Home
Logo

 

Indirizzo
Via Lorenzo il Magnifico, 24
50129 Firenze
Telefono 055-46881
Fax 055-4688.298
PEC:
Accesso Servizi
UTC - Immobiliare & Servizi

In liquidazione

Seguici su:

  


 

Il Quotidiano della P.A.

Iscrizione Newsletter
Universitas Mercatorum

ToscanAEconomia

" "

Collegamenti
Notizie dalle Camere

 

Appuntamenti
Notizie dall'Unione
ATTIVITÀ ISTITUZIONALE
Unioncamere aderisce al progetto Panchine rosse contro la violenza sulle donne

" "Una Panchina rossa come segno tangibile dell'impegno nel contrasto alla violenza contro le donne. E' questo l'obiettivo del progetto promosso del movimento Stati generali delle donne, al quale hanno deciso di aderire anche Unioncamere e il Sistema camerale territoriale.

 

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che si è celebrata il 25 novembre scorso, il Sistema camerale ha promosso una serie di incontri di approfondimento sul tema della condizione femminile, con particolare riguardo alla partecipazione al mercato del lavoro e alla creazione di impresa.

 

Un'opportunità che è stata colta da numerose Camere di Commercio, che si sono impegnate in specifici appuntamenti per illustrare il progetto, coinvolgendo e sensibilizzando giovani, imprese e cittadini.

 

Il progetto Panchine rosse, diffondendo le panchine sul territorio, lancia un monito contro la violenza sulle donne e si fa carico dell'urgenza di realizzare la parità di genere. Un modo, quindi, per alimentare un processo di consapevolezza nella società, dove ancora molte donne sono vittima di discriminazioni o di soprusi, ma anche per prendere coscienza e valorizzare il ruolo della donna nella vita quotidiana, nei luoghi di lavoro e nell'impresa.

 

Questo è il fronte sul quale il Sistema camerale, attraverso i Comitati per l'imprenditoria femminile presenti in ogni Camera di Commercio, è attivo ormai da venti anni, promuovendo la cultura d'impresa al femminile.

 

Anche grazie all'attività della rete dei Comitati delle Camere di Commercio, molte donne in Italia hanno scelto di avviare una propria attività, dando corpo alla propria vocazione professionale e in piena autonomia.

  

# SISPRINT IN TOUR 3

" "Fa tappa a Firenze il 4 dicembre 2019 l'iniziativa itinerante #SISPRINTINTOUR3.

 

L'iniziativa, rivolta a imprese, associazioni di categoria, enti pubblici, università e centri di ricerca, si svolgerà dalle ore 10 nella sala Collezioni di Palazzo Bastogi in via Cavour 18. Nel corso dell'evento sarà presentato il 3° Report regionale su economia, imprese e territori, con un focus dedicato alla Digitalizzazione e innovazione nelle imprese della Toscanae del progetto SISPRINT (Sistema Integrato di Supporto alla PRogettazione degli INterventi Territoriali). Il progetto è realizzato da Unioncamere in collaborazione con l'Agenzia per la Coesione territoriale e finanziato dal PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020.

 

 

Camera di commercio della Maremma e del Tirreno è Antenna territoriale del progetto SISPRINT e come tale organizza anche, nella stessa mattina del 4 dicembre, un tavolo di confronto sul tema «Il punto sull'innovazione e la digitalizzazione delle imprese toscane: bisogni, criticità e proposte per uno sviluppo 4.0» a cui sono invitati a partecipare gli stakeholders di riferimento.

 

Obiettivo è attivare un dialogo ed un confronto stabile con gli attori di sviluppo del territorio, avvicinando sempre più le esigenze delle imprese all'offerta di strumenti e di misure di intervento delle pubbliche amministrazioni.

 

Il progetto SISPRINT è stato anche inserito nel catalogo delle esperienze realizzato nell'ambito delle attività del Comitato di Pilotaggio per il coordinamento degli interventi OT11-OT2, realizzato dal Dipartimento della Funzione pubblica https://bit.ly/2QAikSo 

Marchi e Contraffazione OnLine

" "Il moltiplicarsi delle piattaforme e-commerce e la diffusione di modelli di pubblicità del brand via Internet hanno generato grandi opportunità per le imprese, ma hanno anche aumentato i casi e le modalità della contraffazione online dei marchi di impresa.

