprenditoriale "Impresa in azione Toscana", sostenuto dalle Camere di Commercio, anche quest'anno non si è fermato, ed ha visto trionfare cinque mini imprese di studenti, premiate in due appuntamenti: la competizione interregionale del 21 maggio e l'evento finale Regionale del 28 maggio. 

 

Si è svolto il 28 maggio scorso, in modalità digitale, l'ultimo appuntamento di Impresa in Azione Toscana, programma Junior Achievement, che come ogni hanno vede coinvolte scuole di tutto il territorio nazionale.

 

Il programma didattico, accreditato dal MIUR tra i percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento, sviluppato in Toscana grazie al partner territoriale, Fondazione ISI per l'Innovazione e lo Sviluppo Imprenditoriale, in collaborazione con Unioncamere Toscana, l'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscanale Camere di Commercio di Pisa, Lucca, Pistoia, e il Centro Studi e Servizi Az. Speciale Camera di Commercio Maremma e Tirreno con il supporto di Rotary International Distretto 2071 e il patrocinio della Regione Toscana.

 

Più di 180 studenti da tutta la Regione, hanno partecipato al programma senza farsi fermare dalle limitazioni imposte dall'attuale situazione di emergenza, un risultato importante vista la condizione in cui i ragazzi si sono ritrovati, e grazie anche ai professori che li hanno supportati e continuati a guidare in modalità virtuale.

 

La Toscana è stata tra le regioni con il più alto numero di studenti partecipanti con ben 9 mini imprese che si sono sfidate nella finale interregionale, insieme a Liguria e Piemonte e nell'evento finale regionale di questa mattina. Grazie all'uso della tecnologia, gli studenti hanno presentato le loro imprese a giurie qualificate, che hanno decretato i vincitori, assegnando:

Premio ad ex aequo per migliori imprese JA finale interregionale 2020: 

Formazione