Home
Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

In liquidazione

Seguici su:

  


 

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Collegamenti
Notizie dalle Camere
Calano i protesti in provincia di Pisa

Aperti oltre 1.000 “cassetto digitali” in provincia di Lucca

Le imprese toscane in Spagna per il South Summit di Madrid con la Camera di Commercio

Appuntamenti
Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
A Firenze "Fiera Didacta Italia"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

Impresa : competenze 4.0 richieste per 1 assunzione su 3

" "Un'assunzione su 3 ha richiesto capacità di gestire e applicare tecnologie 4.0. Le aziende si stanno attrezzando per affrontare i cambiamenti della quarta rivoluzione industriale. Solo lo scorso anno il 34,2% delle oltre 4 milioni di ricerche di personale programmate, secondo quanto rilevato da Unioncamere attraverso il sistema informativo Excelsior, si è indirizzata verso profili professionali con competenze 4.0 adeguate per raccogliere questa sfida. Mentre per elevare le conoscenze delle risorse umane già presenti in organico, il 30% delle imprese ha già svolto o intende avviare nei prossimi 12 mesi percorsi di formazione sulle tematiche 4.0.  E' quanto emerge dai test di autovalutazione sulla maturità digitale effettuati da oltre 2.800  imprese attraverso il portale delle Camere di 

 

 

 

 

 

 

Protesti: crollano cambiali e assegni scoperti (-500 milioni in 2 anni)

" "Protesti in fortissimo calo in Italia. Nel corso del 2017 sono stati protestati quasi 513 mila effetti, tra assegni e cambiali, per un valore pari a circa 829 milioni di euro. Quasi mezzo miliardo di euro in meno (-37%) rispetto a due anni fa quando l'entità dei protesti aveva superato quota 1,3milioni di euro. Nel Lazio si registra il record del numero degli scoperti (88.690), seguito da Lombardia (77.627) e Campania (76.062).

 

E' la fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere sui dati raccolti dalle Camere di Commercio. 

 

Le cambiali restano i titoli di credito più protestati, 413.971 nel 2017 ovvero l'81% del totale. Ma i mancati pagamenti dei "pagherò" sono sempre meno frequenti: tra il 2015 e il 2017 si sono ridotti del 31% nel numero e del 40% in termini di valore. In frenata, nello stesso periodo, si confermano anche gli assegni a vuoto, -27% in quantità e 32% in valore.

 

L'analisi territoriale mostra come la frenata più vistosa del numero degli effetti protestati si sia registrata nelle Marche (-30,4%), seguita da Trentino Alto Adige (-21,5%) e Veneto (-19%). In termini monetari lo stop più evidente è però quello fatto registrare dalla Valle d'Aosta (-47,3%) e, pur se con un certo distacco, dalla Sicilia (-39,5% rispetto al 2016). 

 

 

 

Uffizi, scuole e artigiani creano insieme nuovi percorsi di alternanza scuola lavoro

Il Presidente Bassilichi

Così come le botteghe artigiane del Rinascimento sono state per i grandi artisti il luogo di creazione di opere d'arte ammirate in tutto il mondo, oggi negli stessi luoghi giovani creativi possono forgiare nuovi capolavori da tramandare alle prossime generazioni. Nasce da questa ambizione 
il primo progetto di alternanza scuola lavoro che unisce il più importante museo italiano con il sistema delle imprese fiorentine dell'artigianato artistico.

I nuovi percorsi di alternanza sono stati presentati stamani di fronte a 80 studenti dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, dal presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi, dal responsabile dell'Ufficio scolastico regionale Roberto Curtolo e dai vertici delle associazioni del settore: Alessandro Vittorio Sorani, presidente di Confartigianato e Tamara Ermini, vicepresidente di CNA. 

«L'idea è partita dal Dipartimento Scuola Giovani delle Gallerie degli Uffizi, diretto da Silvia Mascalchi - commenta Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi -. Questo Dipartimento è un fiore all'occhiello della nostra organizzazione, che anche in questo caso dimostra di sapere unire la funzione del museo alle esigenze di un'educazione intesa in senso più dinamico e ampio. L'artigianato non è una forma minore di conoscenza, e l'apprendimento delle tecniche metterà gli studenti in condizione di apprezzare e riconoscere l'arte che li circonda in città e nei musei».
 

 
Vetrina Toscana in provincia di Arezzo celebra l’Anno nazionale del cibo italiano con

" "

Vetrina Toscana è il programma di promozione intersettoriale cofinanziato dalla Regione e dal sistema camerale toscano che intende valorizzare le tipicità locali attraverso la qualificazione dei ristoranti e delle botteghe alimentari e delle molte manifestazioni enogastronomiche presenti nel territorio.

I soggetti attuatori sono le stesse Camere di Commercio ed Unioncamere Toscana in collaborazione con Confcommercio e Confesercenti. 

Due delle molte iniziative inserite nel programma provinciale di "Vetrina Toscana" sono state presentate, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa tenutasi in Camera di Commercio, alla presenza del Presidente e del Segretario Generale della Camera di Commercio, Andrea Sereni Giuseppe Salvini, del Presidente di Strada del Vino-Terre di Arezzo Saverio Luzzi, dell'Assessore alla promozione del territorio del Comune di Bucine Nicola Benini, del Vice Direttore di Confesercenti Arezzo Valeria Alvisi, della Responsabile Area Turismo di Confcommercio Arezzo Laura Lodone, del consigliere di Arezzo Fiere e Convegni Anastasia Mancini e del Direttorte di CIA Arezzo Giorgio del Pace.

 

Si tratta della "Disfida delle eccellenze e le cene del gusto", rassegna enogastronomica organizzata da Strada del Vino-Terre di Arezzo con il contributo di Arezzo Fiere e Congressi e CIA Arezzo e del "Trekking enogastronomico in Valdambra" organizzato dal Comune di Bucine.

"Vetrina Toscana" intende promuovere il turismo attraverso la valorizzazione di più elementi: la filiera corta dell'enogastronomia, la qualità delle produzioni artigianali e la specificità dello stesso territorio. Si tratta di un mix in grado, tra l'altro, di creare modelli di consumo consapevole e forme innovative di valorizzazione delle tradizioni locali.

 

Un progetto che, operando con piccole e medie imprese di vari settori ( commercio, produzione agricola, artigianale e manifatturiera) intende anche stabilire un legame più stretto tra le stesse imprese e l'offerta culturale e artistica del territorio.

 

 

 

 

 

Formazione
Alternanza Scuola - Lavoro

 " "

Anno scolastico
2017/2018

 



  " "



 

Anno scolastico
2016/2017
Pesce Dimenticato

Supporting Women Entrepreneurs

Imprenditoria Femminile