 

A tal fine la Camera di Commercio di Firenze, in collaborazione con Innex­ta - Consorzio Camerale Credito e Finanza, con l'EUIPO (European Union In­tellectual Property Office) e l'UIBM, ha organizzato, il 27 novembre scorso, un seminario con il quale si è inteso aiutare l'impresa ad individuare gli asset proteggibili come marchi sul web e approfondire le nuove sfide che la con­traffazione pone, con l'ausilio di esponenti delle istituzioni direttamente impegnati sul campo. Destinatari dell'incontro le impre­se, i consulenti in proprietà intellettuale, i profes­sionisti del settore e in generale chiunque abbia interesse a conoscere i temi trattati. 

Pagamenti Elettronici: da obbligo a opportunità di business

" "La lotta all'evasione fiscale è un argomento oggi più che mai alla ribalta della cronaca. La necessità dei pagamenti tracciabili vede in prima linea tutti gli esercenti, anche quelli più piccoli, che dal 2020 dovranno dotarsi obbligatoriamente di un registratore di cassa telematico.

Fino ad ora l'obbligo era limitato ad un giro di affari sopra i 400mila euro annui, ma dal primo gennaio si dovrà abbandonare il contante in favore del pagamento elettronico tramite bancomat e carte di credito. Scatta dunque la necessità per l'esercente di possedere anche il Pos (point of sale), cioè il terminale che accetta i pagamenti elettronici, il cui utilizzo, a seconda del circuito bancario e della somma spesa, può comportare una commissione media dell'1,1% (la forchetta è 0,75%-2,5%).

Un costo aggiuntivo, che spesso grava solo sull'impresa e che ha contribuito, fra le altre cause, a scoraggiare i pagamenti elettronici in Italia. Ma la tecnologia legata a queste nuove modalità di pagamento, riserva grandi opportunità per chi ne fa un uso intelligente. Principalmente perché aumenta la sicurezza in negozio dato che non costringe più a tenere in cassa denaro contante.

Inoltre il mondo cashless consente di accedere a un flusso interessante di informazioni, ovviamente anonime e adeguatamente elaborate - i cosiddetti big data - che possono raccontare le abitudini di acquisto dei clienti, ma anche di quelli dei negozi intorno a noi: ad esempio su cosa si acquista, in quale zona della città e a che ora; ma anche da quali Paesi provengono i consumatori del settore che ci interessa.

Insomma, tutto quello che avremmo voluto sempre (segretamente) sapere dei nostri clienti ora ce lo può raccontare il Pos, aiutando a rivedere le strategie di marketing e l'offerta nel nostro punto vendita.

Rita Camporeale di Abi e Serena Salvadori della Fondazione Ordine dottori commercialisti di Firenze hanno tracciato la panoramica degli obblighi normativi e il quadro di attuazione; Paolo Crini di Nexi (tra i maggiori operatori del mercato della monetica), Gaia Torresan e Deim Papalia di Intesa Sanpaolo ed Emmanuele Messeri del Gruppo bancario cooperativo Iccrea, insieme a Sara Margarito del Punto impresa digitale (Pid) della Camera di commercio di Firenze, hanno parlato dell'operatività del mondo "paytech" e hanno approfondito le opportunità dei flussi informativi in questo settore nel corso dell'incontro, organizzato dalla Camera di Commercio di Firenze che si è svolto il 25 novembre scorso. 

“Assaggi di Cultura”, “Percorsi di Gusto” e “Francigena Food” al Desco

" "Dopo il successo dello scorso anno, tornano e crescono gli appuntamenti, le visite guidate e le attività promosse e coordinate dagli uffici Cultura e Turismo del Comune di Lucca per il Desco. Questa mattina il programma e i dépliant informativi stampati per l'occasione sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte l'assessore alla cultura e turismo Stefano Ragghianti, il dirigente Giovanni Marchi e, per la Camera di Commercio di Lucca, Samuele Cosentino. Nel corso dell'incontro è stato proiettato anche il nuovo video realizzato per la promozione dei musei cittadini. Il programma è davvero molto vasto e vario e offre numerose iniziative pensate per vari target di visitatori, per adulti, ragazzi e bambini.

