Home

a cura di : franco.natali@tos.camcom.it
Newsletter n°  11 -  venerdì 3 novembre 2017 - anno  16
Attività Istituzionale
Il contratto di rete: un’opportunità per le imprese femminili
Parte da Firenze il Giro d’Italia delle donne che fanno impresa

" "Il Giro d'Italia delle donne che fanno impresa quest'anno parte da Firenze. Si tratta di un road show organizzato da Unioncamere insieme alle Camere di Commercio e ai Comitati per l'imprenditoria femminile. 

 

Dieci tappe, con ingresso gratuito, per informare le imprenditrici ed offrire strumenti formativi a chi aspira a diventarlo, dare visibilità alle dinamiche che riguardano l'occupazione femminile e creare consenso sul tema delle pari opportunità. Dopo la tappa di Firenze, il giro si sposterà in altre città fra le quali Arezzo (il 28 novembre) per chiudersi a Roma il 14 dicembre 2017.

 

La tappa di Firenze si terrà, giovedì 9 novembre 2017 dalle ore 9 presso la sede di Unioncamere Toscana, Via Lorenzo Il Magnifico 24, (per partecipare è necessaria la prenotazione OnLine). L'argomento principale sarà il contratto di rete: un'opportunità per le imprese in rosa. Fra gli altri parteciperanno Paola Castellacci, membro di giunta della Camera di Commercio di Firenze; Ilaria Scarselli, presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Firenze; Veronica Scopelliti, presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Prato; l'avvocato Martina Tosetti e il consulente d'impresa Pietro Parodi.


DOCUMENTI ALLEGATI
Le ricette pratesi e la dieta mediterranea ...
... un volume gratuito che analizza 20 ricette tipiche dal punto di vista nutrizionale

" "Prodotti tipici e doti nutrizionali, quante volte ci siamo domandati se le ricette tipiche sono anche equilibrate dal punto di vista nutrizionale. Ecco adesso un volume della Camera di Commercio di Prato dedicato proprio a questo: "Le ricette tipiche pratesi e la dieta mediterranea". Il volume raccoglie e analizza venti ricette dall'antipasto al dolce, tipiche della cucina pratese, fornendo per ognuna una dettagliata tabella nutrizionale. Il volume è scaricabile gratuitamente in pdf dal sito www.po.camcom.it. accedendo dalla home alla sezione "Pubblicazioni".

 

Obiettivo del progetto è stato valorizzare il patrimonio gastronomico della provincia in una chiave innovativa evidenziando, ovvero, gli aspetti di compatibilità alla Dieta Mediterranea, dal 2010 inserita dall'Unesco nell'Elenco dei patrimoni immateriali dell'umanità. Con il termine Dieta Mediterranea si fa riferimento al regime alimentare tipico delle popolazioni mediterranee - basato sul consumo di cereali, vegetali, frutta e olio d'oliva - e che, come scientificamente dimostrato da numerosi studi, ha un ruolo preventivo per la salute umana con specifico riferimento all'insorgenza di malattie metaboliche e cronico degenerative.

 

Nell'ambito di questo progetto la Camera di commercio di Prato ha condotto un'indagine sul territorio per individuare e selezionare le ricette tipiche e tradizionali, tramandate da più generazioni e che meglio rappresentano l'identità gastronomica locale. Il patrimonio di piatti tipici è stato, quindi, analizzato dal punto di vista nutrizionale e salutistico, applicando specifici indici numerici (convertitori) definiti da Unioncamere a livello nazionale, per attestare il livello di compatibilità alla Dieta Mediterranea così come internazionalmente riconosciuta. 


Crescono i brevetti “made in Pisa” registrati a livello europeo
Il “genio pisano” secondo soltanto a Firenze per brevetti registrati

" "

All'interno di un contesto nazionale che nel decennio 2006-2015 ha visto la capacità brevettuale internazionale del nostro Paese scendere del 12%, la provincia di Pisa ha navigato in netta controtendenza, facendo registrare un incremento del 43% con i brevetti di matrice pisana registrati a livello europeo (45 in totale) che rappresentano il 18% dei brevetti toscani (che sono in totale 243). Si tratta di un dato, quello dei brevetti registrati presso l'European Patent Office (EPO - l'organismo che a Monaco gestisce i brevetti in Europa) che mostra lo sforzo, economicamente molto consistente, profuso dalla provincia di Pisa per tutelare la propria capacità innovativa a livello internazionale.

 

Un risultato di tutto rispetto anche in relazione al dato regionale che, seppur in crescita, nel medesimo periodo si è fermato ad un +10%. Con riferimento alla tipologia brevettuale, come ha indicato l'analisi Unioncamere-Dintec sui brevetti pubblicati dall'EPO, il settore più dinamico a livello nazionale è stato quello riferito all'ambito "green" e cioè delle invenzioni che innovano processi produttivi e prodotti finali a condizioni di basso impatto ambientale. Un settore che, anche a Pisa, è cresciuto del 25%. Ottime anche la performance dei brevetti in ambito KET (Key Enabling Technology: area che contempla biotech, fotonica, manifattura avanzata, materiali avanzati, nano/micro-elettronica e nanotech) che con un +53% passano da 13 a 19 tra il 2005 ed il 2015.

 

Il commento di Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa

"E' assodato che le imprese che lavorano sui mercati esteri e che investono in ricerca abbiano retto meglio l'impatto della crisi, andando spesso in controtendenza rispetto ad un'economia in forte difficoltà. Il territorio pisano, con le sue tre università, i centri di ricerca ed il fiorente tessuto sociale ed istituzionale, è fortemente responsabilizzato nel progettare e costruire un territorio che punti a posizionarsi sulla frontiera tecnologica. La Camera di Commercio fa la sua parte offrendo un Punto Informativo Brevettuale, al quale imprese, privati, professionisti, enti pubblici, strutture universitarie, associazioni ed ordini professionali possono rivolgersi per avere informazione ed assistenza. Segnalo soprattutto l'offerta, presso il nostro ufficio brevetti, di un primo incontro gratuito per approfondire tematiche di particolare complessità, ma anche il servizio di ricerca di anteriorità di marchi o brevetti, di estrema utilità in tema brevettuale." 


Il quadro economico della Provincia di Siena

" "E' uscito il report trimestrale aprile/giugno 2017 dell'Osservatorio Economico Provinciale della Camera di Commercio Siena dove si illustra lo stato di salute dell'economia locale e dove le Associazioni di Categoria hanno l'occasione di rendere note le loro percezioni per il quarto trimestre 2017, partecipando alla sentiment analysis.

 

Sono i rapporti commerciali con l'estero a dare impulso all'economia provinciale: le esportazioni crescono su base annua del 36,9%, le importazioni del 39,1% e il saldo della bilancia commerciale del 35,4%. Parliamo di 432 milioni di euro di merci esportate fuori dai confini nazionali e di 176 milioni di euro di prodotti/materie prime arrivate nel nostro territorio. Sono i prodotti del comparto agroalimentare e i camper ad incidere in misura maggiore sul nostro export: pesano, infatti, rispettivamente il 27,5% e il 26,4%; con incrementi percentuali del 41% e del 37,1% su base tendenziale. Da registrare la ripresa del comparto chimico farmaceutico e il buono stato di salute del comparto del vino.

 

L'occupazione registra dati positivi: gli addetti sono aumentati di 968 unità raggiungendo pertanto la cifra di 114.369 occupati. I settori più dinamici per incremento degli occupati sono l'agricoltura (+591 unità) e il comparto turistico (+232 unità).

 

Nel settore finanziario si registrano segnali contrastanti: nel trimestre in esame, si verifica un incremento dei depositi bancari del 3,6%, mentre calano gli impieghi bancari del 5,6% e aumentano del 19,9% delle sofferenze (crediti la cui riscossione diventa incerta poiché i soggetti debitori si trovano in stato d'insolvenza).