 

"Gli Uffici Cultura e Turismo del Comune di Lucca anche quest'anno hanno lavorato con grande slancio assieme a Camera di Commercio che organizza Il Desco per coinvolgere musei, operatori turistici e culturali e per offrire al pubblico di questa manifestazione un interessante programma di incontri collaterali - dichiara l'assessore Ragghianti - Questo sforzo moltiplica e rafforza l'offerta culturale della nostra città: valorizza le nostre importanti realtà museali spaziando in modo trasversale in molti ambiti del sapere: dall'agricoltura, dalla cucina, all'arte e alla storia. Un modo originale di mostrare ai visitatori le ricchezze di Lucca e di fare nuovamente nostre le immense risorse della nostra tradizione".

 

"Oltre all'enogastronomia ed alla valorizzazione delle eccellenze dei territori, sono principalmente due gli aspetti che con questo programma, frutto di una fitta e consolidata collaborazione fra più soggetti pubblici e privati, si confermano essere il motore di questa manifestazione - sottolinea Samuele Cosentino -: cultura e sviluppo. Perché Il Desco è una grande manifestazione legata al cibo che pone al centro l'aspetto storico culturale dello stesso, un evento in cui non solo si assaggia, e si acquista, ma si può scoprire ciò che quel cibo rappresenta ed ha rappresentato nella storia dei popoli. Inoltre Il Desco è un appuntamento che vuole crescere non solo nei numeri, nei territori rappresentati o negli espositori, ma vuole crescere all'interno della città diramandosi in maniera discreta, avendo ben presente il suo ruolo, il suo obiettivo, la sua veste. Palazzo Sani, Il Carmine, Palazzo Pretorio, oltre ai luoghi toccati dal ricco calendario appena presentato ne sono la testimonianza."

 

Assaggi di Cultura - gli incontri partiranno sabato 30 novembre alle 12:00 nella Sala del Miglio con "A tavola al museo! Itinerari nel gusto ai Musei Nazionali di Lucca; nel pomeriggio alle 16:00 nella Sala dell'Avena "L'iconografia del cibo nelle opere d'arte" a cura del Museo della Cattedrale. Domenica 1 dicembre nella Sala del Miglio alle 12:00 "Sediamoci a tavola con Giulio Cesare" seguita da piccola degustazione a cura della Domus Romana Casa del fanciullo sul delfino. Sabato 7 dicembre alle 11:00 nella Sala del Miglio "La conservazione delle tipicità delle specie botaniche destinate ad uso alimentare" a cura dell'Orto Botanico e Museo Botanico "Cesare Bicchi"; seguirà alle 12:00 nella Sala dell'Avena "Cibo e arte aiutano a vivere meglio" del Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art. Nel pomeriggio alle ore 17:00 "La cucina molecolare e il motore a scoppio" del Museo Barsanti e Matteucci (il prototipo del primo motore a scoppio sarà esposto per tutta la durata del Desco nella Sala dell'Avena".

 

I tre incontri di Francigena Food 2019 incentrati sul tema del self-packaging di cibi energetici e facilmente digeribili adatti alla bisaccia del pellegrino. Ogni appuntamento prevede la dimostrazione di realizzazione e l'assaggio. Ricette realizzate con ingredienti tipici del paniere lucchese, accompagnate da vino delle nostre colline e commentate da esperti: sabato 30 novembre "Energia - Testa", domenica 1 dicembre "Salute e cuore"; domenica 8 dicembre "Le gambe" progetto "La Via Francigena in Toscana - Terre di Lucca" finanziato da Regione Toscana in collaborazione con: Italian Cuisine di Gianluca Pardini Gianluca International Academy of Italian Cusine in Lucca.

 

 

L’offerta ricettiva delle Terre di Pisa al salone nazionale dell’Agriturismo

" "Anche quest'anno il territorio pisano non ha mancato l'appuntamento con la diciottesima edizione di Agri&Tour, il Salone nazionale dell'agriturismo e dell'agricoltura multifunzionale che si è svolto ad Arezzo nei giorni 15 e 16 novembre. Le imprese "members" delle Terre di Pisa hanno presentato l'offerta agrituristica del nostro territorio a qualificati operatori italiani ed internazionali provenienti dalle aree di riferimento per il turismo del nostro Paese. Una vetrina di rilevanza internazionale e una significativa occasione di incontro tra le imprese di settore ed il mercato professionale (circa quaranta i buyer italiani ed esteri presenti ed un'agenda prefissata di max 20 appuntamenti per ogni azienda nelle due giornate di workshop). Un settore, quello agrituristico, che nella nostra provincia presenta dinamiche interessanti: nel 2018 secondo i dati della regione Toscana si contano ben 482 strutture agrituristiche, che offrono 7.535 posti letto e che hanno avuto quasi 83.500 visitatori. I pernottamenti del 2018 sono stati oltre 400.000 (erano stati appena 246mila nel 2008).