Per quanto attiene il tessuto imprenditoriale, al 30 giugno 2017, le imprese iscritte presso il Registro Imprese della Camera di Commercio di Siena scendono sotto la soglia limite delle 29.000 unità (28.757). Lo stock di imprese cresce di 16 unità in termini assoluti rispetto al trimestre precedente e diminuisce di 269 unità rispetto all'anno precedente.  


Alternanza Scuola-Lavoro, una grande opportunità da cogliere
L'Assessore Cristina Grieco ospite a Grosseto

" "

L'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro Cristina Grieco è stata ospite, il 19 ottobre scorso, della Giunta della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno nella sede di Grosseto .

 

Cristina Grieco si è intrattenuta a parlare a lungo con i componenti dell'organo esecutivo camerale, illustrando il forte impegno della Regione sul tema dell'alternanza scuola lavoro, che è anche uno dei compiti assegnati dalla riforma alle Camere di Commercio.

 

"Accogliere gli studenti nella propria azienda appare inizialmente un peso, specie per i piccoli imprenditori - ha detto il Presidente Riccardo Breda. In realtà è un'opportunità che va accolta e coltivata, perché è un investimento sul futuro."

  

"Temi come quelli dell'industria 4.0, della digitalizzazione delle imprese, su cui le Camere di commercio stanno lavorando, si intrecciano in un'unica filiera che deve portare alla promozione dei nostri territori e delle piccole e medie imprese che danno loro vita". Il Presidente ha rammentato il progetto europeo di cui la Camera della Maremma e del Tirreno è capofila e che porterà quasi duecento studenti del territorio livornese e grossetano all'estero per esperienze di alternanza in aziende selezionate (Progetto CO.S.MO.)

 

L'assessore Grieco ha sottolineato che il tema della formazione è la leva strategica capace di dare un valore in più in tutti gli ambiti, e quindi anche nel mondo del lavoro. Le scuole tecniche hanno intrapreso da tempo il percorso dell'alternanza, ma c'è ora bisogno di estenderlo e rendere produttiva e significativa questa esperienza, che può far crescere realmente i ragazzi e da cui le imprese possono trarre grandi vantaggi.

 

L'assessore ha illustrato le varie proposte messe in campo dalla Regione, che talora non sono ancora ben conosciute dal mondo produttivo: ne è nato l'invito da parte della Giunta e l'impegno da parte dell'assessore a programmare quanto prima un incontro sul territorio per spiegare le iniziative regionali di cui le imprese possono avvalersi.

 

La formazione come investimento, quindi, è il motto che i piccoli imprenditori possono far loro. E' la formazione - è stato detto dalla Giunta - che sta alla base della nostra capacità di rispondere al mercato. E ancora: l'alternanza è uno dei primi gradini di una lunga scala: i ragazzi hanno grande bisogno di capire come si svolge la vita nell'impresa, in tutti i suoi aspetti. E l'azienda, specie se piccola o piccolissima, ha bisogno di entrare in un percorso che le dia gli strumenti per rimanere sul mercato.


Oltrarno su misura, una nuova guida e una app per scoprire il quartiere più cool

" "Oltre l'Arno si svela una Firenze tutta da scoprire, ricca di botteghe artigiane, di piccoli locali e trattorie, di fiorentini che vivono ancora la città lontani dai flussi classici del turismo. Oltrarno su misura è la prima guida tutta dedicata all'Oltrarno: una guida cartacea ma anche una App per localizzare dal proprio cellulare strade, palazzi, musei, botteghe artigiane e curiosità di questo quartiere che recentemente Lonely Planet ha definito come uno dei quartieri più 'cool' del mondo.

La guida nasce da un lavoro lungo due anni ad opera del Comune di Firenze, la Camera di Commercio di Firenze, Oltrarno Promuove 2.0 e le associazioni di categoria, con il contributo della Fondazione CR Firenze. Nella guida, 280 pagine con immagini del gruppo di lavoro guidato dal fotografo Dario Garofalo, curato dalla casa editrice Gruppo Editoriale, ci sono la storia e le curiosità di San Frediano, Porta Romana, Santo Spirito e San Niccolò, il cibo e il teatro, le chiese, i giardini e non ultime, le più di 800 botteghe che danno all'Oltrarno, un vero e proprio censimento che troverete all'interno della guida.

La nuova app rientra nel Progetto Oltrarno triennale messo a punto da Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Oltrarno Promuove 2.0 e le associazioni di categoria, con il contributo della Fondazione CR Firenze. Dal 2015 il progetto ha messo in atto una serie di azioni di valorizzazione del quartiere: fra queste, la risistemazione di sette aree verdi, la ripulitura di 182 bandoni, due chioschi e 650 metri quadri di muri grazie all'accordo con la Fondazione Angeli del Bello, l'organizzazione di eventi e appuntamenti. Il prossimo passo sarà la realizzazione dell'Oltrarno Point con il recupero della chiesa sconsacrata di San Carlo dei Barnabiti in via Sant'Agostino. L'edificio, che fu costruito da Gherardo Silvani nel 1636 per l'ordine dei Barnabiti, ospiterà il cuore della promozione integrata dell'Oltrarno.

«E' un piccolo tesoro la guida che avete tra le mani - sottolinea il sindaco Dario Nardella - perché racconta in maniera esemplare una Firenze diversa. Questa guida parla dell'Oltrarno e delle sue mille sfaccettature. Gli storici rioni, le chiese, i giardini, le attività artigianali. Una guida avvincente per chi non si accontenta di una Firenze usuale».

«Finalmente - dichiara Simone Calcinai, presidente di Oltrarno Promuove 2.0 - il quartiere più bello del mondo ha una guida che lo racconta».

«Sappiamo di avere in pieno centro un quartiere fantastico dove le lavorazioni artistiche e artigianali si alternano a rinomati antiquari e a locali di tendenza - aggiunge Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze - con questa App abbiamo l'ambizione di spostare i flussi turistici e creare un sentiero virtuale che da luoghi come gli Uffizi e da Ponte Vecchio, ammirati da milioni di persone nel mondo, arrivi direttamente nelle strade e nelle piazze dell'Oltrarno».

Per Umberto Tombari, presidente della Fondazione CR Firenze, si tratta di «una guida che contribuisce a far conoscere questa parte antica e operosa della città nelle cui botteghe ancora si tramandano antichi saperi».

Per Alessandro Vittorio Sorani, presidente di Confartigianato Imprese Firenze «questa è la strada giusta per valorizzare un'area che parla della vera Firenze».

«Dare più visibilità alle imprese d'Oltrarno deviando parte dei flussi turistici dalle solite mete - sottolinea Stefano Guerri, vicedirettore Confcommercio Firenze - è un modo per decongestionare il centro e distribuire meglio le risorse che vengono dal turismo».

«Vogliamo far conoscere ai tanti visitatori stranieri e italiani - sottolinea Giacomo Cioni, presidente CNA Firenze - l'Oltrarno come uno dei luoghi dove il nostro artigianato artistico raggiunge livelli di eccellenza e dove i nostri artigiani sono capaci di trasformare in manufatti la storia e la cultura che pervade il nostro territorio».

«In qualità di Presidente Confesercenti - aggiunge Claudio Bianchi - posso assicurare che continueremo a lavorare alacremente all'interno di Oltrarno 2.0 per rendere questo strumento un punto di riferimento sempre più importante per tutti coloro che hanno a cuore la crescita del quartiere».

 


Il Desco - Sapori e Saperi Lucchesi in mostra
Tutti i sabati e le domeniche dal 18 novembre fino al 10 dicembre al Real Collegio nel centro storico di Lucca

" "Torna anche quest'anno Il Desco - Sapori e Saperi Lucchesi edizione 2017, la manifestazione delle eccellenze enogastronomiche della provincia di Lucca, per quattro week end dal 18 novembre all'10 dicembre 2017 nella cornice del Real Collegio nel centro storico di Lucca.