 

Il punto di vista di Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa

"E' ormai convincimento diffuso che una destinazione turistica possa meglio competere con le altre se riesce a distinguersi presentando un'offerta completa, in grado di far vivere al visitatore un' esperienza emozionale da condividere e raccontare. Per questo motivo abbiamo a suo tempo deciso di identificare l'entroterra con il brand "Terre di Pisa" che, declinabile in tutte le diverse tipicità, ne identifica le peculiarità agroalimentari, artistiche, storiche, naturali e l'offerta turistica d'eccellenza. Indispensabile tuttavia, prosegue Tamburini, la strettissima collaborazione con le imprese, come in questo caso, e con tutti gli altri soggetti, pubblici e privati, coinvolti nel progetto."

 

Queste le imprese che hanno partecipato direttamente ad Agri&Tour 2019

 

  1. Agriturismo Valliferone (Crespina Lorenzana)
  2. Casa D'Era (Lajatico)
  3. DMC Monte Pisano Territorio Ospitale (San Giuliano Terme)
  4. Fattoria Fibbiano (Terricciola)
  5. Fattoria Lischeto (Volterra)
  6. Fattoria San Paolo (Castelnuovo Valdicecina)
  7. Tenuta Quarrata (Capannoli)

 

Sì Livorno va avanti

" "Auditorium affollato per l'iniziativa "Sì, Livorno va avanti!" che il 12 novembre scorso ha riunito, a Livorno, i rappresentanti delle categorie economiche e sindacali del territorio, insieme alla Camera di commercio, per consegnare al mondo della politica un "pacchetto" di priorità irrinunciabili per la crescita economica della città e della provincia.

 

Presente il Governatore della Regione Toscana Enrico Rossi, a testimonianza dell'impegno profuso a favore della costa; Rossi è stato anche promotore del Patto per lo sviluppo della Toscana, firmato nell'estate scorsa insieme alle associazioni di categoria regionali.

 

Ha partecipato anche il sindaco di Livorno Luca Salvetti, quale rappresentante del Comune capoluogo che ha accolto gli altri sindaci della provincia. Il mondo politico è stato rappresentato da assessori e consiglieri regionali. In platea, infine, anche i rappresentanti delle categorie economiche della provincia di Grosseto, perché i problemi sono comuni a tutti e lo sviluppo è sviluppo di un intero territorio.

 

E' stato il presidente CCIAA Riccardo Breda ad aprire i lavori, parlando a nome di tutto il mondo economico e sindacale riunito nella Camera di commercio. "Oggi siamo qui per dare gambe al futuro - ha detto. Vogliamo portare l'attenzione generale verso i problemi della Toscana costiera, facendo perno sulla Camera di commercio. Per questo il nostro impegno è diretto a ottenere interventi riguardanti le priorità economiche che accomunano le due province di Livorno e Grosseto. Oltre alle priorità che sono più attinenti alla città di Livorno è nostra intenzione vedere rappresentate tutte le esigenze del territorio, ivi comprese le isole. Interpelleremo i futuri candidati alla presidenza regionale perché prendano impegni precisi per i cinque anni del mandato". Breda, a nome del mondo delle imprese, ha anche espresso un forte rammarico perché a un mese dalla grande manifestazione grossetana per il Corridoio Tirrenico il ministro delle infrastrutture non è stata ancora in grado di indicare con precisione una data certa per l'incontro richiesto, un appuntamento al quale il Presidente si sarebbe presentato insieme al Governatore della Regione.

 

Sulla scia di altre simili iniziative in Italia, "Sì, Livorno va avanti!" è nata anche sulla scorta dell'esperienza grossetana, che è sfociata a ottobre in una grande manifestazione di piazza per chiedere la realizzazione del Corridoio tirrenico. 

Formazione