 

L'edizione 2017 vede la numerosa presenza di espositori provenienti dal territorio lucchese con i prodotti tipici e tradizionali di cui è ricco il nostro territorio: salumi e carni, ortaggi e cereali, prodotti caseari con un'ampia tra le varie tipologie di formaggi e derivati, senza dimenticare l'olio extra vergine di oliva e i noti vini delle Colline Lucchesi o di Montecarlo. La tradizione Lucchese si vanta inoltre di prodotti di panetteria in particolare nelle zone di Altopascio e Garfagnana, quest'ultima con il suo pane di patate, e di un'ottima tradizione dolciaria nota per i suoi buccellati o le torte co' becchi. E', inoltre, possibile trovare espositori locali del settore della pasticceria e dei burrifici.

 

Il biglietto di ingresso di € 3,00 valido per l'intera giornata, dà diritto agli assaggi e alla partecipazione ai laboratori, agli show-cooking e agli eventi. Sono previste riduzioni per famiglie, gruppi e carnet di più ingressi.

 

L'evento, nei giorni di sabato e domenica ed eccezionalmente quest'anno anche venerdì 8 dicembre, è aperto dalle 10:00 alle 20:00 con orario continuato.

 

"Il Desco è ormai entrato nel cuore di migliaia di persone - ha dichiarato Giorgio Bartoli, Presidente della Camera di Commercio di Lucca - ed è un appuntamento imperdibile per molti visitatori provenienti anche dalle province limitrofe. Io stesso, già prima di diventare Presidente dell'Ente camerale sono stato un assiduo frequentatore di questa manifestazione, un appuntamento al quale non potevi mancare, grazie all'opportunità di poter assaporare, conoscere e acquistare i prodotti tipici del nostro territorio direttamente dal produttore. In questi ultimi anni la manifestazione è cresciuta in termini di pubblico e di attenzione da parte di molti."

 

Il Desco non è solo cibo ma anche un ricco calendario di eventi, arte, cultura, incontri, divertimento, animazione per i piccoli. Quest'anno propone un tema che per ogni weekend fa da filo conduttore alle attività organizzate nei laboratori, alle degustazioni e agli incontri. Non mancano per i più piccoli esperienze ed attività creative.

 

"Il programma completo degli eventi e l'elenco degli espositori dell'Edizione 2017 - ha concluso il Presidente della Camera di Commercio di Lucca - saranno ufficializzati dopo Lucca Comics & Games"

 

Torna anche Esco dal Desco, calendario di eventi, mostre, workshop, convegni che si svolgono sull'intero territorio durante il periodo della manifestazione per tutti coloro che colgono l'occasione per organizzare un fine settimana a Lucca partecipando a concerti, eventi, visitare mostre o musei. 


Notizie dal mondo camerale
Prato - Incoming di buyer esteri per il settore Food & Wine: aperte le adesioni

Logo della Camera pratese

La Camera di Commercio di Prato, in collaborazioni con le locali associazioni di categoria, organizza il prossimo 4 e 5 dicembre un incoming di operatori esteri del settore Food & Wine finalizzato alla ricerca di fornitori per i mercati di Olanda, Polonia Ungheria, Germania e Francia.

 

Per le aziende che parteciperanno all'evento sarà possibile incontrare direttamente in un'unica giornata gli operatori di 5 mercati diversi, senza gli oneri ed i rischi di manifestazioni fieristiche o di ricerche di mercato condotte singolarmente.

 

Gli operatori stranieri presenti il prossimo dicembre hanno già preso parte ad una precedente iniziativa organizzata dalla Camera di commercio e, come allora, sono stati selezionati in paesi europei vicini nell'intento di facilitare ancor di più i rapporti commerciali qualora ci fosse un interesse reciproco. 

 

Le aziende interessate possono richiedere di partecipare all'evento inviando la manifestazione d'interesse on line entro il termine del 10 novembre.

La partecipazione all'evento prevede una quota di partecipazione.

 

Gli incontri, che si terranno a Prato in via Pelagatti 17 nei giorni 4 e 5 dicembre, si svolgeranno secondo la modalità dello "speed date" ossia gli operatori stranieri avranno una postazione fissa dove riceveranno gli operatori italiani che avranno venti minuti di tempo per presentare la loro azienda, il catalogo prodotti e le loro condizioni tecnico commerciali.

 

Sarà discrezione dell'operatore straniero richiedere successivamente eventuali approfondimenti. 


Maremma & Tirreno - Si costituisce il Comitato Promotore del Distretto Agroalimentare della Toscana del Sud

Lunedì 6 novembre alle ore 12.00, presso la sala Contrattazioni della Camera di commercio a Grosseto, si costituirà il Comitato Promotore del Distretto Agroalimentare della Toscana del Sud, alla presenza di tutti i soggetti sottoscrittori (Camere di commercio, Comuni, Associazioni di categoria dei territori di Livorno, Grosseto, Siena ed Arezzo).

 

Il Comitato avrà il compito di presentare alla Regione Toscana la candidatura del Distretto Agroalimentare della Toscana del Sud per il suo riconoscimento ufficiale. La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno è il soggetto referente che rappresenterà il Distretto nelle fasi successive del progetto, nei rapporti con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. 

 

Sarà presente il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

 

 

Dopo i saluti istituzionali di Riccardo Breda, Presidente della Cciaa della Maremma e del Tirreno, Andrea Sereni, Presidente della Cciaa di Arezzo e dell'Unione regionale, Massimo Guasconi, Presidente della Cciaa di Siena, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, Sindaco del Comune di Grosseto, interverranno l'On. Luca Sani, Presidente Commissione Agricoltura alla Camera dei deputati e Marco Remaschi, Assessore all'Agricoltura della Regione Toscana.


Pisa - Grande successo per la sesta edizione del Terre di Pisa Food & Wine Festival
Oltre 8mila visitatori (+20% rispetto al 2016), cene stellate sold out, laboratorio su Sangiovese e Contest per scegliere il cocktail delle Terre di Pisa: il Terre di Pisa Food and Wine Festival si conferma tra gli eventi clou sul buon cibo e del buon bere della Toscana

Logo della Camera pisana

E' calato il sipario sulla sesta edizione del Food & Wine Festival, la prima sotto il cappello "Terre di Pisa", ed è già tempo di bilanci per la manifestazione che ha animato la Stazione Leopolda di Pisa dal pomeriggio del 20 alla sera del 22 ottobre e che ha visto la Camera di Commercio di Pisa protagonista assieme a 63 espositori che hanno avuto la possibilità di mettersi in mostra in modo assolutamente gratuito.

 

Il commento del Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini

 

"A poche ore dalla chiusura della manifestazione possiamo affermare che l'obiettivo di valorizzare il nostro territorio, e le sue produzioni enogastronomiche, è stato centrato. Siamo infatti soddisfatti che i nostri produttori, anche grazie alle tante iniziative realizzate, si siano fatti valere nei confronti di un pubblico sempre più numeroso (oltre 8 mila visitatori, +20% rispetto al 2016) ma anche sempre più attento ed esigente. Si tratta di un percorso che vogliamo continuare a portare avanti, assieme ai nostri partner, anche nel 2018."

 

I numeri del Terre di Pisa Food and Wine Festival 2017

  • 63 espositori
  • 8.200 mila visitatori (+20% rispetto al 2016)
  • Oltre 300 partecipanti ai pranzi e cene stellate
  • 49mila le pagine del sito www.pisafoodandwinefestival.it visualizzate da 13mila utenti diversi
  • +27% le visite al sito rispetto alla media nazionale di settore (487 i siti analizzati) della stessa tipologia (cibo e bevande) e dimensione
  • Oltre 10mila interazioni (like, condivisioni, commenti) con i post sulla pagina Facebook della manifestazione

 

Patrocini

 

Comune di Pisa - Regione Toscana - Università di Pisa

 


Lucca - Party di fine estate al MuSa
La prima edizione di “Conversazioni con l’artista”

Logo della Camera lucchese

Si è conclusa la prima stagione di "Conversazioni con l'artista" con un party al MuSA - Museo Virtuale dell'Architettura e della Scultura, che si è svolto il 20 ottobre scorso ed a cui hanno partecipato tutti gli ospiti che, durante l'estate sono stati protagonisti degli aperitivi e che con le loro interviste, curate da Massimo Marsili, direttore del MuSA, hanno ripercorso la propria vita raccontando le proprie esperienze artistiche, la loro carriera, i successi e le difficoltà.

 

Si trattava di artisti di fama nazionale ed internazionale con un unico denominatore comune: l'aver contribuito con il proprio lavoro a rendere Pietrasanta la perla artistica conosciuta in tutto il mondo ed avere tratto dall'esperienza dei saperi artigianali della città la qualità che caratterizza il loro lavoro.

 

La serata è stata quindi l'occasione per ringraziare Emanuele Giannelli, Lisa Roggli, Stefano Pierotti, Giovanni Balderi, Maria Gamundi, Yemisi Wilson e Eppe De Haan per la partecipazione al primo ciclo di Conversazioni con l'artista, per fare il punto sulle attività e per iniziare un confronto sui progetti futuri.

 

A completare in maniera suggestiva l'appuntamento, sui grandi schermi MuSA sono scorse le immagini e le diapositive sulle loro maggiori opere, oltre ad istantanee della loro carriera e dei successi collezionati, per finire con le immagine più evocative e rappresentative degli incontri di quest'estate, il tutto accompagnato da una suggestiva colonna sonora.

 

E'0 stata l'occasione per ammirare la collezione permanente di opere di Bozzano, Zilocchi, Bibolotti, Calandra, Rubino, Jacopi, Luciano, Arrighini, Parma e Tommasi, che il MuSA ospita su prestito del Museo dei Bozzetti di Pietrasanta, oltre alla collezione virtuale di proprietà del Museo Virtuale dell'Architettura e della Scultura rappresentata da "La Voce del Marmo" e da "Capitani Coraggiosi", due documentari che impiegano le innovazioni tecnologiche e digitali per raccontare i cinque secoli della storia dell'impresa, del lavoro, dell'arte e della cultura del marmo in Versilia.  


Firenze - Economia circolare: conviene, ma le imprese non lo sanno

Logo della Camera fiorentina

Solo un quarto delle imprese toscane conosce l'economia circolare, eppure il 60 per cento è convinto che lo studio e l'applicazione della green economy possa ridurre i costi e migliorare i processi produttivi. È questa la fotografia che emerge dall'indagine condotta dai ricercatori dell'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa in collaborazione con Camera di Commercio di Firenze su un campione di 200 imprese toscane, presentata al seminario "Un strategia a vantaggio delle imprese" promosso dall'Albo Nazionale Gestori Ambientali - Ministero dell'Ambiente.

 

L'economia circolare è una concreta applicazione della green economy in tema di rifiuti: si tratta di un modello organizzativo attuabile da tutte le aziende, indipendentemente dal numero di addetti o dal settore. L'economia circolare è, infatti, un sistema in cui tutte le attività, a iniziare dalla produzione, sono organizzate in modo che i rifiuti di qualcuno diventino risorse per altri.

 

Dall'indagine svolta a settembre emerge, inoltre, che il 75% delle aziende poco informate sulle potenzialità dell'economia circolare è rappresentato dalle piccole e medie imprese. Eppure, più del 50% ritiene che l'applicazione dei principi della green economy possa portare a un aumento dei posti di lavoro.

 

Per indirizzare le imprese toscane nel percorso dell'economia circolare, a Firenze è stato presentato un progetto di Ministero dell'Ambiente - Albo gestori ambientali, Camera di Commercio di Firenze e Scuola Superiore Sant'Anna che prevede tre step: seminari orientativi, consulenze di settore e check up personalizzati sui processi aziendali.

 

«Il nostro sistema economico produce ogni anno 600 milioni di tonnellate di rifiuti che potrebbero essere riutilizzati come materie prime e risorse. Faremmo però un errore se considerassimo l'economia circolare solo una politica ambientale. È molto di più. È l'impostazione di un nuovo modello economico, di una nuova strategia europea industriale sostenibile che produce posti di lavoro di qualità, aumento di PIL e rafforza la competitività delle nostre imprese», ha detto Simona Bonafè, europarlamentare, membro della commissione ambiente.

 

«Abbiamo la grande chance di usare l'economia circolare come un'opportunità competitiva per tutto il sistema produttivo toscano, cogliamola insieme - ha sottolineato Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze -. Ricordiamoci che innovare è anche questo e molte volte le soluzioni per generare maggior valore in azienda sono lì a portata di mano e non vengono viste. Capita sempre e capita a tutti, ci vorrebbero solo nuovi occhi per vederle».

 

I numeri dell'ultimo rapporto Symbola sulla green economy confermano questa percezione anche a livello nazionale. In Italia il 13% del PIL (200 miliardi di euro) arriva da questo settore, mentre i green jobs sono 2 milioni 964mila, il 13,2% dell'occupazione complessiva. Più di un'impresa su quattro (il 26,5%, ovvero 385mila aziende) dal 2010 ha scommesso sulla green economy. E ha fatto bene: nel manifatturiero il 46% delle società che investe in tecnologie verdi esporta, contro il 27,7% di chi non investe; il 35,1% delle imprese green ha aumentato il fatturato a fronte del 21,8% delle altre; il 33,1% ha introdotto innovazioni, contro il 18,7% delle altre. 


Prato - Sportello etichettatura alimentare
Un servizio offerto dalla Camera di Commercio

Logo della Camera pratese

La legislazione sulla sicurezza e l'etichettatura dei prodotti alimentari è un tema delicato per le imprese del settore, che spesso devono farei conti con novità e adeguamenti. Per aiutare le aziende a interpretare correttamente la normativa e ad affacciarsi su nuovi mercati, la Camera di Commercio di Prato, in collaborazione con il Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino, ha attivato lo Sportello di primo orientamento sull'etichettatura e la sicurezza alimentare..

 

I temi trattati riguardano la sicurezza alimentare, l'etichettatura, l'etichettatura ambientale, la vendita in UE e l'export extra UE.

 

Il servizio si rivolge alle imprese che operano in tutta la filiera del settore agroalimentare (produzione, trasformazione e commercializzazione). Può essere richiesto compilando un apposito modulo di richiesta presente sul sito dell'ente. Si prevede il pagamento di una quota a copertura dei costi sostenuti dalla Camera 


Agenda degli Appuntamenti
DataDove/ChiEvento
12 maggio - 23 novembre Camera di Commercio Siena Eccellenze in Digitale: Seminari gratuiti
9 novembre Camera di Commercio Firenze 10° Giro d'Italia delle donne che fanno impresa
15 novembre Camera di Commercio Pistoia Il mondo in tasca: sfruttare le potenzialità del mobile marketing
23 novembre Camera di Commercio Firenze Un ponte tra Banche e Imprese - 23 nov. 2017
23 novembre Camera di Commercio Pistoia La Mediazione civile e commerciale ...
24 novembre Camera di Commercio Massa-Carrara Strategie, azioni e sviluppo dei servizi, dalla scuola al mercato del lavoro
4 - 5 dicembre Camera di Commercio Prato Incoming di buyer esteri per il settore Food & Wine: aperte le adesioni


Logo Sincert


Stampa